I miei Video clips furlans

Loading...

13 set 2010

I ultins dîs di feriis / Gli ultimi giorni di ferie

Il Tintin, al jere a pene tornât de Cjargne e al jere daûr a dâ une cjalade aes letaris che al veve ricevût tant che al jere in feriis.
Ce inderial?
Lis letaris cu lis faturis a lis ricognosseve subite e lis butave in bande par vierzilis plui tart. Invezit le cjartuline dai soi vicins che a jerin in Spagne a i faseve plasê parcè che chê no i e vevin mandade par internet .Ma le sô bocje da ridi a si jere disfate viodint che a 'nd ere une recomandade di lâ a cjoli in pueste.
Ce erie chê?
Dio...A jere une multe!Lu veve cridât vierzint le recomandade lant fûr de pueste e al veve fat ridi plui di cualchidun.
- Cemût une multe?
Le date, le ore esate, il puest indulà che al jere stât cjapât a figurave in biele mostre cule marcje de machine, il numar di targhe e fintramai il colôr. Impussibil di dineâ. 80km a l'ore invezit di 70. Al podeve fâ ricors.
- Dio... Al someave ch'al mostràs un par un i soi pinsîrs a alte vôs e cualchidun viodint lis sôs reazions al sclopave da ridi.
Al prin colp, al veve decidût cun rabie di contestâ parcè che al jere sigûr che in chê dí, lui al jere in Cjargne e nol podeve cjatâsi su le strade jenfri Tisane e Lignan al chilometro 27. Ma le polizie a veve di sigûr di vê le foto, al pensà.
Cemût erial pussibil?
Pussibil o no, al jere miôr di paiâ le multe par no vê plui di bassilâ parsore o declarâ che al volant a jere sô none o sô agne. Ma le multe a jere dome di 38€. Ce sono 38€? Juste une scuse par lâ al mâr e spindi parsore inmó alc par scancelâ il ricuart.
No i restavie doi dîs di feriis? E alore vie lui viers Lignan!
Rivât al chilometro 27 a nol podeve fermâsi tal stradon ma cent metros plui in jù in tune stradute.
Il lûc dal delit a nol someave a nuie di plui bon che a un biel puest par platâ une autovelox. Strade drete un tic in ribe jù.Propite il puest just indulà che ancje se tu stâs atent a tu le bechis.Al veve fintramai cjatât il puest fis indulà che si meteve le polizie.
- Ma no 'nd erial mai nissun che di rabie al jere vignût lí le gnot a semenâ cualchi claut par chei osties? Al si disè.
Daspó, tant che ridint al pensave ae muse che i poliziots a varessin fat cuant che a varessin cjatât lis gomis sbusadis al cjalave passâ lis machinis che a lavin viers Lignan.
- Dio...!
No vevial viodût passâ une machine compagne de sô?
- Dio... E cu le stesse targhe!
- Dio...Velu lí chel disgraciât!
Jentrant te machine al si meté a ridi come un mat. Cul so cûl, al veve fintramai lassât le machine cul motôr in marce e al veve dome di seguî le sô copie.
- Ce buine chê idee di tornâ a cjase doi dîs prime!
- E al passe propite ae ore juste! Al zontà cjalant l'arloi.
Al si meté alore a cori daûr de machine stant a distance par no fâsi viodi tai semaforos e par no insospetî l'autist, prime di rivâ a Lignan, al cjalâ l'arloi e al si fermà.
E al é propit lí che l'indoman, ae stesse ore, le stesse machine a tornave a passâ e il Tintin al tornave a seguîle fin cuant che rivâts a Lignan, al prin semaforo al veve scuignût lassâle pierdi par no fâsi rimarcâ.
Ma tal indoman al veve di lâ a vore.Pensant sù un tininin, al decidè che le pinede a no
jere po cussi grande e che al podeve benissim cjatâ chê machine ancje cence spietâ l'indoman.
E di fat, in mancul di cê che al pensave,cul so cûl, no le vevie cjatade parchegjade dongje di un ristorant?
Strenzint i dincj par no metissi a ridi di borie e cul telefonin 'te man come se al vès vût une sclope acopiât cun tun telecomant al stave lí devant de sô prede jenfri i soi pinsîrs di vendete domandantsi se al veve di fâ saltâ le machine cul pensîr o sbusâi lis gomis cu le curtisse prime di clamâ le polizie.
Ma nó!
No i jerie vignût sù une altre idee?
Cun di fat, une ore dopo, a rivave un camioncin di imprescj dal socors stradâl. Al cjariave le machine sul camioncin e a le puartave vie.
Qualchidun al si jere fermât lí a cjalâ. Une siore cun tun cjagnut, cualcho bocje che jerin daûr a zuiâ al balon cun tune butilie vuetie di plastiche.Jenfri di lôr, ancje un om che nol diseve nuie ma al someave tant gniervôs che i soi vôi a cjacaravin par lui.
-Di cui îse chê machine? A domandà une siore che jere dongje di lui. Ma lui a no i rispuindé e alçant lis spâlis jenfri il dî che nol saveve e il dî che no i interessave al dave une pidade di rabie a une butilie vueite di plastiche che i jere vignude tai pîs tant che al voltave lis spalis par cjolissi vie.
-Bau, bau, bau! Al baià maldegnât il cjagnut de siore.
-Puar om, par un pôc al mi fasarès ancje dûl.Al pensà Tintin cun tune bocje da ridi.
E al é cussí che Tintin par 38€ al vuadagnà une seconde machine.
Al bastave juste fâ gambia lis clâfs che al veve dite di vê pierdudis. No vevial bielzà i documents?



