I miei Video clips furlans

Loading...

30 apr 2010

Un Paîs e 6000 Lenghis

Jenfri i furlans che difindin le marilenghe e chei talianizâts che iu cjolin pal cûl a si cjate culachivôlte cualchidun che invezit al ten cun lôr. Chiste vôlte o ai cjatât un blogarin francês che par miôr cjacarâ des lenghis minoritariis al à fat ancje un blog in talian e al é dal so blog chi ai cjapât chest grafic.
L'autorevolece doprade par scrivi, a mi é someade esemplâr e alore us invidi a lâ a dâ une cucade e saludâ Jean-Pierre Cavaillé o ben sintî lis sôs "Mescladis e cóps de gula"
Tra i dialetti e lingue parlati in Italia ce ne sarebbero 6000. Un vero patrimonio dell'umanità degno di figurare all'Unesco. Uno che ne parla bene e in italiano é Jean-Pierre Cavaillé (Pronuncia Cavaié) francese. Il grafico viene appunto dal suo blog ma é un'immagine che figurava sulla Repubblica del 2009. Interessati di sapere il punto di vista di un francese sulle lingue minoritarie in generale o su quelle italiane in particolare? Potete leggerlo in Italiano o in francese neis suoi "cóps de gula".
Mandi mandi e buine domenie.

29 apr 2010

Bati il cûl al fant / Giocare a briscola

Veso chê di bati il cûl al fant ?
Volete fare una briscola?

Questa é l'espressione friulana della settimana trovata qua. Se adesso volete sapere anche come forse si dirà domani invece andate qua.
Mandi

28 apr 2010

Reclame ae furlane? / Pubblicità alla friulana?

Vuê 28 avrîl il Teatro Nuovo di Udine mi manda il program dal mês di avrîl mai e giugn.
Se o capís ben, il program dal mês di lui o lu varai in avost o setembar cuant che al sarà scjadût:-) Ce brâfs chescj impiegâts! Si disarès propite che no san fâ di mancul di mostrâ che tant che si é paiâts distès, a nol covente lavorâ miôr di chel tant. Ch'al sedi par vie che i sussidis, lavore ben o mâl, a rivin distès?

Oggi 28 aprile il Teatro Nuovo di Udine mi manda il programma per il mese d'aprile che scade, assieme al programma del mese di maggio e giugno. Se capisco bene, riceveró il programma del mese di luglio quando sarà scaduto, ossia in agosto o settembre.
Che bravi questi impiegati! Si direbbe proprio che non sanno stare senza far vedere che quando si é pagati lo stesso, non c'é bisogno di lavorare più del necessario. Che sia perché i sussidi, che il lavoro sia fatto bene o male, arriveranno lo stesso?

Rôsis e Plantis / Fiori e piante

Immó cualchi foto su Les Floralies Gantoises .
Ancora cualche foto sulle "Floralies Gantoises"

26 apr 2010

Flôrs e floralies / Fiori e floralies gantoises

Plui dal 80% des azalees e dai rododendros vendûts in Europe a vegnin da Ghent, une citât a cent km da Bruxelles. Alore, da plui di cent agns,ogni cinc agns a fasin lis "Floralies", une mostre  dedeade in prinzipi a chest gjenar di flôrs ma finalmentri, ancje al rest di ce che si vent di plui dai floriscj. S'al fos une quistion di sorêli, in Italie a si varès di savê fâ di miôr, ma a jé une quistion di tecnologjie e di organizazion e cussí, ogni ant, par viodi ce che al sucêt di miôr tal mont dai flôrs e des plantis, o ben o voi a viodi lis serris dal re, o ben o voi a Lisse in Olande a viodi il festival dai tulipans, o ben achi al Flanders Expo di Ghent (Gand in francês), di sigûr il plui interessant di ducj. S'o lais di corse, us ûl amancul trê oris, sinó, o podês passâ drenti le zornade cence fâ come i olandês e puartâ i panins e il café cul termo parcé che o vês avonde ristorants te citât e in te fiêre. Al dure plui di une setemane ma ancje so lais a l'ultin dí, come me, il spetacul al é simpri garantît. Par chest o cjatarês int che a ven da dut il mont, ancje de Russie e dal Japon. Vuê dome flôrs, doman ancje plantis.


