I miei Video clips furlans

Loading...

29 nov 2010

Friûl e Emigrazion / Emigrazione


Par un merecan di san Francisco che al và a stâ a Gnove York par lavôr a é juste une gnove oportunitât e seben che al và a stâ a 4000Km di distance al é juste un mover, un stralozadôr.Da nô, lâ a 500Km par viodi une partide a é une biele escursion ma lâ a stâ a Milan o in Svizare o in Gjermanie al é inmó come lâ in tun altri mont e a si é considerâts come un emigrant.
Il biel (ma al é il brut) al é che a si cjate inmó int pronte a fânus crodi che emigrâ a reste une plaie e che si à di compatî un emigrant come se al vès riscjât le vite cjapant il tren e imparant une altre lenghe.Come se lâ a cirî un lavôr al fos une vergogne invezit di stâ a cjase a spietâ che il lavôr al vegni a cirîcji.
Le cjartuline dal puar emigrant furlan libar di scuegnî lâ cu le valîs di carton e le leterature che a é stade fate torator al di di vuê a somee ridicule.Se un al s'in va al s'in va cul computer e al é content di lâ, senó al sta a cjase.Ciert che fin tai agns 50, no si lave cu l'avion e lâ in tes Americhis a jere un tic lungjute. E alore? Pai ucei che a fasin le strade une vôlte par an par lâ da une Americhe a chê altre o de Afriche ae Europe al si cjate dut normâl come se une besteute cence cernêli a fos miôr di nô, oms, cjaçadôrs,predatôrs,inventôrs,creaturis superiôrs.Bisugne dî che i ucei, a pene che a an le etât di svualâ a son butâts fûr dal nît e a scuegnin imparâ a sorevivi di bessôi. Da nô, jenfri le tutele dai parincj,de glêsie e dai sindacâts a si piert il spirt di cjaçadôr, di concuistadôr,di deventâ grant e a 40 agns a si clame inmó le mame par domandâi ce mudandis che si à da meti, il prêdi par domandâ ce che si à fâ par alc o par un nuie e pal rest al pense il sindacât.O scuâsit, pes scovacis, o vin bielzà viodût, o vin bisugne dal president de republiche.
Leam: http://digilander.libero.it/scuolafontaneto/oltre_i_confini/web/EMIGRATI.htm

Un americano di san Francisco, se deve per ragioni di lavoro traferirsi a New York no sarà altro che un mover, uno che trasloca da un punto all'altro. Da noi, con 500km siamo già degli emigranti e cioé, poveri diavoli costretti di lasciare il paese perché il governo,subito responsabile, non ha provveduto a farci avere un lavoro dall'altra parte della strada.
Certo che emigrare oggi ed emigrare cento anni fa non é la stessa cosa. Adesso siamo più scolarizzati ed invece d'una valigia di cartone abbiamo il computer e invece del treno o della nave prendiamo l'aereo o andiamo in macchina.Si continua peró a compatire l'emigrante come se fosse una piaga e non una cosa naturale. Gli uccelli che emigrano oggi da un'America all'altra o dall'Africa al nord Europa sono come quelli di cento anni fa. Come mai,per queste bestiole senza cervello tutto é naturale mentre per noi, omo sapiens, é una tragedia?
Chessia a causa dell'educazione? Gli uccelli, appena sono in età di volare sono buttati fuori dal nido e se la devono cavar da soli mentre noi,anche da adulti, per qualunque cosa, abbiamo bisogno di essere tutelati, accompagnati e difesi sia con i genitori, sia dalla chiesa, sia dai sindacati.
Nei paesi sottosviluppati non é ancora cosí e da loro si continua ad emigrare come gli uccelli tramite dei veri corridoi marittimi o terrestri. Il più conosciuto é il corridoio libico.Kadafi ha detto oggi all'unione europea che per impedire gli africani di partire dalla Libia per venire in Europa e cioé in Italia vuole che gli si pagi 11 miliardi all'anno.

Nessun commento: