I miei Video clips furlans

Loading...

30 gen 2010

Le ûltime jaiade parigjine / L'ultima iaiata parigina


A Parigji tal Salon du prêt-a-porter o ai viodût chiste mule crote taiuçade cul ordenadôr e stampade suntun têl come par fâi un vistît o un sfont par esaltâ lis curvis e lis liniis. No ai cjapât le mûse parcé che a no jere veramenti biele ma il rest al mi é plasût.Ancje le gjaponêsine che à acetât di posâ par me cence pensâ aes mês intenzions. O speravi di mostrâus alc di plui di jê parce che a no veve notât il spiêli ma no soi rivât adore parce che no vevi notât che veve lis cjalcis che i lavin fint te cinturie:-)

Al Salon du prêt-à-porter di Parigi, ho visto questa ragazza nuda stampata e tagliuzzata su un telo. Non só cosa mi abbia attirato prima, la sua nudità o l'effetto grafico dei tagli ? Comunque m'é piaciuta anche la giapponesina alla quale ho chiesto di rimanere sopra lo specchio sperando di farvi vedere di più anche di lei: ma aveva le calze lunghe fino alla cinturra:-)

29 gen 2010

Prototipo



Ce îsal? Al jere un piès ch'o cirivi chest efiet otic che no dome al dople il sogjet ma a lu fâs vignî fûr in riliêf. cussí ben che se o si meteis di front e o lais drenti cul dêt in tal mieç, o vês l'impression ch'o si metês il dêt tal vôli. Da no crodi. A son dome prototipos ma pe fin dal mês o varès di finî il prin esemplâr.

Lo sforzo di cercare é ricompensato dal risultato che si trova e di tanto in tanto, cualcosa esce.
Questa é l'ultima mia trovata. Il titolo sarebbe: Searching information. Allude all'occhio che s'impazzisce
a forza di essere sollecitato.

28 gen 2010

Eugene Delacroix

S'al vès vût un blog, di sigûr a nol varès scrit compagn ma in chê vôlte no nd'ere internet e nancje machinis da scrivi, alore al à scrit il so diari cu le plume. Fin cumó o vevi let il diari di Goethe e po o jeri lât a Rome par viodi lis stessis rôbis e i stès puecj ch'al descriveve. Po o vevi stât a Vignêsie cu lis vedudis dal Canaletto par comparâ lis sôs pituris cu le realtât cirint di cjatâ esatamenti il puest indulà ch'al veve mitût il so cavalet par piturâ. Chiste vôlte o soi lât a Parigji a viodi il cuartîr indulà che Eugjeni Delacroix al à vivût e naturalmentri o ai visitât ancje il so apartament e soredut il so Atelier.

 Al é propit lí ch'o ai cjatât di comprâ il so diari che o vevi zà let in tune biblioteche ma che a mi sarès plasût di vê. E ben cumó lu ai. Doi libris di plui di mil pagjinis parom, indulà ch'a si puès savê dut de so epoche. Dai soi amîs Victor Hugo, Dumas, Chopin, George Sand, Baudelaire e ancje dai soi concurints come Ingres, des sôs fadîis o dai soi dîs cence fâ nuie o dai soi amôrs che di fat a jerin di spès i modei che a vignivin a posâ da lui e ch'al descriveve par talian par che i letôrs normâi a no podessin capî.
Mi volarà di sigûr cualchi mês par lei dut ma tirant cualchi pagjine a câs al mi somee avonde interessant di scuvierzi le so vite prime ch'al si studi tal 1863. Il pitôr par me nol jere un gjenio. A nol à inventât nuie di nuie. I colôrs e il colp di pinel a no son mâl pe epoche indulà che ducj a fasevin i pompîrs a copiâ i talians. O crôt peró che s'al fos stât in Italie al sarès scognossût al dí di vuê. Par vie ch'al jere protet da Talleyrand (Probabilmentri so pâri) al à podût vê un frac di ordins dal stât e cussí lis sôs pituris a si cjatin un pôc dapardut tai ministeris di Parigji. Tal so studi i disegns e i cuâdris in mostre a son une vôre puars. Di fat, al veve le manie di meti il colôr ancjemó prime di vê finît il disen e un grum di vôltis a si viôt che le anatomie dai personagjos a é pastrocjade o a conten erôrs. Chel che o no capís, al é che no ai mai sintût nissun a criticâ chescj difiets e sicome a nd'ere un vuardian par stanzie, no ai podût cjapâ fotos par podê mostrâus.


Mi piace leggere biografie e sopratutto i diari fatti dagli stessi personaggi. Cosí, andare a Roma col diario di Goethe per visitare passo a passo i luoghi che lui descriveva m'é stato molto piacevole. A Venezia invece ci sono andato con tutte le vedute fatte dal Canaletto per ritrovare il posto esatto dove aveva piantato il cavalletto e comparare ció che c'era e ció che rimane. A Parigi, d'ora in poi, andró col diario di Delacroix. L'ultima edizione del Journal de Delacroix era del 1934 e solo poche bibblioteche ce l'avevano. Cosí dopo aver letto il primo libro, mi son detto che forse al museo Delacroix troverei la nuova edizione ed infatti l'ho trovata. Due librotti di più di mille pagine ciascuno e due chili l'uno per 80€. Di ché gioire delle serate invernali per un bel pó di tempo. Ho ripreso qualche pagina a caso incominciando dalla fine, come sempre. M'é sembrato molto interessante per immaginare l'epoca ed essendo andato sul posto, ho visto che all'incirca tutto é uguale perché si direbbe che il Parigi di oggi é stato fatto sù tutto in quell'epoca.
Vi racconteró forse degli aneddoti di tanto in tanto per via che Delacroix conosceva ed era amico di un pó tutti come Victor Hugo, Chopin, Georges Sand, Baudelaire, Alexandre Dumas...A questo proposito, il 12 ottobre 1847, Delacroix rimase a letto perché non aveva voglia di far niente e lesse il libro Il conte di Montecristo. Scrisse poi che i dialoghi erano troppo numerosi e che se si toglievano, non rimaneva molto del libro. Il fatto é, ma questo non lo ha scritto, che all'epoca, gli editori accettavano i manoscritti secondo il numero di linee per pagina e Dumas, aveva capito che mettendo dei dialoghi poteva riempire le pagine più presto:-)
Amo comunque il Delacroix scrittore. Era molto colto ed aveva dei punti di vista molto personali.Non si é mai sposato perché preferiva gli amori di passaggio e beninteso, come ogni pittore ha sempre fatto, dopo aver dipinto la frutta se la mangiava e tutti i suoi modelli finivano in una dolce chiavata. (In italiano nel testo in francese) Da pittore, a parte il fatto che lo si considera far parte dei romantici perché era amico di V.Hugo, ha avuto molta fortuna nell'esser stato protetto da Talleyrand (Che era anche stato ministro di Napoleone) e che si dice, era il suo vero padre.
Cosí, molti ministeri ed edifici ufficiali hanno almeno un Delacroix da qualche parte. Nel suo studio e appartamento c'é poco di quanto si trovava. Sembra ad una galleria. I quadri ed i disegni non sono i suoi migliori, anzi, forse i peggiori. Quello che caratterizzava Delacroix era spesso la mancanza di un disegno preciso ed accurato e la premura di dipingere anche se nel disegno c'erano degli errori di anatomia. Quello che non trovo normale, é che non ho mai sentito dire da nessuno di questo difetto.
Ma quando si ama, si ama anche i difetti.

