I miei Video clips furlans

Loading...

25 nov 2010

Le tintinade / La trovata di Tintin

Il carburo lu cjatave dal mecanic e i bassolots in tes scovacis. Cun tun claut o alc di spiçot e cun tun martiel o alc di dûr al forave il cûl dal  bassolot. Po al scriveve cualchi manifest a man che al fissave tai cessos de scuele par anunziâ il so spetacul tal curtîl di cjase.
Il public di une bande e lui di chê altre bande dal mûr come se lôr a fossin al sigûr e lui in pericul. Al sielzeve le buse plui biele che un muradôr al veve fat sul muret dal curtîl  par fissâ i pâi di une inferiade che po no veve mai stade mitude.
Il spetacul al podeve scomençâ. Al jevave cu le man il bassolot inrozonît come par fâ cin cin e al faseve finte di bevi. Daspó al mostrave il bassolot vueit tant che  al colave drenti le  buse, le aghe che al veve zà in te bocje prime. A chel moment, il carburo  mitût drenti di nascuindon, a si meteve a fumâ in te buse. Tintin alore al taponave le buse cul bassolot voltât a cûl in sù e al faseve contâ fint al vincj.
- Un e dai.
- Doi e vai.
-Trê e ce.
-Cuatri e trai.
-Cinc e mieç.
-Sîs e alc.
-Siet e vot.
-Nûf e dîs.
-Dîs e...
Tant che ducj a contavin in coro,  al cjapave un gjornâl e al faseve finte di leilu , po tintinant un nó cul cjâf sul brut gjornâl, lu fruçave sù e lu butave vie. Ma continuant a tintinâ  nó cul cjâf , lu ricjapave sù, lu  disfruçave e lu tornave a fruçâ in tun altri mût par podê in fin tintinâ un sí di sodisfazion.
Il fruce e disfruce des mans jenfri il tintine e tintone dal cjâf, dopo il 20, al si justave lis tirachis dai bregonuts, al impiave un fulminant e cun tun  cerimoniâl da vescul al impiave le pagjine fruçade sù come un baston. Po come in tune messe grande, al vicinave le flame  al capuç e le lontanave. Le vicinave di plui e lontanave di gnûf. 
Plui a durave e plui al riscjave, ma prime che le flame a i rivi tes mans  e il capuç tal cjâf al molave dut e al sparive daûr dal mûr. Le cjarte inflamade a rivave sul bassolot e cun tun starlup dal ram e un bum dal diaul al faseve esplodi il gâs fat dal carburo e il bassalot al saltave pal aiar fasint ciulâ lis mulis di pôre e cridâ i mui di amirazion.Alore, jenfri il fum tal aiar e le flame te buse a si viodeve le musute dal Tintin tornâ sù da daûr dal mûr. Il spetacul al finive li cul batimans dal public e al si studave cu le flame aromai cence carburo.
Ma in chê dí, le sô musute a no tornave sù.  Lis mulis  a someavin di vê capît lis primis. Il bassolot a nol jere saltât sù dret, al jere saltât sù mâl. Forsit a i veve tocjât il cjâf. Senó, parcé nol tornavial sù? 
- Joissus, mâri! Cualchi mule  si nascuindeve le mûse jenfri lis mans sgrisulâde tal pensâ che al podeve sei muart. Puar Tintin, a nol varès plui fat scherzos a di nissun cul so carburo mitût tai cessos o tai urinâi come in tun libri di Guy de Maupassant. Finide le magjie. Il plui coragjôs al lave vie a cjalâ daûr dal muret e al si voltave stramît.
Ce erial sucedût? Impaurîts, ducj a cjapavin le direzion dal puarton par sciampà vie come se fossin responsabils dal acident. 
E al é juste li,  devant di lôr, che Tintin al tornave a aparî  di colp dopo vê fat il zir in sgrufuiut daûr dal mûr.

PS:Le conte a jere masse lungje par metile su Contecurte e alore mi soi ancje diviertît a inventâ un verp che no si cjate tal dizionari: Tintinâ.
Altre conte su Tintin:  http://furlanar.blogspot.com/2010/02/tintinadis-tintin-tintinnato.html
Pezzi di carburo

Il carburo lo trovava dal meccanico e i barattoli nelle immondizie. Con un chiodo a cualcosa di acuminato e con un martello o qualcosa di duro forava il  fondo del barattolo. Poi scriveva a mano un manifesto che affissava nei gabinetti della scuola per annunciare il suo spettacolo nel cortile di casa.
Il pubblico da una parte e lui dall'altra parte del muretto come se lui fosse in pericolo e loro al sicuro, scielglieva il più bel buco fatto sul muretto da un muratore per fissare i pali di una rete che infine non era stata mai messa.
Lo spettacolo poteva incominciare. Alzava il barattolo per far cin cin, e fingeva di bere quello che dentro non c'era. Mentre poi faceva vedere che il barattolo era vuoto e la bocca piena, sputava nel buco l'acqua che aveva preparato in bocca.
Con l'acqua, il carburo che aveva messo dentro di nascoto nel buco incominciava a bollire e a produrre l'acetilene, un gas altamente infiammabile. Tintin copriva il buco con il barattolo messo col fondo all'insù e chiedeva agli spettatori di contare fino al venti.
Uno e vai, due e dai, tre e che, quattro e tira, cinque e mezzo, sei e sette, otto e nove, dieci e...
Mentre tutti contavano, prendeva un giornale, faceva finta di leggerlo, poi scuotendo la testa come se fosse mal scritto, strappava una pagina,ne faceva una palla e la gettava via. Poi scuotendo la testa, la riprendeva , la dispiegava e la spiegazzava di nuovo come per farne un bastone che poi, con un cerimoniale da vescovo, accendeva per farne una fiaccola. La carta bruciava svelta ma prima che la fiamma gli bruci la mano ed il barattolo gli salti in faccia, giocava avvicinando il fuoco al barattolo e poi la allontanava  prima che sia troppo tardi. Se tutto andava bene, prima di gettare la carta infiammata sul barattolo, riusciva a far durare il suspens con due o tre va e vieni. Poi, gettata la carta infiammata sul barattolo, si chinava dietro il muro giusto prima dell'esplosione che gettava il barattolo in aria tra le grida impaurite delle bambine e gli urra dei ragazzini.
A questo punto, la testa di Tintin riappariva tra il fumo nell'aria e l'ultima fiamma del carburo nel buco e lo spettacolo finiva con un applauso.
Ma quel giorno, la testa di Tintin non si fece vedere.Le ragazzine, per prime sembravano di aver capito che il barattolo quella volta, non era saltato sù diritto. Era saltato sù male e gli aveva di sicuro toccato la testa. Altirmenti perché Tintin non riappariva da dietro il muro?
-Oddio! Diceva qualche ragazzina comprendosi il viso con le mani, pensando che fosse morto.
Il più coraggioso andava via a vedere dietro il muro e si girava stupefatto. Allora tutti si dirigevano verso il cancello per scappar via come se si sentissero colpevoli di averlo ammazzato. Ed é li di fuori che Tintin appariva dopo aver fatto di nascosto il giro del muretto.


12 commenti:

David ha detto...

Dear Friend,
I am really proud to have your blog in my News Related Blogs list. I could see your blog nice and with good information for the people, and this attracts me to add your blog in my blog named

http://nasa-space-info.blogspot.com

It would be great, if you could spare a few minutes visiting my blog. If you find my blog to be informative, it would be nice if you could provide me a little space in your blogroll.

Thanks for the opportunity.

Jesey ha detto...

Ciao,
Ottimo blog.

Fancy il contenuto che ho visto finora e io sono il vostro normale lettore del tuo blog .. Mi piace molto questo ..
Seguo il tuo blog e mi piace il tuo modo di distacco.
Io sono molto interessanti in aggiunta il seguente link nel vostro blog.
Ecco alcune informazioni il nostro blog
"http://talk-top-mobiles..blogspot.com/"

ho pubblicato i tuoi dati nel mio blog ..

Sono lieto di vedere il mio sito nel tuo elenco di blog.

Grazie per aver visitato il mio sito, come pure!

Grazie

Jaio Furlanâr ha detto...

Si cognossês le Indie o savês che le regjon di Tamil Nadu a é chê che a sta tal sud e che a cjacare le so marilenghe invezit dal indian. Isal par chel che une sdrumarie di lôr a vegnin a domandâmi di linkâ il lôr blog?
No crôt, ma in mancjance di furlans o scuen fâ cui tamul, ur spiegarai cemût che a si fâs par sei sotans se inmó a no lu san.

Jaio Furlanâr ha detto...

Hi Jesey, Thank you for your appreciation even if I know that is the first time you are coming here in this blog. Thanks to use the italian but it was not necessary because here, italian is just used to translate the friulian for those who doesn't understand. I would be glad to keep you like a new reader. No matter if you don't understand.Nobody does. You can add coments in any language even in tamoul or in indian as nobody will understand, it will be a very nice blog plenty of people which try to understand what they are not interested to know:-)

Toni ha detto...

No ai let chest post. Ma o ai bisugne di fevelâ cun te par domandâti un plasê. No cjati la tô mail.
Lorele

Anonimo ha detto...

it was very interesting to read. I want to quote your post in my blog. It can? And you et an account on Twitter?

Jaio Furlanâr ha detto...

Hi, I don't have accounts on twitter, sorry.

Anonimo ha detto...

Hey, I attempted to email you pertaining to this post but aren?t able to reach you. Please e-mail me when get a moment. Thanks.

Jaio Furlanâr ha detto...

hey, you forget to say who you are:-)

Anonimo ha detto...

А! Je pensais juste un commentaire et dire grand thème, l'avez-vous le code pour vous-même? l'air vraiment excellent!

Jaio Furlanâr ha detto...

Forsit une dí o varai un furlan che passant par achi al mi disarà alc sule conte dopo vêle lete. Chest ûltin al mi fâs un coment par francês cence nissun sens doprant un tradutôr. Al varà crodût che le conte a é scrite in francês!

Jaio Furlanâr ha detto...

Salut anonyme. Ton français n'a ni queue ni tête. Faut pas utiliser les traducteurs si on n'a rien à dire.