I miei Video clips furlans

Loading...

31 mar 2010

Il canai udinês / Ragazzino udinese


Pe vuere 15-18, no dome Hemingway ma âltris merecans a jerin passâts des nestris bandis e jenfri dut, ancje un gjornâl dal Houston Post colât in tes mans di  un canai di Udin in mût che il fotograf de crôs rosse al puedi cjapâ le foto da mandâ in Americhe. Se chel udinês al é ancjemó vîf, a i fasarà forsit plasê di ricognossisi.

Trovato sul web: Ragazzino udinese fotografato dalla croce rossa americana nel 1921 in seguito alla prima guerra mondiale. Semmai riconoscete in lui un vostro antenato, fateglielo sapere.

30 mar 2010

Pomis e pulitiche / Frutta e politica

Le ùe a ven de Argjentine, lis granadillas a vegnin de Colombie, i kivis de Grecie, i fîcs secs a son turcs e il rest a é une produzion locâl. Grillo al peste parce che a no si dà le prioritât ai prodots locâi ma al sarès mone di privâsi des buinis rôbis par lâ daûr di lui. O preferís invezit pensâ che o judi le Grecie comprant cualchi butilie di vin, ulivis e Feta in plui dai kivis. Chiste vôlte a é le ore de ùe Argjentine e cussí o judi ancje chê, massime che di sigûr a é tirade sù dai furlans di là vie.
E lis granadillas? Po ben, o varès podût comprâ chês israelianis ma pal moment a no mi son masse simpatics. A é la mê maniêre di fâ politiche interne e politiche estare. Pal Friûl o mi riservi le setemane che a ven cuant ch'o sarai alà.



L'uva é argentina, le  granadillas sono colombiane, i kivi sono greci, i fichi secchi sono turchi ed il resto é di produzione locale.Grillo puó dire quello che vuole sulla necessità di dare la priorità alla produzione locale ma sarebbe sciocco di privarsi delle cose buone. Preferisco invece pensare che aiuto la Grecia, che ne ha bisogno, poi dó cualche spicciolo alla Turchia perché é sempre stata gelosa della Grecia, aiuto  la Colombia per niente piuttosto che aiutare Israele che  comunque non ha bisogno del mio aiuto per le granate, bombe o granadillas e finalmente questa settimana é l'ora dell'uva argentina che forse é coltivata da ex friulani.E la banana ? Puerto Rico. Cosí avete la mia politica interna e la mia politica estera. Per i prodotti friulani mi riservo la settimana prossima quando saró di nuovo sul posto.




29 mar 2010

Metro Mosca

O sintarês di sigûr cjacarâ des reazions dai rùs daspó dal atentât tal metro. Cule antene satelitâr, o ai a pene viodût Giulietto Chiesa contâ lis sôs impressions in inglês in diret di Moscje e cence vê nissune simpatie particolâr par lui o pensi come lui che nol é dite che le veretât a sedi chê chê ducj a crodin
...I atentâts a son sucedûts tes dôs stazions dongje dal ministeri dal interni e dal Kgb. Rôbis che a podaressin fâ pensâ che i teroriscj a volevin tocjâ di plui chei che a lavoravin lí ma cualchidun al pense ancje che al podarès sei organizât dal Kgb su ordint di Putin par fâ tasê chei che a reclamavin le sô demission tai dîs passâts.Sfortunatamentri infat, al é bielzà sucedût che un atentât al sedi stât organizât in tun condomini, pal KGB, par podé dâ le colpe ai teroriscj e menâ un’âltre vuere.Un tic come ch'al é sucedût a New York cu lis twin towers. Naturalmentri, i rùs, in te nervositât dal atentât, a se cjapin cun ducj chei che a an le piel plui scure e cualchidun si é fat pestâ pe strade.
Alore, ce sucedial ? Che cjapâ un taxi, vuê al coste 10 vôltis di plui…Parce che scuâsit ducj i tassiscj a Moscje a son dal Caucaso.

Sentirete di sicuro parlare degli attentati nel metro di Mosca di oggi. Anche se non sono e non saró mai comunista, sono sentimentalmente legato a sto paese che ho già visitato a più riprese.
Allora, come quando succedono delle grandi cose, apro la TV e siccome non mi fido di nessuno,
viaggio sui canali del mondo intero con l’antenna satellitare. Ho per esempio appena sentito Giulietto Chiesa, fare i suoi commenti in inglese sulla BBC. Nessuna simpatia mi lega a lui ma sono del suo parere quando dice che sotto gli attentati non c’é solo qualcosa che abbia da vedere agli affari interni del paese. Ascoltando il suo parere vedevo i filmati di Russia Today, dove facevano vedere alcune video sull’attentato e anche alcune reazioni « nervose » di certi russi contro dei passanti che verosimilmente avevano solo i capelli e la pelle più scura e non erano né ceceni né caucasiani. Poi anche la reazione dei tassisti, che oggi fanno pagare il taxi anche dieci volte di più…Ma, si dice, la maggioranza degli autisti viene dal Caucaso…

Gambiament di ore / Si cambia l'ora

Inalore o vin gambiât di ore. Immó! Al é stât provât che chescj gambiaments di oris a perturbe i fruts e ancje cuâlchi adult. Daspó a no siervís a nuie parcé che le economie di energjie che si fâs di une bande a si sbilance da un'âltre. A mi, mi dà dome fastidi che a gambiin le ore di nascuindon a miezgnot invezit di ganbiâ a misdí.
 Mi plasarès vulintîr pensâ ch'o puedarès vê di gustâ dôs vôltis invezit di une in primevere e di vê une cene di mancul d'atom. Pal rest, o mi adâti avonde ben e vuâltris?

Allora abbiamo cambiato l'ora. Ancora. Sembra che questo perturbi i bambini ed anche molti adulti e che l'economia di energia é infima perché ció che si guadagna da una parte la si perde dall'altra. A mé, piacerebbe solo che l'ora non sia cambiata di nascosto a mezzanotte mentre dormo ma che sia cambiata in pieno giorno a mezzogiorno. Potrei cosí avere due pranzi in primavera e saltar la cena in autunno. Per il resto mi adatto abbastanza bene. E voi?

