I miei Video clips furlans

Loading...

31 mag 2010

Le dí e le gnot / Il giorno e la notte

Oplà, cemût aventi vie? Dut ben? Pensait che o soi rivât a cjase al faseve 12 grâts e al ploveve! Rôbis da mats. Cuant che o pensi che vie pe gnot a Torrevieja al faseve cussí cjâlt che cule terace vierte o jeri dut bagnât!
Oilà, non so da voi, ma qua da me scendendo dall'aereo c'erano solo 12 gradi allorché alle 6 del mattino a Torrevieja, quando ho preso l'aereo c'erano già 26°. Ma  quello che mi manca di più é la luce.

24 mag 2010

Coffe time


A pene che le cafetiêre a bruntularà, mi sbrovarai i lâvris e o lassari lí le tace vueite di front al vasut des rôsis chi ai puartât dongje cu lis brioches. Ma ce îsal, un dí feriâl? E pó?

Vie, a vôre. Tant doman o voi in Spagne par dute le setemane!

Quando incomincerà a brontolare la vera moka mi scotteró le labbra e lasceró la tazza vuota di fronte al vaso-moka dei fiori che ho portato a casa con le brioches. Poi via a lavorare. Tanto domani vado in Spagna per una settimana
Posted by Picasa

22 mag 2010

No sta fâ il grazioso / Non fare il grazioso

Alore il Grazioso al jere cussí. Simpri tai soi pinsîrs e simpri solitari, al veve une gjentilece naturâl che si trasformave in iritazion isteriche a pene che cualchidun a i faseve un scherç. Cussí al faseve ridi ancjemó di plui. A si lu clamave il matucel.Fin che une dí, o lu vin brincât in tun balcon dal secont plan de scuele. E ce fasevial? Al jere lí che al cjalave jù lis mulis tal curtîl. Rôbe che a si faseve ducj ma lui al faseve di plui. Al veve sielzût le mule che a i plaseve e ogni vôlte che a passave o a si fermave sot, a i butave jù une rôse che al veve stât a cjoli chi e là pai cjamps vegnint a scuele. Il biel al jere che a lu faseve cussí ben e di nascuindon che o lu vin savût dome plui tart cuant che lis mulis a nus an dite di trasmetigji un mesagjio de bande de mule che, timidute, no olsave trasmeti di bessole. Cualchidun al veve ridût e lu veve cjapât pal cûl ma cuant che al à viodût che lui al veve une mule e e nô no si veve nissun, a nol à ridût plui. D'in chê dí, il Grazioso al jere deventât il nestri amîc e tes stradis che menavin a scuele, in pôc timp, al jere deventât râr di cjatâ immó une rôse parcé che ducj a si veve tacât a fâ compagn.
Immó vuê, cuant che a si si cjate jenfri amîs, a si use doprâ il so non di Grazioso come un sinonim par dî: Su mo sù, no sta a fâ masse il romantic, masse il mone, masse il gnôgno, masse il Grazioso.

Grazioso, un nostro coetaneo, era cosí: Sempre solo e nei suoi pensieri. Era di una gentilezza naturale che si trasformava in irritazione isterica appena qualcuno gli faceva uno scherzo. Cosí come succede in tutte le società, era diventato il fesso di servizio. Tantevvero che lo si chiamava anche il matto. Come tutti noi, passavamo il tempo a guardar giù dalla finestra le ragazze che stavano nel cortile durante la ricreazione ma lui faceva molto di più. L'abbiamo scoperto solo più tardi quando una delle ragazze ci disse di trasmettergli un messaggio dalla parte di una coetanea che, troppo timida, non osava fare da sola. Allora abbiamo capito come lui, il matto, il brutto, lo sciocco era arrivato a conquistare il cuore di una ragazza semplicemente gettandole dalla finestra un fiore, che aveva preso per la strada venendo a scuola, ogni volta che si fermava nel cortile.
Qualcuno aveva riso di lui ma non tanto perché, se lui aveva una ragazza ed invece noi non ce l'avevamo, non c'era di che ridere. Cosí, il Grazioso diventó il nostro amico e nei campi e nei giardini lungo le strade vicino alla scuola divenne raro di trovar fiori a portata di mano da strappare guardinghi andando a scuola.Ancora oggi quando ci si ritrova tra di noi, usiamo il nome di Grazioso come sinonimo per dire: Su dai, non fare il romanticone, non essere troppo gentile, non fare il grazioso.

21 mag 2010

Monument ai sasins / Monumento agli assassini

Lant fûr o lant drenti a Lignan, o viodarês chest mostro volant che al somee ch'al sedi daûr a pontâ il nâs tai nûi de lagune.Al é il F104 merecan clamât Starfighter. Il so efiet visuâl al é avonde fuart parcé che le bestie a jé biele e a é stade mitude in scene par dabon ben. Ma se o cjalais le plache zontade sot dal cûl dal reatôr o viodês il non dal pilote che cun lui al si é copât colant in te lagune. In pôcjis peraulis, al é stât fat un monument al assasin dal puar biât.
Un dai centenârs di pilots che si son copâts a cause che il model al jere difetôs.Se o pensais che a son stâts fats 2.500 esemplârs e che il trente a cuarante par cent a son colâts a cause di difiets di costruzion a si varès di domandâsi cemût mai che a no son stâts ritirâts de cisrculazion.La Honda e à ritirât dutis lis sôs machinis prime che al sucedi un acident cuant che invezit, ducj i paîs che an comprât il F104, e an continuât a svualâ seben che ogni vôlte i pilots a riscjavin di colâ e di copâsi. 
Si ben che a jerin clamâts lis fabrichis di vedovis o lis baris volants o ben i Fallfighters(I combatents che colin). In Italie, parcé che a jerin montâts dae Fiat, i F104 a son stâts doprâts plui di dîs agns dopo che tar chei âltris paîs ju vevin tirâts vie de circulazion. Mai viodût une storie simil. Dut chest, juste par podê dî ch'al podeve lâ da Avian a Rome in 20 minûts. 
Ma tal inprin, l’avion al jere stât fat par fâ concurince ai Mig rùs che te vuere de Coree a ierin superiôrs. Se la
La Lockeed, che tal 1955 a jere in faliment,  a esist immó vuê, al é par vie che a veve vût le furtune di ricevi un ordin dal esercit merecan e daspó dal esercit todesc ancje se tal svual inaugurâl il F104 al ere colât ! Piês, par plui di dîs agns, ducj i acidents a jerin stâts platâts e il prin model recapitât in Italie a nol é rivât parcé ch'al si jere frantumât prime di aterâ. Cumó o cîr il monument fat ae bombe atomiche in onôr de sô braure a sterminâ oms bestiis e plantis. Cuissâ che no fasi un scoop tal gno blog?
Se po o lais su Youtube o podês viodi e lei cemût che i talians a continuins d’incensâ chest argagn.



Un monumento certo interessante da vedere é stato fatto a Lignano per santificare all’italiana un assassino. Come mai? Ma…Certo che la bestia é bella ed é stata messa in scena in un modo spettacolare. Che rapporto tra questo aereo e Lignano ? Nessuno, solo che il pilota s’é ammazzato cadendo nella laguna. Insomma, come se in Sicilia si avesse fatto un monumento al bandito Giuliano o come se in America si facesse un monumento alla bomba atomica. Infatti l’aereo era una bomba che esplodeva all’incirca una volta su tre o quattro. Era stato fatto alla svelta dalla Lockeed perché aveva saputo che il governo americano cercava un aereo capace di far fronte ai Mig sovietici che nella guerra di Corea seminavano stragi. La fortuna della ditta, che si trovava in fallimento, fu che il governo ne ordinó qualche centinaio malgrado che nel volo di prova davanti ai generali e autorità, l’aereo si schiantó al suolo. Anche in Germania e in Italia successe la stessa cosa ma, come tutti gli altri paesi, si doveva comperare questo aereo. Gli Usa, furono i primi a retirarli dalla circolazione ma malgrado ció, si continuava di venderli altrove e praticamente tutti i paesi hanno avuto i lorto morti. Esempi degli accidenti ? Belgio 40%, Canada 50%, Italia 38% degli aerei e quasi sempre col pilota si schiantarono per via di guasti vari. Malgrado ció, in Italia si continua di farne una leggenda e ci si vanta di averli tenuti per 40 anni come se fosse una prodezza alla Prodi allorché é solo una berlusconata poiché gli altri paesi, dopo aver nascosto all’opinione pubblica per anni tutti i morti, li avevano ritirati dalla circolazione. L’aereo F104 battezzato lo Starfighter era stato ribatezzato dai piloti stessi come Bare volanti, Fabbriche di vedove o ancora i Fallfighter. Evviva i monumenti !

