I miei Video clips furlans

Loading...

13 ott 2010

Alberto Sordi


O sintivi une interviste dal regjist francês Jean-Pierre Mocky che a se cjapave cui atôrs che a vevin volût fai gambiâ il senari o fai gambiâ le cineriprêse di puest. Jenfri chei che al elencave, ancje Alberto Sordi che al voleve sei filmât dome di une bande. Mi soi alore impensât che l'Alberton  al veve fat sù une cjase a Lignan pinete tai agns 50 dopo vê ricevût a gratis il teren dal comun. E cirint tal ordenadôr o ai cjatât dôs fotos. Une dai agns 50 e une di  cualchi setemane indaûr che passant devant par câs o mi soi impensât che a le veve fate fâ sù lui.

Il regista francese Jean-Pierre Mocky é conosciutissimo anche per via delle sue interviste nelle quali se la prende spesso con tutti e ieri se la prendeva con gli attori capricciosi tra i quali citava Alberto Sordi che nel 1978 voleva fargli cambiare il posto delle cineriprese (durante le riprese del film il testimone) perché lui voleva esser ripreso solo da una parte. Mi sono allora ricordato che a Lignano quest'estate c'era una mostra fotografica su Lignano e la sua storia nella quale si raccontava negli anni 50, il comune di Lignano per attirare clienti, s'era messo a distribuire gratuitamente alcuni terreni a dei personaggi famosi. Molti di loro, non ne fecero niente o rifiutarono, ma Alberto Sordi si fece costruire questa villa che abitó pochissimo prima di venderla e chiudersi a Roma in un appartamento che, secondo Verdone, aveva sempre le finestre sempre chiuse  Forse soffriva di agorafobia perché anche la villa sembra che sia fatta per tenere tutte le finestre allo scuro.
Frase di J-P Mocky: A Lourdes per assistere a una messa si paga 6€ tasse incluse. E il posto dove ti vendono la speranza in vece di dartela.

8 commenti:

frank spada ha detto...

Peraule di un pseudonim: in Italy, ma dome tal nord-est, la sperance e cor cul cur, magari in bande di un amì come Jaio, il Furlanar cal gire tant... che il Friul al sta fer, veh!

DoneBete ha detto...

Mandi Jaio,
je le prime volte co viôt fotos da vile di Sordi ma o ai capît subite cui che le veve progjetade: l'arch. Aldo Bernardis di Udin, come la Terrazza a Mare, il Municipi, le Aziende di Soggiorno, le glesie di Pineta e il Kursaal, cun grande bondance di ciment armât.
Vittorio Sgarbi - cuissà se lu cognossin ancje in Belgio - le volte co soi lade a un incuintri di leterature - e o jerin te Aziende di Soggiorno -, andâ ditis di dutis e di ogni di chestis costruzions. Che il cjampanili da glesie ai somee un "lancia Cristi", che le aziende di Soggiorno par fortune la edare, plui sapiente dai umans, e à vût il bon sens di taponà le costruzion, e v.i.
Jo no soi di chest parè, ansi, la Terrazza a Mare a mi plâs pardabon.

Jaio Furlanâr ha detto...

Salve Done Bete,
I guscj e i colôrs a no si pues discutiju e seben il Sgarbi a nol mi plâs cuant che al piert il control di se, o soi dacuardi cun lui par vie che par me chiste terace a somee plui a un ripâr anti atomic. L'architet al à pierdût le ocasion di dâ a Lignan une identificazion, une imagjin di se che no veve e che a continue di no vê.Par sei plui positîf, le terace a somee biele dome dal alt di un avion.No soi cuintri il beton, o soi lât che a nol é tant a viodi une mostre dal plui grant betonâr dal siecul che al é chel brasilian ch'al à fat sù Brasilia e o scuen dî che al à vût un grum di estri ma cul beton, par vie dai prêsits, a tu cjatis simpri dome liniis dretis e formis scuadradis. Le terace cui soi tets taronts al fâs plui pensâ a un capanon industriâl. Prove a dâ une cjalade tar chest sit: http://radio-weblogs.com/0119080/stories/2003/04/28/galleryTheClassicRockRealm.html

Mandi

Jaio Furlanâr ha detto...

Difat, Frank, zire e rizire e al é simpri compagn:-)

p.v. ha detto...

ancje jo o dis le me:
ma e jè propit brute chiste cjase
vadi che sidi stade fate su tai agns cincuante
in plene vuere frede
e su le cortine di fiar
ma purcite miserie
e jè propit un bunker antiatomic
un scarafagjo cun tancj piis, une copese, un mostri geneticamentri modificat
o ai vut lavorat cun tun architet, che al progetave robis similis, dutis in ciment armat faccia a vista, cun chei contrafuarts inutii,
us dis dome che une dee. un si è fermat par minuts tal curtil fur di cjase so
cuanche si è stufat di spietà
al à sunat a campanel
e al à domandat
se al ere il "palazzetto dello sport" dal pais
parce che al ere vignut a cioli so fì a fin alenament.

e jè une vergogne ancje al fat che al cumun di lignan i vidi regalat le tiare de pinete par fa sù che porcarie.
siguramentri lu varan fat par fasi une grande reclam. ma insome, si podeve fa di mior.

sordi al è stat un grant
ma in chist cas lu boci in plen.

maman a ducj

Jaio Furlanâr ha detto...

A mi ce che al mi larès ben di fâ di cheste cjase a sarès di sburtâ Giovanni Tavoschi di fâ le so librerie " La Tarantola " propite achi. Cussí come par magjie, le cjase a deventarès plui interessant:-)
Mandi Pat, tegniti dacont.

p.v. ha detto...

jaio, ma satu che tu as reson
le libreria "LA TARANTOLA"
e stares propit ben alìin tun edifisi
che samee une tarantule.

eh jaio, iò o provi a tignimi cont
ma in chist moment al fisic mi sta tradendent.

ben, bon, fasin finte di nie
e len indenat instest....

maman
pat

Jaio Furlanâr ha detto...

P.Ten dûr e cîr di gjoldi al massim!