26 mar 2010

Tina Modotti e Ugo Pellis




Le cjarte da scrivi dal Pellis a jere claramenti chê di un fascist. Il so indiriz al jere stampât sot di un logo fat da un triangli cul ritrat dal duce e le scrite : O lâ o rompi. Cheste apartignince forsit a lu à fat dismenteâ par cualchi disine di agns dopo de vuere, prime che le sô opare a sedi stade tirade fûr dal dismenteadôr. O lu dîs parcé che tal stès timp che il Pellis, une furlane, Tina Modotti , cence scuelis e cence jutoris e faseve pressoché le stesse strade che il Pellis e parcé che jere comuniste a é stade mitude tal dismenteadôr ancje jê. Il biel al é che ducj i doi e davin un grum d'impuartance ai imprescj e i costums dai contadins. Viodint lis fotos di lui e di jê, a si puedarès dî che a jerin fradis e sûr. Come il Pellis, la Modotti a cognosseve un grum di lenghis ma jê lis veve imparadis cence lâ a scuele: Inglês, spagnûl, todesc, talian, rùs e furlan ju veve imparâts sul puèst cu le int. Al contrari dal Pellis, jê a jere deventade comuniste. E al contrari dal Pellis, jê a no voleve siervî nissun al di fûr de int che a fotografave. Dal 1923 la Modotti a veve imparât a fâ lis fotos cun Edward Weston in Americhe e a jere deventade famôse bielzà come lui cuant che tal 1930, deventade comuniste, e à scuignût lassâ il Messico. Pal stès motîf, a no podeve plui ni tornâ a Los Angeles cul so passepuart merecan ni  tornâ in Friûl cul so passepuart talian, ni lâ di nissune bande che in Russie e alà, diu nus vuardi, ce fotos podevie fâ cun Stalin? Le so cariêre di fotografe a veve durât pôc plui che 7 agns ma ancjemó vuê , so cirîs sul web o cjatarês cent vôltis plui Modotti che Pellis. Par chest, o mi domandi il parcé che no si le tire fûr ancje jê dal dismenteadôr furlan indulà che a é stade mitude. Al dí di vuê, tant il fascism che il comunism a  no an plui nissun sens. Parcé il Pellis e no la Modotti?

Chi sôre, un libri furlan e un libri inglês scrits da doi amiradôrs de Modotti. Mick Jagger al à comprât i dirits di fâ un film sul libri di Margaret Hooks. Madonna a si é bielzà prenotade e a volarès fâ le Modotti. No si sà cui che al fasarà il film.(PS: Graziis a chê cjargnele che mi à mandât il libri de Modotti par talian sôre nuie:-)
No us dîs il non dal autôr furlan che al à mitût insiemit lis fotos e po al à fondât il " comitât "Modotti parcé che no sai se al esist veramentri (Cuant chi i ai scrit, dutcâs a nol mi à rispuindût) e forsit al é muart.


La carta da scrivere del Pellis aveva, sopra l'indirizzo, stampato un logo col ritratto di Mussolini dentro un triangolo e la scritta in friulano: O lâ o rompi (O la và o la spacca). Per questo, credo, dopo la fine della guerra é stato messo in un dimenticatoio e la sua opera é stata pubblicata solo recentement. Dico cosí, perché negli anni 20 quando incominció a fare il fotografo, incominció nello stesso tempo un'altra friulana: Tina Modotti. Il bello é che lui fascista e lei comunista, fecero pressoché le stesse foto. Lui in Italia, lei in Messico. Lui, gli agricoltori e montanari e lei i poveri ed i campesinos. Falci e martelli dalle due parti ma se per lui erano solo degli atrezzi, per lei erano dei simboli e comunque, non avrebbe  tagliato fuori la persona di destra (Nella foto) per incuadrare solo il caminetto.Sebbene la sua carriera di fotografa abbia durato solo 7 anni, a trentatrè anni, la Modotti era già conosciuta nel mondo dell'arte fotografica del sud e del nord America ed ancora oggi, su internet per un Pellis, si trovano cento siti su Tina Modotti. Il comunismo essendo finito come il fascismo, non sarebbe ora di tirar fuori anche la Modotti dal dimenticatoio friulano?
Qua sopra, due libri. Uno in italiano ed uno in inglese scritti da due suoi ammiratori. Quello di Margaret Hooks é il più conosciuto perché é venduto in tutto il mondo. Mick Jaegher ha comperato i diritti per farne un film. Madonna vorrebbe fare assolutamente la Modotti ma non si sa ancora chi sarà il regista.
Non vi dico il nome dell'autore del libro in italiano perché se non é già morto da un pezzo per me é come se lo fosse poiché se non degna rispondere alle lettere che gli si scrive non vale la pena di esser considerato più di quel tanto e le foto del suo libro si trovano tutte nel web.
Altro post sulla Modotti.
Un CD di Jazz dedicato a Tina Modotti
Ancora un articolo su di lei 

25 mar 2010

Ugo Pellis

Lis fotos e le storie dal Pellis o podês viodilis ancje achi tal sito de Filologjiche . O ai contât che dal 1924 al 1943, a nol à fat plui di setante fotos par an. Pecjât che in chê vôlte il digjitâl a nol esisteve al varès podût fâ amancul cent in dí e cuissà vuê ce patrimoni che a si varès! Dutcâs ce che al nus à lassât a nol é mâl stant al fat che i fotografos di chei timps a vevin alc altri da fâ che fotografâ i contadins. Lis fotos a son soredut fatis par mostrâ i costums, i imprescj e il mût di vivi dai contadins. Achi te so foto, al tae le persone sentade a diestre par fâ stâ drenti le sporte picjade tal mûr ae çampe ma se somee une robe da mats par un fotografo, al nus mostre amancul il fogolâr in tal mieç. Bisugne dî che il so compit al jere di ilustrâ cu lis fotos le mape des lenghis e dai dialets talians ch'al jere rivât a otignî di fâ dae universitât di Torin. Come ch'al veve fat i studis in Austrie e al jere professôr di liceu al cognosseve avonde lis lenghis e al é stât avonde brâf par fâ 750 cartelis completis dai 1000 paîs ch'al si jere fissât di fâ ator des regjons talianis.Ven a stâi 3 cartelis al mês che forsit come me o cjatarês avonde pôcjis.
Savint che Mussolini a i veve dât ancje ne Balilla a gratis par lâ ator pa l'Italie, o ai contât che al à fat su par jù 3 intervistis al mês e achi o rivin a l'aspiet dit sientific indulà che une cartele a jere fate cu le foto e i conotâts dal informatôr (Le persone sielzude) e lis sôs rispuestis aes domandis di voltâ tal dialet locâl par une cincuantine di peraulis che lui al notave doprant le sô grafie personâl. Grafie personâl?
Si, difat, seben che di sigûr al cognosseve il dizionari Pirona , il so furlan al jere avonde strani. Ch'al sedi stât par fâsi miôr capî dai forescj? Dutcâs si note che ancje tai dialets le sô scriture no jere taliane ma todescje e ducj i CH a deventavin K e pai acents al doprave i acents cecoslovacs come plui tart al à fat il Nazzi. Ma il plui strani a son chês peraulis cu lis vocâls lungjis indulà che da simpri a si met l'acent circonflès ma che lui invezit al virevoltave e cussí lis peraulis come seglâr a lis scriveve seglàăr. Inutil dî che chestis complicazions, al dí di vuê, a no valin plui nuie e il so lavôr di linguist, al siervís dome al linguist ch'al ûl complicâsi le vite a cirî ce che il Pellis al voleve dî.
Cui trê libris o ai scuâsit dutis lis fotos plui impuartants dal Pellis. O crôt.
Di fat, ae prime cjalade si disarès che le sielte a no é stade fate cun cure scartant lis fotos che a son doplis e chês ch'a son motis e duncje fuscadis. Ma di sigûr, invezit, le cuistion a jere di meti lis miôr che a vevin e duncjie, o crôt, che il rest des fotos a no sedin interessantis.Invezit, par chês che a son sôre esponudis e duncje masse scuris, no capís parcé che no si vedi fat une corezion digitâl che al dí di vuê ancje cun tun program a gratis un canai di 8 agns al oten cun tun clic.
Invezit pes cuviertinis chiste vôlte al é stât fat ae grande. Un al à il non di Ugo Pellis intaiât e un'âltri al à une part (Le scune) brilant sule pagjine opache.
Doman, o compari Pellis a Modotti.  


