I miei Video clips furlans

Loading...

29 set 2010

Bienâl di Vignesie / Biennale di Venezia

Il nuie che al và indenant al si puedarès dî di un frac di mostris fatis e disfatis. Le ûltime le ai a pene cjalade e a é chê de architeture di Vignêsie indulà che si viôt dome modelins di robe classiche e robe che a no si capís come chês rôbis dai premiâts che a no somein a nuie di nuie.
 Va ben, parcé alore fevelâ di lôr? Baste ben cussí.
O ai fat come ducj, o ai cjapât chiste mostre come pretest par fâ un viaç cu le mê biele e meti lis spêsis sul cont de dite.
Fortune che a Vignêsie, ancje a 1 euro e mieç le pissade, in che dí il sorêli al jere gjenerôs e che le âghe alte a é restade avonde par fâmi trai cualchi foto dal dí de lissive dai venezians(Doman lis altris fotos). Se nó, o sarès tornât a Lignan rabiôs.
Cumó o varès di lâ a viodi une mostre organizade da Udin é design che a si vierç a Glemone ma savint ce che e an mostrât dal design in tes mostris di prime, al é miôr di stâ a cjase.Prime di dut, le abitUdin di clamâ design cualsiasei robe che al sêti a no mi dà confidence,daspó l'Udin di cumó al é simpri il soltUdin e a mi convinç ancjemó di mancul  se le mostre a é fate a Glemone indulà che nissun nol và parcé che no 'nd é nuie di viodi. Al é come se a si volarès platâ le mostre invezit di mostrâle. A cuant une mostre a Ziviane indulà che no 'nd é plui nancje abitants?
Il nulla che avanza si potrebbe dire di molte mostre che si fanno a si disfano. L'ultima é la biennale dell'architettura di Venezia che ho voluto visitare ad ogni costo sebbene già su internet non trovavo niente di buono. Allora, per arrivarci, ho dovuto attraversare tutta Venezia con l'acqua alta ma tornando  indietro con quella bassa avevo ill morale in alto per via che sapevo che in tutt'Italia pioveva ed invece a Venezia c'era il sole e cosí ho passato lostesso una bella giornata. Ho notato che le città che sono più turistiche fanno spesso le mostre più inutili. Questo, perché sanno che i dirigenti delle ditte o quelli che sono in proprio verranno in ogni caso perché possono viaggiare sul conto della ditta e farsi un buon WE in città con la moglie o l'amante e dedurre poi le spese nel bilancio annuale anche se per la mostra spesso comperano solo il biglietto e poi se ne vanno. E proprio cosí che questa volta ho fatto anch'io e allora non andró a vedere la mostra del design che avanza organizzata da Udin é design a Gemona.
A Gemona c'é solo una chiesa ricostruita dopo il terremoto ed il resto non puó interessarmi, tanto meno  una mostra che se si fa a Gemona invece di Udine e che sembra più di volersi nascondere che di voler mostrare se stessa.

1 commento:

amoleapi ha detto...

ancje a 1 euro e mieç le pissade! ehehehe! per mangiare magari in zone un po' periferiche di Venezia non si spende molto (però ti servono Rumeni e Albanesi, senza voler dir male di loro, però ci si aspetterebbe dei veneziani...), però anche a me disturba sta faccenda delle città d'arte dove è tutto a pagamento e soprattutto i bagni, mi disturba anche molto che ci siano quei bagni pubblici con la signora anziana che pulisce e a cui se si vuole si fa la carità (Miramare ad esempio) o la proliferazione dei parcometri ovunque (Udine e addirittura Cividale! di quest'ultima per protesta ho tolto anche tutte le foto da flickr). mandi^^