27 gen 2010

Templis di vuê / Tempio fra i tempi



Forse per via delle sue cupole, Emile Zola chiamava Le Printemps la cattedrale del commercio e Gabrile d'Annunzio per via che la Fenice esisteva già, non poteva che dare il nome di Rinascente al grande magazzino che stava per riaprire nel 1917 dopo un incendio che l'aveva distrutto.
Che relazione c'é? Che la Rinascente era stata comperata dalla famiglia Borletti e che adesso, come prima, cioé con un consorzio di banche e investitori, ha comperato Le Printemps per quasi un miliardo di €uro. I due, comunque, sono più frequentati delle chiese anche fuori dei matrimoni, dei funerali e delle nascite. Cosí, agli 800 milioni di incassi all'anno ho contribuito come tutti peró cantavo:

La place où passe la foule
Est née dans les super-marchés
Palaces qui poissent et qui soûlent
Les porteurs des porte-monnaie
Les portes sont automatiques
Pour ceux qui s'en viennent et s'en vont
Et les nouvelles caisses électriques
Fonctionnent à plein rendement...


Il posto dove passa la folla
E nato nei supermercati
Palazzi da tira e molla
Di soldi, taccuini accecati
Le porte sono automatiche
Per quelli che vengono e vanno
E le nuove casse elettriche
Funzionano senza affanno






Forsit par vie des sôs cupulis, Emile Zola, al veve clamât Le Printemps « Le catedrâl dal comercio » e forsit par vie che la Fenice a esisteve bielzà a Vignêsie, Gabriêl d'Annunzio al à bateât cul non di La Rinascente il grant magasin ch'al tornave a viergissi dopo ch'al jere brusât.
Ma ce relazion immó? Che come tal 1917 cu la Rinascente, le famee Borletti e à comprât cumó Le Printemps di Parigji insiemit a un consorzi di bancjis e duncje par un frac di bêçs: Squâsit un miliart di €. Chest gjenar di puescj a son simpri plui frecuentâts che lis glêsiis sêti pai matrimonis, pai funerâi, pai batêsins e ancje jenfri. O scuignivi duncje passâ par là e dâ il gno contribût ai 800 milions di €uros che incassin ogni ant.


Il puèst dulà che passe dute le int
Al é chel dai supermarcjâts
Palaçs ch'a atirin e incjochin
I puartadôrs di bêçs e tacuins
Aí lis puartis a son automatichis
Par chei che vegnin e s'in van
Aí lis cassis a son automatichis
E a funzionin a plen rindiment

26 gen 2010

Prototipos / Prototipi

Al mi plasarès di vê timp e fâ cualchi pâr di scarpis pai oms par divertiment, ma jenfri il disegnâ  e fâlis a é un'âltre rôbe. Chescj modei achi  a son prototipos presentâts in tal cjanton dai creadôrs al salon dal Prêt à porter di Parigji.
Ogni ant, tal salon de cjadree a Udin a fasin compagn cu lis cjadreis ma  sul web, o cjati simpri plui ideis ator pal mont che a Udin e a mi displâs parcé che di sigûr a no fasin avonde par tirâ le atenzion sul fat ch'a é le regjon indulà che  a si prodûs plui cjadreis tal mont.Achin dome scarpis di femine, ancje i cubos a son scarpis!
Fate la vostra scielta, puó darsi che un giorno queste scarpe siano prodotte in serie. Per il momento sono solo dei prototipi esposti nell'angolo dei creatori al Salon du Prêt à porter di Parigi. Anche i cubi sono scarpe!

Anche a Udine, al salone della sedia, esiste un'angolo che attira più degli stands ma viaggiando su internet, trovo più idee che andando al salone e questo é un vero peccato perché il Friuli rimane ancora la regione  dove si produce più sedie nel mondo.

21 gen 2010

D'aronco Raimondo

O eri daûr a informâmi par lâ in Turchie e o ai cjatât chiste residence de ambasiade taliane sul bort dal Bosforo. Chiste cjasute di campagne a varès cumó di sei a puèst
daspó agns di abandon. A si clame Villa Tarabaya e a é stade fate da Raimondo D'aronco tal 1906.
O ai podût visitâ le cjase ch'al veve fat sù tal 1911 par so fradi Quinto  in viâl Duodo che cumó a é stade vendude. A si viôt zà che in Friûl al à scuignût meti da bande le so fantasie par vie ch'al varès tirât masse critichis dai soi confradis gjelosissims de sô fame. Forsit ancje par chest, nissun discendent furlan (A part so fie Rita ch'a à fat un tic di mode e ilustrazion) al à cjapât le stesse strade e il fi di so fradi al veve une oficine di produzion di telârs fats di ciment daûr de vile e al veve di sigûr mancul gust pe art. I soi nevôts,  Mila, Maila e Tita che a an vendût le cjase, no sai ce che e son deventâts, a part la Maila che ducj a cognossin tal mont des lenghis gjermanichis.





Cercavo informazioni sulla Turchia ed ho trovato questa villa Tarabaya fatta come residenza di campagna per l'ambasciatore italiano.. Dopo molti anni di abbandono, tre anni fa é stato deciso di ristaurarla. Se passo da quelle parti, vi faró vedere i risultati. E l'architetto friulano Raimondo D'Aronco (che ha fatto il municipio di Udine)che l'aveva costruita nel 1906,
Da domani, sono a Parigi per 4 giorni...Aspettando di andare in Turchia. Mandi

20 gen 2010

Pan di cjase / Pane casalingo


Miôr ridi /meglio ridere

Jar o vevi decidût di lâ ae bancje e di fâ une bocje da ridi a ducj chei ch'o incrosavi pe strade par viodi le lôr reazion.
Le prime a jere un zovine frice forsit immó cence pêi o forsit masse timide ch'a no mi à nancje cjalât.
So vessis viodût le mê muse passâ dal ridi al disgust o varessis ridût. Dutcâs o ai ridût di bessôl.
Le seconde , une siore che a passave cul so cjan, a mi ha fat un bondí cun dut il cjâf prime ch'o mi vôlti par viodi passâ un ch'al mi à fat bondí cun dut il cûl prime di sparî ae me diestre tes scjalis che van jù tal metro.
Il tierç al jere un pensionât ch'al veve pôre di traviersâ ancje se il semaforo al jere vert e al mi à domandât cemût ch'o stavi come se si fos simpri stâts amîcs e che no lu vevi mai viodût.Alore lu ai judât a traviersâ ma o ai scuignût scjampâ vie prime ch'al mi conti dute le sô vite.
Su le puarte de bancje, il gno vicin olandês al à scuignût fâmi segno di sí cul cjâf parcé che o i someavi masse amicâl, alore lu ai fermât par disigji che se une dí o ai fat tirâ vie le so machine de polizie parcé che jere devant il gno puarton al jere parcé ch'o vevi da lâ a l'aeropuart e che no savevi che jere sô.Cussí, al mi à spiegât ch'al jere il prin dí ch'al stave achi e che nol saveve che a si veve di lassâ amancul il numar di telefono sul cruscot. Insomis, cumó al sa che o soi jó e o sai ch'al é lui chel di chê scrassine di Trabant.
Vuê o voi fûr cu le mûse lungje par viodi se cualchidun al mi fâs le bocje da ridi.O cirarai di lâ a pît par no fâmi dâ une multe da un poliziot mal lunât. A no si sà mai.


La sua Trabant é una dei 3 051 385 esemplari usciti tra il 1948 e il 1991 in Germania dell'est e che funziona ancora a miscela.
 Ieri avevo deciso di uscire sorridendo a tutti quelli che avrei incontrato per strada. Al primo incontro, stavo per perdere il sorriso con quella ragazza forse troppo timida che non mi ha neanche guardato ed il mio sorriso s'é spento per un attimo in una smorfia di disgusto.Poi, ridendo, ho ripreso il sorriso per una signora ed il suo cane che mi ha fatto un inchino con la testa prima che un da dietro di me mi sorpassasse per farmene uno col culo mentre spariva nelle scale del metro.Al crucivia, dovevo attraversare e facendo un sorriso a un pensionato col bastone m'ha preso per un suo grande amico. Allora l'ho aiutato ad attraversare prima che il semaforo divento rosso e me la sono svignata prima che mi racconti tutta la sua vita. All'entrata della banca, incontro il vicino olandese che non mi dice mai buongiorno da quando ho fatto togliere la sua macchina parcheggiata di fronte al  mio portone. Il mio sorrisone era forse troppo amicale perché non mi risponda un sí con la testa. Allora l'ho fermato per dirle che non sapevo che quella macchina era sua e che dovevo andare all'aeroporto. Cosí, adesso sà perché l'ho fatto ed io so che quella vecchia Trabant non poteva appartenere che a un olandese per via della loro proverbiale mania di economizzare su tutto.
Oggi esco col muso lungo. Vedremo cosa succede. Vado a piedi .. Non si sà mai.Se un poliziotto facesse la stessa cosa rischierei una multa.

19 gen 2010

Zovins simpri plui vecjos / Giovani sempre più vecchi

O varês notât che i zovins a cjacarin simpri plui svuelts e a capissin lis rôbis prime dai parints e dai nônos e dapardut, a son simpri plui zovins i sportîfs, i artiscj, i impresaris che nus mostrin che bielzà in te scune, lôr, a no jerin plui come i parints. Cumó a dodis agns a son pronts par insegnâ ai vecjos cemût che an da fâ cu lis rôbis gnovis, tant che i vecjos a cirin di mostrâur cemût ch’a no si à da fâ cun chês vecjis. Indulà larino a finî?O pensavi cussí, viodint che un nevôt di 20 agns al si é fat cjapâ dai parints a taconâ cun so nône invalide di 87 agns.

Disegn di Philippe Geluck umorist belga



Avrete forse notato che i giovani parlano sempre più svelti e capiscono le cose prima dei parenti e dappertutto, gli sportivi, gli artisti, gli impresari sono sempre più giovani. Si direbbe che già nella culla non sono più come erano i loro genitori e cosí, a dodici anni sanno già pronti per mostrare ai vecchi cosa si deve fare con le cose nuove mentre i vecchi cercano di far loro capire cosa non bisogna fare con quelle vecchie. Dove andremo a finire? Pensavo cosí leggendo di un nipote ventenne che s'é fatto sorprendere a far sesso con sua nonna invalida di 87 anni.

18 gen 2010

Flame di flôrs / Fuoco e fiori


Si puedarès scrivi le conte di une letare che a brusave cun tun macet di rôsis. Cui vevie scrite le letare e mandât lis rôsis? Parcé brusavino?


Si potrebbe scrivere la storia di una lettera che bruciava con un mazzo di rose. Chi l'aveva scritta e chi aveva mandato le rose? Perché bruciavano?
Posted by Picasa

17 gen 2010

Le bighe a bighe di cop / Straparlare

Leonarduç al somee di volênus simpri plui bon. Da cuant ch'al à scuviert che il furlan al tire, a i tire ancje a lui di meti le bighe a bighe di cop. Tant miôr che cussí al mi fâs cjatâ gnovis espressions. Il furlan, par chest al é miôr che 'l talian.
Si disarès che pal moment nissun nol sparagne le ocasion par zontâ le sô cuintri i furlans che a volaressin stâ de lôr bande cence par chel sei mancul talians.
Achi sot, le cjartine dai dialets e des lenghis cjacaradis in Italie. Le prove che insomis i talianots a no son âltri che i solits 4 gjats venezians o mùs padovans. Chei âltris, o ju sintarês dî che in Friuli se magna ben e se beve meio.
Pro memoria: Bighe in friulano vuol dire cazzo e bighe di cop é un'espressione che vuol dire straparlare ma che letteralmente si direbbe cazzo di tegola:-)
Altra espressione friulana: Cemût la bighe. E una domanda che si fa in genere a qualcuno che si conosce come per dire come stai? ma che letteralmente vuol dire:Come sta il tuo cazzo?

Click on it to see better/Frache sù par viodi dut/Clicca che é meglio



Leonarduzzi, sembra volerci sempre più bene da quando ha scoperto che tirare sui friulani doc gli fa tirare il blog. Tanto meglio che cosí fa bene a tutti ed abbiamo l'occasione di dire ció che si pensa in almeno due lingue. Che nessuno si tolga il disturbo. L'ultimo post fa da altoparlante al Messaggero ed ai soliti altopensanti
che hanno mal di pancia di vedere che i friulani veri continuano a far la polenta con la farina di mais mentre loro utilizzano da un pezzo la farina di hamburger:-) Ma dopo aver letto il messaggero, mi accorgo che Leonarduzzi ha messo solo la parte che gli faceva comodo per far polemiche. Continua di pensare che i friulani sono i soli a rivendicare il diritto di parlare nella propria lingua? Comunque, non siamo i soli. Basta guardare nella cartina. qua aggiunta.

14 gen 2010

Pan di faro / Pane di farro



Il pan tant cjantât e poetât al é colât di mode cu le industrializazion e nol é plui como prime. alore al scuen tornâ a distinguisi par tornâ a deventâ popolâr. Cumó al scuen vistîsi di contadin, biecemai da cjargniel fat in cjase sinó nissun a no lu crôt plui. Cussí jó lu ai crodût e chest achi al finissarà le so vite prime dal  gustâ parcé che lui ai a pene comprât e che al mi stice masse il nâs e le bocje par no finîlu subite. I  dietetics a jerin rivâts a convincimi che se no mangjavi plui pan e paste o varès pierdût le pansute e di fat le ai pierdûde. Ma, par podê tignî un minim di dolceze e confuart pal gno cussin d'amôr di pansute, nuie pan o paste, nuie cjar o pizze le sere ma dome di buinore. Cussí nissun al si lamente. Ce îsal di miôr che mangjâ il pan di buinore cuant ch'al é ancjemó cjâlt e che l'odôr al é ancjemó fresc? Chest achi al é chêl di vuê: Pan di farine di faro cun sepis di gjirasôl.

Il pane tanto cantato e messo in versi, con l'industrializzazione non é più come prima e allora per tornare  a distinguersi ecco che il pane cambia di vestito. Per essere alla moda adesso deve vestirsi da contadino, deve avere un'aria grezza, vecchia di almeno due mila anni altrimenti nessuno ci crede. Cosí ci ho creduto ancj'io e questo é quello di oggi: Pane di farina di farro con semi di girasole. A mezzogiorno sarà finito perché é troppo buono e poi, per cena, mi son promesso di lasciar da parte il pane e la pasta, la carne e le pizze. E infatti cosí che ho già perso una buona parte del mio pancino ma non vorrei che questo cuscino d'amore perdesse tutte le sue qualità:-)

13 gen 2010

Cjantutis / Canzoncine


Ancje chest an o varin il concors di composizion di cjantutis pai fruts organzât dae Filologjiche e dal Usci . Achi , di sigûr nue raps e efiets speciâi come al premi Friûl. Bielzà che i organizadôrs a no son chei di Radio Furlane , a si varès di vê alc di plui classic da dâ da mangjâ ai fruts sêti tes scuelis che in cjase pes mâris che no an la televisionite, ma in d'isal immo?
A no si vuadagne il zechin daur ma cualchi euro da incuadrâ o da spindi, seont il plasê dai vincidôrs.
A si puès mandâ tantis cjantutis ch'a si à voe. Nue limitazions. Lu ai savût domandantlu ai organizadôrs par vie che tal regolament a vevin dismenteât di specificâlu.

Anche quest'anno avremo il concorso di composizione di canzoncine per i bambini organizzato dalla Filologica e dal Usci . Non credo che qua  il rap farà bella figura come nel Premi Friûl  perché gli organizzatori non sono gli stessi ed hanno un'altro scopo. Si dovrebbe allora avere qualcosa di più classico da dar da mangiare ai bambini o alle mamme che non soffrono di televisionite. Ma esistono ancora? Non si guadagna nessun zecchino d'oro ma qualche euro da incuadrare o da spendere secondo il piacere dei vincitori. Si puó mandare quante composizioni che si vuole, non c'é limite. L'ho chiesto agli organizzatori perché nel bando, avevano dimenticato di specificarlo.

12 gen 2010

Stude e mangje Spegni e mangia

A Bruxelles, in tune cantine sot di un teatri, un gjornalist in pension al à vût l'idee di fâ un ristorant gjestît par une disine di vuarps. Naturalmentri a si mangje tal scûr totâl. Bielzà entrant, o entrais metint le man su le spâle di chel devant e o vês l'impression che vuâltris o deventais vuarps e il vuarp al tache a viodi tant ch'al us vuide al vuestri o podês imagjina cemût ch'o fasarês a no meti il piron tal vôli e cemût ch'o fasarês par jemplâ il vuestri vêri di vin cence fâ crodi ch'o se vês fate d'intor cuant ch'o tornarês di fûr :-)
 A saran di chei furbos che a laran cui canocjâi a infraros, par viodi ce che le copie dai vicins a é daûr a fâ cuant che a no si le sint plui a cjacarâ. Dutcâs  a son rôbis da provâ a ducj i cosjc. No ai ridût masse dal vicin ch'al à strucjât il vêri o ch'a nol saveve ce che a é le rucule.Il pès, par furtune, al si tae dibessôl senó no sai ce ch'o varès fat cu le cjar.Dutcâs, cence i vôi a si devente un tic plui anemâi. A no si palpe plui compagn ni cu lis mans ni cul rest.Si scôlte, si nulís e a si mangje plui ben plan.Us mancjarà il plasê di mangjâ cui vôi ma le esperiece a vâl le pene.
 O viôt bielzà chei che magari a vierzaressin un bar o une discoteche cence nissune lûs par viodi ce ch'al puedarès sucedi jenfri i biei, lis bielis e i decibels e po ancje chei che a metaressin su Youtube i filmut zirâts di nascuindon cui infraros.
Par contrast, o viôt ancje le glêsie furlane, che no sà ce fâ par judâ i vuarps,
 provâ a pensâ sù a cheste idee. Prime di dut, i vuarps e varessin une pae come se a viodessin, po, par cjatâ une cantine vueite a si cjate subite e non d'é bisugne di piturâ o di meti nissune decorazion, juste cualchi cjadree ator di une grande taule fate come un breâr di ocasion, tant nissun al viôt nuie.Riservazions par internet o ben sul puèst a diestre a pene entrâts te galerie reâl.





A Bruxelles, nel sottosuolo di un teatro, s'é aperto un ristorante gestito solo da non vedenti. Naturalmente si mangia nell'oscurità totale. Già entrando, si é condotti a tavola da un cameriere-guida che essendo cieco e conoscendo il posto, vi dà l'impressione che lui vede mentre voi siete ciechi.
Inutile dire che vale la pena di "vedere" come si fa a non mettere la forchetta in un occhio e come si fa a riempire un bicchiere senza dar l'impressione che ve la siete fatta addosso quando uscirete. Ci si và in coppia o in comitiva cercando di non prendersi una sberla al posto del vicino che credevate seduto e invece chissà cosa ha fatto sotto il tavolo...Scherzo.Si parla facilmente col vicino dandosi subito del tu e si cerca di non ridere troppo di lui perché non riconosce il gusto della rucola che sembra più forte  che con la luce.Il pesce, per fortuna si taglia da sè e basta solo soppesare la forchetta per sapere se il boccone sarà sufficente.L'ho annegato subito nel vino Muscadet e allora non saprei dire che pesce ho pigliato sebbene tenevo il naso più vicino al piatto che ho leccato senza vergogna per essere sicuro di non lasciare la metà.
Inutile dire che un bar o una discoteca avrebbero molto successo anche in Italia. Immaginate che delizioso casino con i belli e le belle tra i decibelli? Bell'idea per dare un lavoro molto interessante ai ciechi che per una volta non saranno sottopagati anche per via della gestione più economica
Infatti,non c'é bisogno di decorazione speciale,i muri sono nudi e cé solo un grande lungo tavolo nel mezzo. L'elettricità serve solo per gli elettrodomestici e l'affitto del locale costa pochissimo.
Si puó andare solo dopo aver riservato e pagato un acconto di 30€ I menú cambiano ogni mese ma é uguale per tutti nel servizio delle 19 e delle 21.
e dunque non c'é bisogno di saper leggere in Braille.Il ristorante é sempre pieno per via che aprono solo 8 giorni al mese. Riservazione in 3 lingue oppure direttamente a destra entrando nelle gallerie reali.


08 gen 2010

Bon fin di setemane / Bon WE


Mandi, si viodin Lunis cun tun gnûf video. Intant no pierdês nuie a becâsu chest achi indulà che le musiche e somee fate a pueste : Il furlanel.
Ciao, ci vediamo lunedí con un nuovo video. Intanto non perdete niente se guardate questo se non l'avete ancora visto: Il Furlanel.

Voe di sbarâ / Voglia di sparare

Cjapâ le sclope a sbarâ un colp pal aiar o cjapâ le lenghe e sbarâ cualchi tristerie di chês buinis?
Cussí, juste par mantignî il spirt e le voe di fâ casin o juste disi le sô par no mostrâ ch'a si é masse permeabils aes manipulazions ocultis.
Dutcâs, cirint di mostrâ ch'a si é brafs, cualchi vôlte a si mostre il contrari. Al mi é a pene sucêdût. Alore, varèssio di provâ a mostrâ ch'o soi mone par viodi se no dimostri il contrari. O varès di stâ ferm ma o scuen movimi a dî che o no soi di chei che a van a fâ manifestazions parcé che no rivi a cjatâ nissune rason avonde fuarte par fâmi stâ in file indiane o in file tout-court.
Al mi và miôr di fâ siums e di fâ insumiâ chei âltris. Vuê , juste une cucade a ce ch'al puès sei un om inteligjent s'al si met a fâ il mone cui mones ch'a crodin di sei inteligjents. Un indipendentist flamant. Einstein che a nd'à detis di ducj i colôrs al à peró ancje dite tal 1930 sui soldâts: Chescj oms che a sfilin radiôs come in tune orchestre, vevino veramenti bisugne di un cernêli? No varessino vût vonde di une spine dorsâl?


Prendere il fucile e sparare un colpo in aria o sparare una cattiveria di quelle buone con la lingua?
Cosí, giusto per mantener lo spirito e la voglia di far casino o solo per far vedere che non si é propensi a credere a qualsiasi cosa.
In ogni modo, per voler mostrare che si é bravi, qualche volta si dimostra il contrario. M'é appena successo. Dovrei allora fare lo scemo per veder se succede il contrario? Dovrei star fermo ma mi devo muovere. C'é solo una cosa che non faccio mai perché non trovo nessuna ragione abbastanza valevole per farmi stare in fila indiana o in fila tout-court nei ranghi delle manifestazioni di qualsiasi tipo. Mi và meglio di far sogni e di far sognare gli altri. Cosí oggi vi offro di dare uno sguardo a ció che puó succedere a un ragazzo intelligente quando si mette in fila con tutti gli altri indipendentisti fiamminghi. Einstein che ne ha dette di tutti i colori nel 1930 pertanto diceva sui soldati: Questi uomini che sfilano radiosi, come in un orchestra, avevano veramente bisogno di un cervello? La spina dorsale non sarebbe stata sufficente?


07 gen 2010

Vin vistît di fieste / Vino vestito di festa

Iar al jere da fâ il Nedâl rús. O ai fat ancje chel. Pe ocasion, o ai impiât il fuc tal cjamin pensant aes nestris tradizions e pal rest o mi soi lassât fâ. Il vin, lu vevi vistît di fieste par ch'al somei plui bon.

Ieri, cadeva il natale russo ed ho festeggiato anche quello. In questa occasione ho acceso il caminetto pensando alle nostre tradizioni friulane e per il resto mi son lasciato fare. La bottiglia del vino l'avevo vestita di festa (Ok, sportswear) in modo che il vino somigli più buono.
Posted by Picasa

Sbrissadis scivolate glissades deslizamientos slips


Sot le nêf le glace e  i ucei cuant ch'a si poin par tiare a sbrissin:-)
Anche gli uccelli scivolano arrivando sulla neve se sotto c'é il ghiaccio.

L'omp di Burj L'uomo di Burj

L'om di Buri  a é le traduzion de cjançon merecane Tom Dooley che cjantade par Dario Zampa a é deventade cussí furlane che ducj a crodin che le vêti fate lui, invezit l'om di Burj di Dubai al sarès il calif Bin Zayed.Se o viodês le storie de Americhe a part chest film dal 1959 o viodarês che ancje i nêris , cun dutis lis dificoltâts che an simpri vût, a son rivâts cualchivôlte a rivâ insomp de piramide de notorietât.Se invezit o cjapais i arabos, nuie.Dutcâs al jere un piès che a no si distinguevin a fâ alc.Leonardo da Vinci al diseve che par rivâ a jessi un grant artist al bisugnave vê talent e fan. Chest par dî che cuant ch'a no si à fan avonde, a si vîf cun ce ch'a si à, cence cirî di vê nuie di plui. Si, ma vuâltris, so fossis miliardaris, fasaressiso ce che il calif di Dubai al é daûr a fâ sù?



Le sô ûltime tor, a é le plui grande dal mont. Di pôre che i cinês a in fasin une plui grande prime che le sô a fos stade finide, al veve dite che le tor a sarès stade âlte sui 600 metros. Invezit, sorprêse, a é a pene stade vierte al public cui soi 828 metros. Squâsit un km par 30mil apartaments e 1200 negozis e cuissà tros hotels e piscinis. Ancje lí, o scuignîs viestîsi par stâ in cjase e sviestîsi par lâ fûr, tant ch'al fâs cjâlt. Invezit a si và sù in tun minût a 32km a l'ore cul ascensôr.Cuissà le tor Eifel ce vergogne cui soi piçui 300m!
Dutcâs a sarà stade une spêse smisurade i 5 miliarts spindûts ma al reste alc di fenomenâl ch'a si puès viodi a 20km di distance. I puars asiatics doprâts par fâle su, a duarmivin sul puest man man che a lavin su cui plans. Si, parce che lí, nuie sindicâts. Si cjape le man d'opare pal timp ch'al covente e daspó a si le mande indaûr. Senó, cemût fâ concurince cui cinês? Alé op,o vin distès il nestri cjadreon par sentâsi a fâ ponsâ il pinsîr ma al é distes pecjât che nô furlans o si contentin di cussí pôc. L'om di Buri a reste le cjançon plui gjetonade dai furlans, pecjât che sedi une cjançon americane cjantade in furlan e nó une cjançon furlane cjantade in merecan.



L'uomo di Buttrio (Buri in friulano) é la versione friulana di una canzone americana dedicata a Tom Dooley nel film omonimo del 1959 ma molti friulani credono che sia una vera canzone friulana perché é cantata da Dario Zampa. L'uomo di Burj é invece il califfo di Dubai. Avrà miliardi di debiti ma tra quelli che ha già speso ci sono i 5 miliardi per far sù la più grande torre del mondo. La torre Burj di Dubai che culmina a 828 metri. Berlusconi , in confronto sembra giocare con le palline e gli italiani fargli da partner. Va bene, i sindacati a Dubai non esistono e gli asiatici che hanno partecipato alla costruzione, spesso dormivano sul posto per risparmiar soldi o perché non ne avevano abbastanza per pagarsi un alloggio. Comunquessia, rimane un'opera straordinaria e la torre Eifel dovrà, poverina, trovarsi un'altro vestito per rimanere in lizza. Infatti, le torri spuntano sempre di più. Quasi come i funghi.Tantevvero che per non rischiare che i cinesi, ne facciano una più alta prima che questa sia finita, il califfo aveva sparso la voce che sarebbe stata un torre di 600m.
Andrete a vederla? Se mi capita, ci andrei. Vorrei vedere cosa succede con le palle quando in cima a una torre simile il vento fa spostare la guglia di 70cm.Nel frattempo mi accontento dell'unica cosa che c'é di grande in Friuli, una sedia alta tre piani. Peccato comunque che la canzone " l'Om di Buri" sia una canzone americana cantata in friulano invece di essere una canzone friulana cantata dagli americani. Prima che questo succeda, bisognerà che i friulani facciano almeno attenzione ai veri talenti che hanno in casa e questo, non sembra che sia ancora il loro piatto preferito. Segno che il pane degli amburgers sono più apprezzati che la polenta.


06 gen 2010

In blog we trust / Il crodi sul blog / Crediamo nei blogs

Le storie de Fabriche dai prêdis a tire ae fin e forsit le nestre Pat nazionâl a i larès ben di tirâle a di lunc disintmi che se o met i miei posts in dôs lenghis, in font al é par miôr fâmi capî…Duncje par cé no voltâ il Beline, dissie…
Va ben, a un ciert pont o pensavi come jê ma achi al si  trate di alcâltri. So mi sfuarci di doprâ il bilinguism  al é par dâ le pusibilitât a di chei che a studiin le lenghe di cjatâsi plui facilementi. Par chest, o ai ancje scommençât a zontâ le pronunce che par mé a é chê che impuarte di plui. E o podês viodi ch'al zove cui coments che a rivin dai talians che no son furlans (Sêti achi tal blog che su youtube), anzit al si disarès che i forescj a s'interessin ae lenghe furlane plui che i furlans stès.
Le distance jenfri il talian e il Furlan jessint scuâsit compagne a chê ch'a si cjate jenfri il spagnûl e il Furlan o il spagnûl e 'l talian, o metarai forsit i sottitui in inglês o in francês ch'al sarà plui util a ducj chei che a àn di studiâ ancje chês lenghis.
Se ogni dí o viôt int ch'a ven a lei i miei posts vecjos di un o doi agns, al ûl dî che ce ch'o ai mitût su internet al puès lâ indenant ancje cent agns e duncje al puès simpri interessâ cualchidun. O soi sigûr che se internet al fos esistût dusinte agns indaûr, a si sarès ducj contents di lâ a sgarfâ tal passât e forsit, cuissà, a si varès podût cjatâ ancje le fabriche dai prêdis bielzà tai agns 50!


Pat, mi diceva che se faccio i miei post in due lingue é per meglio farmi capire e… Via dicendo. Non la seguiró  ma una parola sul soggetto l'aggiungo.
Il fatto é un’altro. Mi sforzo di farlo perché cosí dó la possibilità a quelli che studiano la lingua di ritrovarsi più facilemente (Anche se poi traduco male). Per questo, ho incominciato a mettere i testi con l’audio , perché la pronuncia ha altrettanto importanza ,se non di più, e che nessuno fin'ora lo fa. La distanza tra il friulano e l'italiano essendo all'incirca  uguale a quella tra lo spagnolo e l'italiano credo che aggiungeró anche i sottotitoli in inglese o in francese per quelli che lo studiano. Siccome tutto quello che ho messo su internet  in due anni, continua di attirar l'attenzione, sia per il soggetto che per via della lingua in se, posso sperare che tra cento anni servirà ancora a qualcuno.
Comunque, se internet fosse esistito cinquecento anni fa, vi rendete conto di ció che si potrebbe trovare ? Di sicuro anche la Fabbrica dei preti negli anni 50 J



05 gen 2010

La zanaçka



Chiste peraule russe a no si cjate in nissun dizionari e alore o le scrîf cemût ch’o ai voe (Provait a cirî cemût scrivile  par talian e se no us ven, cjapait le mê version par inglês zanachka o par francês zanatchka.
Ce ise une zanaçka ?
A sarès une sorprêse nascuindude da te o da cualchidun, une rôbe ch’a tu âs mitût vie par tirâ fûr in câs di bisugne, forsit a si puedarès dî un sparagneç  par vie ch’al é un piçul sparagn fat da un sparagnin ma plui di spès da une sparagnine. Ancje alc ch’a tu cjatis cuant ch’a tu cîrs alcâltri. Esempli : su internet a tu ciris un regâl da fâ ae to femine e tu colis in tune femine che ûl fâcji un regâl J
Ma le classiche zanaçka e sarès il sparagneç di dîs mil francs che un al nascuint in tun libri e che a nol à plui cjatât par puartâiu in bancje cuant ch’a son rivâts i euros. Al puès sei ancje i dîs euros mitûts da vuestre fie tal-libri-che-nissun-a-lei, e che vualtris o vês cambiât cun tun biliet di 50 crodint che cuant ch’o vês mitût chei di 10 o jeris di sigûr cjoc..
Un’altre classiche a son i biscotins platâts de femine pes grandis ocasions.
E son propit chei ch’o vevis cirût trê vôltis par setemane e par trê setemanis prime di viodiu rivâ su le taule da no tu sâs indulà cuant che le vuestre femine a tire fûr par bevi un café cu le sô amie.Alore o domandais come un gnôgno di indulà ch’a vegnin e jê a su rispuint :Zanaçka !
Un'altre biele a é chê dal gno vicin ch'al si esclame content, joi ce biele zanaçche, cuant ch'al cjate sot dal cussin une butilie di vin...Che le so femine a veve platât quindis dîs prime di pôre ch'al bevi masse cuant che i soi amîs a jerin vignûts a cjatâlu.
Insomis, al puès sei ancje chel toc di cjar cjatât daûr di une cartufule  cuant che il camarîr us domande cemût ch’o vês cjatât le bisteche.



La zanaçka 
é una parola russa che non si trova nei dizionari e allora non saprei come scriverla per farvela pronunciare bene come in friulano, o in inglese Zanachka o in francese Zanatchka ( I francesi per scrivere ciao scrivono tchiao altrimenti pronuncerebbero siao).
Che cos’é una zanaçka ?
Sarebbe una sorpresa che volete farvi a voi stessi nascondendo qualcosa che vi farà comodo nell’occasione favorevole. Una specie di risparmietto ma anche qualcosa che trovi per caso quando ne cerchi n’altra.
Esempi di zanaçka:
-Su internet cerchi un regalo da fare alla tua bella e trovi una bella che vuol farti un regalo ;-)
-Nel libro che nessuno legge, tua figlia ha nascosto dieci euri, tu li trovi per caso e ti dici che di sicuro eri ubriaco quando li hai messi e allora cambi il biglietto con uno di 50.
-Nello libro accanto, invece non hai più trovato le centomila lire che volevi portare in banca con la venuta dell’euro.
-La classica zanacka sono i biscottini che tirate fuori dal nascondiglio segreto per offrire col caffé alla vostra amica e che vostro marito ha cercato tre volte alla settimana per tre settimane di seguito.
-La meno divertente é forse quella del pezzetto di carne trovato dietro una patatina quando il cameriere vi chiede come avete trovato la bistecca J

- la più originale é quella del mio vicino che trova una bottiglia sotto il cuscino e si esclama: Che bella zanaçka!
senza sapere che sua moglie 15 giorni prima, per paura che che bevi troppo coi suoi amici, gli aveva sottratto una bottiglia.

04 gen 2010

Il friuli che si rompe /Il Friûl ch'al si romp





Il Friûl si spachial in doi cu le fabriche dai prêdis? Il Toni cul so cjacarâ sec, curt e clâr nol jere un mone. Jó che cence jessi cuintri i prêdis o no soi un mangje ostiis (ostie  ancje jó:-) o cjalavi un tic di stuart dute che propagande ch'o sintivi su di lui. Cumó o lu difint.O ai capît.No ai voe di tignî cun nissun a part cui furlans che a cjacarin furlan e che no mi secjin lis balis cu le politiche.
Dant une cjalade ator , a nd'é di chei che esagjerin. Come simpri. Sí parcé che il libri par furlan al si puès cjatâlu, jó no lu savevi, ma cumó lu sai. Alore indulà îsal il probleme? Forsit in te ignorance. Mea culpa. Al bisugne dîlu e o lu dîs. O jeri partît par fâ casin vuê di buinore ma chel che nol gambie di idee al é un mone.Disse chê frice ch'a jere Brigitte Bardot.

Il Friuli si sta spaccando in due per un libro? L'autore, Antonio Bellina , col suo parlar secco e breve non era uno sciocco ma con tanti articoli che trovavo su di lui, mi sembrava ad una propaganda e forse per questo, ho omesso di informarmi di più.Una volta che ho letto i primi capitoli su Le Fabriche dai prêdis (La fabbrica dei preti) ero rimasto offeso di non poter leggere il resto. Ora so che il libro si puó trovare in friulano e allora non vedo il perché fare polemiche .

03 gen 2010

La catena di san Antonio Bellina




Le cjadene di sant Antoni Beline 
Pal prin dal an o sês lât a comprâ lis brioches frescjis par siervîlis cul café ae vuestre biele tal jet cuant ch’o sês lâts a sveâle. Po o vês sintût  le vuestre biele che lu contave a so sûr e l’indoman so sûr us à clamât par dîsisu che da cuant ch’a lu à contât al so om, cumó lui si fâs da gulizion di bessôl e no le svee plui di buinore.
Cussí a puedarès scomençâ une cjadene di sant Antoni a la Beline se dutis e dôs lu an contât al puestin o al plevan, dal panetîr o dal becjâr, ae coleghe in ufici o a cuissà cui, dut il paîs al  finirà par gambiâ il mût di fâ e magari il vuestri gjat, invesit di tornâ cu le code rote al torne bielzà passût parcé che le vicine che in chê dí  é à sveât il so om cu le bocje sot des cuviertis a no veve plui fan a l’ore de gulizion. Se invezit il vuestri cjan a nol torne plui dongje parcé ch’al à cjatât un âltri ami tal vicin ch’al si é sveât cu le buine lune ce puedial sucedi ?
Meteitsi al puest dal vicin , ce faressiso vualtris ?
Dutcâs, se il vicin o fos jó, forsit o scuignarai comprâ chel cjan  ch’o vevi simpri rifiutât di comprâ par fâ contente le famee disint che jó o no mi lassarai mai, ma mai di mai, fâmi puartâ a spassegjâ da un cjan.
Graziis Toni. Tu m’in d’âs ispirade immó une J

La catena di san Antonio Bellina 
Il primo giorno dell’anno avevate deciso di andare a comperar le brioches fresche per servirle a letto col caffé alla vostra metà all’ora della sveglia. Lei, piacevolmente sorpresa, l’ha di sicuro raccontato a sua sorella e lo scoprite  l’indomani quando vi chiama per dirvi che dopo averlo raccontato a suo marito, da oggi ha deciso di farsi la colazione da solo e di non svegliarla più. Via via, se ognuna poi lo ha raccontato dal panettiere o al bar, dal dottore o mentre fa la coda allo sportello della banca o della posta, tutto il paese finisce per cambiare in una catena di san Antonio che Toni Bellina di sicuro gradirebbe.
 Perfino il vostro gatto non ritorna più con la coda rotta, anzi, non vi chiede neanche da mangiare perché la vicina che in quel giorno ha svegliato il suo uomo con la bocca sotto le coperte,  non aveva più fame... Ma se il vostro cane invece non torna più in casa perché s’é fatto un nuovo amico col vicino che s’é alzato di buon umore cosa puó succedere ?
Se voi foste il vicino fareste la stessa cosa ?
In ogni caso, se il vicino sono io, dovró di sicuro comperare quel cane che rifiuto di comperare da dieci anni con la scusa che io non adró mai, ma mai di mai a farmi portare a passeggio da un cane.
Grazie Toni. Me ne hai ispirata ancora una !

01 gen 2010

Dies irae e la parola magica

.Un grum di vôltis, al baste dî par plasê e chel ch'a no tu vevis mai otignût fin cumó a tu lu otegnis. come se a tu dopras une peraule magjiche.Cussí, da pâri sun cuatri fruts, cuant che le plui piçule a mi veve domandât di puartâle  a scuele in machine o i vevi dite: E cuâl îse le peraule magjiche?
E jê: O miarde, ancjemó une password. Cumó a si scuen vent une ancje in famee.
Chest par dî che un grum di vôltis o soi stiçât par vie che par lassâ un coment in tun blog o visitâ un sito a si scuen vê une pass. o une tass e no ai voe di fâlu plui. Se al continue cussí o si scuignarâ vê une pass par viergi i vôi, par lâ a cagâ e paiâ une tasse par tirâ un porco e par fâ l'amôr. Alore us domandi par plasê, no stait a obleâmi a trai un porco ogni vôlte ch'o ven a cjatâus senó o lais a confessâ vualtris i miei pecjâts di ire.Pal rest o mi rangji bessôl:-)


Molte volte, basta dire un per favore e quello che non avevi mai pensato ottenere, lo ottieni come per magia. Cosí da padre di 4 figli, quando la più giovane mi aveva chiesto di portarla a scuola le avevo chiesto: E qual'é la parola magica?
Risposta: -Merda, ma adesso bisogna  avere una password anche in famiglia?
Pensavo a questo quando, stizzato, mezz'ora fa, ho deciso di non lasciare il mio commento nel blog che mi chiedeva di ricopiare una parola. Non mi sottometto più! Se continua cosí, finiró per trovar normale di dover adoperare una password per aprire gli occhi, per  dire buongiorno o per andare nel cesso, In quanto a dire una bestemmia, dovrei dirla subito prima che anche per questo mi si chieda di pagar na tassa.
Allora vi chiedo: Per favore, non obbligatemi a bestemmiare altrimenti dovrete andarvi a confessare voi per i miei peccati d'ira.Per il resto mi arrangeró da solo:-)