Chi volesse saperne di più sulle foto e la biografia del Pellis, li trova nel sito della Filologica Friulana.Sarà un pó più difficile che sfogliare le pagine del web che quelle dei miei tre libri ed avrete una orribile scritta in sottofondo per ogni foto ma almeno potete avere un'idea.
Il valore sopratutto storico delle foto, ci fanno vedere l'Italia rurale che và dagli anni 20 agli anni 40. Il Pellis, ha avuto la fortuna di poter dedicare 17 anni a percorrere l'Italia grazie ai fondi dell'università di Torino e alla Balilla ricevuta da Mussolini stesso. Tutte le mille e cento foto nei miei libri non ci sono ma una buona parte di questo Napoleone fotografo che pensava di fare un atlante delle lingue e dialetti italiani. L'università di Torino sta editando dei grossissimi volumi con tutti i dettagli raccolti da Pellis e da altri dopo di lui. Appena andró a Torino vi faccio un riassunto:-) Nel frattempo, riassumo i miei tre libri: Un raccolto di foto di luoghi, persone e costumi di un'altro tempo. Quello che colpisce di più é l'estrema povertà che c'era. Per poco, ci si direbbe in un paese sottosviluppato e arretrato. Alcune foto sono certo offuscate per via che il Pellis non era veramente un fotografo professionale, ma altre sono davvero ben riuscite. Altre invece, dove mette in scena gli atrezzi fanno pensare, per contrasto, alle foto fatte negli stessi anni da Tina Modotti in Messico.
Passo oltre alle presentazioni del Pellis fatte dalle personalità di servizio che sembrano scritte più per straparlare che per farsi capire. Si vanta il fotografo, certo, ma anche il linguista e lo scienzato.
Per il linguista, non so a chi servirà la grafia che aveva scielto di utilizzare e che era ispirata più dai suoi studi in tedesco che da quelli in italiano. Mettere una K invece di un CH, certo che semplifica e vediamo che anche oggi, gli studenti fanno la stessa cosa per scrivere sui blog, invece per tutte le vocali lunghe del friulano come in seglâr dove si usa semplicemente un accento circonflesso come in francese, il Pellis scriveva seglàăr (Secchiaio) e via di seguito anche per altri suoni nelle consonanti.Per il fotografo, se si pensa che aveva incominciato il suo lavoro facendo dei disegni, si capisce che il suo intento era solo di illustrare meglio e perció proseguí con la fotografia senza pensare molto all'aspetto artistico e come qua, taglia fuori la persona a destra per far vedere un pezzo di parete anonimo a sinistra. Rimane comunque un'opera interessante. Certo, con le possibilità di oggi, fare 1000 foto in 17 anni sembra poco poiché fa all'incirca tre interviste al mese ma se volete avere un'idea di come fosse la vita per i vostri nonni, é già qualcosa. Altro post correlato Ugo Pelli e Tina Modotti.

24 mar 2010

Ugo Pellis


Posted by Picasa Mi soi paiât trê Pellis in tun colp. Cuant che si é curiôs, tant al vâl sei curiôs par trê:-) Par une vôlte no ai nuie da dî su lis cuviertinis furlanis ancje se no son lis miôr che o vedi viodudis. Des primis cjaladis, o scuen dî ch'o ai fat un afâr a filologjicâmi seno o varès paiât i libris 30% di plui.Bielzà viodint le foto cu le scune a si dîs che o vin furtune di no sei plui come che a jerin i nestris nônos dome 60 agns indaûr.
Il rest us al dîs doman. Maman!

Mi son pagato tre Pellis in una volta. Quando si é curiosi, tanto vale esserlo per tre, no? Per una volta, non ho niente da dire sulle copertine dei libri friulani anche se queste non sono le migliori che io abbia visto. Dopo le prime occhiate all'interno, devo dire che ho fatto un'affare a filologicarmi (Iscrivermi come socio alla società filologica friulana) altrimenti avrei pagato i libri 30% in più. Vedendo la foto con la culla ci si puó già dire che abbiamo fortuna di non essere come i nostri nonni erano solo una sessantina d'anni fà.
Approfondimenti per domani.Ciao

23 mar 2010

Serade al Verdi di Trieste / Serata al Verdi



Eugene Scribe al jere tal so timp il plui popolâr dai scritôrs e ancje il plui prolific. No come Alxandre Dumas ch'al faseve scivi i soi libris da Auguste Maquet, Scribe al scriveve di bessôl un pôc di dut. Donizetti lu veve cognossût cuant che, scjampât vie disgustât da Napoli par vie che i vevin censurât une opare, al jere lât a Parigji. Va ben, il cjant par francês, us disarai, a nol sune ben come par talian massime achi tal Elisir cuant che al rive le cjançon de Furtive Lâgrime che par me a vâl plui che dut il rest de opare.Achi si viôt che Scribe a nol centre plui nuie.Lis peraulis a son scritis in te vecjie maniêre e a si scuen cjapâlis come che a son.Scribe al à scrit il libret cul gust de sô epoche e il tradutôr talian al à fat compagn. Forsit par chel, a no 'nd ere nissun zovin in te platee e ancjemó mancul tes galeriis.Dome vecjos e vecjis impeliçadis che cuant che a aplaudivin a scuignivin stâ atentis di no pierdi un bijou e cuant che a cridavin bravo di no pierdi i dincj.
Lis peraulis o le storie che jé daûr a siervissin dome par fâ valê le musiche.Le storie a é avonde sempliç inveszit lis peraulis a son simpri fatis par mostrâ le sapience dal autôr, aumentâ le dramacitât e disinlu clâr: Par lâ daûr de musiche e no il contrari. E al é ben cussí.
Cussí il regjistre al à crodût bon di dâ ai personagjos un colôr felinian zontant un Zampanó e ne Gjelsomine e cualchi âltri personagjo ch'o podês scuargi chi e là. Dutis lis fotos a son stadis fatis cence flash e par chel a son un tic motis. Par savê dal program, al varès di sei immó on line ancje se il 20 a jere le ûltime sere. Par sintî le "furtive" lait achi. 

Eugène Scribe, era nel suo tempo, il più popolare degli scrittori francesi ed anche il più prolifico. Non come Dumas che scrisse quasi tutto con la mano dei sui "negri" tra i quali Auguste Maquet.
Donizetti, anche lui molto prolifico, doveva assolutamente incontrare Scribe. Questo accadde quando Napoli fece scappar via Donizzetti censurandogli un'opera.Per me, la lingua francese non é fatta per l'opera. I suoi suoni nasali non suonano bene nelle note lunghe che la lirica spinge ad utilizzare. Anche l'espressione, viene ridotta e per fortuna, anche se la creazione é stata fatta in francese, oggi, credo, si scielga sempre la versione in italiano. Certo, le parole hanno sempre quella voglia di drammatizzare della lirica ed é forse per questo che in inglese, ancora oggi, per dire le parole delle canzoni si dice Lyrics. Ma il gusto é cambiato. Le frasi senza melodia che per l'opera si continua a cantare, nei musicals, diventano dei dialoghi come al cinema ma come si farebbe in un teatro senza i microfoni? Appunto, nel teatro lirico non ci sono microfoni ed é per questo che, anche se non si apprezza la musica, si puo sempre apprezzare le performances degli interpreti. Che questo sia lo stesso per tutti, non é di sicuro vero. Al Verdi di Trieste, lo spettacolo incomincia all'entrata con le donne impellicciate e decorate d'orificeria varia. La moda di andar all'opera in jeans non arriverà mai a Trieste e forse mai in Italia.Beninteso, niente giovani nel pubblico o solo per far piacere ai nonni. Gli applausi si devono fare e si appalude secondo il numero di braccialetti ai polsi, più forte per farli tintinnare e meno forte se si ha paura di perderli.
Si grida bravo ma non troppo per paura di perdere la dentiera o di sembrare troppo maleducato.
La scena sembra decorata per una festa nel teatrino della scuola lementare ma per quello che no ci capisce niente, si dice che questo é il minimalismo.I costumi sono fatti in casa e l'idea di aggiungere dei personaggi tirati fuori dai film di Fellini era l'unica originalità.Veni, vidi,vici e via.
Nell'insieme era meglio che a Parigi il mese scorso.Sentite qua .Alla prossima.
Leggi anche il post  sull'Opera de Paris 

22 mar 2010

Arte Laguna & Canvas Collection



Il titul di Arte Laguna al é stât mâl sielzût pe impuartance dal concors internazionâl di art contemporanee.A Vignêsie fint martis 23 Març a 'nd é une selezion di 100 sculturis, 100 pituris e 100 fotos selezionadis jenfri plui di 5500 artiscj vignûts da 90 paîs. Al valeve veramenti la pene di visitâle. A si à il stès plasê che in tun museu dome che achi a si à un riasunt di ce ch'al sucêt tal mont dal Art di vuê.Us met chês che mi an tirât tal vôli.
O jeri là ae vierzidure. Par rivâ, al é avonde dificil di cjatâ, massime che al é pôc indicât, ma al vâl le pene di fâ il sfuarç di cjatâ le strade. Se no s'ês rivâts a Vignêsie, dutcâs, o vês ancjemó le pusibilitât di lâ a viodi le mostre in 10 âltris sitâts talianis e in vincj âltris sitâts europeanis e par savê di plui lait tal sito. Le formule a somee buine avonde par sei copiade tal 2008 dae TV belghe  che a jé daûr a organizâ il secont concors clamât Canvas Collection .Li, invezit dome  260 artiscj belgas a saran selezionâts sù 6700 partecipants.Ma l'iscrizion a é gratuide. A sarà par chiste estât a Bruxelles. Altris fotos achi 

La mostra  é praticamente nascosta dietro l'arsenale e l'entrata é visibile solo dalla laguna. Si accede via una passarella di un km che scorre lungo gli alti muri di mattoni.Bisogna veramente volerlo per trovarla e forse per questo, a una settimana dalla chiusura,che i visitatori erano solo 3000. Gli organizzatori sono soddisfatti ma mi sembra che per una mostra simile, si doveva far di più.
Ammettiamo pure che poi, la mostra andrà in giro per l'Europa ed avrà di sicuro più successo.
Il concetto é sempre quello: Invitare gli artisti a partecipare pagando una quota per ogni opera.
Con più di 5.500 partecipanti, si arriva cosí sui 300.000€ con i quali si danno i premi, si fanno i cataloghi e si paga la giuria ed il personale. Le altre mostre, sono poi organizzate dagli interessati sia pubblici che privati. Sembra che la formula sia piaciuta perché é già stata copiata dal 2008 In Belgio, infatti, c'é il concorso Canvas Collection che é in corso ed é organizzata dalla televisione. Appuntamento a quest'estate per la mostra a Bruxelles.Solo 250 artisti belgi ma selezionati fra 6700 partecipanti.Iscrizione gratuita.Altre foto qua 

21 mar 2010

L'Udin insolit / Udine insolito

Tornant fûr de galerie di art moderne di Udin o ai viodût chest arbul lassât tal mieç de strade. Testemoniance che le fantesie cualchi vôlte a rive a vinci le burocrazie .
Posted by Picasa Uscendo dal museo d'arte moderna di Udine (Che vi raccomando di visitare) ho visto questo albero in mezzo alla strada . M'é sembrato una bella testimonianza di buon gusto.

20 mar 2010

Rimis pai fruts / Rime per i bambini

Il malsigûr

A no tu sâs cê dî
A no tu sâs cê fâ
A no tu sâs cemût
A no tu sâs dulà
A no tu sâs mai nuie

A no tu sâs se vê
A no tu sâs se dâ
A no tu sâs ce bon
A no tu sâs ce biel
S'a tu lu savaressis
Ma se tu tu disis dome ce che al ti ven
Al somee come se tu no tu sâs cê dî
Se a no tu puès decidi cê ch'a ti sta ben
Viôt che sa tu fâs cussí tu larâs a finî
Par deventâ dome mestri in indecision
                          …A tu varès di cirî di sei plui sigûr!

Sù,no sta fâ cussí
A no tu sâs dî nó
A no tu sâs dî sí
S'a no tu sâs cumó
No tu savarâs mai

Sa no tu sâs cun cui
A no tu stâs cun jê
A no tu stâs cun lui
E no tu sâs parcê
Ch'à si à di fâ di plui
Ma se tu tu disis dome ce che al ti ven
Al somee come se tu no tu sâs cê dî
Se a no tu puès decidi cê ch'a ti sta ben
Viôt che sa tu fâs cussí tu larâs a finî
Par deventâ dome mestri in indecision
                            ...A tu varès di cirî di sei plui sigûr!

A no tu sâs se lâ
O tu âs di restâ
No satu ch'al é brut
Di no savê ce fâ,
Di no savê ce sielzi?

A no tu sâs ce ben
Sa tu sâs ce ch'a 'nd é
Di fâ o ben no fâ
Di  dî o ben no dî
cuant che a ven le ore
Ma se tu tu disis dome ce che al ti ven
Al somee come se tu no tu sâs cê dî
Se a no tu puès decidi cê ch'a ti sta ben
Viôt che sa tu fâs cussí tu larâs a finî
Par deventâ dome mestri in indecision
                           ...A tu varès di cirî di sei plui sigûr!

19 mar 2010

Il guo, l'uçadôr / L'affilatore ambulante



I guos, o crodevi, a ierin sparîts ma o in dai cjatât un distès. Un vêr. Di Rêsie. A Udin.
Al veve une cuindisine di curtís da uçâ e al veve mitût le machine tal parchegjo dongje de stazion e il so argagn sot dal tet di un sgabuzin. Tant ch’al pedalave par fâ zirâ le muele, i ai domandât di fâ une foto. Vele achi.

L’affilatore, credevo non esistesse più ma ne ho trovato uno. Un vero. Della val Resia. A Udine. Aveva una quindicina di coltelli da affilare e la sua macchina si trovava nello stesso parcheggio vicino alla stazione. Con la sua falsa bici trasformata per far girar la mola sotto il tetto di uno sgabuzzino, mentre pedalava, gli ho fatto una fato. Eccovela.


Filologjicât / Filologica Friulana



Par 31€ mi soi fat socio dae filologjiche par vê dirit ai sconts sui libris e âltris rôbis (Jenfri dutis, ancje il dirit di paiâ 6 euros in plui parcé che o stoi tal forèst:-) Cussí o soi saltât fûr dal palaç di Vie Manin cun 15 chilos di plui.Un pôs ju ai comprâts e un pôs ju ai ricevûts in omagjo dae Samuela che, diu le sfulmini, a veve un pâr di cjâlcis su lis sôs lungjis gjambis che o varès comprât ancjemó 15 chilos par stâ lí a cjalâlis. Bon, cumó che o soi a 1000km di distance, o puès ancje dî che i libris a gratis, a son di spès libris che nissun probabilmentri a nol compre plui e so volês un libri di doi chilos sui ex-voto, us al mandi a gratis, parcé che no m'interesse masse di savê di plui su le ignorance e le ingenuitât dai furlans di une vôlte...amancul che chei di vuê a sêtin simpri compagns ?:-)





Per 31€ mi son fatto socio della società Filologica Friulana per avere uno sconto sui libri che pubblicano e le attività che organizzano.Sono cosí uscito dal palazzo Mantica con 15 chili in più di libri comperati e ricevuti in omaggio da Samuela alla quale avrei comperato ancora 15kg
per poter star li a guardare le sue calze ricamate sulle sue lunghe gambe:-)
Bene, ora che sono a 1000km di distanza i Kg in più mi interessano di meno perché son convinto che i libri in omaggio sono quelli che probabilmente più nessuno compera e se volete un libro di due Kg tutto illustrato di ex-voto ve lo mando gratis perché non m'interessa troppo di saperne di più sulla ingenuità e l'ignoranza dei friulani di una volta...Almenoché quelli di oggi siano rimasti sempre uguali :-)?



17 mar 2010

Svualâ / Volare

Lâ da un pont a chel âltri cul avion al é ancje meraveâsi dal spetacul che si viôt dal fignestrin. Dulà erial il Volaja? Dulà il Cjanin? Di sigûr sot dai nûi tant che si lave in sù tal cîl.
Daspó, le altitudin a jè masse âlte par viodi alc. Ancje cui binocui. Ma al vâl simpri le pene.

Andare da un punto ad un'altro con l'aereo é anche meravigliarsi dello spettacolo che si vede dal finestrino. Dov'era il Volaja? Dov'era il Canin? Di sicuro sotto le nuvole mentre si prendeva quota. Poi ad alta altitudine si vede poco. Anche con i binocoli.Ma ne vale sempre la pena.

16 mar 2010

Gastronomia a gastro economia



Aventuris gastronomichis o 'n vin vudis. Dal Napoletan di Udin al napoletan di Vignêsie.
Chel di Udin al jere dome un tic masse rumorôs cu le television impiade ducj a scuignivin cridâ par sintîsi. ma pal rest, al jere avonde potabil (Via Manin). Invezit chel di Vignêsie la
Conchiglia. No us al racomandi par nuie.
Pensait: O ordenais spiedins crodint di vê amancul trê ma o in vês dome un par 10€. S'al fos dome chel a nol é nuie ma impirâts cun riguart, juste cinc piçui tocuts di pès, cinc piculis bocjadis e nujâltri a part un cuart di vin a 11€.
O ordenais un risot e a us rive dome mieç par 15€. O ordenais ne salate e no us rive nuie.
Duncje, o spietais par viodi il cont.Velu achi: 101€. Tal cont ancje le salate che no vês vut
e, 6€ di cuvierts e...10,80€ di siervizi! Naturalmentri o fasarês un scandul ma tal ristorant o sarês di bessoî parcé che di sigûr ducj a lu savevin ch'a son lazerons mancul vualtris.
Ma par fortune che i venezians a no son ducj compagns. Il plui zenuin al é il ristorant Ai 40 Ladroni. Un non da fâ pôre. Se po o vês let in tune vuide che un dai prins proprietaris al jere un parint di Rasputine, cuant che o sês drenti, o fasarês forsit come che copie di inglês che si jerin jevâts par lâ vie  cuant che an sintût il camarir discuti di balon cul cogo. A crodevin che a si barufassin! Finalmentri a son restâts e da ce che o ai viodût, e an gjoldût tant che nô i sîs plats di cichetins (Achi on viodês 4) e il rombo cun dut ce ch'al và ben cun lui par 75€ in doi.L'indiriz lu viodês sul mûr. Chel âltri invezit o no us al doi che se veramenti o volês fâsus mâl.Ma o lu cjatais su internet.

Qualche avventura gastro-economica? Dal napoletano di via Manin di Udine
ci sono ritornato per via che alla chiusura, nel pomeriggio aveva accettato di servirci ancora un caffé. Abbastanza bene ma niente di straordinario. Buona la polentina per dessert composta da crema al limonde su una specie di panettone leggero. Poco raccomandabile per le orecchie sensibili perché c'é sempre la TV accesa con pubblicità compresa e per intendersi, il personale e la padrona devono sempre gridare.
Invece dal napoletano di Venezia tutto differente. Musica soffice tra il silenzio delle sedie vuote. Solo il cameriere, per farsi simpatico ti propone gli spiedini e poiché non ti propone nient'altro chiedi anche un'insalata e un risotto con frutti di mare.
Ecco lo spiedino. Uno solo con cinque pezzettini di pesce ben infilati per non farli cadere che si manda giù in esattamente cinque bocconi aspettando il riso. Uf, il mezzo riso, il riso amaro, il riso che ti lascia con la tua fame. Allora dai, consoliamoci con un dessert poiché l'insalata non arriva. Totale: 101€. Nel conto, anche l'insalata mai ricevuta. Errore? Se il ristorante fosse stato pieno, direi forse, ma eravamo solo in due e allora, visto le povere porzioni dei piatti e l'alto prezzo richiesto, si ha da fare di sicuro a dei professionisti
della fregatura.Evitate allora la Conchiglia ed andate invece à 20 minuti di là all'indirizzo scritto sul suo muro: Ai 40 Ladroni. Un nome da far paura e forse da non raccomandare per via che uno dei padroni dell'osteria, molti anni fa era parente con Rasputine!
Invece, no, qua tutto é buono e non c'é niente da buttar via, neanche il parlar franco e schietto del cameriere che prende in giro anche il bebé che piange nella sala vicina.
Si incomincia con una cichetteria e cioé un assortimento delle piccole cosette trovate al mercato del pesce al mattino. Sei piatti in tutto. Poi se vi rimane posto, prendete anche un rombo ai ferri e la bottiglia di vino sarà finita. Per 75€, uscirete col sorriso a smaltire il piacere avuto con la passeggiata tra le calli, i ponti, i canali e qualche turista perduto che lí al nord cerca un'uscita.


