I miei Video clips furlans

Loading...

07 ott 2010

Museus / Musei



No mancji mai di lâ sù al cjistiel a dâ une cjalade par viodi cemût ch'al bat il cûr di Udin.
Chiste vôlte no soi lât. No vevi timp.Ma mi soi visât dal vuardian de pinacoteche cuant che l'an passât o visitavi il museu. Inutil dî chi no ai mai viodût cussí pôcje int in tun museu di tante impuartance. A si jere praticamentri dome no altris doi e il vuardian nus à stât daûr come un cjan di vuardie dal prin cuâdri fin tal ûltin. A pene che si faseve un pas a lu faseve ancje lui. Finalmentri o vin cirût di sconfusionâlu separantsi e di fat lui nol saveve plui a di cui stâ daûr. Ma cu le so cussience professionâl al mi à fat dûl. O ai tirât il flât par tirâ une foto e po ai finît le visite.
Se il livel de culture al varès di lâ cul interès de int pe piture, i furlans a no son da invidiâ e se i titui dai gjornâi a son fats par fâ polemiche su le mancjance di lûs invezit che su le mancjance di visitadôrs al dimostre ben ce che a interesse di plui ae int.
 Al museu di art moderne al jere compagn. Si jere dome nô.Lì, forsit le vuardiane a no varà di studâ lis lûs des salis cuant che nondé (no 'nd é) nissun parce che al é plen di lûs che jentre pai barcons.Il gazetin, invezit di fâ polemichis su le lûs studade tai museus, al varès di fâ polemiche su le mancjance di visitadôrs.

 O ce biel cjistiel a Udin o ce biele zoventût
Si lu cjante in rap e in rock ma nissun nol và lassù

Invezit al Museu Rivoltella di Triest O varès podût tirâ un colp pal ajar di contentece.
A si jere scuasi in dîs.


Non manco mai di fare un salto sul castello per vedere da lassù come batte il cuore di Udine. Questa volta non ci sono andato per mancanza di tempo. La salita sul colle si fa sempre a piedi ed é molto bello che sia cosí.Il castello di Udine é come la torre Eifel per Parigi,il colosseo per Roma, e la torre pendente per Pisa. Ma questo, sopratutto per i friulani che hanno imparato ad amarlo cantando una canzone di un secolo fa: O ce biel cjistiel a Udin.
Ma da quando il rap e il rock ha spazzato via le vecchie idee, non é più la stessa cosa ed i simboli non sono più gli stessi. Il Gazzettino, cerca di attirare l'attenzione sul taglio delle spese perché parlar di crisi attirerà più interesse che a parlare di mancanza di interesse per la cultura. Difatti, quello che non dice é che il museo del castello é sempre vuoto.Se fosse perché raccoglie l'arte antica allora si potrebbe andare al museo di arte moderna, ma ahimé, l'ultima volta che ci sono andato, eravamo solo in due anche là.
Al museo Rivoltella di Trieste, invece avrei potuto tirare un colpo in aria di contentezza. Eravamo quasi una decina!
Articoli correlati:



3 commenti:

DoneBete ha detto...

Mandi Jaio,
ben, chel altri an a jere saltade fûr le storie da lis robariis:
"Furti nei musei del castello. Oltre ai dipinti del Tiepolo e del Quaglio e alle 33 monete toscane, dai depositi sparirono decine di opere, almeno una ventina quelle appartenenti al museo del Risorgimento. Si tratta di miniature, documenti e libri quasi tutte recuperate dai carabinieri. Non è escluso che il ladro agisse indisturbato da anni."

http://www.facebook.com/
note.php?note_id=87355831876

Di sigûr tu lu savevis, ma soi passade a leiti e cussì mi soi visade da lis cronichis da l'an passât.

Jaio Furlanâr ha detto...

No, no lu savevima cumó o sai il parcé che il vuardian mi stave daûr come le mê ombrene:-)

p.v. ha detto...

eh jaio
mi par di capì
che i unics che van tai muesos dal fvg
e son i laris