I miei Video clips furlans

Loading...

02 set 2010

Il mîl di mont di agne Lene / Il miele di montagna di zia Lena










L'ûltin nevôt di agne Lene, il roman,  al à ancje il coragjo di sveâle aes cuatri di buinore tirant claps tai scûrs de sô cjamare par che a vegni jù, parcé che lui ch'al ven di Rome, al à viazât dute le gnot, e al é plen di fan.


Naturalmentri lui,lofio, a pene che a vierzarà il barcon a i domandarà:
-Mandi, cemût statu? E al disarà a agne Lene che passant par aí, prime di lâ in sù, al voleve fermâsi a saludâle.
Sul che, agne Lene aromai sveade, a i domandarà dal  barcon se al à mangjât, e il poarin al disarà di no che nol à vût timp e che a nol à mangjât da îr a misdi e che se...
E agne Lene a và jù a vierzi.
Ma dôs oris plui tart, il nevôt di Udin  passant di là  e viodint i scûrs bielzà vierzûts al si ferme a saludâ ancje lui.Cussí al propon a agne Lene di mandâi une colf par netâi le cjase e a fâi le spêse cuant che al à viôt che a cîr di fâ le massarie cun tune gjambe tal zès e lis stampelis sot des lesinis.

Agne Lene naturalmentri par scomençâ a no ûl, parcé che jê e à fat simpri di bessole e a fasarà simpri di bessole ancje  chiste vôlte cu le so gjambe tal zès e lis stampelis sot i braçs.
Ma a chest zuc, il nevôt di Udin al jere plui fuart di jê. Anzit, in chê dí, nol veve dome convinçût agne Lene a acetâ la colf tant che le judave a suiâ le massarie,ma fintramai a fâ paiâ le metât de colf a so cusin di Rome che, le panze plene, al si jere indurmidît sul divan tant che jê a cirive di fâ le massarie.
Agne Lene, contente, lu veve ringraziât cun tune cimiade e un ûf sbatût fat de Rosse, le gjaline che le veve fate colâ e rompi le gjambe tant che i coreve daûr 'ne sere par parâle drenti.

Cussiché, il roman,par no fâsi cjapâ inmó une vôlte, daspó di chê dí, cuant che al passave di là a nol si fermave plui e agne Lene, cule colf a si sintive come une siore. Anzit,a i plaseve aromai tant da podê dî braurôse ae sô amie Gjildine gjelôse che cumó a veve le colf, e che a jere cussí brave che...
No, chest a no podeve dîjal parcé che a scuignive fenzi di no viodi che le colf a passave dut il so timp a cjalâ le television e che par netâ a netave pôc.
Anzit a scuignive sierâ ancje plui di un vôli , cuant che si inacuarzeve che le colf  a i puartave vie di spès ce che a veve tal frigo,  inte cjanive, e i ûs tal gjalinâr, il savon tal bagn e che cuant che a lave a fâi le spêse a i...
Ma cjalant te credince no vevie scuvierzût che il capuç dal sô mîl di mont al jere mieç vueit?
Chel, nissun al podeve tocjâial.
I al puartava jù il Vuido dal Cret ae fin dal Istât cu le spongja e le scueta cuant ch'al tornava in jù da mont cu las cjâras, las piôras, las vacjas, il mul e las âvs.
Il so mîl di mont al jere sacrosant. A no podeve plui sierâ né vôi né bocje. Il mîl di mont al jere l'unic che le sostentave in câs di bronchite o bronco malorite che a no saveve nancje plui ce che jere ma che cul mîl di mont tal lat di cjâre bevût le sere prime di lâ tal jet a le faseve tant ben durmî che a i faseve passâ ancje le tos gniervôse...E chê peste di colf...
Alore e à spietât che torni tal indoman par disi che no veve plui bisugne di jê.
-E pai dîs euros ? A veve domandât le colf.
-Pai dîs euros, a tu pós tignîju , a veve dite. Po ai veve dât il capuç di mîl da finî disint che jê a no mangjave i slaparots di chei âtis e che cul savon dal bagn, il muset e il salam da cjaniva, le spongja e le scueta dal frigo, i ûs dal gjialinâr e il rest das spêsas che no i veva tornât a jere jê che a i doveva bêçs. Ho!
Tant cumó a no veve plui bisugne des stampelis.E a varès vût alc di ce contâ ae Gjildine che justamenti e à miteve fûr il nâs pal barcon par viodi ce che al sucedeve.
  • Gjildinaaaaa...!
  • Cê ???
  • Sumo sù, anin a bevi un café.
    Daspó, cjapade da un presentiment, a sparive te cusine a viodi se a veve inmó avonde café in cjase.