Tempieste a Triest / Tempesta a Trieste


Mi soi cjatât a Triest in plene tempieste. A si podeve a pene tignîsi impins sierant i vôi par no fâsi becâ de nêf glaçade che a ti rivave dintor a dute velocitât. Miôr ancje no riscjâ di lâ a sbati cun tun âltri pedon o cun tune âltre machine. Mai viodût une rôbe simil.

Mi son trovato a Trieste in piena tempesta. Il vento soffiava a più di 150km orari e ti gettava la neve ghiacciata negli occhi. Non ho resistito più di dieci minuti e son tornato sotto cieli più clementi. Piano piano per non andare a sbattere. Mai visto una cosa simile.

15 mar 2010

Pêrs argjentins / Pere argentine


 Da mé al rive dome il vin. Invezit al Benet di Ronchi a rivin ancje i pêrs. E ce pêrs! il plui grant al faseve sui 15cm. No stait a cirîlu. Lu ai mangjât jó:-)


La più grande pera era una pera argentina di 15cm. L'ho mangiata io uscendo dal Benet di Ronchi dei Legionari.
Posted by Picasa

14 mar 2010

Lis contis tal vagon blù / I racconti nel vagone blù

Il vagon al veve simpri il stès colôr ma daes 8.45 aes 11 di sere mi soi cjatât sentât tal so blù cence podê movimi par vie che il vagon al jere plen. Alore o ai fat dome lis fotos che o podevi fâ stant al gno puèst. Cence flash par no disturbâ.No ai podût cjapâ ducj ma so lais achi o viodaês di plui.
O varès volût cjapâ chel furlan che dongje di mé al mi interessave tant m'a dut tun colp al é sparît par lassâ il puest a cualchidun e no lu ai plui viodût. O varès volût cjapâ chê femine di cualchidun che a rimproverave ae mê  di no cjacarâ talian tant che jó o mi fasevi tirâ une foto da une âltre che mi faseve i compliments pe mê ûltime conte. Cun jê, ancje le fughe dal vagon. Fughe ae inglês indulà che nissun al salude e ducj a si ritirin come le âghe âlte cuant ch'a é di presse.Cussí us lassi dome cê ch'al reste. Pecjât. Mi varès ancje plasût fâ cuatri cjacaris e finî tes oris curtis dal dopo miezegnot parcé che lis contis o lis cognossevi ma o no cognossevi i autôrs. O disarai grazie ae representante dal comun pal jutori un'âltre vôlte. Il capo vagon, aromai deventât capo stazion cu le vere barete ricevude al someave content di vênus viodûts ma lancurôs di viodinus sparî. Si, parce che o soi lât vie ancje jó. Il plasê, lu vevi vût. Parcé volê di plui? Al somearès cussí. Ma no jé vere. No 'nd ai mai vonde:-)
I racconti nel vagone blu sono finiti. Giovedí ero a Remanzacco per conoscere gli autori. I loro racconti li conoscevo e a parte stringer lor la mano avrei voluto stringer cualche amicizia. Magari fare solo quattro chiacchere sullo scrivere o sul leggere o anche sul niente o il meno di niente ma farle. La serata era finita verso le 23. Bella serata con due chitarristi e un cantante spagnolo trovatisi lí durante una pausa.Mi sarebbe piaciuto continuare nelle quinte ma tutti gli attori, sono spariti con gli spettatori mentre mi ero fermato un momento col capo stazione, cioé, il padrone del vagone che per regalo aveva ricevuto il copricapo rosso.
Chissà? Forse avevano creduto che fossi sparito all'inglese senza dire niente. Cosí sono sparito anch'io.Sulla punta dei piedi. Vi lascio quello che rimane: Le foto prese dal mio posto e le altre in questo blog .

7 mar 2010

Vâs par câs / Vaso per caso

Vâs spice voe
Culchi fuee spiçote par tirâ a siment le voe di vê di plui pe fieste des feminis. Bon vot, bon dí, buine fieste e buine gnot:-) O si viodin ae fieste des mâris.
Qualche foglia aguzza per far venir la voglia di avere di più per la festa della donna. Buon otto,buon giorno, buona festa e buona notte. Ci vediamo alla festa delle mamme.

Fieste des feminis / Festa della donna



Buine fieste aes feminis, buine zornade, bon vot e bon numar di rôsis o di alcâltri pes mâris, pes fiis, pes sûrs e pes nônis, pes agnis e par dutis (ancje a mê madone).

Dal padre, dal figlio, dal nonno e dallo spirito santo: Buona festa donna! ... Anche da quel amico della madonna:-)

5 mar 2010

Walter Van Beirendonck



Pal salon de mode di Parigji al cirive manichins origjinâi. O i ai proponût di meti sui manichins lis mûsis dai siei modei che a sfilavin sul podio dôs vôltis in dí. L'idee a i é plasude e al à volût fâsi fâ il ritrat ancje lui. In te mode, un grum di vôltis a nol é plui une cuistion di gust ma une cuistion di origjinalitât. Pecjât dome che par tirâ le atenzion a si scuena fâ cualsiasei rôbe:-) Achi o podês viodi il maestri Walter Vanbeirendock che al é un dai capofile de mode belghe made in Antwerp (fate a Anversa). Di une bande i manichins di vincj ains indaûr fats da me e di chê âltre il so ritrat stampât su le copertine di un gjornâl di íar fat da lui par une serie di boi.

Per il salone della moda di Parigi, cercava dei manichini originali. Gli ho proposto dei manichini col viso stesso dei modelli che usava per le sfilate. L'idea gli era piaciuta e si é fatto fare il ritratto anche lui riscuotendo un bel successo. Ieri l'ho visto con la barba sulla copertina di un giornale e ve lo metto assieme ai ritratti dei manichini fatti due decine di anni fa. Si tratta del maestro Walter Vanbeirendock , capofila dei stilisti di Anversa, il capoluogo della moda belga che farà parte di una collezione di bolli emessi dalla Posta nazionale.

4 mar 2010

Fiêre dal libri / Fiera del libro a Bruxelles



Le fiêre dai libris a scomence vuê a Bruxelles e a é une des plui impuartantis d'Europe cun 70.000 visitadôrs in 5 dîs.
A si cjate tal vecjo palaç de duane che, viodêt vuâltris, al é stât fat su dae famee ben cognossude in Friûl e soredut a Duino: Thurn und Taxis che a bruxelles a é stade ribateade
Tour et Taxis. Ducj i editôrs plui impuartants d'europe e i scritôrs che van di mode a saran lí.
Ancje Dargaud e Kana che jenfri i 50 best sellers di l'an passât tai fumuts, an d'an placâts 16. Se o leéis o se o scrivêis, se o disegnais fumuts o publicais, al é di bon ton di fâ une scjampade. Al sarà viert fint lunis di sere. Si cjape l'aereo a Ronchi o ben a Trevîs o a Bergamo ma ancjemó miôr a Milan.

Si apre oggi la fiera del libro di Bruxelles che é una delle fiere più importanti d'Europa per certe edizioni come i fumetti. Ci saranno naturalmente i grandi dell'edizione e gli scrittori per fare "les dedicaces" rituali. Si prende l'aereo a Ronchi o Treviso, a Bergamo o Milano. Entrata 7€ fino a lunedí sera. Attesi 70.000 visitatori.

Il Cadel dal dí / La poesia di Vittorio Cadel





Dongja il foghêr

Indurmidida
Su la poltrona
A sta la nôna
Cu la corona
Sbrissada iù

Ma Pieri e Jacuma
In tun cjanton
Uví di scuindon
Cul comedon
E an ben ce dî

Il pâri al pencula
Sul cjavedâl
E al à il gjornâl
Sot un stivâl
Cul cûl in sù

E cidinuta
Una bussada
Dada o robada
A si fâs strada
Tra chei doi lí

Il nôno al clupa
Su na cjadrea
La mâri a vea
Ma a ospedea
ch'a na pos pi

Una strucada
Cença fâ mot
Un pissigot
A si dan sot
Par no...Durmî

Infin il mici
Ca 'nd à na fissa
Dut al s'ingrîsa
Su la cinîsa
Rodolât sù

Flour di bagaia!
Ma bon signour
A fan l'amoûr
E beâts lôur
Magari jó

Vittorio Cadel (1884-1917) aveva studiato alle Belle Arti di Firenze e si destinava ad una carriera molto promettente come pittore, senonché, richiamato alle armi per la prima guerra mondiale, divenne aviatore...
Chissà quante poesie e pitture aveva ancora in testa quando sparí nei cieli della Macedonia! Una di queste é quella di oggi che per l'occasione mi son divertito a cambiare il posto dei versi per vedere che il suo ritmo rimane anche quando i versi non sono al posto d'origine.Da pittore, aveva lo stesso ritmo con le pennellate e, dopo aver visto Delacroix a Parigi il mese scorso , per me  Cadel gli era superiore...A parte nella scielta dei soggetti che forse era dovuto alla mancanza di clienti in Friuli che a quei tempi era una delle zone più povere d'Europa mentre Parigi, era già una delle più ricche.Il risultato é che Delacroix si trova in tutti i musei e Cadel solo in quello di Udine.

Traduzione nell'ordine di origine.
Addormentata sulla poltrona sta la nonna con la corona a penzoloni
Il padre pencola sull'alare ed ha il giornale a rovescio sotto lo stivale
Il nonno sonnecchia su una sedia, la madre veglia ma sbadiglia da non farcela più
Perfino il gatto morto di sonno diventa grigio raggomitolato sulla cenere
Ma piero e Giacomina, in un'angolo, di nascosto, col gomito, trovano di cosa dire
E silenzioso, un bacio dato o rubato si fa strada tra quei due
Una stretta senza fiatare, si danno un pizzicotto...Per non dormire
Fior di canaglia! Ma buon dio, fanno l'amore e beati loro. Magari io

3 mar 2010

Le ocasion pierdude / L'occasione persa


Il Tintin al lave su le trentine, al si jere inamorât di chê mule ch'al veve viodût pitâ sot de ploe cu lis scarpis te man e i pîts in te roe dal tombin.Alore, savût in ce strade che a stave cemût fâ par tornâ a viodile?
Al bastave spietâ che a torni a scuele. Dae fin dal temporâl al prin dí di scuele al mancjave dome dôs setemanis. Al veve dome di spietâ in te machine che a rivi ae fermade dal bus e a pene che a le varès viodude al sarès aparût come par magjie e i varès proponût un passaç. Le varessie ricognossude? No riscjavial di fâsi ridi? Ma no, che come in chê dí sot de ploe ,a jere cun so sûr. Impussibil di sbaliâsi.
Cussí, dal mês di otûbar , par mostrâ che al jere serio al cjapave l'autobus cun jê ogni buinore par lâ e ogni sere par tornâ. Daspó al tornave indaûr a recuperâ le machine. Si, parce che jê a no lave ator cui oms in tes machinis.Piês, al lave ancje a messe ogni domenie parcé che a jere le uniche maniêre di viodile vie pal WE. Piês di piês a no si podeve e alore cuant che in che sere tornat da scuele, jê a i veve dât apontament a plui tart a nol olsave crodi.
-Mi racomandi, viôt di sei delicât cun jê, ch'a é ancjemó zovine. A i veve dite une so amie.
-...E cîr di stâ in front di jê cui toi vôi viers le lûs che cussí a viôt ce piei vôi celestins che tu âs. A veve zontât.
Une rôse platade sot dal capot, trê cjicolatins a forme di cûr in te sachete, une poesie cul disen di dôs mulis che zuiavin sot de ploe, e infin, profilaticamentri, al veve disinfetât i dincj e l'ucelin sot lis mudandis gnovis e al jere lât a spietâle tal cjanton de so strade. E a jere rivade! A lu veve cjapât pal braç come che mai di mai a veve fat e a lu veve menât vie in tune stradute che lui nancje al cognosseve. Alà a si jere fermade e lui a nol veve che da bussâle.Le rôse, i cjicolatins e le letare a podevin spietâ, lui al veve bisugne di un façolet. Cul frêt a i gotave il nâs. A nol podeve migo bussâle cussí, no? Si, une bussadute achi e une aí come che a si ûse fâ prime de bussadone al scuignive dâie e jê, a someave che a i vignis incuintri cu le piel ,come le cope di une gjate cuant che a spiete une cjarece. Tant ch'al cirive il façolet e ch'al bussaduçave al cjalave le lune jenfri i ramaçs che a i someave dî che a jere veramentri le serade ideâl par fâ l'amôr. Ma cemût suiâ chê gote?
Domandâi un façolet? Al iere masse romantic par fâ alc di simil. Al varès ruvinât dut.
Alore, tant che a le bussave daûr de vorêle stringintle cuintri di lui al passà il braç daûr di jê e cu le man al rivà a suiâ le gote di chê âltre bande cence che jê a si inacuarzi. E cumó le bussadone prime de palpade di tetis e di fâ montâ le temperature!
Ma nó, al gambiave di braç, di strete e di vorêle par lâ a suiâsi chê maledete gote di chê âltre bande. Suie a diestre e suie a çampe, a nol jere rivât nancje a tocjai ne tete che jê stiçade a lu veve plantât lí disint che a scuignive tornâ a cjase.
Tal indoman, in te machine, le sô amie sot di lui a no capive parcé che al jere cussí di presse.
Ma Tintin, ce âtu vuê? E le rôse poiade sul sedîl daûr a triculave, a triculave...


Tintin, friulano sulla trentina, si era innamorato di quella ragazza vista a sguazzare sotto la pioggia con le scarpe in mano ed i piedi nel torrente del tombino. Ma era riuscito a sapere solo il nome della via e l'unica cosa per poterla rivedere era di aspettare che torni a scuola. Tra la fine del temporale e l'inizio dei corsi mancavano solo due settimane. Si sarebbe messo ad aspettarla alla fermata dell'autobus e quando l'avrebbe vista arrivare, sarebbe apparso come per magia e l'avrebbe invitata a salire in macchina...Ma l'avrebbe riconosciuta? Non rischiava di farsi prendere in giro?
Ma no, alle 7,30 eccola che arriva con sua sorella. Come quel giorno sotto la pioggia. Impossibile sbagliarsi.
Cosí, dal mese di ottobre, prendeva l'autobus per poter star con lei almeno al mattino all'andata e la sera al ritorno. Poi ritornava indietro a prendere la macchina. Si perché lei era una ragazza seria e non andava in giro con gli uomini in macchina. Peggio, andava anche a messa ogni domenica, perché era l'unico modo di poterla vedere. Peggio di peggio non poteva succedere e quella sera d'inverno quando la lasció all'angolo della sua strada e che gli dette appuntamento a più tardi, non riusciva quasi a crederci.
- Guarda di stare attento con lei. E giovane e delicata. Vacci con garbo. Le aveva raccomandato una sua amica...E sta con gli occhi verso la luce perché veda bene i tuoi occhi blù.
Con una rosa nascosta sotto il cappotto, tre cioccolatini a forma di cuore in tasca e una poesia scritta sul disegno di due ragazze che giocavano coi piedi nudi nell'acqua del tombino l'aspettava all'angolo e all'ora giusta e...Lei arrivó. Lo prese per il braccio, come non aveva mai sperato facesse e lo portó in una stradina deserta che lui non aveva mai visto. Là si fermó e dunque, il primo bacio doveva succedere proprio lí, in quel momento, con la luna che sembrava sorridergli tra i rami di un albero. La rosa, i cioccolatini e la lettera potevano aspettare, lui aveva solo bisogno di un fazzoletto per asciugarsi quella goccia che col freddo cercava di cadere e che a malapena nascondeva tra le narici. Niente fazzoletti. Come fare? Chiederle un fazzoletto? Rischiava di rompere l'incantesimo.
Allora, come faceva in questi casi, decise di incominciare coi bacini preliminari che poi sono sempre seguiti dai bacioni lunghi e ingordi. Bastava vedere come il suo viso le veniva incontro. Sembrava alla testa di una gatta quando aspetta una carezza. L'idea poi gli venne spontanea. La stringeva contro di se le passava un braccio dietro per asciugarsi il naso con la mano mentre dall'altra parte le baciava il collo dietro l'orecchio. Già s'immaginava il bacio col quale la palpata di tette avrebbe fatto salire la temperatura e si congratulava con sé stesso di aver lavato i denti e l'uccellino in caso di, non si sà mai, ma... la goccia era di nuovo lí a rallentarlo, a impedirlo, a farsi ridere dalla luna che tra i rami sembrava pertanto dirle che era la serata ideale per un romantico come lui. Ma la partita non era ancora persa. Un'altro bacino dall'altra parte per non ingelosire nessuno lo poteva ancora dare ed ormai esperto nell'asciugarsi il naso alla svelta, per lui era un giochetto che poteva rifare. Ma asciuga a destra e poi a sinistra, il grande bacio non arrivó mai perché lei stizzita le disse che doveva tornare a casa e Tintin perse l'occasione.
L'indomani, una rosa deposta sul sedile posteriore sembrava scossa dal dondolare della macchina mentre la voce della sua amica un pó inquieta e un po compiaciuta gli chiedeva ridendo: Ma cosa ti succede oggi Tintin?



2 mar 2010

Peteçs / Pettegolezzi


A si và aes mostris dome par cognossi cuachi peteç in plui e tant che no vegnarês a viodi une des mês o scuignarês contentâsi dome dal blog:-) Ma pe mostre di Fride Kahlo, ce sao di plui che no savevi prime? Alore, cumó che o savês dut su Tina Modotti, o vês di savê che a é jê che e à iniziât le Fride al comunism e no dome. Cê ancjemó? Le Tine pe Fride a jere le femine ideâl: Libare, moderne, biele, indipendente e inteligjente. Alore, no dome a si jé fate amie ma a le à tirade fint tal jet. Chest, seont le storie, al sarès stât par vendicâsi dal so om Diego Rivera ch'al scjampave di spès cun cualchi soubrette e fintramai ancje cun so sûr e cu le Modotti stesse. Insome, dut un dôlç viavai indulà che da int inteligjente, a nol é parcé che a si và a fâ sès cun tun âltri che a no si puès volêsi bon.. La Frida e Diego a si son incuintrâts in cjase di Tina Modotti. L'indoman jê a é lade da lui par mostrâi lis sôs pituris e cualchi timp dopo, lui al divorziave par maridâsi cun Frida ancje se a vevin vincj centimetros e vincj agns di difarence, che jê a jere scuâsin invalide e lui plen di energjie. Oh, a si son ben divorziâts tal 39 ma subite rimaridâts tal cuarante. Ah si, jenfri ducj i amants e amantis di Frida, ancje Josephine Baker e Trotsky.




Si và alle mostre solo per conoscere cualche pettegolezzo supplementare e finché non vi inviteró a una delle mie, dovrete contentarvi di quello che trovate nel blog:-) Ma per la mostra di Frida Kahlo, cosa potrei dirvi che non sapevo prima? Adesso che sapete tutto su Tina Modotti, dovreste sapere anche che per Frida, Tina era la donna ideale alla qualce voleva somigliare di più perché all'epoca, poche donne erano indipendenti, belle e intelligenti nello stesso tempo. Allora diventarono amiche e anche di più poiché finirono per avere anche rapporti diciamo sensuali. La storia dice che la Frida, l'avrebbe fatto per vendicarsi delle scappatelle di suo marito Diego Rivera donnaiolo e pittore pieno di energia che quando voleva una donna bastava che gli chiedesse di posare per lui ed é cosí che anche la sorella Cristina di Frida e la Modotti stessa finirono in un quadro prima di finire nel letto. Insomma, tutto un dolce viavai. Frida e Diego si erano incontrati ad una serata in casa di Tina Modotti. E forse l'unica a non aver posato per lui prima di finire nel suo letto sposata. Certo che con venti cm di differenza in altezza e alla cinturra, i venti anni di differenza nell'età non potevano contare ed infatti rimasero insieme tutta la vita e se nel 39 divorziarono era solo per risposarsi subito dopo.Tra le altre relazioni intime di Frida Kahlo, anche Trotsky e Josephine Baker.

1 mar 2010

Tina Modotti a Bruxelles


Jenfri lis sculturis dai Maias e lis pituris di Frida Kahlo, in te mostre dal art popolâr messican ch'andé ('nd é) a Bruxelles fint al 23 di Avrîl, ancje cualchi foto de nestre Tine Modotti nazionâl achi descrite par une vuide ai visitadôrs.

Tra le sculture dei Maia e le pitture della Khalo, anche alcune foto di Tina Modotti la fotografa friulana che negli anni 20 era l'unica ad interessarsi al popolo messicano che a quel tempo  aveva 85% di analfabeti.