Più del 80% delle azalee e dei rododendri venduti in Europa, vengono da Gent (Ghent) una cittadina a cento km da Bruxelles e poiché questo dura da più di cento anni, non sarebbe eccezzionale se anche i rododendri che sfavillano nei bei giardini dell'Isolabella sul lago di Garda, non venissero da Ghent anche loro. Se fosse un affare di solo sole, in Italia si potrebbe fare molto meglio che nei paesi del nord, ma la questione dev'essere un'altra, di sicuro più tecnologica e organizzativa. Cosicché, se uno abita a Bruxelles, all'arrivo della primavera, o và a visitare le serre del ré, o và a Lisse a vedere il festival dei tulipani, o và a Ghent alle "Floralies gantoises". Se veramente ha il naso e gli occhi più sensibili, ogni WE va in un posto differente e se li fà tutti e tré. Ieri era l'ultimo giorno e dovevo assolutamente andarci perché questo giardino dura solo una decina di giorni e avviene solo ogni cinque anni.Prima l'ho fatto correndo in tre ore, per essere sicuro di avere abbastanza con le batterie della macchina fotografica, poi sono andato a pranzo e mi son goduto una bella passeggiata tra i profumi e i colori. Con me, gli ultimi visitatori di tutte le nazionalità tutti armati di camere per video e foto
e anche qualche olandese con i suoi panini ed il termo del caffé.

I bonbons dal lunis / Cubetti al gingembro

So vês chê di sveâ le bocje...Nuie di miôr che mastiâ un cubet di ginger par fâcji becâ le lenghe e sveâ il cjâf.

Se volete svegliar la testa, svegliate prima la bocca con qualche cubetto di gingembro.
Posted by Picasa

24 apr 2010

Le domenie buinore / La domenica mattina

Le Domenie Buinore

Un sorêli ch'al jeve
'Ne domenie buinore
'Ne cjampane ch'a sune
Par dî ch'a é l'ore

Une vôs: A no vastu?
Il café no lu vostu?
A tu âs di lâ vie
Te paneterie

A si sint in te basse
Un rumôr di canae
Une moto che passe
E un bobi ch'al bae

Il plevan zà al conte
Trope int ch'al à a messe
 Nondé plui di chê tante
E al sermonesse

 Vêso chê di danâsi?
No vês che di lâ fûr
Ma so vês di salvâsi
E us strice il cûr
Us promet dulinvie
Ch'o no vês da disdîsi
ma nol baste da disi°
Dome 'n ave marie

In te lôr cjamarute
Che nissun al si vôlti
Un murôs, une frute
No si fasin viodi

No impuartin lis vueris
O l' plevan ce ch'al dîs
Lôr a passin lis oris
Tal lôr paradîs

 Tant che 'l gjat al si stice
 Par cirî 'la surîs
Une frute a sbavice
E no sà ce ch'a dîs


E il nôno al s'invoe
Par lâ bevi 'l so tai
S'al é mâl jó no sai
Al fâs ce ch'al à voe

Tant le nône te glêsie
A pree ancje par lui
E in sôreplui
Le madone di grazie

Le domenie buinore
Sa no tu âs ce fâ
 sedi tart o adore
 fâs ce ch'al cji và

23 apr 2010

Alc di gnûf tal vecjo / Qualcosa di nuovo nel vecchio

O ai cjatât un librut (15x20cm) interessant le ûltime vôlte chi soi passât ae Filologjiche. Al sarès un vocabolari furlan fat des peraulis che no si cjatin ancjemó tal Pirona. Une setantine di pagjinis des peraulis dopradis tal spilimberghês che nus vegni soredut des poesiis in furlan di Eusebio Stella poete di Spilimberc dal 1600.
Daspó ancje 10 pagjinis di espressions furlanis che o metarai achi di tant in tant come chê di jar (Chei cu le barete nissun je pete). Il libri al é stât scrit da Renzo Peressini bielzà tal 1999. Peressin, al é ancje il diretôr dai cors de universitât de tierce etât.Eusebi Stele al sarès il precursôr de poesie barone che cent agns plui tart Giorgio Baffo al veve fat le so specialitât a Vignêsie.Il libri al si lei facilmentri, o vuei dî che al é fat par sei manipolât facilmenti cun tune coviertine che no jé masse dure e che si puès pleâ cence vê pôre di ruvinâ il libri.


L'ultima volta che son passato alla Filologica sono uscito con altri libri tra i quali anche questo vocabolario delle aggiunte al nuovo Pirona. Il vocabolario é sopratutto fatto di vocaboli dello spilimberghese che vengono dalle poesie in friulano di Eusebio Stella, poeta del 1600 originario di Spilimbergo.Che era stato messo da parte per via delle sue poesie erotiche (Un po nello stesso stile di Giogio Baffo del 700.Alla fine del libro ancora una decina di pagine di espressioni friulane che metteró nel blog di tanto in tanto.L'autore é Renzo Peressini che é anche il direttore dei corsi dell'università della terza età. Il libro di 15x20cm é fatto per esser letto facilmente. La copertina, benché robusta non impedisce di piegare il libro per far scorrere le pagine più facilmente quando si cerca qualcosa. Non mi piacciono i libri che sono talmente ben rilegati che non li sai neanche tenere aperti.

22 apr 2010

A chei de barete / A quelli del berretto...

A chei de barete nissun je pete
Chiste espression furlane a volarès dî che chei che a puartin un cjapiel o une barete, nissun je fâs ma a é soredut par cjoliu pal cûl massime cumó che no si ûse plui puartâ cjpiei o baretis. Se biacemai o viodês cualchidun o cualchidune guidâ le machine cul cjapiel stait atents. A son simpri plui imbranâts dal normâl:-)

A quelli col berretto nessuno gliela fa. Espressione friulana per prendere in giro quelli che portano un copricapo. Es: Quelli che guidano col berretto o il cappello.

La bareta (Canzone friulana)
Ai comprât una bareta
Lant a sâgra di Comeglians
L'ai vioduda l'ai toleta
L'ai paiada ma no tant

Cula pluma e cula stela
A sarà cul gno rispiet
La bareta la plui biela
Cence un fregul di dispiet

Ch'a é biela la mê bareta!
No la presti a di nissun
Ma se une dí a mi spieta
Le darai a cualchidun

21 apr 2010

Rimis pai fruts / Rime per bambini

Imparimi robis di te
Imparimi robis di te
Cemût jerie tal to timp?
Cemût âstu dite
Che jere le vite
Cuant che tu jeris come me?

Imparimi chês robis bielis
Dimi, cemût podevistu dî
Che cjalant lis stelis
Si viodeve il mont?
 Ce che tu fasevis
 Par passâ lis oris
 Cence la television?
 Cemût che tu jeris?
 Ce che tu crodevis
 Di fâ par fâ pardabon?

Ce tantis voltis m'âstu contât cheste storie?
Di sigûr mil e une volte fin cumó
Ma mi va simpri dret tal  cûr de capidorie
E a tu pues contâme  immó

Imparimi robis di te
E dimi dut ce che tu sâs
Cemût si faseve
Cun ce che si veve
se no 'nd ere comoditâts?

Imparimi robis di scuele
e dut ce che si à di savê
Imparimes dutis
Imparimes ben
Imparimi a vivi
Imparimi a savê
Ce ch'ai da dî o di tasê
E o volarès cressi
Subite par jessi
Biel grant par ben dut savê
Ce tantis voltis ao fat cheste promesse
Jo no lis conti plui ma sâstu che lu sai ?
Plui o promet e plui mi met a lâ di presse
Ce chi ai di fâ
Lu fâs e lu fasarai
Ti promet, lu fasarai.
Di Jaio Furlanâr

20 apr 2010

Rimis pai fruts / Rime per bambini

La place
La place dulà che lis oris
A passin miôr che tal orloi
Lis puartis si vierzin bessolis
Par chel ch'al s'int ven o s'int và
Si tache bielzà di buinore
Cul batibui e cul biloi
Des cassis che zuin de more
E si scjaldin cence fermâ

Là isal il piçul empori
Ch'al jere li dongje di nô
Nissun i à dât un jutori
E al à scugnût sierât da pôc

Le place dulà ch'a si sdrume
Le int e vîf des vot as vot
Ancje se cul cjâf in te brume
O par comprâ dom' un biscot
Si va par comprâ une robe
E  si ind à dôs cuant ch'a si jes
Cussí almancul no si robe
Ma tu âs 'ne robe in ecès.