Tintin era appena tornato dalla Carnia e stava dando uno sguardo alle lettere ricevute in sua assenza.
Cosa mai c'era?
Le lettere con delle fatture le riconosceva subito e non voleva aprirle perché gli rimaneva ancora due giorni di ferie. La cartolina dei vicini, spedita dalla Spagna, lo fece sorridere. Almeno questa volta non gli avevano mandato i saluti via internet.Ma il suo sorriso si spense vedendo che in ultimo c'era un avviso del postino per invitarlo ad andare alla posta a ritirare una raccomandata.
Che cos'era mai?
Dio...Una multa! Il suo grido dopo aver aperto la busta fece sorridere più di uno mentre usciva dalla posta.
  • Ma come una multa?
  • Ma se lui era in Carnia, come poteva essere al chilometro 27 tra Latisana e Lignano?
Eppure tutto era scritto in chiaro: L'ora, il giorno,la targa, la marca del veicolo, il colore...
Dio... I suoi pensieri erano visibili con i sui gesti e qualcuno più divertito degli altri rideva ancora più forte.
Sul momento, aveva deciso di fare ricorso ma la polizia doveva di sicuro avere una foto. Non poteva neanche pretendere che al volante c'era sua nonna o sua zia eppoi, cosa? Solo 38€?
Cosa sono 38€? Solo una scusa per fargli spendere ancora qualche soldo in più per fargli dimenticare tutto. E prese la strada per Lignano.
Non aveva ancora due giorni di ferie?
Ma arrivando al Km 27 dopo Latisana decise di fermarsi uscendo dalla strada maestra per dare uno sguardo al luogo del delitto.
Sí, era evidente che questo luogo era veramente il luogo ideale per farsi beccare. C'era il posto nascosto per parcheggiare la macchina della polizia e la strada dritta e leggermente in discesa che spingeva volentieri gli automobilisti ad oltrepassare il limite di velocità.
-Ma come mai non c'é mai nessuno che di notte venga a seminar chiodi per inchiodare quelli delle autovelox?
Poi mentre guardava le macchine passare, sorrideva pensando alla faccia dei poliziotti quando avrebbero scoperto le 4 gomme bucate.
-Dio... Non era una macchina uguale alla sua che stava passando?
-Dio... Lo stesso colore e la stessa targa!
-Dio... Eccolo lí quel disgraziato.
Corse alla sua macchina lasciata in una viuzza e si mise a ridere. Che fortuna, aveva perfino lasciato il motore acceso!
Che fortuna, guardó l'orologio, veramente alla stessa ora come nella multa.Che fortuna! Veramente una buona idea quella di tornare dalle ferie due giorni prima!
Si mise allora a seguire la sua copia cercando di non farsi notare ma prima di arrivare a Lignano si fermó, guardó l'ora, e lasció partire la macchina. Aveva deciso di ritornare il giorno dopo e nel frattempo andare a festeggiare l'avvenimento. L'indomani allo stesso posto, appena la stessa macchina arrivó, riprese lo stesso inseguimento finché, entrando a Lignano non dovette rimanere indietro per non farsi notare a un semaforo.
- Accidenti, e domani come faccio? Devo riprendere il lavoro!
Ma pensandoci sù, disse che avendo preso la direzione di Lignano pineta, avrebbe benissimo potuto ritrovar la macchina se non fosse andata a finire in una autorimessa.
E di fatti, in men tempo di quanto pensava, la trovava parcheggiata vicino a un ristorante. Stringendo i denti per non mettersi a ridere con boria e col telefonino in mano come se fosse uno schioppo a telecomando, stava là davanti alla sua preda tra i suoi pensieri di vendetta chiedendosi se far saltare la macchina col pensiero o bucargli le gomme col coltello mentre chiamava la polizia.
  • Ma no! Aveva avuto un'altra idea.
    Un'ora dopo, arrivava un carro atrezzi del soccorso stradale, caricava la macchina sul autocarro e se ne andava.
    Cualcuno si era fermato a guardare. Una donna con un cagnolino, qualche ragazzino che giocava a pallone con una bottiglia d'acqua vuota, un uomo che visibilmente sembrava nervoso.
  • Di chi é quella macchina? Chiese la donna.
L'uomo alzó le spalle come per dire che non sapeva o che non gli interessava ma voltando le spalle per andarsene diede un calcio con rabbia alla bottiglia di plastica che gli era venuta tra i piedi.
Bau bau bau, abbaió il cagnolino della signora, indignato.
  • Quasi quasi, mi fa pena. Pensó Tintin sorridendo con delizia.
Ed é cosí che per una multa di 38€, vinse una seconda macchina. Bastava solo cambiare le chiavi che aveva detto di aver perso, ma aveva già tutti i documenti.

Nota dell'autore:
Il personaggio di Tintin fa parte di una serie di racconti nei quali, malgrado non faccia niente per meritarlo, con la sua fortuna smisurata, se la cava sempre meglio di quanto potrebbe succedere.

1 commento:

Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie