I miei Video clips furlans

Loading...

03 dic 2010

Unviar daûr di cjase / L'inverno dietro casa



Da une setemane o vin le nêf e i ucei a vegnin a talpinâle sule terace par vê alc da mangjâ. Lis parussulis a son lis plui vivis, daspó a son i mierlis e i scrics. Mi plâs il troglodit che al somee al passar ma al é plui calm, al somee che al si insumii o bel al pense, al filosofe,nol é mai di presse di mangjâ e nol à pôre che cualchidun a i puarti vie le so part. Invezit i colombs seben che a somein pesants in confront di chei altris, a son chei che a mangjin plui svelts e cence preocupâsi di nissun.Al cuarvats simpri pront a cirî alc pal so grant bec i ai dât un toc di formadi.Nol veve fan ma lu à cjapât sù e al é lât a platâlu sot des fueis dal cjariesâr. Al sà di sigûr che in citât nondé volps.

Da una settimana abbiamo la neve e gli uccelli vengono a calpestarla sul terrazzo per aver qualcosa da mangiare. Le cincie sono le più attive, prendono un seme di girasole tra il becco, si cercano un rametto per poter tenere il seme tra le zampe mentre lacerano il guscio col becco dando dei colpi come un picchio.Poi  svuotano il seme della polpa e ricominciano. Arrivano sempre in tre o quattro. I piccioni e i merli aspettano sotto per muoversi a beccare quello che cade. Altrimenti si battono per avere l'esclusiva del terrazzo. Il pettirosso s'interessa alla tecnica delle cinciallegre ma fin'ora non ha ancora capito come fare. Il troglodita che sembra ad un passero ma ha il becco più lungo e fine, sembra filosofare o sognare guardando in giro. Qualche volta becca sù qualche grano o del pâté d'insetti che ho preso in negozio. Non si preoccupa se qualcuno gli porta via la sua pietanza, tanto sa che poi gli metto da mangiare dove nessuno sà andare: sotto la grata di legno.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Bellissima la foto delle cincie :-)
incredibile come gli animali, in questa stagione, sappiano ripararsi dal freddo!
il cibo è importantissimo, e tu hai un cuore grande :-)

ciao Jaio
Chapucer