19 mag 2010

Vite da insium / Vita da sogno

Vot dîs in Croazie 300€ cul avion, il vit e il jet comprês, altris vot in Turchie a 400, Tunisie, Spagne o ce sao jo, dut mancul cjâr che in Italie. A chescj prêsits, al nus conven viazâ invezit di stâ a cjase. Al coste mancul cjâr.
Dutcâs, al conven di cjapâ l'avion e lâ a vôre a Bruxelles plui che no lâ a vôre in machine a 30 km di cjase. Prime di dut, a si vuadagne di plui, daspó a si spint di mancul. Se o lavorais cul ordenadôr o podês  lavorâ in viaç e cuant ch'o si fermais o mandais il vuestri lavôr al paron par mail e o continuais di lâ ator pal mont par dute le vite cence vê mutuos, debits e rompidôrs di balis.Alé op, us ai dât 'ne idee. Cumó o faseis ce che o volês, o us doi ancje l'idee de compagnie aeree, us baste dome comprâ l'avion, vierzi le prime compagnie aeree furlane e convinci ducj chei âltris furlans a cjapâlu.

Otto giorni in Croazia con vitto, alloggio e aereo a 300€. Poi altri otto in Turchia a 400, e Spagna, Tunisia e chissà ancora quanti altri paesi. A questi prezzi, ci conviene viaggiare continuamente perché ti costa meno
 che stare in casa.
In ogni caso, prendere l'aereo per andare a lavorare a Bruxelles costa già meno che prender la macchina ed andare a lavorare a trenta km. Prima di tutto si guadagna di più. Poi si spende anche di meno.Se lavorate col computer potreste farvi una vita da sogno e viaggiare tutta la vita. Gli scali vi servono solo per mandare il vostro lavoro via mail e per il resto solo godere. Insomma, io vi do l'idea. Poi vi do anche il nome della compagnia aerea, vi rimane solo a comperar l'aereo ed aprire la prima compagnia aerea friulana.

Le Filo che file / La Filo che fila

Ancjemó un libri cul titul sbaliât. Ch'al sedi par podê vendilu? Dut câs jo lu ai comprât.
Al si varès di podê dâ une cjalade al libri prime di comprâlu ma par internet a nol é pussibil.
Mi soi fidât ae Filologjiche e sacrabolt no mi fidarai plui. Ai titui!
Il libri di 350 pagjinis al conte che Piêre Wassermann a lu veve scrit prime de vuere  e chest libri al jere restât da publicâ. E alore op. Le Filo nus al file ae taliane, anzit , ae napoletane, fasint crodi che al é furlan doc e jó o soi colât drenti come un marzoc.
A no si sà il parcé che no lu à fat prime dal 1991. Forsit e veve alcâltri di plui impuartant o ben i furlans prime a jerin mancul mones.Il libri, o crodevi che al fos plen di cjants popolârs furlans e ben NO. Dome cjants popolârs talians o dialetâi vignûts dal rest de Italie. Robe scarte che no à nuie di viodi cu lis nestris vilotis nazionâls (Viodêt il post di doi dîs fa su lis vilotis).
Par no lassâ il letôr su le so fan, in fin di libri al é stât zontât  trê strofis par furlan. No di plui.
Moralitât, bielzà prime de vuere, in te basse, seont la Wasserman, a no si cjantave plui furlan ma dome talian...Ma a é vere che par scrivi il libri a é stade dome in doi o trê paîs furlans de basse.

I canti narrativi di Piera Wassermann fu scritto come tesi prima della guerra e non era mai stato pubblicato. Il valore forse etnologico che aveva in quei tempi, non é più lo stesso ma interessandomi di musica e di canto, me lo son comperato per via del titolo perché via internet non potevo sfogliarlo. Infatti, il libro non ha niente da che vedere con i canti popolari friulani poiché i canti descritti sono canti in dialetto o in italiano nati altrove ma che all'epoca la Wasserman li ha trovati anche in tre villaggi del Friuli.
Ma  non hanno niente di friulano. Il titolo é un abuso.La Filo ce li fila in un libro di 350 pagine che una volta che le pagine saranno sfiorate cogli occhi, andranno per sempre a finire sulla mensola più remota della biblioteca.
PS: Spero che un giorno troveró  un libro  per poterne parlare senza doverlo criticare:-)

18 mag 2010

Trai porcos o picjâ il fûc ? Bestemmiare o incendiare ?

Tropis voltis mi isal sucedût di
- Colâ cence benzine parcé che in chê dí il benzinâr a nol lavore?
- Di viodi scrit Aperto e po di cjatâ sierât?
- Di crodi che lis cjartis di credit a son acetadis e invezit a no lu jerin?
- Di scuignî cjalâ lí a cjalâ benzinâr tant che al pompe parcé che se o lavi a pissâ al profitave par jemplâ alcaltri che le mê machine?
- Di lâ vie cence fâ il plen parcé che il benzinâr a nol voleve che o mi siervissi di bessôl tant che lui al faseve i sois comuts.
- Di paiâ le benzine il dopli parcé che, une vôlte rivât al plen, a tu scuignis lassâ le to benzine al benzinâr parcé che le machine a no ti dà indaûr il rest?.
Dapardut in Europe, i benzinârs o a sparissin dal dut o ben a stan daûr de casse dal negozi-cafeterie a fâ alc di plui util che stâ lí a fâ un mistîr che une machinute a fâs miôr che lui.
Cheste sberlade juste parcé che come che o nauli une machine ogni volte che o ven in Italie, o scuen fâ il plen prime di tornâle e ogni vôlte o scuen trai cualchi porco par no disvuedâ par tiare le benzine za paiade e picjâ il fuc prime di lâmint tal gno paîs come che a fasin in Iran par protestâ pal razionament de benzine.

Quante volte m’é successo di :
-          Rimanere senza benzina perché il benzinaio quel giorno non lavorava ?
-          Di vedere scritto APERTO quando poi era chiuso ?
-          Di credere che le carte da credito erano accettate ed invece non lo erano ?
-          Di dover sorvegliare il benzinaio perché se andavo al bagno ne approfittava di riempire il suo serbatoio invece del mio ?
-          Di andar via senza fare il pieno perché il benzinaio non accettava che facessi il pieno mentre lui faceva i suoi comodi ?
-          Di pagare la benzina il doppio perché arrivato al pieno, la macchina non mi rendeva il resto ?
Dappertutto in Europa i benzinai se si trovano ancora, stanno dietro alla cassa del loro negozio-caffé e non stanno più alla pompa a fare un mestiere che una macchinetta sà fare meglio di loro ma in Italia siamo ancora al medio evo. Protetti e supersindacalizzati, se non lavorano, le loro pompe automatiche non devono lavorare oppure devono fare in modo che una percentuale vada al benzinaio poiché la pompa automatica non ti dà il resto se tu, arrivato al pieno, non sai più riempire il serbatoio.
Dico cosí perché ogni volta che vengo in Italia noleggio una macchina e quando devo rimetterla al noleggiatore devo prima fare il pieno e che questo é sempre un’operazione impossibile stando al fatto che la mattina presto tutto é chiuso e che ogni volta devo imprecare per non svuotar per terra il resto della benzina già pagata e darle fuoco prima di andarmene. Un po come stanno facendo in Iran per protestare contro il razionamento della benzina.

17 mag 2010

Des Vilotis al Rap, e daspó? Dalle villotte al rap e poi?

Una concezione falsa e sdolcinata della cultura popolare vorrebbe che essa esprima contenuti semplici e ingenui, sostanzialmente superficiali o, comunque disimpegnati; e ciò dovrebbe valere, si pensa, specialmente per le canzoni popolari.
Nulla di più lontano dal vero.
Si prenda il caso delle "villotte" friulane: la più tipica manifestazione della letteratura orale del vecchio Friuli.
La villotta è una composizione polifonica che si origina fra il XV e il XVI secolo e che si diffonde, dal natio Friuli (villotta friulana) ad ampie zone dell'Italia settentrionale (villotta veneziana, villotta mantovana, ecc.). Presenta alcune analogie con i "lieder" germanici (l'influsso culturale tedesco è stato molto forte nel Medioevo friulano) e anche, a nostro avviso, con le "dojne" romene (anche il romeno, come il friulano, è una lingua neolatina che ha resistito, nell'ambito di una civiltà agro-pastorale, alle pressioni e alle migrazioni di innumerevoli stirpi slave e germaniche).
Le villotte consistevano di un breve testo poetico popolare, ricco di sentimento e di malinconia, formante una quartina o una sestina, cui più tardi venne aggiunto un "nio", serrata parte conclusiva; e venivano cantate a tre o quattro voci, con movimenti in imitazione e frequenti passi omoritmici (Enciclopedia Garzanti della Musica).
Impossibile, quindi, separare il testi dalla musica; impossibile separare il coro dalla danza, scandita al ritmo degli zoccoli di legno, che costituivano la tipica calzatura contadina. Chi legge il testo di una villotta, lo tenga sempre presente. È solo una vaga idea di essa che può formarsene il lettore, specialmente il lettore non friulano (che, pertanto, deve ricorrere a una traduzione in lingua italiana) attraverso la pagina scritta; le villotte andrebbero ascoltate e ammirate nel vivo della danza popolare.
Ebbene, se la villotta è l'espressione più profonda e sentita dell'anima popolare friulana, essa è anche una finestra spalancata sulla sua profonda tristezza, sul senso pessimistico della vita, che il popolo friulano si è formato attraverso una storia millenaria fatta di continue invasioni, di povertà, di dura lotta per la sopravvivenza.
Ne abbiamo già parlato in diversi precedenti lavori, ad esempio negli articoli «Un film al giorno: "Gli ultimi", di Vito Pandolfi e David Maria Turoldo, 1963»; « Una pagina al giorno: così muore un paese, di Alcide Paolini»; e «Un quadro al giorno: "Forni di Sotto", di Luigi Diamante, 1930» (tutti consultabili sul sito di Arianna Editrice).
La villotta è una confessione corale: la confessione dell'umile, eroico coraggio di un piccolo popolo che, sballottato nelle tempeste della storia, trova la forza di sopravvivere in una virile rassegnazione e nel pudore dei propri sentimenti. Proprio perché il friulano è assai restio a mettere in piazza i propri sentimenti, la villotta è uno strumento prezioso, insostituibile, per gettare uno sguardo oltre la facciata; per farsi un'idea di quanto tenero e vulnerabile sia il suo cuore, dietro la dura scorza di una certa qual selvatichezza di modi.
Scriveva Bindo Chiurlo (1886-1943), insigne figura di cultore e di studioso della cultura friulana - nonché esperto di letterature moderne, e particolarmente di quella ceca - nel suo saggio «La letteratura ladina del Friuli», 1922; rist. Udine, F.lli Ribis Editori, 1978, pp. 18-31):
«… La prima manifestazione artistica che possediamo nel nostro ladino sono forse alcune laudi trascritte in forma friulana, tra altre ancora chiaramente venete e toscane, nel laudario della confraternita udinese dei Battuti edito da Giovanni Fabris; cui seguono, a qualche distanza, due poesie profane d'imitazione provenzale (1380; 1416); laddove il primo documento d'arte del ladino retico risale appena ai primi del Cinquecento.
Tuttavia le manifestazioni letterarie più antiche, per quanto in continuo rammodernamento nella sostanza e nella forma, restano come altrove - crediamo - quelle popolari.
Il Friuli, al contrario degli altri popoli settentrionali, manca quasi assolutamente di canti narrartivi, ma, in compenso, abbonda di canti lirici e di fiabe in prosa, accostandosi in ciò all'Italia centrale e meridionale.
Le fiabe, pubblicate sparsamente in gran numero, ma non ancora studiate seriamente da alcuno, si rivelano a un primo esame con caratteristiche piuttosto nordiche che italiche, e l'orribile, il fantastico a forti tinte prevalgono sull'andamento più gentilmente fantasioso delle favole latine, a quel modo che la strega esclude da noi quasi totalmente la fata benigna; che tutt'al più ci si presenta nordicamente in forma di vecchierella. Così, e più, le leggende. Certo queste fantasticherie immoderate, "romantiche", appaiono in contrasto colla mentalità paesana, se non cogli influssi nordici e con la storia profondamente agitata e turbolenta del nostro medioevo, atta ad eccitare le fantasie in modo non lieto.
Affatto nostra, invece, è la lorica popolare, che, pur avvicinandosi per qualche caratteristica, ai "lieder" tedeschi, non presenta dirette parentele con altre vicine né lontane. Onde la villotta, fiorita in un breve angolo di terra, e pur così abbondante da pareggiare gli strambotti e i rispetti toscani, è, per eccellenza, la voce del popolo nostro: vice assolutamente ingenua ed originale che ha, come documento psicologico, ben altra importanza che la lirica dell'Italia centrale e meridionale, comune, con lievi differenze, a popoli con temperamenti diversissimi, come il siciliano e il toscano, il calabrese e il marchigiano. Ma la villotta che nacque in Friuli e restò circoscritta al Friuli, escludendone quasi ogni altra forma di canto (preghiere popolari vivono ancora verso il mare e tra i monti, ma in italiano o italiane quasi interamente nella lingua), rispecchia le vicende e il carattere di questa nostra terra, vissuta di vita propria nel cozzo di genti diversissime: non ricca dello spirito romanzesco che si rileva in quei canti narrativi che risuonano fin nell'Istria e nella Dalmazia veneta; né pervasa, come il Veneto e l'Istria stessa, da quel comune fondo lirico che ha la sua espressione più nota negli strambotti siciliani e nei rispetti toscani,
mentre, dunque, gli altri popoli d'Italia cantano solitamente in endecasillabi, e il concetto enunciato nei primi quattro versi rinfiorano in altri quattro sei; mentre il veneto si restringe tutt'al più alla villotta di quattro endecasillabi, in uno dei quali trova modo di ripetere, con grazia armonica ma superficiale, l'intero primo verso - il friulano si esprime nel giro preciso di un'unica quartina ottonaria a versi piani e tronchi alternati, senza rifioriture, senza ritorni: come il giapponese nella "uta", tema di canto in sé chiuso e pieno di sottintesi poetici, piuttosto che canto. Ché l'anima friulana, aperta, franca e perfino loquace in altri campi, quando parla d'affetto ama piuttosto farsi intendere che spiegarsi; o, se si vuole, lo svolgimento del tema è affidato al giro melodico, pieno di echi, del canto, all'aria semplice ed espressiva specie delle note finali, che ricordano i "lieder" tedeschi e prolungano il pensiero in onde indefinite. Tocca così al suono di sviluppare il contenuto motivo verbale; e però, se un rispetto toscano poco o nulla perde artisticamente, ove sia avulso dall'unica aria che gli è tradizionale, la villotta non può essere interamente apprezzata se non con l'accompagnamento delle sue note musicali. E basta che io ricordi per tutte "Ce bielis maninis" (originariamente "Ce bielis tetinis"), che la musica rende divina per una sensualità così delicata, che è, ad un tempo, sentimento, malinconia, pace infinita.
Queste "arie" della villotta sono anch'esse molto differenti  da quante s'usano nel resto d'Italia: differenti nell'intimo spirito, ché le nostre, più dolorose e profonde, non conoscono la sonorità indifferente o le "fiorettature" con cui si cantano altrove stornelli e rispetti anche assai tristi; non conoscono soprattutto le "finali movimentate", così graziose e così superficiali. La voce che va scendendo (ma bisogna sentirle cantare nel Friuli montano o "di là da l'aghe" [ossia: di là del Tagliamento, ad est del Tagliamento: nota nostra], non alterate dagli echi di Piedigrotta, o variate "artisticamente" da qualche mediocre  musicista) lascia nell'aria la nota contenuta, che dà quello speciale senso di calma e forte tristezza onde si resta colpiti "a sintí lis vilotis di lontàn.
Accanto a queste abbiamo tre o quattro arie, non dirò liete, ma rumorose, come porta il carattere nostro, ma anch'esse assumono la malinconica velatura finale, e rivelano di non essere "animo deducta sereno". La stessa turbinosa "furlane", onde anticamente si accompagnava il ballo omonimo, è canzone che ricorda l'incondito pestare degli alpigiani sul terreno in quell'allegria grossa e affaticante che non è festività. ( a scanso di equivoci, la "furlana" che ha fatto il giro dell'Europa non ha nulla di comune con l'antica "furlana" -come ben vide il Molmenti che si ballava sull'aria "Madone Jàcume", e che nessuno sa più ricostruire precisamente nelle sue "figure").
Pur troppo anche la villotta si va perdendo, specie nel territorio abbracciato dall'anfiteatro morenico e nella piana più prossima a Udine; e, pur dove permane, può dirsi l'ultimo testimonio del vecchio Friuli che va tramontando, rappresentando essa, nelle sue redazioni più comuni, il paese, i costumi, gli stati d'animo, non di oggi, ma di sessanta o settanta anni fa.  Poichè da una quarantina d'anni a questa parte, si può dire che ogni più vera e migliore attività creativa si sia arrestata e che non si cantino che le vecchie villotte, talora rimodernate e applicate alle nuove occasioni, ma per lo più nella redazione che potevano avere fra il 1830 e il 1850, come dimostrano gli accenni al modo di vestire e la deficienza di allusioni  ai tempi precedenti e seguenti.
Ma di qui appunti  la bellezza ingenua della villotta, e la sua importanza come testimonio psicologico.
Il canto è per il contadino friulano una "consolazione" necessaria, che il cuore si concede per vincere il dolore:
"Iò soi masse zovenine,
ancimò no ài viert il cûr:
se no stoi in alegrie
soi sigure che iò mûr."
Io son troppo giovinetta: ancora non mi s'è aperto il cuore. Se non sto in allegria, io son certa di morirne
O, con sensi che diresti letterari, mentre appartengono alla più sincera vena popolare:
"E iò cianti cianti cianti
e no sai bielsôl parcé;
e iò cianti cianti cianti
sol par consolami me.
E io canto, canto, canto, ma io stesso non ne so il perché; e io canto, canto, canto, solo per consolare me stesso.
L'idea del canto è nella villotta, come in quasi
tutta la lirica popolare, associata a quella dell'allegria; ma qui, come appare dalle citazioni fate, si tratta di un'allegria non spontanea, cercata per superare il dolore: mestizia, insomma, dissimulata e compressa:
"'Olin gióldi la ligrie
come zovins che nó sin;
sunarà l'avemarie
che noaltris no sarin."
Vogliamo godere l'allegria, come giovani che noi siamo: suonerà l'avemaria quando noi non ci saremo più.
E nulla di più pacatamente desolato di questo invito all'allegria  che ho ascoltato nei pomeriggi domenicali, dopo il vespero, quando le ragazze s'adunano nei grandi cortili aspettando l'ora dell'amore, e il canto si spande per la piana nelle tristi modulazioni finali. V'è qualche cosa di profondamente doloroso in molte di queste quartine, come una lacrima sola, lungamente rattenuta, che cada rovente sul cuore:
"S'o savessis, fantacinis,
ce che son pinsírs d'amôr!
A si mûr, si va sot tiare,
e ancimò si sint dolôr."
Se sapeste, fanciulle, che cosa sono pensieri d'amore! Si muore, si va sotterra, ed ancora si sente dolore.
Spesso il cuore cede a quelle indistinte malinconie, che noi raffinati crediamo aliene dall'anima popolare, quando invece sono più vicine ad essa che alla nostra, pronta a soffocare  le più divine voci con l'analisi insidiosa:
"Il gno cûr dsi malevoe
Come ué no l'è mai stât.
L'è leât culis ciadenis
L'è daduc' abandonât.
Il mio cuore di malavoglia come oggi non è mai stato: è legato con le catene, è da tutti abbandonato.
"Iò stoi masse alegramentri,
mi sucêt qualchi malan:
o ch'i mûr, o che mi mali,
o il mio ben al va lontàn."
Io sono troppo allegra: mi succede qualche malanno. O io muoio, o io m'ammalo, o il mio bene va lontano.»
Per ragioni di spazio, abbiamo riportato solo una parte del capitolo dedicato a questa particolare forma di letteratura popolare; riservandoci, eventualmente, di riprendere il discorso in altro momento.
Il saggio di Bindo Chiurlo «La letteratura ladina del Friuli» era stato pubblicato inizialmente sulla prestigiosa rivista fiorentina «Nuova Antologia», nel 1915.
Poi era venuta la guerra, nella quale l'autore - convinto interventista - aveva prestato servizio presso la Croce Rossa, impedito da un vizio cardiaco di recarsi al fronte. Finita la guerra, il saggio era stato rivisto, ampliato, arricchito ed era stato stampato in volume, con notevole successo, tanto da raggiungere, già nel 1922, la quarta edizione.
La guerra, in effetti, con il trauma dell'invasione nemica - ma anche con quello, meno noto e meno vistoso, ma non per questo meno autentico - di quell'altra invasione, quella dei requisitori, degli imboscati, dei carabinieri che fucilavano alle spalle le truppe restie ad andare al macello o quelle che, dopo Caporetto, fuggivano in disordine, gettando le armi - aveva approfondito il senso della riflessione di Chiurlo circa il significato della cultura popolare.
Non per nulla egli era stato l'anima della nascente Società Filologica Friulana, fondata, nel 1919, nel salone di un istituto scolastico di Gorizia - quella Gorizia che era stata appena riunita, col Friuli orientale, al resto della "piciule patrie", della piccola patria friulana - allo scopo di preservare e valorizzare quel vasto patrimonio di cultura che, altrimenti, rischiava di essere completamente disperso dall'aggressione della modernità.
Si dirà che anche la prima guerra mondiale, col suo intreccio di nazionalismo, imperialismo,  interessi industriali e finanziari, fu una tipica espressione della modernità; e che l'interventismo di Chiurlo è in contrasto con la sua volontà di difesa della cultura friulana, perché fu proprio quella guerra a trasformare il Friuli in un immenso campo di battaglia e a infliggere un colpo decisivo alla sopravvivenza di essa. Ma bisogna tener presente che, fra tutti gli Italiani del Regno, i Friulani erano i soli ad avere delle ragioni specifiche per desiderare la guerra contro l'Austria-Ungheria: loro che, da ben cinque secoli, una assurda frontiera politica, da Pontebba a Grado, divideva in due parti separate e potenzialmente ostili.
Bindo Chiurlo è morto nel dicembre del 1943, mentre una seconda e più tremenda guerra infuriava nel mondo e mentre un corollario ancor più terribile di essa stava per insanguinare l'Italia: la guerra civile.
Mentre il nobile studioso chiudeva gli occhi per sempre, stroncato da quella malattia al cuore che già gli aveva impedito di andare in prima linea nel 195, tempi ancor più terribili si annunciavano per il suo Friuli.
Udine e le altre città erano sottoposte quasi quotidianamente ai devastanti bombardamenti aerei angloamericani; nelle zone più orientali e nella vicina Venezia Giulia, bande di partigiani sloveni e croati incrudelivano contro la popolazione italiana, gettando migliaia di esseri umani nelle foibe; e, dalle lontane steppe del Kuban e dalle pendici del Caucaso, a cavallo, sui carri e perfino a dorso di cammello - spettacolo fantastico da "Mille e una notte", che è stato descritto da Carlo Sgorlon nel romanzo «L'armata dei fiumi perduti» - traversavano il Friuli, per stabilirsi in Carnia i Cosacchi anti-sovietici, cui l'occupante tedesco aveva promesso niente meno che la sicurezza di una nuova e definitiva patria.
Poi, finita anche quella nuova guerra, con tutta la sua scia di sangue e di orrori, erano arrivati i «liberatori» anglo-americani, portando con sé il pane bianco e le sigarette; e, nel giro di una ventina d'anni, l'Italia sarebbe stata radicalmente trasformata dall'avvento definitivo della modernità, rinunciando alla propria anima in cambio dello stile di vita americano. 
Le villotte vennero per sempre abbandonate; i paesi di montagna, spopolati dall'emigrazione; la stessa lingua friulana, gradualmente soppiantata dall'italiano o, peggio, da quell'ibrido dialetto veneto che fu introdotto a Udine dai conquistatori veneziani nel 1420, e che per secoli era stato la parlata dei «signori», ma non del popolo.
Notevolissima, ad ogni modo, era stata l'intuizione del Chiurlo, e di poche altre menti illuminate, benché - purtroppo - tardiva: che la cultura popolare è una manifestazione importante della vita di una nazione, e specialmente di una piccola nazione che è vissuta per secoli all'ombra della civiltà contadina; anzi, ne è l'espressione più autentica e viva, la più diretta e immediata, quella che meglio esprime l'anima del vecchio Friuli.
Era giusto e doveroso, pertanto, adoperarsi perché la "mari lenghe",  la madre lingua, continuasse a vivere; e perché tutte le manifestazioni della civiltà contadina friulana, a cominciare dalla letteratura popolare, trovassero riconoscimento e fossero oggetto di studio amorevole nonché, se possibile, di uno sforzo consapevole per mantenerle ancora in vita.
Che dire di questi generosi propositi, di queste nobili illusioni, ora che il rullo compressore del consumismo ha spazzato via ogni traccia dell'anima del vecchio Friuli (così come di ogni altra cultura popolare italiana ed europea), sostituendo le discoteche alle danze popolari, la musica elettronica alla fisarmonica, i vestiti firmati ai costumi popolari, le casette a schiera alla casa rustica,  l'amore per il divertimento ad ogni costo all'amore per la propria terra?
Dobbiamo forse concludere che ogni sforzo è stato vano, che tutto ciò che è stato fatto per riportare in vita le culture locali non è stato altro che un sogno anacronistico?
Noi non lo crediamo.
L'importante, nella vita, non è vincere; l'importante è lottare per affermare valori.
La Coca-Cola e il chewin-gum non sono valori; le villotte e le fiabe popolari, sì; o, se non lo sono, sono tuttavia strumento per l'affermazione di valori: l'amore, la famiglia, il lavoro, la terra, l'amicizia, la bellezza, la memoria.
Questi sono valori, e valori imperituri. Le mode passano, ma i valori restano.
Passano anche le ondate barbariche; passerà pure l'ondata della barbarie consumistica e tecnologica. È già accaduto e tornerà ad accadere.
Alla fine, saranno i valori ad affermarsi, perché le loro radici affondano nelle esigenze autentiche degli esseri umani; mentre i capricci del consumismo spariranno, in quanto non sono che l'espressione di bisogni artificiali indotti dalla pubblicità.
Noi, quasi certamente, non assisteremo a questa rivincita dei valori; ma vi assisteranno i nostri figli o, tutt'al più, i nostri nipoti.
La storia non ha fretta.
Bisogna avere fede: le mode passano, i valori restano - o risorgono dalle proprie ceneri.

