I miei Video clips furlans

Loading...

10 ago 2010

Il mâl di Udin / Il male di Udine


L'Udin che ti fâs da pâri                L'udine che ti fa da padre
Se tu pierdis la lenghe mâri          Se perdi la lingua madre
Nol e scrit in nissun mûr                Non é scritto in nessun muro
Ni sul denant o par daûr                 Né davanti né dietro

Udin gnûf o Udin vecjo                    Udine nuovo o vecchio
Tu sês simpri 'l solit Udin                Sei sempre il solito Udine
Sta cidin che jo stoi mucjo                Stai zitto  che io sto calmo
No stin pierdi chê abitudin               Non perdiamo quell'abitudine
                                
No ti dîs che no ti ami                       Non ti dico che non ti amo                                  
Udin gno, no, no  ti odi  Udine mio, nó, non ti odio
Sâstu che, se no tu vincis,                  Lo sai che se tu non vinci
No tu pierdis ma a tu pareis?             Tu non perdi, pareggi

Par me al é cussí   Per me é cosí
O ai di crodi in te                               Debbo credere in te
Ma Udin disimi                                  Ma Udine dimmi
Ce aio di fâ di me                               Cosa devo fare di me
Se tu no tu sâs    Se tu non lo sai
O ben a tu tâs    Oppure taci
Ce pretindistu    Cosa pretendi
Ce volaressistu    Cosa vorresti
Chi fasi jo    Che faccia io
O Udin ?    Oh Udine

 Dimal tu parcè ch'insome   Dimmelo tu perché insomma
Si ven da te soi simpri di presse         Se vengo da te son sempre di premura
Lí 'l to agnul mi ten dome    Il tuo angelo mi tiene solo
pe partide o 'ne messe                         Per la partita o una messa

Dimal tu che dal Friûl   Dimmelo tu che del Friuli
Tu âs chê di sei la sô vetrine              Vuoi essere la sua vetrina
Parcè a mi, a mi mi dûl   Perché a me mi fà male
Chê tô fevele triestine?    Quel tuo parlare triestino?

Si si amial par manie  Ci si ama per mania
par amôr o stufaderie?                       Per amore o perché siamo stufi?
O ben par no fâ vaî  Oppure per non far piangere
I nestris vons che son sot tiere?          I nostri antennati che sono sotto terra?

Udin disimal Udine dimmelo
Tu lu sâs benon Lo sai bene
Ce chi ai di mâl Quello che ho di male
Ce chi ai di bon Quello che ho di buono
Udin judimi Udine aiutami
A fâ 'ne cjançon A farti una canzone
Che mi fasi passâ Che mi faccia passare
Il gno mâl di pensâ Il mio male di pensare
Il gno mâl Il mio male di te
Jaio Furlanâr

2 commenti:

Anonimo ha detto...

ce l'hai proprio nel cuore, Udine...
Mandi Jaio
(stai diventando un gran sentimentalone:-)
Capucine

Jaio Furlanâr ha detto...

In realtà sono cinico come tutti:-)
Grazie per il passaggio.