I miei Video clips furlans

Loading...

18 ott 2010

Zunâ / Digiunare


A si zune prime di Pasche o ogni vinars, vie pal ramadan, o vie pe Indie ma ancje di bant per pierdi chilos o par pierdi malatiis. Une mê vicine a é daûr a zunâ da dîs dîs. Ma invezit di zunâ cu le âghe a zune cu le angurie. Ven a stâi che da jê il dizun al finissarà cuant che a no cjatarà plui anguriis. Chieste estât a jé rivade a fâ cussí par 40 dîs.
A dîs che in te angurie a 'nd é un grum di âghe e che  pal cuarp a jè miôr chê. Bisugne chi zonti che a ûl guarî di un tumôr e o speri ben che a i ledi ben, e à tant di chel bon umôr!


Pssst: O ai doprât il verp Zunâ parcé che al mi somee plui furlan invezit di dizunâ che al mi somee plui talian o ben veliâ (o veâ) che al mi somee plui pulît pe religjon.


Si digiuna prima di pasqua o ogni venerdí, durante il ramadan per gli arabi, oppure come in India per tutto o per niente e da noi anche per perdere chili. Una mia vicina sta oggi arrivando al decimo giorno di digiuno. Ma lei digiuna all'anguria, cioé, invece di bere acqua, mangia anguria. Dice che la grande quantità d'acqua dell'anguria le colma il bisogno di mangiare e di bere e nello stesso tempo spera di guarire di un tumore grazie agli anticorpi dell'anguria. L'ultimo digiuno é durato 40 giorni.Vedendo il suo buon umore, ho quasi vogli di provare.

Testo in friulano: Dîs dîs = Dieci giorni
Zunâ = Digiunare

4 commenti:

frank spada ha detto...

DiZunà? Cà, el problema, a l'è el contrari, par vie, anzite parsore el savalon di Lignan, cheste estat o ai sintut plui di cualchidun domandà ator, al so vicin o a une femine vicine sot l'ombrene: Ma chel là - pontant un det viars el limit dal mar - cui isal? - A l'è el dotor Auschwitz, satu, chel cal... - Ancjemò vif? - Ce diti? si viot che tirà fam, an daur an, lu ten lontan de muart, veh! - Ah!

DoneBete ha detto...

Dizun e Astinençe e je une comedie par furlan dal mio amì Federico Bernardis. E conte da lis feminis di Durlasse che ta seconde metât dal Votcent si erin metudis a fâ sciopero dai "dovès matrimoniai" cuintri i oms, parcè a metessin fin a une faide tra paîs ca durave da agnoruns. Il fat nol à fonde storiche (volendo si podarès pensà ae Lisistrata di Aristofane), ma la comedie, in ogni câs, e conten veretâts storichis su lis usancis da epoche.

Ta comedie, no pareve che lis feminis in astinence e fossin di bon umôr.
Mandi

Jaio Furlanâr ha detto...

Ma, Bete, a si dîs che ancje le tristerie a conservi le salût:-)
Dutcâs Frank, no ai mai viodût un gras vivi plui vecjo che un mâgri:-)
Mandi

Anonimo ha detto...

chiedetemi tutto, ma non di digiunare!!!
:-)
Chap