14 mag 2010

SUNS, ARLEF, ONDE FURLANE

O ai a pene ricevût il comunicât pe stampe pal festival SUNS di cjançons in lenghe minoritarie. Prime di zontâlu o soi lât a viodi ancje il bant dal concors e, sacrabolt, no ao cjatât un erôr di stampe tal bant dal concors? Il bant, se al é a pene jessût, prime di dut, a nol é masse adore parcé che le date par mandâ une cjançon a sarès il prin di Lui. Daspó, come se nol fos avonde tart, al é scrit che par partecipâ al bisugne mandâ le iscrizion prime dal prin di Lui 2009 ! Ur ai scrit un mail subite. Sperin che chei gnôgnos a ledin a cambiâ le date.
Al somee propite fat a pueste par fâ capî ai furlans che nol covente partecipâ che al é masse tart e che il vincidôr al é bielzà sielzût:-)
Te version inglêse e taliane invezit al é ben scrit 2010.
Alore us met achi sot il comunicât:


SUNS, Festival e concors de cjançon in lenghis minoritariis
Daspò dal bant di concors dal 2010 si torne a vierzi uficialmentri Suns, manifestazion volude de ARLeF e ancje une jenfri lis iniziativis di respîr internazionâl plui ambiziosis che la nestre regjon e vedi ospitât tai ultins agns.

Fuarce di chest event e je la costelazion verzelade des piçulis, grandis lenghis feveladis in Europe. No son dome lis lenghis nazionâls e plui pandudis e, in gjenerâl, ricognossudis ma dutis lis lenghis che, tant che il furlan, che a rapresentin cun braure il cûr e la anime di tantis culturis minoritariis pardabon interessantis.

Ancje se il status di chestis lenghis al è ricognossût in maniere diferente (se no a voltis adiriture ostacolât palesementri) dai lôr stâts centrâi, la vitalitât des espressions artistichis di chescj popui e je dal sigûr un denominatôr comun tant che mieç di libertât par pandi la libertât di afermazion de lôr unicitât culturâl. 
Cualchi esempli interessant di chest patrimoni inestimabil al è za stât presentât te edizion di Suns dal an passât, che tal Setembar dal 2009, daspò di vê selezionât 20 grups di 7 minorancis linguistichis diviersis, al à ospitât vot grups e artiscj di lenghe sarde, catalane, rom, retoromance, ladine, arbereshe e, nancje a dîlu, furlane.

Suns nol è dut câs un event isolât. La kermesse musicâl nostrane e je di fat la “semifinâl” che e fâs jentrâ tal Liet International, la plui impuartante e preseade iniziative europeane di musiche in lenghe minoritarie. Daspò jessi stât ospitât in Frisie e Laponie, il Liet al rivarà finalmentri a Udin vie pal 2011.

Cundut che i obietîfs principâi di chestis manifestazions a son la condivision e il scambi jenfri culturis, no si à di dismenteâ il lôr caratar competitîf.

Ancje chest an jenfri i grups che a inviaran lis lôr cjançons, daûr dal bant che si cjate sul sît www.sunscontest.com, a vignaran selezionâts i 8 finaliscj che si esibiran intun conciert dal vîf in Place S. Jacum a Udin ai 28 di Avost che al ven. Dome 2 di chescj, selezionâts di une jurie internazionâl, a podaran lâ te finâl dal Liet che si davuelzarà a Lorient in Bretagne te prossime sierade. 
La musiche furlane e pues svantâ un curriculum di bon rispiet par chel che al inten lis edizions passadis: tal 2009 il “contestoriis di Sudri”, Lino Straulino, daspò di vê sbaraiât la concorince tal cors di Suns, al è rivât tierç te finâl dal Liet a Leuwardeen in Frisie (Paîs Bas); stes risultât ancje pai rappers cjargnei Carnicats, rivâts ancje lôr tal tierç puest te edizion dal 2008 e no àn fat brute figure nancje i Prorastar, i Arbe Garbe e i Kosovni Odpadki… simpri fra i miôr tes edizions dai agns passâts de competizion europeane.  
Al è di sperâ che ancje chest an un rapresentant de nestre lenghe al rivi a vuadagnâ une des primis posizions dal Liet; al sarès di sigûr un bon auguri pal 2011, cuant che Udin al sarà la sede di chest impuartant event.


Daspò dal bant di concors dal 2010 si torne a vierzi uficialmentri Suns, manifestazion volude de ARLeF e ancje une jenfri lis iniziativis di respîr internazionâl plui ambiziosis che la nestre regjon e vedi ospitât tai ultins agns.

Fuarce di chest event e je la costelazion verzelade des piçulis, grandis lenghis feveladis in Europe. No son dome lis lenghis nazionâls e plui pandudis e, in gjenerâl, ricognossudis ma dutis lis lenghis che, tant che il furlan, che a rapresentin cun braure il cûr e la anime di tantis culturis minoritariis pardabon interessantis.

Ancje se il status di chestis lenghis al è ricognossût in maniere diferente (se no a voltis adiriture ostacolât palesementri) dai lôr stâts centrâi, la vitalitât des espressions artistichis di chescj popui e je dal sigûr un denominatôr comun tant che mieç di libertât par pandi la libertât di afermazion de lôr unicitât culturâl. 
Cualchi esempli interessant di chest patrimoni inestimabil al è za stât presentât te edizion di Suns dal an passât, che tal Setembar dal 2009, daspò di vê selezionât 20 grups di 7 minorancis linguistichis diviersis, al à ospitât vot grups e artiscj di lenghe sarde, catalane, rom, retoromance, ladine, arbereshe e, nancje a dîlu, furlane.

Suns nol è dut câs un event isolât. La kermesse musicâl nostrane e je di fat la “semifinâl” che e fâs jentrâ tal Liet International, la plui impuartante e preseade iniziative europeane di musiche in lenghe minoritarie. Daspò jessi stât ospitât in Frisie e Laponie, il Liet al rivarà finalmentri a Udin vie pal 2011.

Cundut che i obietîfs principâi di chestis manifestazions a son la condivision e il scambi jenfri culturis, no si à di dismenteâ il lôr caratar competitîf.

Ancje chest an jenfri i grups che a inviaran lis lôr cjançons, daûr dal bant che si cjate sul sît www.sunscontest.com, a vignaran selezionâts i 8 finaliscj che si esibiran intun conciert dal vîf in Place S. Jacum a Udin ai 28 di Avost che al ven. Dome 2 di chescj, selezionâts di une jurie internazionâl, a podaran lâ te finâl dal Liet che si davuelzarà a Lorient in Bretagne te prossime sierade. 
La musiche furlane e pues svantâ un curriculum di bon rispiet par chel che al inten lis edizions passadis: tal 2009 il “contestoriis di Sudri”, Lino Straulino, daspò di vê sbaraiât la concorince tal cors di Suns, al è rivât tierç te finâl dal Liet a Leuwardeen in Frisie (Paîs Bas); stes risultât ancje pai rappers cjargnei Carnicats, rivâts ancje lôr tal tierç puest te edizion dal 2008 e no àn fat brute figure nancje i Prorastar, i Arbe Garbe e i Kosovni Odpadki… simpri fra i miôr tes edizions dai agns passâts de competizion europeane.  
Al è di sperâ che ancje chest an un rapresentant de nestre lenghe al rivi a vuadagnâ une des primis posizions dal Liet; al sarès di sigûr un bon auguri pal 2011, cuant che Udin al sarà la sede di chest impuartant event.

Mangjâ ben e bevi miôr / Mangiar bene e bere meglio


Lis trê sûrs a vevin dutis le lôr specialitât e, tant che no si jerin sposadis, a fasevin le fierece de lôr mâri tes grandis ocasions e tes piçulis. Bisugne disi che in Armenie, lis mulis a imparin ancjemó a cusî e a cusinâ ancje se a van a scuele.
Une a jere specializade tes tortis, une te cusine autetone, e une te cusine foreste.
Chê che a à fat i involtins achi, a iere le seconde e se o no le ai maridade jó al é juste parcé che no sai maridâ dutis lis feminis di chest mont. Da me, a ven a fâ la colf e a lu fâs ben. A mi nete le cjase come s'al fos un ospedâl e chiste vôlte a mi à fat da mangjâ come so fos un re.
Va ben, il plat al é bielzà mieç vueit ma i involtins a jerin masse bogns dopo le mignestre e prime des lasagnis. Le uniche rôbe al é che a mi à fat da mangjâ par une setemane ma s’o gambii di vin, forsit al mi somearà mancul penôs. Ma o i perdoni vulintîr parcé che amancul no ai di lavâ i plats e a fâs dut jê. Cumó o i ai dât le idee di fâ come in Inghiltere, di proponi par un presit stabilît, di lâ pes cjasis a fâ le cusine. Cui no saressial interessât di vê une dí une côghe che a ven in cjase, e a organize dut jê, des spêsis ae massarie finâl ?
 Ma cui mi vegniaressial a netâ dopo? A mi à dite che se lis sôs sûrs a son masse ocupadis, a cognos ancjemó âltris armenianis. Ah, i armenians, chei si che si tegnin unîts ve !
Involtins: Preparâ une polpe di pane,kefir (Une sorte di Yogurt), maionês e un formadi tipo scuete frescje, massedâts cun fruçons di coculis, ài, un tininin di limon e prezemul. Sbrovâ lis slepis di melanzanis in tune padiele e po, meti dôs sedons de polpe e involuçâ prime di siervî. Tacâ cul vin blanc parcé che al é plui niervôs e fresc che il nêri. Daspó, o larês indenant cun ce che us tocje. Al dipint dal puest che us reste in te panze o de sûr armeniane che us tocje e che o invidarês asolutamentri a mangjâ cun vualtris.

Ogni sorella aveva la sua specialità e finché non si sono sposate, erano invitate a cucinare in tutte le feste e occasioni. In Armenia, le ragazze imparano ancora a cucire e a cucinare anche se vanno all’università.
Una era specializzata nelle torte, l’altra nella cucina autoctona, e la terza nella cucina straniera.
Quella degli involtini nella foto era la seconda e se non l’ho sposata io é solo perché non posso sposare tutte le donne di questo mondo. Da me fa la colf e lo fa molto bene. Mi pulisce la casa come se fosse un ospedale e questa volta m’ha cucinato il pranzo come se fossi un re.
OK, il piatto é già mezzo vuoto perché gli involtini erano troppo buoni dopo la minestra e prima delle lasagne. L’unica cosa é che m’ha fatto una porzione che mi durerà una settimana ma se cambio di vino forse mi sembrerà meno penoso. Le perdono volentieri questo scarto perché tanto mi lava anche i piatti.
Anzi le ho dato l’dea di fare come in Inghilterra : La cuoca a domicilio. Per un prezzo stabilito, lei và a fare le spese, cucina, serve, sparecchia, lava i piatti e rimette tutto in ordine. Ma poi, chi verrebbe a farmi le pulizie se lei ha troppo successo nella sua nuova professione ?
Niente paura, mi dice, le mie sorelle sono già occupatissime ma ti troveró sempre un’altra armena. Ah, la solodarità armena, quella sí che funziona !
Involtini di melanzane à la armenienne : Preparare una pasta con panna, kefir, (Una specie di yogurt) formaggio tipo ricotta, maionese, noci sbricciolate, polvere di aglio e prezzemolo. Far saltare in padella delle fette di melanzane. Imbottire ogni fetta con la pasta, arrotolare e servire come primo. Accompagnare con un vino bianco piuttosto nervoso e fresco. Poi proseguire con quello che vi tocca, secondo il posto che vi rimane nel pancino e la sorella armeniana che inviterete a mangiare assolutamente con voi.

13 mag 2010

Contrast / Contrasto

Ce ch'al é ridicul a nol cope nissun a disin i francês e, l'operari comunâl cu le pale, viodint passâ le copie di borghês cun chei bastons a ridevin sot lis moschetis tant che mi preparavi par cjapâ le foto da lontan. Un al diseve che probabilmentri a vevin bisugne di smaltî le cicine dal cûl e alore a lavin a fâ le cjaminade. Chel âltri al diseve che ognun al puès fâ ce ch'al ûl ma nol capive il parcé di chei bastons che ur dave plui fastidi tal cjaminâ che jutori.
Cuant ch'o jeri rivât dongje di lôr o jeri par mostrâur il gno asentiment ma o vevi sintût che a cjacaravin furlan e invezit o ur ai fat un compliment disint che al faseve plasê di sintî che a 'nd ere amancul doi âltris furlans a Lignan. Sul che, l'operari cu le pale al mi à rispuindût che lui a nol jere furlan ma venit, e che cumó a son i venits che fevelin furlan e i furlans e cjacarin venit!
Chiste rispueste cussí clare e sclete no podeve sei fate che par un om sempliç e zenuin. Un che nol zire lis peraulis in tal cjâf prime di dîlis cu le bocje e al và dret tal essenziâl. Le sô rispueste a mi à tant plasût che us é doi a gratis. A Lignan a jerin lis siet di buinore e dut al jere sierât senó i varès vulintîr pajât un tai.
Semai o passais lunc de spiaze, ogni buinore o viodês chiste copie di vacanzîrs che a fâs sfuarçs di bant par sudâ e chescj operaris che a fasin sfuarçs par no sudâ di bant.


Ci sono di quelli che fanno grandi sforzi per poter sudare e quelli che fanno grandi sforzi per non sudare troppo. Mentre mi preparavo a far la foto gli operai comunali addetti alla spiaggia guardavano passare questa coppia e uno somigliava dire che di sicuro facevano la passeggiata per smagrire mentre l'altro forse pensava che ognuno puó fare ció che vuole ma non sembrava capire il perché di quei bastoncini che dava loro più fastidio che aiuto.
Poi, udii che parlavano in friulano e feci loro un complimento dicendo che ero contento di non essere l'unico friulano a parlar friulano a Lignano. La risposta mi sorprese quando mi disse che loro erano veneti e che adesso i veneti parlano friulano mentre i friulani parlano veneto. Ma la risposta chiara e schietta  mi piacque e ve la dó. Se non fossimo stati alle 7 del mattino gli avrei volentieri pagato un bicchiere

12 mag 2010

Lusinç /l' Isonzo / Soči

Clicca sulla foto per ingrandire
Soči 

Pa oh, siroti tebi žuga
vihar grozán, vihar strašán;
prihrumel z gorkega bo juga,
divjal čez plodno bo ravan,
ki tvoja jo napaja struga —
gorjé, da daleč ni ta dan!
Nad tabo jasen bo oblok,
krog tebe pa svinčena toča
in dež krvav in solz potok
in blisk in grom — oh, bitva vroča!
Tod sekla bridka bodo jekla,
in ti mi boš krvava tekla:
kri naša te pojila bo,
sovražna te kalila bo!
Takrat se spomni, bistra Soča,
kar gorko ti srce naroča:
Kar bode shranjenih voda
v oblakih tvojega neba,
kar vode v tvojih bo planinah,
kar bode v cvetnih je ravninah,
tačas pridrvi vse na dan,
narasti, vzkipi v tok strašán!
Ne stiskaj v meje se bregov,
srdita čez branove stopi,
ter tujce, zemlje-lačne, vtopi
Na dno razpenjenih valov!

  All'Isonzo
  Ma su te, misero, ahimè, s'addensa
  un tremendo uragano, una bufera immensa,
  dal caldo meridione infuriando verrà
  e strage alla pianura ferace recherà
  che la tua corrente disseta.
  E quel giorno, ahimè, lontano non è!
  Su te il ciel sereno s'inarcherà,
  ma intorno grandine di piombo cadrà
  e sangue a fiotti e di lacrime un torrente
  e lampi e tuoni — oh che battaglia ardente!
  Qui all'urto delle spade affilate,
  le tue acque di rosso saranno colorate:
  il nostro sangue a te scorrerà,
  quello nemico ti intorbiderà!
  Rammenta, chiaro Isonzo, allora
  ciò che il cuore ardente implora:
  Quanto di acqua in serbo avrà
  nei suoi nembi il tuo cielo,
  quanto nelle tue montagne sarà
  d'acque e nelle pianure fiorite
  riversale allora finché tutte saran uscite
  e tu cresci, sollevati con la corrente tremenda!
  Non ridurti entri i limiti delle sponde,
  balza dagli argini tuoi furibondo
  e lo stranier della nostra terra avido
  nel fondo dei tuoi gorghi travolgi impavido
Simon Gregorčič

Traduzione di Giovanna Ferianis Vadnjal

Par savê di plui su ches poete sloven lait achi
Par comprâ i vins doc invezit achi (Rôbis da mats!)
Par cognossi alc di plui ancje achi.

11 mag 2010

Ruda e Pasolini

Ingrandisci con un clic sulla foto

Ti ricordi di quella sera a Ruda?
Quel nostro darsi, insieme, a un gioco
di pura passione, misura della nostra cruda
gioventù, del nostro cuore ancora poco
più che puerile? Era una lotta
bruciante di se stessa, ma il suo fuoco
si spandeva oltre noi, la notte,
ricordi?, ne era tutta piena nel fresco
vuoto, nelle strade percorse da frotte
di braccianti vestiti a festa,
di ragazzi venuti in bicicletta
dai borghi vicini: e la mesta,
quotidiana, cristiana, piazzetta
ne fiottava come in una sagra.
Noi, non popolani, nella stretta
del popolo contadino, della magra
folla paesana, amati quanto
ci ardeva l'amare, feriti dall'agra
notte ch'era loro, del loro stanco
ritorno dai campi nell'odore
di fuoco delle cene... uno a fianco
all'altro gridavamo le parole
che, quasi incomprese, erano promessa
sicura, espresso, rivelato amore.
E poi le canzoni, i poveri bicchieri
di vino sui tavoli dentro la buia
osteria, le chiare facce dei festeggeri
intorno a noi, i loro certi occhi sui
nostri incerti, le scorate armoniche
e la bella bandiera nell'angolo più
in luce dell'umido stanzone.
Ora, lontano, diverso, nel vento quasi
non terrestre che smuovendo l'aria
impura, trae vita da una stasi
mortale delle cose, rivedo i casali,
i campi, la piazzetta di Ruda;
su, le bianche alpi, e giù, lungo i canali,
tra campi di granoturco e vigne, l'umida
luce del mare.
Pier Paolo Pasolini
Per saperne di più su Ruda

10 mag 2010

I doi Vigjis Chiozza e Pasteur

Svualant sôre il Friûl prime di aterâ a l'aeropuart di Ronchi, o ai viodût chest borgut e o mi soi domandât ce ch’al si clamave e  apene ch'o ai podût, o soi lât a cirî su le cjartine di Google e lu ai cjatât. Il si trate de fabriche Chiozza di Porteûl.Une fabriche di amit che a é stade sierade tal 1986 daspó plui di 140 agns di vite. Il paron, Chiozza, al veve stât a scuele cun Pasteur ae Ecole de chimie pratique di Parigji. Pasteur, o savin ce che al à fat dopo, ma il Chiozza lu saveviso? E saveviso che Pasteur al jere vignût a stâ a Ruda par 9 mês par podê lavorâ tal laboratori dal Chiozza ?
E an dite
Chiozza: Miôr tasê par alc che cjacarâ di bant:-)
Pasteur: Il vin a é le bevande plui sane e igjeniche che sedi...S'al é bevût cun moderazion:-)

Sorvolando il Friuli, passavo sopra questo borghetto e mi son chiesto come si chiamava. L’ho trovato poi con Google map ed ho anche scoperto  che si tratta della fabbrica di amido di Luigi Chiozza un chimico che aveva studiato a Parigi nella squola di chimica. Uno dei suoi coetanei era Louis Pasteur con il quale era rimasto in contatto. Dal 1869 al 1870, Louis Pasteur era venuto ad abitare a Ruda per poter lavorare ogni giorno nel laboratorio di Chiozza. La fabbrica ha chiuso nel 1986 dopo 145 anni di produzione. 
Hanno detto
Chiozza: Meglio tacere per qualcosa che parlare per niente:-)
Pasteur: Il vino é la più sana ed igienica bevanda che ci sia...Basta berlo con moderazione.

Un salût da Lignan / Saluti da Lignano


Posted by Picasa

5 mag 2010

Mandi o voi / Ciao, vado.

O sarai des bandis di Lignan e Vignêsie fint Lunis.
Sono dalle parti di Lignano e Venezia fino a lunedí

4 mag 2010

Eusebio Stella, poesia e grafia

Vé achi alc di Eusebi Stele datât tor dal 1671
Prima qualche verso di Eusebio Stella scritti attorno al 1671

...Mi schiampà il vôli su Jacuma e Menott
Vedei sott'un cason in miez dai raas
Ohime Jacuma mee, chi mi disfaas
Ohime, vé ch'al mi gotta il sivilot...

...Mi scappó lo sguardo su Giacomina e Menotti
Li vidi sotto un casotto tra gli sterpi
aimé Giacomina mia, qua mi disfo
aimé, ecco che mi gocciola il fischietto...

Quant ch'a si forin zuz
Cun'un fazzoletat ch'al vee in te sachetta
E iee fatta s'havee la frizza netta
E ji mostrà una tetta
Ma lui ij vee una man là dal culat
Blanc just cuma la neef plui no cul lat
Io restai stupefat
Vidint la gran beltaat di chee polzetta
Oh giamba, oh quessa, oh potta, oh cuul oh tetta!

Quando si quietarono
Con un fazzoletto che aveva in tasca
Le pulí la figa
Lei gli mostró una tetta
Ma lui aveva la mano nel suo culo
Bianco come la neve più che come il latte
Io rimasi stupefatto
Vedendo la gran bellezza di quella polzetta
Oh gamba, Oh coscia, oh potta, oh culo, oh tetta!

Analogie trovate al volo
Giorgio Baffo:
Dal tramontar del sol sin all'aurora
E dall'aurora sin che 'l sol va a monte
Se magna, caga, beve, pissa e sbora


Più lirica di Pushkin: Oh noshki noshki, gdié ve nigne ?
(Oh gambe gambe, dove eravate? Dal romanzo in poesia Eugenio Anieghin
http://amfortas.splinder.com/post/20187947/Eugenio+Oneghin+a+Trieste:+piccola+presentazione+semiseria+e+relativo+ascolto+serissimo.

Pe grafie, a si viôt che al doprave lis dôs vocâls invezit dal acent circonfles. Chiste grafie, no sarès mâl da doprâ cun internet indulà che i acents, a no passin par nuie ben e po pal scrivi cu le tastiêre a si à bisugne di trê fracadis invezit di dôs. Notin a chest proposit che in olandês e in finlandês a si dopre dôs vocâls e cualchi vôlte ancje trê e al é plui facil da lei ancje pai profans.
Daspó, alcaltri: Tal libri zâl intitulât: Scrivere in Friulano, Anna Madriz e Paolo Roseano nus disin che in furlan a no si puès doprâ l'apostrof tal scrivi cuant che invezit a si lu dopre tal cjacarâ.
Ma achi a si viôt che Eusebio Stella a lu doprave bielzà tal 1671.
Esmpli:Quant ch'a si forin... o ben Quant ch'al mi gota il sivilot (Quando mi gocciola il cazzo).
O soi dacuardi che in poesie a si puès cjapâ le libertât di inventâ, ma achi a nol é il câs. Jó o ai simpri sintût fâ le elision e dal rest o no rivi adore a fâ di mancul di dî ch'al é cussí ch'a si à da dî e ch'a nol é ch'al sêti mancul coret di scrivi cemût che a si cjacare.
O cîr di sfuarçâ ancje i puriscj e cuant ch'o scrîf une conte par contecurte, automaticamentri al mi rive indaûr le conte cu lis corezions di dutis chestis elisions. A sarès ore di modernizâ le grafie furlane. Tant, o sin dome nô che o scrivín. Inmó alc di strani, le prime publicazion a é stade fate dome 300 agns dopo! Chest nus mostre le mentalitât dai furlans dal 1761 al 1970. A vevin masse pôre di publicâlu par vie de istruzion catoliche.
PS: O sarai a Lignan e Vignêsie fint Lunis. Mandi

Eusebio Stella poete erotic furlan dal 1600

Un dai miei plui biei libris furlans chi ai, al é di sigûr chel intitulât Poesie Friulane. Ma di fat, al varès di jessi stât intitulât Eusebio Stella parcé che al si trate de so poesie. Chest mût di fâ tirâ i vôi su le poesie in zenerâl invezit che sul autôr e le sô poesie in particulâr a mi somee un vêr pecjât e par chest no us dîs cui che a lu à curât e cussí o sarês obleâts di lâ ae Filologjiche par savêlu:-)
Le cuviertine di fâls corean dorât cun cjamesute blancje par protezilu al ti dà subite l'impression di un libri impuartant e di fat al é. L'esemplâr gno, al é numarât 311/500, duncje o ai chest privilegjo straordenari che dome in Friûl al puès rivâ, di vê un libri stampât tal 1973 e comprât tal 2010, duncje 37 agns dopo! Se o vês chê di scuvierzi Eusebio Stella, o vês ancjemó vincj agns di timp. No di plui. Miôr no spietâ masse parce che al reste dome 200 esemplârs:-)
Eusebi, al jere stât mitût da bande par plui di 300 agns, parcé che il so scrivi al jere masse erotic par fâ biele figure tai scafâi dai plevans vêrs o imagjinaris che tal Friûl, a 'nd é simpri stâts masse. Cumó che dut al é deventât plui cinic forsit Eusebi a nol é avonde erotic nancje pai prêdis ma se i seminaris a sierin un par un, cui learaial ancjemó un Stella? Dutcâs al vâl le pene di sei cognossût. Di sigûr tal so timp, al jere plui cognossût di cumó e nol é impussibil di crodi che Giorgio Baffo, il plui baron di ducj i poets, a nol vedi let Eusebi Stella cuant che al cite in tun so sonet scrit cent agns dopo: Dove mai troverai zente che i loda quei che van in mona come fa i forlani...
Doman, us met alc sul so contegnût.
Eusebio Stella, poeta friulano del 600 non ha scritto quanto Giorgio Baffo ma come lui puó essere catalogato come un poeta erotico. Per questo, come del resto lo fu il Baffo, non era stato pubblicato prima che qualcuno lo riscoprisse. Il Baffo, per la prima volta fu pubblicato a Londra nell'800. Poi a Parigi ed infine in Italia nel 900. Era dunque normale che Eusebio Stella, con di più neanche veneziano ma solo friulano, sia stato riscoperto molto più tardi. Pertanto se il Baffo scriveva cento anni dopo lo Stella in un sonetto:Dove mai troverai zente che i loda quei che van in mona come fa i forlani... si puó pensare che aveva letto lo Stella e che forse, da lí si mise a scrivere i suoi sonetti erotici in veneziano. Senza togliere niente al baffo che adoro, il libro che ho trovato sullo Stella é une dei più bei libri friulani che abbia. La copertina di falso cuoio con lettere dorate é nascosta sotto una camicia bianca e l'esemplare che ho é il numero 311 sui 500 esemplari stampati nel 1973 dalla Filologica. Libro interessante non solo per la biografia dello Stella e per la sua poesia erotica ma anche per il glossario che lo accompagna con il quale, si scopre o riscopre certe espressioni e permette di arricchire il vocabolario.
Il titolo é completamente spiazzato. Certo che si tratta di poesie friulane ma esclusivamente delle poesie in friulano di Eusebio Stella e allora non si capisce il perché sia intitolato cosí. 
Comunque,  se in trentasette anni si sia venduto solo 300 esemplari, questo vuol dire che potete, come me, avere il raro privilegio di  averne uno anche voi per una quindicina di euri. Basta solo che non tardiate troppo. Infatti vi rimangono solo 20 anni per comperare uno dei 200 esemplari rimanenti:-)
Domani, qualcosa sul contenuto del libro.