    L'ultimo nipote di zia Lena ha il coraggio di svegliarla perfino alle 4 del mattino tirando sassi negli scuri di camera sua par farla scendere, perché lui viene da Roma, ha viaggiato tutta la notte, ed é affamato.
    Naturalmente, furbo, appena la zia aprirà la finestra le chiederà: -Ciao come stai? E dirà a zia Lena che passando di là, s'é fermato per salutarla...
    Su ció, la zia, ormai sveglia gli chiederà dalla finestra se ha mangiato ed il poverino dirà di nó, che non ha avuto tempo, che non mangia da ieri a mezzogiorno, e che se avesse...
    E la zia scenderà ad aprirgli.
    Due ore dopo, il nipote di Udine passando di là e vedendo gli scuri già aperti in cucina, si ferma a salutare anche lui e trova la zia in cucina che cerca di lavare i piatti con una gamba nel gesso e le stampelle sotto le ascelle. Cosí propone alla zia di mandarle una colf per pulirle la casa e farle la spesa mentre l'aiuta ad asciugare i piatti.
    Zia Lena, naturalmente in principio non voleva accettare perché lei ha sempre fatto da sola e sempre lo farà. Eppoi, sà lavarsi i piatti da sola anche con una gamba nel gesso. Ma a questo gioco, il nipote udinese é più forte di lei e riesce sempre ad averla vinta. E quel giorno, non solo la convinse di accettare la colf ma convinse anche suo cugino romano che con la pancia piena sonnecchiava sul divano, a pagare la metà .
    La zia Lena facendole un'occhiolino e un uovo battuto gli spiegó allora come si era rotta la gamba correndo dietro alla Rossa, quella gallina che in quella sera non voleva rientrare nel gallinaio.
    Cosí, il nipote romano, per non farsi riprendere, quando passava di là, non si fermava più a salutare e zia Lena, con la colf, si sentiva come una signora. Anzi le piaceva ormai di stuzzicare la sua vicina Gildina gelosa dicendole che brava che era la sua colf, e che...
    No, questo non poteva dirlo, che la colf passava tutto il tempo a guardare la TV, che puliva poco, che le rubava le uova nel gallinaio, il burro e la ricotta nel frigo, il salame e il musetto nella cantina ed il sapone nel bagno, ma per poter dire che aveva la colf, chiudeva un occhio come se non vedesse niente.Neanche quando dimenticava di darle il resto dei soldi della spesa.
    Ma ecco che scopre il vaso del miele di montagna mezzo vuoto nella credenza.
    Quello, nessuno glielo poteva toccare.
    Lo riceveva da Guido del monte con la ricotta ed il burro alla fine dell'estate quando scendeva dalla montagna con le capre e le mucche, le pecore, il mulo e le api.
    Il suo miele era sacrosanto. Non poteva più chiudere né occhio né bocca. Il suo miele di montagna era l'unico che preso col latte di capra caldo, la faceva dormire cosí bene e le toglieva la tosse nervosa, la sostentava in caso di bronchite e bronco chissa cosa ancora e quella ladra di colf...
    Allora attese che torni l'indomani e quando arrivó, le disse che non aveva più bisogno di lei.
    -E a proposito dei dieci euri? Chiese la colf.
    Puoi tenerteli, disse Zia Lena dandole il vasetto del miele aggiungendo che lei non mangiava i resti degli altri e che col sapone del bagno, il musetto ed il salame della cantina,il burro e la ricotta del frigo, le uova del gallinaio ed il resto delle spese adesso era lei che avrebbe dovuto pagarle ancora dieci euri. Ho!
    Tanto adesso non aveva più bisogno di stampelle eppoi avrebbe avuto qualcosa da raccontare alla Gildina che giustamente metteva fuori il naso per vedere cosa succedeva.



    • Gildinaaa!



    • Che cosa?



    • Su dai, vieni a prendere quel caffé.
      Poi corse in cucina a vedere se c'era ancora caffé nel barattolo...

Nessun commento: