I miei Video clips furlans

Loading...

27 feb 2010

Art popolâr messican /Arte popolare messicana


Come che disevin i muralistas l'art e à da sei dal popul. Pal moment a Bruxelles al Palais des Beaux Arts a indé chiste mostre di art popolâr fat cul papier maché (A gratis) e ancje une mostre su Frida Kahló e le storie dal Messico a traviers le piture e le fotografie di Tina Modotti (37€) La Frida a mi jere simpri plasude e forsit ancje masse da cuant ch'o vevi savût che jere amie cun Tina parcé che ae mostre, sui 19 cuâdris, a no 'n d'ere un ch'al mi plasès.I soi colôrs (Dutcâs in te mostre) a jeris puars e scjadents e il sogjet, simpri chel: Jê stesse.Juste dongje di jê, ancje le mostre El Greco che a nol m'impuarte di dî che di sigûr, se nol fos stât mitût tai museos spagnûi, a nol sarès di considerâ jenfri i grancj. Ancje lui, al someave che al si pituras simpri lui stès e no viôt il parcé che chest difiet al é deventât une cualitât. E po, colôrs simpri sotlineâts cul nêri e pôc armoniôs. No ai podût cjapâ che pôcjis fotos ch'o metarai tal prossim post. Intant gjoldeitsi chiste mostre di art popolâr plene di colôrs e ricjece di materie. Tal ûltin o viodês un schelet di fil di fiar pront a ricevi le cjarte incolade che a darà le forme definitive prime di sei piturade.Par ingrandî, fracait su le foto.

Per la mostra di Frida Kahló e del Greco, c'era anche questa mostra d'arte popolare messicana tutta fatta di cartapesta. E quella che mi ha attratto di più e per memorizzarla, mi son pagato un album di foto che vi propongo. Enjoy:-) A Bruxelles fino al 23 Aprile. Entrata gratis.
Come si fà il papier maché? (Letteralmente: carta masticata cioé cartapesta)
Ci vuole un supporto che generalmente si fa col fil di ferro. Si mette della carta nell'acqua e si aspetta che sia abbastanza bagnata per il lavoro che si deve fare. In questo caso, deve diventare abbastanza malleabile per piegarsi facilmente in tutte le direzioni. Pois si immerge nella colla liquida e si pone. Quando é secca si aggiunge un po di stucco e si leviga fino ad ottenere una buona finizione pronta per essere dipinta.Dopo la pittura, si aggiunge la vernice trasparente per dare l'effetto brillante o opaco.
Le forme in papier maché più conosciute sono i busti di sartoria che fino negli anni 70 erano fatti cosí. Adesso invece sono fatti in poliuretano o polistirolo e poi ricoperti di tessuto.Per ingrandire fate un clic sulla foto.

25 feb 2010

Dolçuts saudins / Dolcetti arabi


A son piçui come le ponte di un dêt ma a si an di mangjâ su le ponte dai pîts tant a son cjariâts di caloriis e pesants che forsit un café a nol baste par cinc di lôr. Coculis e pistacjos a dan un bon gust ma forsit a son fats cul vueli di palme ch'al bisugne smaltî cun alc di bagnât par digjerîju miôr. Chescj a vegnin de Arabie Saudite.


Piccoli come la punta delle dita, si mangiano in un boccone sulla punta dei piedi. Sapore di noci, nocciole, pistacchi e forse miele e olio di palma che richiede per la digestione un complemento liquido e per forza, si accompagna con un caffé. Vengono dall'Arabia Saudita.
Posted by Picasa

L'amôr dal Art

From Cimitero dei barconi. Le Guilvinec
Cinc pitôrs a vevin decidût di lâ trê setemanis a piturâ in Bretagne. Un di lôr al veve fat il viaç cu le so mule ma rivâts a Quimper a le veve tornade a mandâ indaûr parcé che lui al podeve piturâ dome prime di fâ l'amôr e cun jê al varès fat plui sès che art parcé ch'a jere masse biele. Alore vie, indaûr!
Jenfri l'amôr da l'art e l'art dal amôr, al veve sielzût. E pó, ducj chei âltris a jerin cence feminis. Vie!
Daspó, ducj i albergos a jeris plens e al scuignive durmí in te machigne. Vie!
Ogni sere al lave di front dal ocean, al si sierave in machigne, al sbassave il schenâl, al vierzeve un tinin lis balconetis e al s'indurmidive cjalant lis stelis pensant ae ûltime vôlte ch'al veve fat l'amôr cuintri chel mûr cu le so mule,prime di metile sul tren a vaî di bessole.
Ogni buinore al si sveave cul sorêli tai vôi, il rumôr des ondis tes vorêlis e l'odôr des alghis a pene rivadis sui claps jenfri il mâr e le strade. Dopo vêsi distirât e ridistirât a i bastave dome lâ vie in te âghe a glaçâsi le bocje da ridi ch'a i vignive di fâ pensant ch'al veve vût furtune che i albergos a sedin plens e pó si glaçave il cuarp par no pensâ ae contentece de so mule se a ves viodût le sô voe matinâl che cucave fûr des mudandis.
In chê gnot al veve plovût e al veve scuignût sierâ ben i finistrins des puartis e dal tet e al si jere sveât cul odôr de trementine e dal vueli di lin doprâts cui colôrs dal sô ultin cuâdri che nol jere ancjemó sut. Nuie abluzions, al veve di viodi ce ch'al veve fat le sere prime. I pareve che al fos stât piturât da cualchidun âltri. Cemût erial pussibil che al sedi rivât a jessi un spadacin dal pinel? Lui, che al veve simpri pôre di ferî le tele, cemût erial rivât a finî il combatiment in trê oris? Le lûs, le sere a gambiave ogni cuart d'ore e al jere obleât di movisi prime ch'al vegnedi gnot. Eco cemût.
Ma d'in chê dí al veve scomençât a crodi che forsit, cuissà, al stave forsit deventant un maestri e dí dopo dí al tornave a scomençâ par viodi se jere vere. Altris cuâdris a jerin nassûts e muarts cun âltris mulis e âltris amôrs e âltris pitôrs a di lunc dai agns ma chel cuâdri a lu veve simpri cun se parcé che a nol veve mai volût vendilu. Se mai une dí, al cjatarà che mule a i al darà a jê.Sigûr.

23 feb 2010

Comugnars, contecurtârs, furlanârs

I comugnârs a son chei che a scrivin su La comugne (Atents, int serie eh?Ma nue pôre, dome une vôlte o dôs ad an:-))
I contecurtârs a son chei che scrivin su Contecurte dôs o trê vôltis par setemane (O scuen stâ atent di no disi monadis:-)
I furlanârs a son chei che a sfurlanin un pôc di dut cence complès ogni dí (Achi a no si sta atents par nuie)


Le comugne a é chê comunitât che a sta drenti chiste riviste di 50 pagjinis di 21x21cm di Kappavu.it che o viodês achi e aé finanziade dal Arlef. I nons dai comugnârs a stan ancje drenti di contecurte e duncje al sucêt ancje il contrari ma chest a nol ûl dî che ce che a si lei di une bande a si scuen tornâ a leilu di chê âltre. Insomis, se un al scrîf une comugnade a a nol é dite che nol puès scrivi ancje une contecurte e le furlanade a ven spontanee.

Tal ûltin numar o ai scuviert une biele comugnade:

Lis ricetis fatis in viers da Piervigji Visintin, muart tal 2008.
Vé achi une da provâ prime de vierte.
A si fâs in tun cuart d'ore
Cjapait prime un salam che par 4 personis al scuen fâ 300gr.
Taiait a rudielis e meteitlis a rosolâ cun 30gr di spongje o di vueli,mieze civole une sedon di azêt e un coput di brût. Pronts?
Al scomence cussí:

Tae fine le civole
Cu le spongje a rosolâ
Met daspó te caçarole
Il salam taiât al va
A rudielis che a an di sei
No tant finis. Lasse cuei
Pôcs minûts dispès zirant
Il Salam, l'azêt cumó
Doi minûts ancje zontant
Il coput di brût, daspó
puarte in taule di buride
cun polente ben rustide
Cumó o podês viodi ancje il filmut e cussí, cuant ch'o ven a cjatâus o savês ce ch'o vês di fâ:-)
I comugnari sarebbero gli scrittori della Comugne (Attenti, gente seria, eh?)
I storiellisti sarebbero quelli che scrivono storie corte su Contecurte (Meglio non dire cazzate:-)
I friulanari sarebbero quelli come me che scrivono qualsiasi cosa senza complessi (E senza troppo pensarrci sù)
La Comugne sarebbe quella comunità che scrive in questa rivista di 50 pagine di 21x21cm e che vedete nella foto della casa editrice Kappavu Certi nomi dei comugnari si trovano anche su Contecurte ma non tutti ed appunto succede anche il contrario. Ma questo non vuol dire che uno che scrive una comugnata non puó scrivere una storiellata e per forza, la friulanata nasce spontanea.
L'ultima comugnata é una ricetta scritta in versi di una specialità culinaria friulana.
Autore Pierluigi Visintin. Non traduco perché sarebbe come guardare il video senza i versi.
Psssst:RIVIGNANO
Presentazione della Comugne
Venerdì 26 febbraio alle 21 nell’ex osteria "Alle piramidi", serata a cura di Pietro Cantarutti di nuova letteratura e musica friulana e presentazione della rivista "la Comugne"

22 feb 2010

Rimis pe canae / Rime per bambini



Il Barbe In Americhe
O ai un barbe in Americhe
Ma mi an dite: Lui no lu sà
Bisugnarès ch'o i scrivi che
al à un nevôt aca
E cussí me cusine
A mi mandarà ben
Un mandi in cjartuline
E jó o sarai content
Coro: E cussí to cusine
A ti mandarà ben
Un mandi in cjartuline
E tu sarâs content

Jó o ai gno cusin ch'al é argjentin
E forsit ancje un cordovan
A mi an dite ch'al é braurin
A fevelâ furlan
Alore jó o ai d'imparâ
A cjacarâ spagnûl
E cussí o larai alà
E lui achi in Friûl
Coro: Si che tu varès d'imparâ
A cjacarâ ben il spagnûl
E tant che tu sarâs alà
Al vegnarà in Friûl

Jó o ai ne agne in Messico
Maridade cun tun aztec
Si voi alà al mi à dite ch'o
I ai di puartâ un muset
E biecemai un valizot
Di rôbe di achi
E di no fâ il dismenteot
Se no mi plâs a mi
Coro: E puartii vie un valizot
Di rôbe di achi
E no sta fâ 'l dismenteot
Cemût ch'a cji plâs a ti

Jó ai un barbe no sai indulà
A mi lu à dite me nône
Che se jó o prei le madone
Je...A s'impensarà
Ch'al sêti chel ch'al é partît
Par no lâ sot de nâe?
Jó no sai ce che Naje al ûl dî
E nancje indulà ch'al é
Coro:E s'al fos chel ch'al è partît
Tu no tu sâs ce che naie al ûl dî
E nancje dulà ch'al é.

Il gno barbe di Gnove York
Ami an dite di lâ a cjatâ
Ma alà al é dur un ingorc
E jó no ai voe di lâ
E po 'l barbe in Americhe
Lu ai cjatât achi
E al mi baste di disi che
Lui al mi plâs a mi
Coro: Ma sí che le Americhe
par te a jé achi
No tu âs bisugne di disi che
Ti plâs miôr stâ achi


Jaio Furlanâr

Udinadis / Udinate

Abituât aes grandis sitâts, che âltre dí o rivavi a Udin aes dîs di buinore e al mi someave di rivâ in tune vile di province; se a jere le ore di ponte a jere da un piès finide parcé che dut al jere scorevul. Alore chescj discorsons su le sitât di Udin indulà, joissus, a morin 50 personis ad an cu l'incuinament ,al mi à fat ridi.
O ai ne biele simpatie pal rimpinadôr parcé ch'al mi ricuarde lis mês rimpinadis fatis e no fatis come a vuâltris forsit us tire alc tal cjâf viodint ne frice menâ il culut in tun filmut o un zuiadôr menâ il balon in tun cjamput.ma, o crôt, che un grum di nô a si lassin menâ a spass cence masse pensâ indulà che a laran a finî. Alore  o ai scuignût subite meti un tic di petrolio sul fuc par tignîlu impiât. Cualsiasei al sedi il vuestri parê, lait a disilu da lui e saludait il rimpinadôr par me. Il sogjet al é di mode.

Abituato alle grandi città, l'altro giorno arrivavo a Udine in macchina alle dieci del mattino e mi sembrava di arrivare in una cittadina di provincia dove, se era l'ora di punta, era da un bel pó finita perché il traffico era scorrevolissimo. Allora i discorsoni trovati sull'inquinamento della città mi hanno fatto ridere.Ho molta simpatia per l'alpinista perché mi ricorda le vette concuistate e non conquistate come a voi un culetto femminile ondeggiante vi  dà alla testa o  un paio di gambe che corre dietro una palla vi fa salire la tensione ma credo che ci si faccia troppo facilmente condurre dai discorsi fatti dai raccattapalle. Dunque, ho messo subito un pó di petrolio sul fuoco per non lasciarlo spegnere. Qualsiasi sia il vostro parere, andatelo a dire da lui. Salutetelo per me

21 feb 2010

Buine Fieste / Buon compleanno

Nissun al à di domandâial trós che a 'n d'à ma ducj e an da auguraial. Lait svuelt da da Done Bete che forsit e à dismenteât che doman a fâs i agns:-)
Nessuno glielo deve chiedere quanti ne fa domani ma dovete tutti andare  ad augurare buon compleanno a Done Bete che forse l'ha dimenticato.
From Vasi per casi

19 feb 2010

Le nestre furtune / La nostra fortuna

La mê biele, in Arabie Saudite  a scuen lâ ator vistide di arabe par no fâsi meti in prison,  a mi conte che alà, al é obligatori di fermâsi di lavorâ par preâ cinc vôltis in dí. Sa tu sês in tun negozi o in tun ufizi, dut al si ferme e il funzionari o le persone di front di te a sparís e tu scuens spietâ da 20 minûts a un'ore che a torni. Se i plevans di achi, cuant che a son di presse a tirin une messe in tun cuart d'ore, praticamentri, alà, le int comun a pree quatri vôltis di plui che un prêdi di achi.E guai a no fâlu. A tu riscjis di fâcji bastonâ de polizie al mutawa che a sarès le polizie religjôse. Imagjinaiso se , lis cjampanis a si metessin a sunâ da un paîs a chel âltri cinc vôltis in dí in tune valade cjargnele?
Al sarès un casin.E cuissà ce miserie.
Nuie di strani che i svizars a vedin dite vonde ai minarêts.Lôr no an petrolio par vivi cence lavorâ.
Cemût si puedial crodi che organizâ le societât tal stès mût che 1700 agns indaûr a sedi le uniche maniêre di vivi?
Ma cumó ch'o ai il libri La fabriche dai prêdis di Toni Beline e ch'o viôt cemût ch'al jere da nô cincuante agns indaûr, o mi dîs ch'o vin furtune di vê fat in 50 agns plui progrès che in 500 agns e no sin compagn dai nestris pâris. Di sigûr che alc al sussist ancjemó sinó le setemane passade o no varès viodût a Udin chel camion de basse cun tune grande foto di padre Pio di mieç metro cuadrât come puarte furtune.


Se una delle nostre donne và in Arabia Saudita, arrivando all'aeroporto deve comperarsi una abaya nera abbastanza larga per somigliare ad un sacco di patate ambulante, altrimenti rischia di farsi bastonare dalla polizia religiosa al mutawa.Poi, meglio che si accomodi delle usanze locali se vuole uscire dal paese sana e salva. Come quasi tutti gli occidenali, per poter godere dei 30 gradi che ci sono là quando da noi c'é la neve, vive in un borgo isolato (Compound), fortificato e sorvegliato giorno e notte da vigili armati per impedire i fanatici di commettere atti di terrorismo.Al ristorante, non riderà vedendo le vicine arabe infilarsi la forchetta sotto il velo per mangiare e non farà foto senza rischio di farsi aggredire o avere altre complicazioni. Se si trova in un ristorante, un negozio, una amministrazione o al lavoro, durante la preghiera, non si stupirà di vedere che tutto si ferma per ben cinque volte al giorno per una durata che và da 20 minuti a un'ora.
Tornando a casa non si stupirà se i nostri preti, una volta fatta la loro messuola in venti minuti, sono tranquilli per il resto della giornata.Ma leggendo il libro di Antonio Bellina sulle usanze che c'erano da noi negli anni 50, si puó dire che siamo fortunati che non sia ancora cosí. 
Fortuna anche che il papa finga la condanna dei pedofili irlandesi senza accettare le loro demissioni e senza dare alcuna punizione. Altrimenti si potrebbe continuare a credere che lui non si sbaglia mai.

18 feb 2010

Piervigji Cjapiel / Pierluigi Cappello


A si lu sint pardut ma no si lu viôt in nió.
Al à di sei che lis sôs peraulis a van ator plui di lui. Ma par furtune o vin il Web e chiste vôlte lui ai cjatât su youtube a ancje achi . E achi
Il friulano più poeta del suo tempo é arrivato come un vino novello già maturo,come un beaujolais che sà di tocai e che se non si beve subito non si sà com'era ma solo come sarà.
Guardate anche la sua opinione sui versi
poetici nelle interviste (Il terzo a sinistra)
O per conoscerlo meglio andate qua.

17 feb 2010

Le marcje tal sanc / La marca nel sangue


No us isal mai rivât di muardi une pome e daspó cualchi mastiade di cjatâ in te bocje un masteot di plastiche?
O no vevis viodût le marcje incolade su le pome?
Prime a si lave a mangjâ lis pomis sot o su l'arbul. Daspó o sin lâts a stâ in sitât e lis pomis al bisugnave lâ a comprâlis. Alore, i produtôrs e an scomençât a meti il lôr non su le cassete.
Daspó, a involuçavin ogni pome come s'al fos un regalon. Cumó invezit a incolin le lôr mierdute di etichete su ogni pome. Doman, a lis metaran ancje in tes sepis drenti de pome e daspó doman, ancje tal DNA. O lis vin bielzà tal sanc!

Non vi é mai successo di mordere con golosità della frutta e poi sputare disgustati quanto avevate in bocca?  Non avevate visto l'etichetta del produttore?
Dov'é quel tempo in cui si andava a mangiar la frutta sotto l'albero o magari anche sull'albero? Da quando abbiamo emigrato nelle città, la frutta la si trovava dal fruttivendolo ed i produttori mettevano il loro nome solo sulle casse. Qualche volta, la frutta era imballata come un articolo regalo ma mai come adesso con un'etichetta in ogni singolo frutto.
Se continua cosí, ci metteranno la marca anche nei semi e poi nel DNA. Ce l'abbiamo già nel sangue.

16 feb 2010

Rimis pai fruts / Rime per bambini

IL MICI
Il mici al duar indulà ch'al à voe
Insom dal armâr o sù tun cussin
A pene che i ven o a pene che i poe
Il mici al duar ancje intun cassetin

 Al mici a i plâs di zuiâ cu le nône
A i salte tal grimp e a i fâs di dut
Parcé ch'al sà ben che le nône a i perdone
E ancje se gugje al zue cul glimuç (Bis)

 Al mici no i và di mangjâ le verdure
Le nône a i dîs : Lasse stâ chei ucei
E sa tu âs voe di fâ ne braure
Viôt di chê surîs lí platade in tal zei

Al mici no i plâs sa tu i tiris le code
O ben al cji sofle o ben al cji dà
Une patafade a i và simpri di mode
La code dal mici no si à di tirâ (Bis)

Par fâcji un amí e sta ben cun tun mici
Ti baste fâi une cjarece
Ator dal copin lui al à 'ne fissece
Cjarecilu là e al sarà il to amí (Bis)

 Jaio Furlanar



 UN PAS A DOI
Ma chiste vôlte o soi jó cho meni
Un pàs a doi
Ti vierç il pàs sa tu lu fâs cun me

 Un pàs a la furlane
Un pas a la cjargnele
Tant che la vite aé biele
Che và e che ven

 Un pàs a pàs cun lore
E l timp chal svuale vie
Un pàs in companie
Par vê un sosten

 Un pas a doi
Un pas di plui in tal biloi de vite
Un pàs a doi
par un mateç un pàs e mieç parom

Un pàs come une vôlte
E sentimentalmentri
Un pàs o doi ma simpri
A bracèt cussí

Un pàs di voe di vivi
Un pàs par fâcji ridi
Un pàs ancje par nuje
Se mai cji ven voe di vaî...

 Un pàs a mi
Un pàs a ti e no pensâ a nuâltri
Un pît achi,
un pît aí, a al và ben cussí

Po un biel lânt a scuele
E unaltri dopo vore
E chel par no vê pôre
di vê di sudâ

Un passepuart da vivi
Magari a cuintri voe
Ma simpri fuart da disi
Cho vevin di fâ

Un pas in dí
Par lâ e vignî ben plan o ben di presse
Un pas da fâ
 cussí e culà ma fâlu pardabon

Un pas da fâ a pueste
Par fâ vignî le voe
O fâ passâ le ploe
tai dîs di marum


E al passarà a le svelte
Il pàs a doi de vite
Ma biel come une gjite
 Di fâ In tal gno  paradîs

 Jaio Furlanar

Le friulade a é finide / Friulata finita


Friulade e tornade. As 6 di buinore viodint sbrissâ ancje i ucei, o mi domandavi sa si varès podût decolâ.
Aes vot, cjalâ il mont dal âlt al é come lâ ai baracons.A si puedarès ancje stâ cence il viaç pai bêçs che si spint.Daspó a é dure di tornâ tal frêt ma a valeve le pene di riscjâ cu l'avion invezit dal tren.

Anche gli uccelli scivolavano arrivando a terra. L'aereo, avrebbe potuto prendere il volo? L'ha preso!
Poi, per aterrare a Treviso, niente problemi, non c'era neve. Triste ritorno ma valeva la pena di rischiare con l'aereo invece del treno.

15 feb 2010

Il vagon blù

From Il vagon blù
O soi rivât lí cun Done Bete graziis al Furlan che nus vuidave par telefonin (Graziis Stiefin, no cji ai nancje ringraziât parcé ch'o crodevi che tu fossis tal vagon). Lis contis a jerin recitadis, lôr a disin leudis o letis, ma a jerin interpretadis da Raf Serafin e da Checo Tam in tune maniêre un grum espressive, anzit, cjapâts de lôr interpretazion, a lavin forsit masse di presse. Cussí, il sindic di Remanzàs, al é restât su le sô fan cuant ch'al à savût che il vagon blù al sierave.
Par furtune, Pauli Roiatti , a pene che si lave fûr dal so vagon blù al nus faseve entrâ te sô calorôse cusine e al é lí che le ostarie leterarie e à continuât. Francjamentri, i assints e an simpri tuart di no sei presints.

A Remanzacco, c'é un vagone blù perso per caso in un giardino vicino alla stazione ed é lí che certi giovedí ci si ritrova per ascoltare le ultime "Contecurte " scritte in friulano dai frequentatori dell'osteria letteraria. Succede anche che per quelli arrivati in ritardo o ancora affamati, lche a serata finisca nella cucina accanto dove Paolo Roiatti incita a continuare a bere lettere e mangiare frasi con vino e salame e nuovi amici.

14 feb 2010

Valentins e valentinis buine fieste Valentini e Valentine buona festa


Amancul une dí ad ant, un tic di otimisma nol fâs mâl. Buine fiete ai murôs di dutis les etâts.
Lasciamo da parte i problemi  con un po' di giovialità.
Ma se proprio ci tenete ecco un Vincenzo Della Mea :

San Valentino
Dopo aver camminato sulle punte
deodorati attendendo il nostro turno
ci lasceremo scegliere le rose
in numero esclusivamente dispari
osando evadere forse il colore
o forse va bene il rosso, ha ragione
la signora lucida come il cellofan
con forbici e disprezzo sopra il banco

10 feb 2010

Tintinadis / Tintin tintinnato


La Nini a no veve passât l'esam e a no lu veve dite ni a sô mâri ni sô pâri. Ma sô mâri a lu saveve e a veve domandât al Tintin di imprestâ i bêz ae fie par podê passâ un secont esam. La Nini a veve acetât e par furtune a lu veve passât. Ma sul moment a jere restade sorprêse parcé che il Tintin, a nol faseve mai regâi a di nissun  e a si jere fissade chê di tornâi i bêçs a pene pussibil.
Naturalmenti chei bês, il Tintin ju veve ricevûts di nascuindon de mari. Par chel al jere cussí gjenerôs, La Nini a no varès mai pensât, ma a pene che il Tintin a i veve domandât di lâ fûr cun lui, a veve capît e a i veve tornât subite i soi becins. Il Tintin alore al varès vût di tornâiu ae mâri ma al veve decidût di tignîsai par sé e di dî ae Mâri ch'a iu veve dâts ae Nini, pal jutori ch'al veve vût da jê pal so esam.Tant, a no podeve lâ a controlâ cence tradîsi.
Passât l'esam, Le Nini a si spôsave cul  so plui grant amîc e 'l Tintin ch'al cirive tal so armarón cemût viestîsi par lâ al matrimoni al jere colât in tun pachet ch'al veve mitût da bande cualchi ant prime cence vierzilu .
Ce inderial drenti? Ah si, une di chês golarinis di miarde che a lui a no i plasin e che nol metarà mai di mai e ch'al veve ricevût da cualchi mone pe sô fieste.
- Ostie, dissal, vé achi il regâl ch'o fasarai a lui.Cussí no ai nuje da comprâ e lis rôsis par jê o lis cjolarai tal zardin di mê agne...E op, tintine e tintone ju tintini ben jó! E vie lui.
Un mês dopo, pe sô fieste, a cene dai soi gjenitôrs che, al ricêf, un regâl. Ancjemó une di chês golarinis di miarde che a lui no i plasin e che nol metarà mai, ma mai di mai!
A le veve mitude da bande zence nancje dî grazie . Tant, i parints a son mones e no coventin di sei ringraziâts. Daspò, rivât in te sô cjamare, al veve dât une voglade e al veve cirût di lassâ il non di diu de a bande par no zontâlu al non di anemâl ch'al veve sot de lenghe.
No jerie simpri chê golarine di miarde ch'al veve ricevût doi agns prime?


Alla Nini, l'esame non era riuscito e non voleva dirlo ai suoi genitori.
Ma la sua mamma l'aveva saputo ed aveva incaricato in segreto Tintin di prestarle i soldi per rifare l'esame. Nini aveva accettato volentieri e per fortuna questa volta aveva passato l'esame. Poi, sapendo che Tintin non faceva mai regali a nessuno, gli aveva chiesto di aspettare qualche giorno che glieli avrebbe tornati ma quando Tintin le aveva chiesto di uscire con lui, aveva  capito subito ed aveva tornato i soldi a Tintin. Ma lui, invece di renderli disse alla mamma,  che li aveva regalati alla Nini in cambio dell'aiuto avuto per il suo proprio esame. Naturalmente, né la mamma né la Nini non ne parlarono e Tintin, non ancora soddisfatto, malgrado tutto nutriva ancora qualche speranza non sapendo che la Nini, finito l'esame si sposava con un'altro coetaneo.
Ed ecco che per andare al matrimonio non sapendo come vestirsi si trova davanti al guardaroba e cade su un pacchetto che aveva messo da parte due anni prima. Che cosa c'era dentro? Ah si, una di quelle cravatte di merda che lui non metterà mai e che qualche fesso
gli aveva regalato. Poi:
- Ma guarda che bello, disse, ecco qua il regalo che faró a lui e in quanto a lei, basteranno i fiori che prenderó nel giardino di mia zia.
Un mese dopo, per il suo compleanno, a cena coi suoi, riceve un pacchetto in regalo. Ah si, ancora una di quelle cravatte di merda che lui non metterà mai, ma mai di mai, disse in se mettendo il pacchetto da parte senza aprirlo e senza ringraziare. Tanto, i parenti sono tutti sciocchi e non occorre ringraziare.
Arrivato in camera si azzarda lostesso a dare un'occhiata e  strozza la voglia di aggiungere quel nome di animale che ha sulla punta della lingua col nome di dio.
No era ancora quella cravatta di merda ricevuta due anni prima?





9 feb 2010

Le rôse di Fevrâr / La rosa di Febbraio

Lui a lis fâs dutis. Al tae, al comede, al ramende e al fâs dut in silenzio.Ansit, guai a chel ch'al cjacare. A lu fâs butâ fûr. Ancje chê zovine infermiêre che a jere a pene jentrade in te sale di operazion e a pene che a veve viodût chê panse vierte cui bugjiei di fûr, a i jere girât il cjâf e a jere colade in bas. A si impense ancjemó che prime di pierdi cognossince a veve sintût il chirurgo ordenâ ch'a lu tirin vie dai pîs. Po a veve capît plui tart che par lui, jê a no jere che un cuarp come ducj chei âltris. 
Daspó d'in chê di, tropis pansis viertis, sbusadis, taiadis e cusidis vevie vidût? Miârs.
A fuarce di assistilu, il chirurgo al jere deventât il so om e cumó a jerin deventâts la plui biele scuâdre dal ospedâl.
Cussí a fasevin dutis lis operazions mancul chês tal cûr. Chês a nol à mai volût provâ.
In chê di, a i veve a pene passât il bisturi 2  e il 4 che cence inacuarzisi, a jere rivade al fîl e ae gusele  e finalmenti tant ch'a cjalave le cusidure ch'al vignive di fâ, voltant une plee, une rôse a i ere apparide jenfri il vert dal tissût e la piel dal pazient..Cemût vevial podût metile lí cence che jê a si inacuarzi?
A si jerin voltâts ducj e doi, lui par lâ vie e jê par pojâ l'ûltim imprest cu le rôse.
A i restave dome di udâlu a svistîsi. Gjavâi i guants, le mascarine, le scufe e viodi che sot dal camice in chê dí di fevrâr a nol veve nissun âltri vistît.
.

Lui le fa tutte. Taglia, ripara, rammenda e fa tutto in silenzio. Anzi, guai a colui che parla. Lo fa buttar fuori.Anche quell'infermiera che il primo giorno era svenuta vedendo per la prima volta quella pancia aperta con le budella di fuori. 
-Tiratemelo via dai piedi. aveva detto.
L'infermiera se lo doeva ricordare per sempre. Per lui, lei non era altro che un corpo come gli altri.
Poi poco a poco, lei si era abituata. Quante pancie aperte, bucate, vuotate e riempite prima di essere ricucite aveva visto? Migliaia. A forza di assisterlo, il chirurgo era diventato suo marito ed insieme formavano la miglior squadra dell'ospedale. Loro accettavano tutte le operazioni salvo quell e del cuore.Quelle no aveva mai voluto provarle.
In quel giorno gli aveva appena passato il bisturi N°2 ed il 4 che senza accorgersene si trovavano già alla fine dell'operazione con l'ago ed il filo e mentre lui cuciva, lei, si chiedeva cosa fosse quella pretuberanza che si vedeva tra il tessuto verde che copriva il paziente e il suo corpo.Scoprí una rosa. Come era riuscito a metterla lí senza che se ne accorgesse? Senza una parola, la prese con le pinze che aveva in mano e si voltó per deporla con gli utensili. Non le rimaneva che poco da fare prima di aiutarlo a svestirsi, togliergli i guanti, la mascherina, la cuffia e scoprire che sotto il camice, quel giorno di febbraio lui non aveva altri vestiti.  



8 feb 2010

E nô tal mieç / E noi nel mezzo


Savêso ce ch'al é un andamês?
Bo, o disarês. E o vês rason, il bo a é une lenghe che veve 65000 agns e che a jere cjacarade in tes isulis di Andaman tor de Indie. Le ûltime femine andamêse che cognosseve chiste lenghe
(te foto)a si é a pene studade e bielzà i linguiscj a tachin a lamentâsi che e an mancjade le ocasion di studiâ chiste lenghe. So vês chê di sei l'ûltin dai furlans a cjacarâ furlan, moveitsi a imparâle che cussí cualchidun us fasarà un articul in tun blog achi di qualchi disine di agns.
Se po o vês chê di fâ une rivoluzion o podês lâ a cirî l'ispirazion lí dai fantats che a fasin le promozion dai bascos.
Di sigûr a no san che in dîs agns, 840 personis inocentis che no vevin nuie di viodi cu lis lôr rivendicazions a son stadis copadis di bant. 
Di sigûr a no san che chiste setemane e an cjatât une tonelade e mieze di esplosîf in tune vile fitade da doi bascos in Portogal.
E a laran duncje a sostignî i bascos a Triest.

Sapete che cos'é un andamese?
Bo, direte...Ed avete ragione, il bo é una lingua che dopo 65.000 anni é sparita cun l'ultima abitante Boa Sr che si é spenta la settimana scorsa. I linguisti di ogni genere si sono subito pentiti di non aver potuto studiare la lingua bo ma ormai é troppo tardi. Chissà cosa sarà dell'italiano? Se già
si parla solo quando non si parla un dialetto o una lingua locale e che si parla sempre di più l'inglese, saremo presto i Boa Sr d'Europa. E se facessimo invece come i baschi? 840 morti in dieci anni forse sono già troppi ma con tutti i morti che ci sono alla TV ogni giorno, non sono niente, vero? Comunque,adesso che una tonellata e mezza di esplosivo é stata trovata dalla polizia in Portogallo, di sicuro che non faranno più attentati...Allora, andiamo a Trieste? 


7 feb 2010

Alenament ae taliane / Allenamento all'Italiana

 Chest video inglês al sarès une parodie dal alenament fat pai talians par podê vinci lis partidis. Isal esagjerât? In Belgjo invezit, il "made in Italy" al é rapresentât dai sindacaliscj, a 80%  talians e a son chei che no mancjin mai une setemane par organizâ un siopero soredut tal sud dal paîs. Naturalmentri, Berluscon al cîr di fâ il so pusibil par disi al mont che i talians a no son ducj compagns. Rivaraial?

Questo video fatto per Il Guardian di Londra ci dimostra come siano visti gli italiani dagli inglesi. Sarà esagerato? In Belgio, sopratutto al sud, il "made in Italy" sono gli organizzatori di scioperi che quasi ogni settimana  hanno sempre per capo dei sindacalisti di origine italiana. Berlusconi cerca di naturalmente di far vedere al mondo che gli italiani non sono tutti gli stessi. Ci riuscirà?

5 feb 2010

Libris o cotulis / Libri o gonne

A Parigji le librerie Brentano che vendeve dute le leteradure merecane dal 1895 in ca e à sierât par vie che il fit, da 75.000, al jere passât a 200.000 al mês.
Nancje par disdete, le librerie francês di New York che esisteve dal 1920a scuen sierâ pe stesse rason. Il fit di 360.000$ al passave a un milion.
Ancje a Milan le librerie francês fondade tal 1955 e siare par vie che il fit al triplicave.
Di sigûr come dapardut, al puest dai libris e vendanran vistîts o hamburgers firmâts ma nô o savin che aromai a si compre i libris su internet.
Le ûltime vôlte ch'o jeri a Udin par un vecjo,libri di poesie di Nardini o vevi paiât 38€ da Friulibris. Naturalmentri o vevi ricevût in omagjo un âltri librut insignificant ma come ch'o vevi comprât une disine di libris...
Po lu vevi viodût passâ su internet a 14€...
Da Friulibris no an voe di sei su internet parcé che forsit le concurince a é masse fuarte. Tant che o spieti che il fit al triplichi ancje a Udin, mi contenti de piçule librerie Kappa vu che vent su internet come une grande.
Daspó o viodarin se e an avonde libris par vie che no nd'é avonde letôrs.


Con la crisi, si poteva credere che gli affitti fossero calati, ma invece é successo il contrario.Non solo sono aumentati ma sono andati alle stelle. Questo, sia in Europa che in America. L'ho scoperto cercando libri su internet. A Parigi, av. de l'Opera, la libreria americana Brentano chiude.
L'affitto passava da 75.000 a 200.000 al mese.
A New York, succede il contrario ma per la stessa ragione la Librairie Française chiude. L'affitto passava da 360.000 a un milione!
Anche a Milano la Librairie Française chiude per via dell'affitto che triplica.Chi prenderà il suo posto? Un'altro Armani o un'altro mac Donald?
A parte il fatto che mi dispiace di vedere che queste librerie anche centenarie che se ne vanno, só che comunque l'offerta invece si allarga su internet dove si trova di tutto e di più. Ho già trovato cosí una piccola casa di edizione friulana che vende direttamente su internet e so che ci sono anche autori che vendono direttamente i loro libri senza intermediari.Era già cosí per i musicisti e i cantanti. Tutto ora dipende dalla richiesta. L'offerta c'é ma ci saranno abbastanza lettori o melomani?

4 feb 2010

Il misuradôr di energjie / Misuratore di energia elettrica.


O vês ducj un contadôr in cjase indulà che o podês viodi di bessôi trós Watts o chilowatts che o consumais ogni ore, ogni dí, ogni mês, no? O vês forsit bielzà viodût che ancje vie pal dí, cuant che dut in cjase al é studât, il contadôr al continue di zirâ. Al sarà forsit il frigorifero o cuissà cê âltri argagn, o disarês.
Par savê miôr, cumó o vês il contadôr di eletricitât. Cjapait par esempli il micro ondis ch'al é simpri ch'al vée par daus le posibilitât di doprâlu a ogni moment. Tirait vie le spine e meteitle in te prêse dal contadôr. Po meteit le spine dal contadôr in te prêse dal mûr. O viodês subite che il micro ondis al continue di consumâ 4 watts e forsit ancje di plui. Faseit il cont di tropis oris ch'o vês bisugne par rivâ a vê un chilowatore. Dome dîs dîs (Dieci giorni). Risultât: 36Kwh ad'ant. Se po o veis trê computers simpri in vee, dôs TV, doi decoders, trê machinis da stampâ, une wifi, dôs hifi, trê spazolins eletrics, un rasôr e cuissà cê âltri vibratôr o rivais a moltiplicâ par dîs i 36kwh in tic e tac. Trop costial un chilowatore da vuâltris? Faseit il cont. Simpri avonde cjâr par no butâ vie i bêçs ancje tant ch'o stais a durmî. Rimedi: Comprâ un multiprêsis cul interutôr e meti dutis lis spinis dal computer, dal monitor, de stampadorie, de HiFi e de WIFI (Modem) insiemit e cuant che o lais a durmî o ju studais dôs vôltis. Le prime vôlte come ch'o vês simpri fat e le seconde o studais ancje il multiprêsis, sinó o scuignî tirâ vie le spine. Stesse robe tal bagno o in te cusine o tal sogjorno.
Daspó o podês dî ai verts ce che a varessin di fâ prime di vignî a fâus cagâ di colpevolece par vie dal riscjaldament climatic. Obleâ ducj i produtôrs e fabricants di argagns eletrics a meti un interutôr par podê studâ cuant che a no si dopre.


Avete tutti un contatore in casa che vi conta i chilowatt e con questo potete vedere voi stessi quanta energia adoperate ogni giorno, ogni settimana e ogni mese. Ma avete già provato a spegnere tutte le luci e tutti gli apparecchi elettrici e stando davanti al contatore avete notato che continua di registrare un consumo. Vi direte allora che é il frigorifero che s'é messo in moto oppure qualcosa d'altro. Qualcosa d'altro? Cosa potrebbe essere? Scopritelo voi stesso con un misuratore di energia elettrica. Fatevelo regalare perché ne val la pena (Costo sui 30 a 40€)
Ne ho appena ricevuto uno in regalo dalla mia compagnia elettrica. Adesso só che quando sono spenti, tutti gli elettrodomestici continuano di consumare qualche watt. Quanto?
Oh, direte voi, solo 3 o 6 w? No, anche di più. Quello che ho trovato più goloso arrivava a 31w allorché era spento!
Fatto il conto, con tre PC sempre in veglia e tutti gli altri gadget arrivate subito a 50 o 100W che ogni notte continuano di andare a finire nelle tasche dell'Enel. Cosí mentre dormite fi fate sui 750Kw all'anno in più. Poi se fate il conto col prezzo al Kw saprete quanto vi costa ogni anno.
Meglio allora misurare quanto vi costa il computer spento ma messo in veglia consuma ancora dai 3 a 11w, un micro onde 4w, un frigorifero spento fa 16w con la porta aperta ai 120W quando carica.
il router pedrl'ADSL, il router per il telefono che và in tutta la casa, le TV, il lettore CD, il...
Se poi contate che con le lampade a led potete avere con soli 3w l'equivalente di una lampada di 35w, vi rendete conto che dovete subito prendere delle misure drastiche per smezzare il consumo di elettricità.
Grazie di votare o lasciare un commento se ti é stato utile. Puoi farlo da anonimo senza registrarti e senza password.

2 feb 2010

Le Amburgherole spiçote / L'Hamburgherite acuta

Seont The Guardian, Berluscon al varès fat un pat cun Mc. Donald par americanizânus  cui hamburgers.
Il ministri de agriculture Zaia che o viodês in te foto al fâs fintramai le publicitât.L'idee a sarès di meti amancul mil Mac Donalds in Italie indulà che statisticamentri o in vin masse pôs.
Mac Donald speaks italian a dîs le publicitât. Ma nô o cjacarin furlan e nissun nus tocje, no mo? E se il Mac al crôt di vênus cjapât pal cûr alore nô lu cjapin pal cûl.
Cumó nus volarès dome un Mac Cjargne cun Renzo Tondo in grumâl e dopo il Mac tal ospedâl civîl, ancje il Mac tal simiteri.

.
Secondo il Guardian, Berlusconi avrebbe fatto un patto con Mc. Donald per americanizzarci con gli amburgers. Il ministro dell'agricoltura Zaia che vedete nella foto, ne fa perfino la pubblicità.
L'idea sarebbe di arrivare almeno a mille fast food perché in Italia, statisticamente siamo in ritardo sugli altri paesi. Ma la Mac non sà che noi mangiamo piuttosto in dialetto o in un'altra lingua che l'italiano e la sua presa per il cuore sembra più a una preasa per il culo.
Quale sarà la prossima mossa? Mc Vatican? Mc Roma? Mc Friûl?
A Londra c'é già il Mac negli ospedali, a quando il mac nei cimiteri?

Opera di Parigi


Sotto il governo di Georges Pompidou, André Malraux, ministro della cultura, decise di spendere cualche milione per  dare ordini ai suoi amici pittori tra i quali Chagall che poi rifiutó di farsi pagare( Forse per le polemiche che aveva suscitato la sua pittura).
Comunque, mentre Pompidou faceva costruire l’orribile cubo di vetro chiamato centre Pompidou, dando a Renzo piano l’occasione di farsi una carriera, Malraux fece cosí ridipingere il soffitto dell’Opera da Marc Chagall. Sembra che’ il risultato sia ancora oggi contestato da tutti. 
Aspettiamo un nuovo presidente che lo faccia togliere per far vedere l’originale fatto nel 1874 dal pittore Lenepveu?
In ogni caso, tutto il resto dell’edificio continua sempre di attrarre. Sia per la sua architettura che per I suoi spettacoli.
Lo sapevate ?
-         Il padre di Jean-Paul Belmondo, é lo scultore che negli anni 60 restauró le sculture e rifece la scultura della Danza di Carpeau.
-         Sotto l’edificio, facendo le fondazioni arrivarono in un grande pozzo che poteva compromettere la costruzione ma fu deciso di mantenerlo perché non si poteva più cambiare di posto.L’architetto  Garnier, decise di fare un bacino di cemento armato e di costruirci sopra l’Opera. Sembra che ancora oggi si vada a fare i controlli delle fondazioni in barca e che l’acqua sia di buona qualità poiché ci sono dei pesci ed ipompieri, in caso d’incendio avranno acqua a volontà.
-   L'opera oggi non si chiama più Opera Nationale o Opera de Paris ma Opera Garnier
    Questo, da quando Mitterand ha fatto costruire l'opera Bastille.

Vedi anche il soffitto del Verdi di Trieste 

1 feb 2010

Immó un e po vonde / Ancora uno e poi basta

O ai cjapât un rafredôr di chei dal osti tal lâ drenti e fûr dal metro di Parigji. A nd'é moments indulà che a mi ven di starnudà, di tossi e di soflâ il nâs tals stès timp e cussí al finís cun tun pedeot:-) Pardon Mesdames.
 In veretât, le voe di starnudâ a é predominant  ma no rivi simpri a sberghelâ fûr. Mi consoli disint ch'al somee a chei moments indulà che a no si sà se si à da fermâsi par gjoldi subite o ben sa si scuen continuâ par gjoldi plui tart.Ancjemó un cestin di fazalets e po vonde! 

Nelle correnti d'aria del metro parigino mi son buscato un raffreddore del diavolo ma oggi non mi fermo di starnutrire. Anzi, non mi fermo di aver voglia di farlo perché alle volte non mi viene. Mi consolo dicendomi che la voglia sembra a quella che nei momenti intimi ti blocca o ti fa gridare secondo che vuoi far durare il piacere o il piacere sta già esplodendo.
Ho un cestino riempito di fazzoletti di carta. Sarà ora che lo svuoti.

Vôs di chel âltri mont / Voci d'oltretomba

Tal dicembar dal 1907 Les amis de l'Opera  di Parigji a vevin decidût di fâ une operazion particolâr: Meti de bande 48 discos cu lis vôs dai plui grancj cjantant de epoche. Par podê conservâ i discos par amancul cent agns, a vevin separât ogni disco in tune pignate di ram indulà che a vevin saldât il cuviercli par no lassâ entrâ l'aiar e po a vevin fat il vueit di aiar. Le pignate, a le vevin mitude in tune âltre pignate fate cul stès procediment e po a vevin mitût lis pignatis in tune stanzie fate in tes cantinis dal palaç dal Opera e a vevin sierât a clâf par cent agns.
Daspó cent agns, le puarte a é stade vierte e ae vierzidure des pignatis, dut al jere ben consevât.
Cussí, a si puedarà sintî cjantâ i tenôrs e i sopranos di cent agns fa a pene che il CD al saltarà fûr. No îse chiste une biele storie? Doman une âltre storie simpri sul stès puest.

Nel dicembre del 1907, Les Amis de l'Opera decisero di conservare i 48 dischi delle voci più conosciute dell'epoca nel campo della lirica in modo da poterle trasmettere alle altre generazion cento anni dopo. I dischi erano stati depositati in modo che non si tocchino uno l'altro in una pignatta di rame appositamente creata che una volta chiusa e sigillata, ne si estraeva l'aria e poi si introduceva in un'altro involucro più grande, del cuale si faceva il vuoto d'aria anche li. Per cento anni, la stanza nelle cantine dell'Opera fù chiusa ed é solo nel dicembre del 2007 che é stata aperta e, miracolo, tutto era intatto. Per gli appassionati, c'é ora il CD   che potete trovare sul Web. Domani un'altra storia sullo stesso posto.