I miei Video clips furlans

Loading...

20 set 2010

I Singars e Sarkozy / Sarkozy e gli zingari

:No soi di chei che a si metin in rie cun chei altris dome parcé che al sta ben di stâ in rie. Anzit. Ma sule quistion dai singars che Sarkozy al torne a mandâ in Rumanie o soi sul mieç e mieç.
O sai che Sarkozy al é di pâri ungjarês e che in Ungjarie piês che dapardut a le an fisse cui singars seben in te musiche classiche e tes tradizions ungjarês a 'nd'é un grum di culture che a ven dai roms.
O sai ancje che ai singars che al torne a mandâ in Romanie al dà 300€ prime di metiu sul avion. Cussiché, i singars, a pene che a rivin in Romanie, a tornin a cjapâ le strade par lâ in France e si pussibil fâsi dâ inmó 300€:-)
Duncje, ce che al fâs a nol siervís a nuie. Singars a 'nd é simpri stâts e simpri an saran.A part in Inghiltere, no ai  inmó cjatât un paîs indulà che a no si cjatin. Baste dome stâ atents di no fâsi freâ. Jo, chi no soi mone che cuant chi soi cul cjâf tes nulatis, ven a stâ scuâsi simpri, mi soi bielzà fat freâ trê vôltis e altris vôltis le ai juste scjampade biele.Duncje o varès di sei cun Sarkozy o cui  ungjarês o cui romens o cui...Invezit no stoi in rie cun nissun.
O stoi dome atent a no fâmi freâ inmó une vôlte.
Dôs setemanis indaûr, juste fûr di cjase une zovine sui 16 agns che a passave, si sgrufuie juste devant di nô e a fâs finte di cjapâ sù un anel e po nus domande se al é nestri. Chest truc, a ma l'an fat bielzà a Parigji e a Milan alore i ai dite di tignîsal e o sin lâts de netre bande. Al é un truc par fermâcji e cirî di fâcji lis sachetis tant che a tu âs le atenzion sul anel.E an une destrece fenomenâl. Veramentri artistiche. So vês chê di provâ cemût che al funzione o us consei di svueidâ lis sachetis prime. Difat, no vês nissune pusibilitât di fâle francje parcé che da lôr, par deventâ borsaiûl a scuegnin lâ ae grande scuele fin da piçui.L'esam finâl, al consist a cirî di  fâ lis sachetis a un borsaiûl professionâl. Se a tu passis l'esam, to pâri al cji puarte al ristorant, se no tu lu passis al cji dà un frac di legnadis. Savint di chest, a  si puès dome dî che chel che al si fâs freâ, a lu merite e chel che a nol ûl fâsi freâ al é miôr di stâ ae largje.
Ma tornant sul sogjet, íar o jeri ae rotonde Shumann che a sarés chê che si cjate tal mieç dai palaçs europeans. Lí o ai cjatât chest manifest scrit a man, forsit da un funzionari parce che lí ator a si cjate dome lôr. Daspó, un âltri lu vevi cjatât in Spagne le setemane passade. Ognun al à il so da dî sule quistion e al é ben cussí. Ancje se ducj i medias a somein metûts in rie par vie de moralitât, nissun al somee veramentri di savê di plui di cussí e alore ognun al à di fâ cemût che a i sune. Vuê a mi é sunade cussí.
Articui corelâts/ Articoli correlati :

A parte l'Inghilterra che ha i suoi "zingari" personali e cioé i mendicanti inglesi spesso caduti nell'alcolismo, gli zingari veri si trovano in tutti i paesi e in tutti i paesi non si puó dire che siano sempre i benvenuti. Pertanto, quello che si sta facendo in Francia, sembra che sia criticato da tutti. Umanamente e legalmente, sono cittadini europei come gli altri. Se la Francia, ha votato per far entrare la Romania nell'Europa, perché vuol fare una distinzione ora? Dicono tutti.
Naturalmente, c'é la massa silenziosa che pensa il contrario e quelli che aggiungono che se metti fuori uno zingaro dalla porta, ti entra dalla finestra. Con di più, se ricevono 300€ ciascuno per tornare in Romania, li si spinge a tornare per riavere i 300€ di nuovo. E del resto é quello che fanno e chiedono alla Francia di avere un capitale più importante per metter sù una fattoria o un commercio altrimenti no rimarranno in Romania... In Italia, abbiamo visto che come sempre questo problema é successo prima che altrove ma s'é parlato poco all'estero. Anche in Germania, sembra che la Merkel rimandi gli zingari ma lo fa discretamente e nessuno ne parla. Con la crisi, nessuno li vuole prendere in carico per aiutarli almeno ad istruirli e farli entrare nella società. Allora, sopravvivono come possono. Credo che ognuno di noi, se si fosse senza lavoro,  potrebbe fare come gli zingari. Ma questa non é una scusa per lasciarsi prendere il portafogli.Io che mi son già fatto fregare più volte, cerco di girare alla larga appena ne vedo perché só che spesso lavorano in squadra e col "professionalismo" che hanno, é molto difficile non farsi fregare. Il soggetto é nell'aria e aggingo l'opinione di un funzionario europeo che ho trovato nella rotonda Shumann vicino ai palazzi del mercato comune e un'altro trovato a Torrevieja in Spagna la settimana scorsa.

2 commenti:

amoleapi ha detto...

io vivevo vicino al campo nomadi a Paderno... ben prima che arrivasse la comunità europea, e problemi ce n'erano eccome.
A parte questo, oggi, sono problemi dovuti al voler fare un unione europea economica non unificando la politica, le stesse tasse la stessa sanità, la stessa previdenza, allora è ovvio che le persone si spostino a cercare dove si possono trovare situazioni più favorevoli e vantaggiose.
Io ero e sono antieuropeista, per così come è strutturata, va a danno di noi italiani.

Jaio Furlanâr ha detto...

Salve, Sul fatto dei rom che ora, non solo sono più liberi di uscire dal loro paese ma ne sono anche incoraggiati dalle autorità locali e da quelle Europee, questo é di sicuro dovuto all'Europa ma ho letto che fin dopo la guerra, per i rom,l'Italia e la Francia, sono i loro paesi favoriti perché c'é più tolleranza sia dalla popolazione che dalle amministrazioni.Infatti, ho provato a rivolgermi alla polizia (Ero a Milano) dopo essermi fatto derubare in pubblico. Non mi hanno neanche chiesto di che colore erano vestiti ma mi hanno rimproverato di essermeli lasciati avvicinare:-)
Sui rom in Friuli, dobbiamo dire che siamo giusto al confine e allora prima di andare altrove si fermano tutti da noi. Del resto, l'espressione friulana "Lâ singarant" andare in giro, vagabondare, é una vecchia espressione già conosciuta dai nostri vecchi.