Là isal il piçul empori
Che a none a i plaseve tant?
A nol coventave tant cori
E dutis chês robis di bant

La place le plui visitade
No je plui tal mieç de citât
A é dongje 'ne superstrade
Pierdude tal mieç di un prât

Ma cuant ch'o voi in Cjargne
Par me je 'ne robone
Si stoi là di me agne o me none
Lassù no ai bisugne
Di dut chel batibui
Mi baste le montagne, e nuie di plui

Le place dulà ch'o mi cjati
plui ben che in tun paradîs
No je grande e no je gratis
Ma je tal gno piçul paîs
Di Jaio Furlanâr

19 apr 2010

Vulcano Eyiafjöl e compagnia

Ce pensâ dai nûi di polvar vulcanic che al ven jù de Islande? 70.000 volos anulâts des nulatis! Di sigûr di bant, par pôre di no fâ ben avonde.A Bruxelles, o vin vût un timp clâr e seren cul cîl blù e sorêli a volontât. Al faseve 25° te ombrene ma ducj i aeropuarts a jerin sierâts par vie, nus disin i medias, di chestis nulatis che nissun al à viodût ma che ducj a disin che a son tal cîl. Ce pensâ? I esperts a nus disin che le temperadure a puedarès colâ di cualchi grât tai prossims mês in dute le Europe e forsit ancje tai prossims agns. Duncje, l'incuinament uman a riscjalde il clime e l'incuinament dai volcans a lu sfrêde.CO2 cuintri CO1? Dut ben. Un al compense chel âltri seont le mê espertizazion. Senó, cuâi sono i esperts plui brâfs e credibils? Chei che nus disin che chescj polvars a no son nocîfs pe salût ma invezit a son nocîfs pai avions? Di fat, nissun espert a si é fat sintî, dome i medias nus an mostrât cualchi pulitic e cualchi viodude dal volcan Eyia...Fiol dun can ce si clamial?
Apont, il non a nol é facil da dî e alore a ind'é bielzà une barzelete russe che zire.
Une femine e viôt tornâ dongje il so omp il sabide sere.
- Trop âstu bevût? I domande.
- Nuie di nuie. A i rispuint il so om.
- Dimi cemût che si clame chel volcan islandês, alore. I dîs le femine.
- Ok, va ben, dissal il so om, o ai bevût dome doi tais!


Cosa pensare delle nuvole di polvere vulcaniche che scendono dall'Islanda e che fan chiudere tutti gli aeroporti? A Bruxelles, abbiamo avuto finalmente un tempo serenissimo con cielo azzurro e sole a volontà. La temperatura all'ombra era di 25° ma i media continuavano a dirci che le nubi di polvere erano entrate nel paese da venerdí mattina...Ma i giornalisti non guardano il cielo quando sentono gli esperti? O allora, chi sono gli esperti? Quelli che dicono che ci sono nuvole quando é sereno e che non ce ne sono quando piove? Quelli che ci dicono che con l'inquinamento umano si riscalda il clima o quelli che dicono che con l'inquinamento vulcanico il clima si risfredderà per mesi o anni?
Quelli che ci dicono che le polveri vulcaniche non sono nocive per la salute o quelli che dicono che sono nocive per gli aerei?
Ma questo vulcano Eyia...Fiol d'un cane come si chiama?
Eccovi appunto una barzelletta russa che gira su internet:
La moglie, al ritorno del marito sabato sera gli chiede quanto ha bevuto.
- Niente di niente, risponde il marito.
-Allora dimmi come si chiama quel vulcano islandese in eruzione?
-Va bene, ho bevuto solo due bicchieri! rispone il marito.

Ûs taronts / Uova rotonde


Le Pasche finide, il paneton colombin mangjât e dismenteât, cumó bisugne cjalâ indenant ma al é propit lí devant che si viôt ch'al reste cualchi chilo di panse in plui daspó lis spassegjadis jenfri lis taulis des pascutis., des pascuetis e crudis.
Se i ûs a fossin stâts plui taronts, forsit al sarès stât miôr.E alore vie subite a smaltî l'ecès di pês. So ai di fâ gjinastiche, no soi di chei che vadin a cori come lis surîs in gabie tes gjostris di plastiche. O ben o lavori o ben o fâs l'amôr. Chiste vôlte o ai lavorât é chest al é il risultât de setemane. Prime, da me in te entrade dal atelier, daspó, te entrade dal parc torator de vile di un client.

La Pasqua se n'é andata, la pascuetta cotta o cruda vi ha lasciato forse anche a voi qualche chilo di pancia in più mentre passeggiavate tra i tavoli rimpiti di tutto ció che ci vuole per dimenticare la quaresima. In Russia ho sentito che dopo Pasqua, gli ospedali raddoppiano il personale per via che gli eccessi gastro-pasquali fanno affluire molta gente che per 40 giorni ha fatto quaresima.Cosa fare adesso dei due o tre chili che ti arrotondano la silhouette? Per attirar i clienti, una palestra di fronte a casa fa correre i clienti sul posto di fronte alle finestre. Mi sembrano come piccoli topolini in gabbia che girano in una giostra di plastica. Meglio perder chili lavorando o facendo l'amore. Questa volta ho lavorato. Le uova si sono arrotondate ed ecco cosa ne é uscito questa settimana.

17 apr 2010

Rimis pai fruts / Rime per bambini

UN DOI TRÊ OP

Al mi plasarès di lâ sù in tun mont
Par lâ a viodi ce che si viôt là sù
E par savê se di bessôl o soi pront
di tornâ jù
Al mi plasarès di savê schiâ
Ma cui schiis o no sai stâ in pins
E no sai ce fâ par no sfigurâ
Sui gazetins
Ma une dí o sai che o savarai
Ai dome di savê ce talent chi ai
O ai di fâ di dut ce che a si pues
E po di cjatâ fûr là che al é il gno puest
Mi à dite la mê none
Che se je doi sot
Al baste di fâ dome
un doi trê op

Al mi plasarès di sei un campion
Ma no sai di ce che o pues sperâ
O sai dome che la me ambizion
a é di rivâ
Al mi plasarès di fâ il bravon
Ma di plui no pues che di stabilî
Che no rivi simpri a jessi bon
di fâ cussí
Ma une dí o sai che o savarai
Ai dome di savê ce talent chi ai
O ai di fâ di dut ce che a si pues
E po di cjatâ fûr là che al é il gno puest
Mi à dite la mê none
Che se je doi sot
Al baste di fâ dome
un doi trê op

O ai di savê ce che a si pues fâ
Par rivâ a jessi plui cuiet
E biacemai ae mestre dimostrâ
il gno rispiet
Nol é che mi plasi di savê trop
Ma  mi plasarès di ben capî
Se par une brame al baste dî
Un doi trê op
Ma une dí o sai che o savarai
Ai dome di savê ce talent chi ai
O ai di fâ di dut ce che a si pues
E di cjatâ dulà che al é il gno puest
Mi à dite la mê  none
Che se je doi sot
Al baste di fâ dome
un doi trê op !

Di Jaio Furlanâr

16 apr 2010

Lignan di iar / Il Lignano di ieri



Lignan al à 100 agns ma a part cualchi cjase o palaç, al é bielzà stât fat sù dôs vôltis. Le prosime vôlte o cirarai di fâ lis fotos dal Lignan di vuê par comparâ cun chestis achi dal Ligna di iar. O podês bielzà viodi le difarence in tes dôs ûltimis fotos. Daspó o tornarai a fâ une âltre serie tal stès puest achi di 50 agns.Lis fotos, cun âltris, o podês viodilis in mostre te vie Udin

Lignano ha solo cento anni ma si direbbe che ogni cinquant'anni si rifà tutto. Sono arrivato peró a trovare un posto che é lo stesso (Vedi le due ultime foto a 80 anni di distanza). La prossima volta cercheró di fare altre foto del Lignano di oggi che metteró col Lignano di ieri. Poi, appuntamento tra cinquant'anni per il Lignano di domani.Le foto sono in mostra nella via Udine.

15 apr 2010

Vilagjo GE TUR Lignan Villaggio Ge Tur a Lignano

. Di une bande il viâl centrâl ch'al scuarce Lignan in doi e di chê âltre il mâr  Jenfri il mâr e il bosc di pins, une spiaze di un chilometro che fâs cori simpri plui stranîrs. Jenfri le pinede e le vile, un vilagjo privât cun tant di pisine olimpiche, une glesiute dal 15esin siecul, cjamps sportîfs, albergos, ristorants e salis par fâ conferencis o incuintris. Par fâ il zîr dai viâi a pît al cji ûl plui di une ore
Come di spes al sucêt in Italie, i plui biei puescj  a son simpri di proprietât de glêsie e ancje chest achi ma no ai viodût  nissun plevan e nissune muinie. Dut il personâl al é stranîr, come in Vatican. Parce che al coste mancul cjâr o par cjaritât cristiane? O decidês vualtris. Dutcâs, seont ce che o ai viodût, ducj a son contents di lavorâ li dentri parcé che a son ben tratâts e che in plui dal vit e dal alogjo, e an ancje un salari regolâr. Daspó chest al permet di fâ prêsits fûr concorince. Pensait:Vit e alogjio a 35€ in dí in tun parc plen di prâts e une foreste di pins in plui de spiaze privade. Propit l'ideâl pes fameis e pai clubs sportîf o circui culturâls che an voe di organizâ alc li drenti. L'ideal ancje par ritirâsi par lavorâ in pâs e, al é ce chi ai fat.
Lait a viodi indulà.


Da una parte c’é il Viale centrale che taglia Lignano in due e dall’altra c’é il mare. Fra il mare ed il bosco di pini, un km di spiaggia che fa correre i turisti da tutte le parti del mondo. All’interno, mezza dozzina di alberghi squadrati per alloggiare e nutrire quattro a cinque cento chiassosi turisti ciascuno. I pasti si prendono ad ore fisse. Due menù : Il primo cambia ogni giorno ed il secondo é sempre dello stesso colore : in bianco. Niente vino, salvo su richiesta. Prezzo dei pasti : 15E prezzo delle camere con i pasti inclusi : 30E  in bassa e 60E in alta stagione. La piscina olimpica coperta si trova di là della strada e se non é frequentata dai campioni di nuoto, ci sono sempre abbastanza bambini di tutte le età per farti scappare sulla spiaggia. Le sale per gli spettacoli, riunioni, seminari non mancano. Seminari ? Come spesso succede in Italia, i più bei posti sono sempre nelle mani della chiesa ed anche questa enorme proprietà
é sotto suo controllo ma niente preti né suore.Il personale, salvo quello dirigente é tutto straniero.
Come in Vaticano.Che sia per carità cristiana o perché costa di meno, lo deciderete voi ma comunque nessuno si lagna e tanto meno i turisti.Il personale é contento ed é ben trattato e da quanto ho saputo, ha il vitto, l’alloggio ed un salario regolare dichiarato. Nelle ore libere, é facile incontrarli per i viali e nel bosco. Il villaggio si chiama Ge Tur. Non só cosa si voglia dire con queste iniziali ma potete trasformarle in Get Ur e lo farete vostro anche voi. Quando penso che per anni ho speso milioni per portar la famiglia a Lignano e non ho mai saputo di questo GETUR che mi avrebbe potuto far risparmiare un sacco di soldi per alberghi,ristoranti o appartamenti in affitto che in alta stagione (l’ho letto sul posto) costa anche  3.000E  al mese.Ideale dunque per le famiglie, i club sportivi, le associazioni culturali e per ritirarsi per lavorare in pace. Ed é quello che ho fatto.

14 apr 2010

Gnûf Sting / Nuovo Sting ./ Nouveau Sting / New Sting / Nuevo Sting



ArteTV, al é un canâl che al trasmet in francês e in todesc e che si pues vê dome cu le antene paraboliche.Tar chest canâl, nuie publicitât, dome art e culture.Ancje Sting cun tune torte di suele.Cjançon dai mamas&papas dai agns 60.

Arte TV, é un canale che trasmette in francese e in tedesco e si ottiene solo con una antenna parabolica. In questo canale, niente pubblicità. Solo arte e cultura. Anche Sting con la torta di suole una canzone dei Mamas &papas degli anni 60.

01 apr 2010

I massepassûts / I troppo pieni

Ognun al varès podût cjoli chel legnam ch'al butave vie il gno vicin. Dutis breis bielzà splanadis e stagjonadis che a comprâ gnovis al costarès sui 3000€. Nissun al si é fat indenant ancje se il legnam al é restât di fûr te strade par 5 dis. Dome jó o ai domandât di metimi de bande 10 breis.
O fasarai ben alc cun lôr.
-O sês deventâz massa massepassûts!
-Us volarès una vuera par rindisi cont!
Cussí a mi disarès me agne Lene se a savès che no ai cjolt il rest dal legnam par jê e come ducj, lu ai lassât puartâ vie ae discjarie.
Troppa abbondanza ci fa diventare schizzinosi. Ognuno poteva prendere le due tonnellate di legname e rivenderle a 1000€ o più che un vicino aveva deciso di buttar via tramite una ditta specializzata che viene a depositare un contenitore in strada e poi viene a riprenderlo per 850€.
Il legname é rimasto fuori incustodito per 5 giorni e nessuno s'é fatto avanti. Per far bella figura, mi son preso io una decina di tavole. Ne faró ben qualcosa. Ma il resto é partito alla discarica.