I miei Video clips furlans

Loading...

30 giu 2010

Le zoventût di Staline



I georgians a somein ai talians. Cussí al dîs Sabag Montefiore tal so libri su le zoventût di Stalin. Ma cul so sôrenon talian al sà pôc da l'Italie e scuâsit come ducj in Europe e tal mont: al crôt che ducj i talians a sedin sicilians, gjelôs, vendicatîfs,mafiôs, piçulots e vie vie.
A ogni viaç o compri un libri e il so, di 700 pagjinis, al à durât plui di chei altris.Bisugne dî che se dai talians al cognós cussí pôc, invezit al sà scuâsit dut su le Russie. Da inglês jessût da Cambridge e da ebreo che al ûl vê ne rivincite al cîr di restâ neutro e obietîf e forsit al rive.Par podê lâ a sgarfâ tai archivios che a son stâts segrets par plui di 80 agns al à imparât ancje il rus.Il libri lu ai let scuâsit dut in tun flât e o varès di fâ une disine di posts par comentâlu tant che il libri al é plen di detais interessants e inedits, no dome su le vite di Stalin, ma de Russie di prime e di dopo. Par dâus une idee dal contignût, te liste dai libris che al à let prime di scomençâ a scrivi andé 300 libris di biografiis, di storie e di politiche rus, inglês, merecans e francês.

Al scomence in te Georgie dal 1878 cuant che al é nassût Stalin da un pâri che a no si sa par vie che le mâri, biele e sensuâl, a no spietave masse par lâ tal jet cui vicins, i protetôrs o i siors. Ma di gracie che a podût fâlu, il Sosso (diminutîf di Josef in georgian) al à podût fâ lis scuelis e fintramai il seminari. Si, parcé che so mâri a varès vût chê di fâlu deventâ un vescuf. Invezit, lui, rivoltât des maniêris dai prêdis, al é scjampât prime di finî.
Achi fasin une pause e pensin a Pre Beline che cu le so fabriche dai prêdis al à juste dite ce che Stalin al veve notât ator dal 1900 in tal so seminari ortodos di Tbilissi. Dome che Pre Beline, da brâf furlan, al é restât drenti e al si é sotometût fin cuant che al é deventât prêdi e, a part il so libri, nol à fat nissune rivoluzion in Friûl e al à passât cussí dute le sô noiôse di vite a voltâ libris in furlan che nissun al learà mai ma che ducj a considerin une grande prodece.
Stalin, invezit, cul so metro e sessante, a 23 agns al jere bielzà tai archivios de polizie catalogât come un bandît e un assasin ma chest no lu à impedît di rivâ, dopo 13 agns di rapinis e estorsions a deventâ il plui influent dai rivoluzionaris e finalmentri, cu le so bande di bandîts mitûts come ministros, a é nassude le republiche sovietiche. 
Cemût che dopo al à podût vinci il plui sanguinari dai despotes todescs, nissun american e nissun europeo a lu disarà, par vie che ognun al ûl fâ crodi di vê vinçût Hitler di bessôl. Ma dome un mostro plui spietât che Hitler al podeve rivâ a vincilu e Stalin al jere une vere machine par masenâ cjar umane. Al faseve atacâ i todescs cun soldâts scuâsit disarmâts e se un a nol voleve lâ indenant a i sbaravin in te schene. Nondé, nissune famee che in Russie, inmó vuê, no vedi vût amancul un parint muart in vuere o in Siberie. Par chest, i rus a son deventâts apatics e cence speranze. I fruts di vuê, come achi, a no vuelin savê nuie dai lôrs pâris e nônos che bielzà tal asilo a imparavin che al jere proibît di vê iniziativis parcé che a podevin sei fusilâts bielzà ae etât di dodis agns. Un tic come in Friûl, indulà che se un a nol ûl stâ in file indiane e fâ come ducj, venastâ juste il so dovê, al é butât da bande o ignorât.
Inutil dî, che chest regjim di salvadis primaris al à fat dal popul rus piês che ce che da nô e à simpri fat le indifarence, le apatie e il pôc di interès pes robis al di fûr de religjon.

Al dí di vuê, nissun a nol crôt in nuie. Le magjorance a rit e a s'incjoche cuant che a viodin sui gjornâi che il partît di Putin al vinç lis elezions parcé che a san che da 80 agns, a son dome i pensionâts dal comunism che van a votâ e che i risultâts a son simpri chei. Cussí i oms a son simpri cjocs e lis feminis a cirin di svignâse dal paîs e dutcâs, se a restin, a cirin di no vê fruts. Cuant che in tune societât lis feminis no an plui voe di vê fruts, il paîs a nol starà tant par colâ e chest si pues dî ancje dal Friûl, che a nol é altri che une piçule Russie in miniature.
In te Russie di vuê, indulà che a consumin plui droghe che le Americhe dal nord cun dut il Canada e le Cine metûts dongje l'ultin siopero dai minadôrs di cualchi mês indaûr dopo le muart di cualchi disine di minadôrs par mancjance di sisteme di sigurece al é stât sospês in tic e tac a pene che il paron de miniêre al à dite che se no tornavin a vôre al varès fat vignî i operaris cinês e a saressin ducj stâts licenziâts.
Chel paron, al jere Abramoviç, il miliardari rus che al sta in Inghiltere e che al é soredut cognossût par vie che al à comprât le scuâdre dal Chelsea e che cualchi dí prime al si viodeve sui gjornâi in tune foto indulà che ,crot come un vierm, al muardeve il cûl de so segretarie che par fuarce, a no podeve sei viestide. I sanguinaris a mangjin le cjar crude.
Atents ae finâl dal video!



Per colmare le ore di aereo, mi prendo sempre un libro all'aeroporto. Questa volta il libro é durato più del solito perché aveva più di 700 pagine. Si tratta del libro di Sabag-Montefiore sulla vita di Stalin prima che arrivi al potere. L'autore forse perché esce da Cambridge, cerca di essere il più neutro e obiettivo possibile ma come dice lui riferendosi a Stalin, bisogna stare attenti sia ai pro che ai contro e forse alcuni diranno che essendo ebbreo, voleva di sicuro anche lui avere una rivincita.
Il libro, incomincia male quando dice che i georgiani sembrano molto agli italiani perché, come tutti all'estero, pensa che gli italiani siano tutti siciliani, piccolotti, vendicativi, gelosi, mafiosi e via via.
Per il resto, per scrivere il libro, si é documentato. Molto. L'elenco dei libri in inglese, russo e francese che ho contato passa i 300 ma sopratutto, s'é recato in Russia e in Georgia per cercare testimonianze e cercare negli archivi trovando dei documenti inediti. Il libro si legge molto facilmente anche se con tutti i nomi russi che cita, bisogna spesso tornare indietro per controllare i personaggi.
Il libro, é già destinato a un film ed é stato tradotto in 27 lingue. Io l'ho letto in francese.
Certo che una vita avventurosa come quella di Stalin, é eccezzionale e se prendiamo le vite di Hitler e Mussolini e le mettiamo insieme, non arriviamo ancora a sorpassare l'orrore, il cinismo, la cattiveria, la superbia e tutti i vizi, i difetti, le stragi e gli olocausti che ne sono scaturiti.
Possiamo solo dire che solo un mostro poteva vincere un'altro mostro ed é cosí che é successo.
Se guardiamo i libri di storia, tutti sono convinti che sono gli alleati ad aver vinto la guerra del 40.
Se invece guardiamo le statistiche, vediamo che la distruzione dell'armata tedesca é dovuta all'ottanta per cento al sacrificio del popolo russo. Se poi guardiamo le perdite subite dagli alleati
arrivano al massimo 1,5% di morti della popolazione per i francesi mentre per i russi fu più alta del 20%. Se poi, prendiamo in conto anche i 28 milioni trucidati, deportati ed eliminati da Stalin, possiamo finalmente capire il perché ci sia ancora oggi in ogni famiglia russa l'amarezza di aver perso almeno un membro della famiglia in guerre o deportazione. Ad ogni pagina del libro, ci si rende conto che più si va avanti e più si scopre quanto noi l'abbiamo scampata bella di aver soltanto vuto a che fare con un pagliaccetto da operetta ma anche quanto i nostri eroi possano sembrare insignificanti di fronte a tali esempi.Beninteso, alla fine del libro, si rimane con l'amaro in bocca.
E all'ultima pagina che si capisce che adesso che Stalin arriverà al potere, coi suoi complessi di inferiorità ed il suo passato di bandito, assassino e terrorista,sarà meglio evitare di contraddirlo.
Neanche i suoi studi in seminario non serviranno ad ottenere pietà, anzi, meglio evitare di parlarne per non perdere la vita. Meglio evitare di farsi vedere. Meglio sparire nel vuoto, nel niente. Incominciare già all'asilo ad insegnare ai bambini a non avere iniziative perché a dodici anni potrebbero già essere fucilati. Solo obbedire. Ma senza zelo perché potrebbe esser preso male.
Dopo settant'anni di un regime cosí, forse potremo capire il perché, ancora oggi, il più grande passatempo del russo medio é di ubriacarsi per non pensarci troppo. Il perché le donne non vogliono più aver bambini se rimangono in Russia. Il perché, gli scioperi fatti in Italia per poter guardare la partita dei mondiali, possa far sghignazzare i russi mentre si imbevono della loro realtà. L'ultimo sciopero in Russia é stato schiacciato in due parole: Se non tornate al lavoro, facciamo venire gli operai dalla Cina e perdete il posto. Gli scioperanti venivano di perdere dei colleghi in una miniera per via delle scarse misure di sicurezza. Il padrone della miniera era Abramovic, il miliardario che ha comperato il Chelsea e che nello stesso momento figurava sui giornali con una foto mentre morsicava il culo nudo della sua segretaria.

28 giu 2010

L'om di açâl / L'uomo d'acciaio


L'apoteôs de vuere, al é il titul di chest teribil cuâdri di Basili Vereschaghin fat tal 1871 e dedeât a ducj i conquistadôrs dal passât, dal presint e dal futûr. Seben le so opare e le so vite a sedin fûr dal normâl o ai voe di dî alcaltri. Chest cuâdri larc plui di doi metros che o ai viodût te Tretyakov Galery di Moscje, a mi veve ribaltât le zornade seben che tar chel museu o vevi viodût un frac di grandis oparis in chel dí.
Daspó, le vite a continue e a si dismentee. O scuen alore tirâ fûr une siore : Berta Von Stuttner che jê, cuant che a à viodût chest cuâdri tai agns 1900 in tune mostre di pitôrs rùs a Viene a é stade cussí sdarnade che d'in chê dí, e à decidût di dedeâ dute le sô vite par lotâ cuintri lis vueris.
Ancje le so vite a sarès di contâ ma invezit o stoi drenti tal sogjet par dî che a jere ancje le segretarie di Alfred Nobel che inamorât di jê le veve fate lâ a Parigji indulà che Victor Hugo a lu veve bateât il vagabont plui sior de Europe. E al é cussí che plui tart i à fat vê indiretamenti un dai prins prêsits Nobel de pâs.
Ducj e trê a vevin alc in comun, a cjacaravin il rus e a vevin stât tal Caucaso. Il prin parcé che al jere rus, le seconde parcé che a jere di une famee aristocratiche indulà che il rus al jere impuartant da cognossi, e po a jere lade a vivi tal Caucaso cul so om, il tierç parce che nol jere cognossût dome par vie che al veve inventât le dinamite ma parcé che al jere cun Rothschield, un dai prins produtôrs di petrolio dal Caucaso che in chei agns al fornive plui de metât dal petrolio tal mont.
Ma us zonti inmó un vêr caucasian, un che come Maomet prime di deventâ il plui sant dai sants al jere un bandît, un lâri, un rapinadôr,un assasin, e vuê a si disarès ancje un pedofilo e no dome che in plui di sfondâ lis bancjis cu le so bande al ricatave ducj i produtôrs di petrolio.
Se chei a no paiavin, tal indoman a vevin le fabriche incendiade o ben i operaris e lavin in siopero. Chel bandît al si clamave Djugasvili, e come il president Sachasvili di vuê al jere un georgian che vincj agns dopo, cuant che al é deventât paron de Russie al si faseve clamâ Stalin che in rus al volarès dî l'om di açâr.
L'iomo d'acciaio a 23 anni

L'apoteosi della guerra é il titolo di questo cuadro che se mi ricordo bene fa più di due metri di larghezza. E dedicato a tutti i conquistatori gia vissuti, esistenti o a venire dal suo autore Basilio Vereshchaghin che lo dipinse nel 1871. Sebbene la sua opera e la sua vita siano veramente eccezzionali vi parleró invece della reazione di una donna, Berta von Stuttner che vide questo quadro ben prima di me e ne fu scossa molto di più poiché da quel giorno decise di dedicare la sua vita a lottare contro le guerre. Sebbene di nobile famiglia, anche lei ha avuto una vita molto interessante e per un periodo, fu la segretaria e forse amante del vagabondo più ricco d’Europa (Secondo Victor Hugo) Alfredo Nobel che poi, indirettamente, le fece guadagnare uno dei primi premi Nobel per la pace. A questo punto mentre lei coi soldi ricevuti intensificava i suoi sforzi per la pace, filo su Nobel che con l'invenzione della dinamite guadagnó certo molti soldi ma non quanto con la produzione di petrolio nel Caucaso, quando con i Rothschield, si occupave di fornire più della metà del petrolio prodotto nel mondo a quell'epoca.
Qua, faccio entrare l'uomo d'acciaio cosí autochiamato più tardi ma che nella stessa epoca, dall’età di 20 anni fino ai 35 era un bandito temutissimo che la polizia dello zar, catturava e riprendeva almeno quante volte lui scappava e rievadeva per continuare gli assalti alle banche, le estorsioni, gli assassinii e che i petrolieri per non aver scioperi o le fabbriche bruciate, pagavano fior di quatrini. Questo fenomeno lo vedete in una foto dell'epoca.Si direbbe un casanova ma era ferocissimo, cinico, e senza scrupoli e che dopo aver fatto morire la moglie di stenti in poco più di un anno di matrimonio ebbe anche due bambini con una tredicenne. All'epoca si faceva chiamare Sosso ma in verità si chiamava Djugasvili come molti Svili della Georgia tra i quali Sachasvili, il presidente attuale.Per venti anni, i nomignoli e sopranomi cambiarono ogni volta che voleva far perdere le sue tracce alla polizia segreta dello zar, che in quell'epoca era la più efficace del mondo. Poi finalmente prese il nome di Uomo d'acciaio che in russo diventa Stalin.

Basilio Vereshchaghin
Berta von Stuttner

18 giu 2010

Maridât ! / Sposato !

Taseit che mi soi maridât! No, par me nuie Papete e nuie Friscos cui aereos aes 3 di gnot come par Dree  achi ator. Par me, juste le gnot, parcé che di dí o soi masse ocupât.Fin cumó, ne jo ni jê, no cjatin nuie da dî su chest regjim. .Dutcâs,a  é ne frice simpatiche. Le ai cjatade tal gno jet come in tun sium. Tai siums dut al và simpri ben, alore dut al varès di lâ ben ancje cun jê. Nuie regulis, nuie religjon, nuie convenzions e galateos. A si fâs lis robis dome parce che a si à voe di fâlis e vonde. O vin dome une grande voie di cognossisi par vie che o si sin maridâts cence masse pensâ. Cemût? Mah, forsit, par vie de voie di sperimentâ chi ai simpri vût, o mi soi dite che maridâmi prime e cognossisi dopo a nol podeve sei piês.
Bisugnarà che i domandi cemût che al é sucedût.Fin cumó o sai dome che no vevi nissune sbigule di fâ une monade cuant che martis, si jere devant dal ufiziâl civîl tal comun di Londre. Stranamentri, a si jere sentâts e no si jere inpins cuant che o si sin dite in nestri Yes I do. Daspó, o no mi visi plui. Si, a é inglês, a é plui biele che dutis chês che o ai maridât fin cumó,chel o lu sai, sinó, no mi sarès maridât pe tiarce vôlte. Va ben, a é plui grande di me e forsit par chel devant dal lord Maire a si jere sentâts. no sai se cheste a jere une idee sô o mê, e forsit a no é grande che cuant chi o soi ponet tant che jê e sta inpins. Tar chest câs, o jê e sta simpri inmpins o ben o soi jo ch'o soi simpri ponet. Dutcâs, se o stin ponets ducj e doi, o soi jo il plui âlt, jê al u à notât a pene sveâde vuê di buinore. Forsit jê no lu sa, ma di buinore o ai simpri alc che mi sponte jenfri lis gjambis cence nissue reson e tant che o duar, O ai cirût di dial ma jê a pene sveade e a crôt che al sedi un cono gjelato e a mi taiât le peraule. Po se a si sente parsôre come par scusâsi di vê mâl capît e a tache a vaî, folc ti trai, ce sucedial? No stâit a dîmi ch'al é un insium...

Zitti, mi sono sposato! No, per me niente Papete e niente aereo alle tre di notte col viaggio di nozze a Frisco come per Andrea in un blog vicino. Per me solo la notte perché durante il giorno sono troppo occupato. Fin'ora, ne io ne lei, non troviamo niente da ridire su questo regime. Lei mi é simpaticissima. Me la son trovata nel letto come in un sogno. Nei sogni tutto va sempre liscio e allora tutto dovrebbe andar bene anche con lei. Niente regole, niente religione, niente convenzioni e galatei. Si fanno le cose solo perché si vuole farle e basta. Abbiamo solo voglia di conoscerci meglio per via che ci siamo sposati promettendoci di farlo.Come? Mah, forse per via della grande voglia di fare esperimenti che ho sempre avuto mi son detto che sposarmi prima di far conoscenza, non poteva essere peggio.
Bisognerà che le chieda come é successo.Comunque, non ho avuto nessuna angoscia prima di dire il mio yes davanti al lord maire del comune di Londra. Poi non mi ricordo più.Si, lei é inglese.Bella e intelligente.Altrimenti non mi sarei sposato per la terza volta.Forse  é anche più alta di me. Per questo eravamo seduti al municipio. Di chi era questa idea non lo so. Forse non é neanche vero che sia più alta, perché fin'ora ho notato questo solo quando era in piedi ed io ero disteso sul letto. Che sia perché lei é sempre inpiedi ed io sempre coricato? Direte voi. In ogni caso, se stiamo fianco a fianco nel letto, sono io il più alto. Lo ha notato appena ci siamo svegliati stamane. Forse lei non lo sa, ma ogni mattino ho qualcosa che mi spunta tra le gambe senza nessun motivo mentre dormo. Ho cercato di dirle il perché ma lei appena mi son svegliato m'ha tagliato la parola credendo si trattasse di un cono gelato. Poi s'é seduta sopra come per scusarsi di aver mal capito ed ha incominciato a piangere. Dio, cosa succede? Non sarà mica un sogno, vero?

15 giu 2010

Mandi Friûl / Addio Friuli

Alore indulà îse la crisi? Dapardut. Che sêti politiche o economiche ducj i paîs a son tocjâts.
Ma a si dîs che i grancj scandui e an inmó da rivâ. Come simpri, a rivaran des bandis dal ovest, venastâ il west, il far west merecan che par nô al tache bielzà dopo il distret di Gjibraltâr.
A si dîs che alà vie, le setemane passade al é sucedût alc di brut. Di brutisim. Une mega trufe da fâ saltâ il paîs.
No, o no cjacari de Belgjiche, indulà che par vê vuadagnât 15% dai votos il nazionalist De Wever al si crôt bielzà prin ministri, no, o feveli de Americhe che seont il gjornalist merecan James Howard Kunstler a é sul pont di implodi.Di disintegrâsi. Al scomençarà cu le rivelazion de plui grande trufe mai fate da une bancje. Ce bancje? La Goldman Sachs.
Daspó a no si sa indulà che a larà a finî ma chiste vôlte al sucedarà un casin. I merecans a scomençaran a fâsi le piel par sorevivi. Al sarà cussí catastrofic che Obama al puedarès sei l'ûltin president dai merecans.
Chest par dî che la mê bancje da plui di un an, a é la Deutsche. Duncje todescje, a  mi veve tirât drenti par vie dai interès plui âlts e sigûrs di chês altris che a prometeve, ma dal mês di zenâr é à ridôt il tàs di interes come par dîmi, cumó che a tu sês drenti a nol covente plui fâcji regâi.
Alore, da fevrâr in cà o ieri a Lignan, a Grado,a Duino, a Triest, a Vignêsie, a Udin po ator dal lâc di Garde a cirî ne cjase da comprâ prime che i bêcs di vot agns indaûr a no valedin plui nuie. Ma in Italie, seben o jeri plen di buine volontât, no ai cumbinât nuie.Bielzà a entrâ in tune bancje taliane a mi urte i nierfs e cirî cjase a traviers des  agenziis, che no vegnin nancje ai apontaments a mi fâs cagâ. Alore, mandi Friûl, o vevi viodût che in Spagne, al costave bielzà mancul cjâr e che di mâr e di sorêli andan (a 'nd an) il dopli, o soi lât a finîle aventi vie.Cumó, se o vês chê di passâ une setemane veramenti tal sorêli us fiti l'apartament par 250€. Ma chiste setemane me cjapi jo. Cence vergogne:-)

Questa volta succederà il finimondo. Lo dice James Howard Kunstler, che analizza
la società americana nei sui libri e nel suo blog ((80 milioni di lettori)  La settimana scorsa é successo qualcosa che presto, farà esplodere l'America. James, dice che Obama potrebbe essere l'ultimo presidente degli USA e che la Goldman Sachs l'ultima banca a fare un colpo cosí grosso. Che sia quel che sia, io non mi fido di nessuno, agisco più col fiuto e l'intuito ma anche se avessi fatto solo le elementari, potrei dire che se in dieci anni un capitale piazzato nelle banche non é diminuito, é solo perché non si tiene conto dell'inflazione.
 Infedele, con tutte le banche che ci sono, non esito a guardare sotto le loro gonne e a cambiar gusto. Da un pó più di un anno, la promessa di aver di più (Eh si!) mi aveva fatto finire tra le gambe della Deutsche Bank. Da gennaio, una circolare mi diceva che il tasso promesso non poteva essere mantenuto come per dirmi che se credevo che durasse, ero un allocco. Cosí, dal mese di febbraio cercavo di comperar una casa o un appartamento intorno a Duino, Trieste, Lignano, Grado, Venezia, Udine, poi anche il lago di Garda. Tanto, che ci lascio a fare i soldi nelle banche se arricchiscono solo loro? Ma niente da fare, il Friuli, se non é la Sicilia, é pursempre l'Italia e sebbene fossi pieno di buona volontà, ho deciso di lasciar perdere. Le banche italiane sono le peggiori di tutta l'Europa e no mi andava di continuare con delle agenzie immobiliari che dopo averti dato appuntamento, non solo non vengon, ma neanche si scusano per l'assenza! Tra l'altro, l'offerta é misera ed i prezzi sono tra i più alti d'Europa.Faccio un giro in internet e scopro che in Ispagna, il mercato immobiliario é calato del 40% . Controllo tramite le agenzie. Tutto vero.
 Poiché ora, la scielta non era più una questione di cuore ma di testa, tanto valeva vedere dove conveniva di più, per via,, non tanto del sole ma della luce, per via non tanto del mare ma della temperatura, per via anche delle infrastrutture, degli aerei, nonché dei prezzi. Cosí ho trovato un appartamento quasi nuovo e tutto ammobiliato a 7 minuti e cioé due isolati dal mare, tra il clima arido di Valencia e la zona più fertile chiamata il giardino della Spagna. Affitteró l'appartamento per 250€ alla settimana. Ma questa settimana é solo per me. Ciao.

14 giu 2010

Panem circenses et coca cola

O vin dismenteât che la Fifa a é stade creade dal francês Jules Rivet cence nissun scopo lucratîf prime di deventâ une multinazionâl svizare plene di storiis di coruzion. Bielzà tal 1930 pai campionâts dal mont al veve dite che dutis lis spêsis a vevin di sei cjapadis in caric dal paîs organizadôr e alore, ducj i paîs europeos che a si jerin candidât, a si jerin ritirâts parce che al costave masse cjâr. Ancje le Italie di Mussolini che no veve mandât nancje le scuâdre par partecipâ. 
Ce contrast cul dí di vuê. I zuiadôrs francês a son tal albergo plui cjâr de Afriche dal sud a 600€ in dí parom. Come ducj i stâts, ancje i francês a son plen di debits ma il panem et circenses al scuen lâ indenant. Achi di pôc, le Americhe e le Europe a si disfaran ma a si continuarà di cjalâ cun interes il zuiadôr ch'al spude, chel altri ch'al si grate il cul, e il spetadôr cui dêts tal nâs ch'al spiete il gôl.

Anche voi avete una voglia matta di assistere in diretta al campionato del mondo di calcio, godervi partita su partita, gol su gol, sputo di calciatore su colpi di gomito, di pedate perse e ritrovate, di gratta culi e cura nasi, di fischi d'arbitro utili e trombettate di spettatori inutili. Bene, ci siamo. Il panem e cicrcenses é appena incominciato. Aggiungo la coca cola per via dello stadio cosí battezzato e dello stesso rosso della copertina del libro di Andy Jennings, la bestia nera della fifa. Divertitevi che forse vi resta l'ultima estate per ingrassare. Poi si ritornerà tra le false notizie della TV alla realtà che fin'ora ci teneva nascosta.Ma che importa? Tanto, les jeux sont faits, le carte sono misciate, si continuerà a giocare.

12 giu 2010

Emigrazion, talianizazion, pirulisazion, anglicisazion


Se si lei le storie, i barbars e i turcs a rivavin simpri des bandis plui facilis e le basse e à subît dutis lis invasions prime che le vuere dal 15 a rivi ancje in Cjargne. Cu lis invasions e lis rapinis, cuissà trops di nô, a son dissendents dai ongjars o dai turcs e ostrogots e ostrighete  cuissà trops vôis celestins, neris o verdulins a nus vegnin da un paîs che a nol é il nestri.
In Cjargne invezit, par vie dai monts, a son restâts plui isolâts. Ma no lu sono ancjemó ?
E par chest vie, no sono lôr i furlans plui zenuins ?
Cuant che le demografie a dipendeve de gjeografie se a ‘nd ere un flum o une mont che al impedive il passaç il cjargnel a nol lave plui in là e al si sposave cu le vicine o al massim une ch’a stave a dôs oris di strade a pît.. Cussiché, cualchivôlte a finivin par maridâsi jenfri cusins e al é cussí che cierts cognons tipichementri cjargnei a son restâts par un grum di timp, isolâts in te stesse valade e in tal stes paîs prime di lâ a sparniçâsi dapardut.
Daspó, cul progrès, lis dôs oris a pît a son deventadis dôs oris in bici, dôs oris in moto, e cumó, dopo dôs oris in internet e dôs oris di avion a tu sês di chê altre bande dal mont.
Ah si ? Ma si a Rigulât a si cjacaro simpri cu la O e a Davâr a si fevela cu la A , la âgo o la âga, a é simpri chê e forsit a si si maride simpri jenfri cjargnei.
Chiste endogamie ise une buine o une brute robe ? Se nissun a nol fâs plui fruts, a nol impuarte plui. Il pape al dîs che un cristian a nol à da doprâ le pirule ma tant che a si va a messe il plevan al é obleât di sierâ un vôli. Cussí, pôc a pôc, cu le talianizazion e l’emigrazion, ancje le « pirulizazion » e l’anglicizazion le lenghe mâri a restarà cence feminis e cence fruts.
Te imagjine: Dimostrazion de difusion dal cognon Furlan. A 'nd é plui di fûr che drenti dal Friûl.

11 giu 2010

Il plasê di plasê / Il piacere di piacere

Ecco una piazzetta anonima veneziana rivista per il blog.. C'é chi fa graffiti, c'é chi fa un monumento a un santo o a un caduto e c'é chi non fa niente. Per oggi, solo questo:-)

Se o ves timp, o larès a plantâ rôsis le gnot. Di nascuindon. Daspó a piturâ lis cjasis e i mûrs grîs e sporcs. Se o vès timp...Ma o ai juste il timp di insumiâmi cemût che al puedarès sei. E chest achi al é chel di vuê.

09 giu 2010

Pes damis / Per le dame



In 7 agns, a é le seconde vôlte che mi vegnin sù lis peonies su le terace. Ma ce spetacul cuant che a rivin! O vevi savût che a jere une rôse capriçôse, ma no crodevi tant. Chest an che l'invier al à durât di plui, a pene che il sorêli al é rivât a son vignudis sù come i porcins dopo de ploe e tornant de Spagne a jerin lí, sfaçadis e fiêris che stavin par vierzisi. Alore, a pene che al à tacât a plovi, lis ai taiadis par metilis tal gno vâs preferît. Se o fos cinês, o larès tar chês scuelis di disen indulà che a si impare dome a disegnâ peoniis: Le regjine des rôsis cinês. Le rôse proibide parcé che a un ciert pont, dome l'imperadôr al podeve vêlis tai soi zardins. Ma o soi furlan e se o lis piturares, a saressin distès passidis prime che cualchidun al si indacuarzedi di ce bielis che a jerin.
Alore juste ne foto prime che a morin.
Ricete russe: Meti a dismuelâ une peonie intun cuart di litro di Vodka. Filtrâ dopo un mês e dâ da bevi un bicjarin aes feminis masse isterichis. A si calmaran. Al siervís ancje par calmâ i dolôrs di frice. Ma achi o no sai se a é da bevi o da fâ impacs e no sai se a an di fâlu bessolis o se o vês di judâlis:-)
Viodêt che le sgnape a somee un grum ae vodke.

E la seconda volta che le peonie fioriscono nella girdiniera sul terrazzo. Ma che spettacolo! Valeva la pena di aspettare sette anni. In verità non le aspettavo poiché le ho trovate allo sboccio tornando dalla Spagna. Le sapevo capricciose, ma non cosí tanto. Comunque, per goderle di più, adesso che piove le ho tagliate e messe nel mio vaso preferito. Se fossi cinese, sarei andato ad imparare a dipingerle in una di quelle scuole dove s'impara solo a dipingere le peonie che per i cinesi sono più importanti delle rose.Ma sono solo friulano e in Friuli,  prima che qualcuno si occorgesse della loro esistenza appassirebbero anche se le dipingessi. Allora solo un foto.
Ricetta russa: Mettere in mollo una peonia in un quarto di litro di vodka. Dopo un mese si filtra a si dà un bicchierino alle donne isteriche.Si calmeranno. Serve anchea calmare i dolori di donna. Ma qua non so se si deve bere o fare impacchi e se si deve fare da sole o con l'aiuto di qualcuno:-)

08 giu 2010

I spele bananis / Gli sbucciabanane

Ce biel ch'al é di fâ politiche. Al é l'unic puest indulà che crisi o no crisi, a tu âs simpri i toi becins ancje se no tu lavoris. In Italie, fra i berluscons i berluschins, pai banana skins
a si spint 3 miliarts par an dome pai 1000 parlamentars (dome 450 in Russie) e i 140 e passe mil spele bananis di ogni partît, regjon, comun, asesorâts, e putanârs.Seont lis mês statistichis personâls, l'italie al é il paîs plui scjadent de Europe pe sô politiche e pe sô aministrazion statâl. Ce disi di chês aministrazions fantasmis indulà che nissun al lavore ma che ducj a tirin bêçs?
Di diestre o di çampe, di glêsie o di bant, nissun a s'inçampe e al é simpri compagn!
Passin de Sicilie indulà che Roccafiorita e à il 7.5% di funzionaris par dome 228 abitants o ben a Murgia Tarantina pe sô comunitât montane che si cjate a altitudin zero in rive al mâr!
Veramenti biel di fâ politiche ma ancje biel di viodi ducj chei impiegâts che fasin lavôrs stupits e gratuîts di benzinârs, di sportelist o ce sao ancjemó jó, juste par dâ le ocasion ai sindacâts di difindi il lôr puest, sacrosant ancje chel. E po ce disi di chei asesorâts de Pâs, asesorâts dal Perdon, asesorât de Altre economie, asesorât al Ambient, dall Dissest idrogeologic, de Influence suine, dai Problems de famee, dae Rive diestre di un flum e chel de Rive çampe dal stes flum e chel che jó no ai mai fat:: L'asesorât dai pêi di cûl pierdûts tal bagno?





















Che bello di far politica: E l'unico settore dove malgrado le crisi, che tu lavori o nó , hai sempre il tuo salario. Tra i berlusconi, i berluschin e i berlusca tout-court, si spende in media 3 miliardi di euro all'anno per 1000 parlamentari (per avere un'idea, ce ne sono solo 450 in Russia) senza contare i 140.000 e più pela-banane di ogni partito, sindacato, comune, assessorato, regione e puttanato. Secondo le mie statistiche personali, l'Italia, al punto di vista amministrativo e politico, é il meno efficente d'Europa. Cosa dire poi di quelle amministrazioni fantasme dove nessuno non lavora ma dove arrivano soldi per pagare tutti?
Che sia la destra o la sinistra, la chiesa o la luna, nessuno si inciampa e si fa sempre fortuna.
A Roccafiorita, 7.5% della popolazione di 228 abitanti, é un funzionario comunale.
A Murgia, ad altitudine zero, e cioé in riva al mare, c'é la comunità montana che riceve...Quanto riceve? E chi se ne frega, anche un euro é già troppo.
Che dire degli assessorati inventati per ricevere soldi del tipo assessorato alla pace, assessorato al perdono, alle Altre economie, al Ambiente, al dissesto idrogeologico, All'influenza suina, ai problemi di famiglia, alla riva destra di un fiume quando c'é gia l'assessorato alla riva sinistra dello stesso fiume e che dire dell'assesorato Dei peli di culo persi nel bagno che io non ho ancora creato?

Contis curtis / Short stories

Alore, da plui di un ant nô o vin Contecurte. Bisugne dî che al continue di lâ indenant avonde ben ancje se o cjati che l'entusiasm de screadure al si é studât un tichinin. Da cuant che o ai savût che o jeri chel che al veve stât publicât di plui, o mi soi mitût da bande par lassâ il puest a chei âltris e no sfuarçâ i ostîrs a dimi di lâ sul osti. Cussí, o no mi cjatais plui dal dí di Pasche.
Ma intant, o scrîf distès e o lei. Infri lis contis curtis, o ai cjatât ancje un libri in inglês publicât in Spagne. Ce robis, eh? Di fat, i inglês che a stan in Spagne, a son plui numerôs che i furlans fûr e drenti dal Friûl e alore par fuarce, le lôr culture a salte fûr chi e là plui che le nestre.
Tar chest libri di 250 pagjinis, dut un âltri mût di scrivi e di sielzi i sogjets, seben, ogni autôr al veve di ambientâ le so conte su le vile di Torrevieja indulà che se no son le magjorance de populazion al é dome une quistion di timp. Cui vevial dite che plui a 'nd é sorêli e mancul a si cjate lavôr? Forsit jó.E ce vevio inmó dite? Che plui a 'nd é religjon e mancul a 'nd é progrès. Mah...Da furlanâr o scuen dî plui di ce ch'al mi tocje e forsit ancje che plui a 'nd é scritôrs e mancul a 'nd é letôrs:-)

In Friuli abbiamo il sito di Contecurte che pubblica due a tre volte per settimana, un piccolo racconto inedito in friulano. Questi racconti corti, si leggono facilmente in qualche minuto poiché secondo la regola imposta non deve contenere più di 2000 caratteri. Da più di un anno, va avanti abbastanza bene anche se l'entusiasmo dell'inizio, non é più lo stesso, gli scrittori sono in aumento ma fin'ora si legge solo su internet.
Ma forse, con questo libro di Short stories e 250 pagine che ho trovato in Spagna e pubblicato in inglese dagli inglesi che abitano a Torrevieja, darà la voglia a qualcuno di far di più. Non saprei, magari cualche
kurzgeschichten dei tedeschi residenti a Lignano o a Grado:-) 

07 giu 2010

Friûl libar di sei sotan / Friuli libero di essere sottomesso






Par câs, lant ator o coli in tun articul scrit tal "Sfuei dal Friûl libar" gjornâl che te prime pagjine a cjacare dome di ce che al sucêt di fûr e scuâsit nuie dal Friûl. Forsit par chel, a si và a cirî i biâts par fâiu deventâ eroes. Mi spiêghi:
Il titul al é in furlan ma ducj i l'articui a son par talian. Alore gjoldeit ancje chest:-) par une vôlte no ai nuje da voltâ.
Chescj articui che a somein fats da dotôrs plui malâts di fâ preieris che da un miedi abil di guarî malâts a mi fasin sossedâ, rotâ, starnudî e coreâ tal stes timp.A si veve zà i plevans che a fasevin i dotôrs, cumó o vin i dotôrs che si metin a fâ i plevans.Come se nol in fos avonde! O ai cirût di meti un comentin delicât par no fâ masse il salvadi ma achi o no puès fâ di mancul di sei plui diret.
 Se us siôchi (Gnûf verp che al ven dal inglês to shock) lait in mone. Us paiarai da bevi un'âltre vôlte.Alore jar, a si festegjave il biât Bertrand di Acuilee. Puar biât! Che Acuilee a si scrivi cu la Q o cence Q o le varin simpri tal cûl se a si continue a festegjâ chei che nus an fat sotans fin da principi, fin te cjar, fin tal DNA. Alé op, Friûl, se no fos furlan o ti cjolarès pal cûl.

Vé achi l'articul:

Beato Bertrando di Aquileia Patriarca
D’origine e formazione francese (nacque a Saint-Geniès), dopo aver ricoperto vari incarichi presso la Curia avignonese, nel 1334 fu scelto a reggere il patriarcato d’Aquileia. Visse in austerità, dedicandosi alla riforma morale della sua Chiesa, nella quale indisse sinodi e concili, fondò monasteri, promosse la cultura ; si distinse per la carità verso i poveri. Rivendicò i diritti della Chiesa aquileiese, attirandosi l’ostilità di nobili locali, che congiurarono contro di lui e lo uccisero presso S. Giorgio della Richionvelda il 6 giugno 1350.

Martirologio Romano: A Udine, beato Bertrando, vescovo di Aquileia e martire, che provvide con cura alla formazione del clero, nutrì a sue spese i poveri in tempo di fame, difese strenuamente i diritti della sua Chiesa e morì nonagenario colpito a morte da alcuni sicari.

Nato verso il 1260 a Saint Geniès nel Quercy, regione della Francia nel bacino d’Aquitania, Bertrando studiò diritto civile e canonico all’Università di Tolosa, divenendo nel 1316 ‘utriusque iuris professor’.
Fu benvoluto da papa Giovanni XXII anch’egli del Quercy, che lo nominò nel 1316 canonico d’Angoulême e nel 1318 canonico cantore di s. Felice a Tolosa; poi ebbe la rendita come arcidiacono di Noyon e quella di cappellano papale.
Insegnante di Diritto canonico all’Università di Tolosa, partecipò al processo per la canonizzazione di s. Tommaso d’Aquino. Da Avignone dove risiedeva la corte pontificia, fu mandato per tre volte in Italia per missioni, l’ultima fu a Roma più lunga e complessa, per dirimere i contrasti fra i Colonna e gli Orsini, famiglie romane nobili e predominanti, decidendo di affidare il governo della città a due senatori uno per famiglia; nel contempo trattò degli affari anche con Roberto d’Angiò, re di Napoli.
Bertrando rientrò ad Avignone l’11 giugno 1334 e dopo pochi giorni, il 4 luglio, fu nominato da papa Giovanni XXII patriarca di Aquileia, la cui sede era vacante da quasi due anni, aveva circa 74 anni. Il 28 settembre 1334 prese possesso della sede patriarcale e nonostante l’età avanzata, dimostrò subito di voler governare energicamente.
Il territorio su cui aveva competenza era molto vasto, il patriarca di Aquileia era metropolita di una zona che comprendeva tutto il Veneto con Mantova e parte dell’Istria, inoltre era signore temporale della regione che si estendeva dal Livenza fino alla Carniola, alla Carinzia e alla Stiria e infine marchese d’Istria.
Questa doppia qualifica di responsabile spirituale e temporale comportava l’esercizio di una autorità, spesso in contrasto con i due principii. Si trovò nella necessità come principe di difendere anche con le armi il paese su cui i vicini avevano mire ambiziose e prepotenti vassalli avevano usurpato territori e diritti.
Perciò lo vediamo come protagonista nella lotta contro Rizzardo V da Camino signore di Ceneda, sconfitto nel 1335 e poi contro il duca d’Austria signore di Venzone, che impediva il libero transito per il commercio transalpino, dopo averlo sconfitto in guerra, Venzone ritornò al patriarcato e così Bertrando poté istruire i processi contro quanti con la loro prepotenza, depredavano i mercanti che trasportavano dal mare le mercanzie attraversando il Friuli verso Oltralpe e viceversa.
Purtroppo a quell’epoca imperava una continua guerriglia da parte di questi irrequieti castellani, sempre in lotta fra loro, infestando le strade e rendendo insicuri i commerci. Pertanto Bertrando, pur essendo per niente incline alle imprese guerresche, fu costretto suo malgrado per far rispettare la legge e spezzare violenze ed arbitrio, ad assoldare milizie mercenarie per domare i ribelli e punire chi si era macchiato di gravi delitti.
Egli in questa opera di governo temporale fu affiancato dal Parlamento friulano, composto dai tre ceti: nobiltà, clero e comunità; fu in contrasto con i conti di Gorizia a cui si affiancò la libera Comunità di Cividale, i quali forti dell’appoggio dei grandi signori d’Oltralpe espandevano la loro influenza sui liberi signori della regione e in parte sulle libere Comunità come Udine; in quel tempo l’intera regione sembrava divisa in due: Gorizia e Cividale da un lato e il patriarcato e Udine dall’altro; comunque Bertrando ebbe il pregio di non favorire la sua famiglia e i francesi del suo seguito erano in numero limitato.
In campo economico diede incremento all’olivicoltura e fece sorgere un lanificio ad Udine, il 23 aprile 1342 il Parlamento votò delle leggi contro il lusso dietro sua indicazione; favorì l’apertura di scuole superiori a Cividale seguendo le orme del suo predecessore Ottobono.
In campo spirituale egli sentì sempre alto il valore del suo episcopato, convocò un primo Concilio di vescovi della sua provincia ecclesiastica contro l’usura, il 29 maggio 1335 nel castello di Udine; un secondo Concilio ad Aquileia nel 1339 e due sinodi diocesani a Cividale ed Aquileia.
Favorì l’espandersi dei francescani e domenicani nei luoghi più importanti, diede una residenza ai Celestini, si fece aiutare nell’apostolato della vastissima regione dalle tante abbazie benedettine presenti. Favorì ancora con fondazioni i vari monasteri femminili delle francescane, domenicane e benedettine; a S. Nicolò di Udine eresse un monastero per le penitenti.
Organizzò il clero dividendolo in pievi, arcidiaconati, prepositure, capitoli presso le principali città. Nel 1346 a 86 anni dovette assumersi il disagio di un viaggio in Ungheria con il compito di pacificare Luigi il Grande re d’Ungheria e la corte angioina di Napoli.
Intanto nel 1345 si verificarono numerosi scontri in Friuli contro i conti di Gorizia che esasperavano gli animi con il loro arrogante comportamento. Nel 1347 Bertrando riconquistò il Cadore che era caduto nelle mani di Lodovico di Brandeburgo, figlio di Lodovico il Bavaro, mettendo al governo un suo fiduciario, mentre l’imperatore Carlo IV confermò alla Chiesa di Aquileia il possesso di quella regione.
Continuarono i feudatari a tramare contro il patriarcato e nel 1348 organizzarono una rivolta e nonostante i tentativi di pacificazione del cardinale legato pontificio Guido di Monfort, le ostilità proseguirono con alti e bassi fino al 1350, quando il 6 giugno, Bertrando accompagnato da alcuni più fedeli vassalli si recava da Sacile ad Udine, sulla piana della Richiunvelda fu sorpreso e attaccato dagli uomini di Enrico di Spilimbergo che dispersero o catturarono le guardie della scorta, uccidendo il quasi novantenne patriarca.
Il suo cadavere fu trasportato ad Udine e lì sepolto, tuttora si trova in un sarcofago nel coro della cattedrale. Il suo cappellano Giovanni di lui disse: ”Come un secondo Maccabeo difese il campo della Chiesa, non solo con la spada materiale, ma anche con quella spirituale…. Mentre i suoi combattevano egli pregava e vinceva, mostrandosi un secondo Mosè”.
Papa Clemente XIII nel 1760, confermò il suo culto che i cittadini udinesi da subito gli tributarono, con la festività al 6 giugno giorno della sua morte.


Si ringrazia per la preziosa collaborazione il dott. Luca Campanotto






A chiste scampanotade o vevi rispuindût cussí (Ma forsit o soi stât masse moderât:-)

Vive il Friûl ma cence masse prêdis tai pîs. A é ore di mostrâ che o sin avonde grancj par preâ di bessôi se al covente e lâ pe  nestre strade cence sei obleâts di fâ inchins e lecâ i cûi a di nissun. Si nó o sarin simpri sotans! Le storie su Bertran nus mostre dome che un forest al é stât mandât in Friûl par fâ i interès dal Vatican e che par finî al faseve i soi interès. Nuie di plui. Chiste fâlse libertât otignude nus tignive peâts ae glêsie plui che nissun in Europe.No 'nd é nuie di sei fiêrs e da celebrâ o senó, parcé no santificâ ancje Napoleon o i venezians? I marcjants a scuignivin paiâ une tasse a Bertran e par chest ducj al voleve "Protegjiu".
Il patriarche al à fat sù squâdris di mercenârs par combati soredut i furlans che volevin vê le lôr part. 
Identificâ le storie dal Friûl ae storie dai vescui al é dimostrâ che fint a une cincuantine di agns indaûr, a si veve dusinte agns di ritart sul rest da l'Italie e de Europe. Lis scuelis dai vescui e an simpri insegnât plui teologjie che alcâltri. Le teologjie a siervís dome ai prêdis e ai frâris e a moltiplicâ i convents. I convents a son plens di int, che a si fâs paiâ par stâ dute le vite cence fâ nuie. A é ore di dîsisi che se si ûl preâ a nol covente lâ in glêsie e ancjemó mancul in tun convent a rovinâ le so vite di bant invecit di fâ alc pe societât.
 E se si ûl stâ cence le religjon, le glêsie no à nuie da dî.  
Cuant che un miedi, studiât, al nus conte che il Bertrand al jere un secont Maccabeo che al mandave i soi a copâ chei altris furlans tant che lui al stave a cjase a preâ ce vuelial dî? Che al jere un eroe? Che  a si varès di tornâ a meti un vescuf al podê par sei inmó plui sotans? E po ce miedi isal chest se par un mâl di panze al cji dîs di dî une ave Marie?
Tant chi crodarin che a si à di lâ in tun confesionâl par vê un sosten o sarin avonde mones par continuâ a sbassâ il cjâf e lassânus comandâ. Alçait le creste, furlans! Le acuile di Acuilee a no ûl dî nuie se o fasês come i poleçs. In chê vôlte, come ancjemó vuê, i leons e lis acuilis, a ierin lis bestiis plui dopradis par meti tes bandiêris.
E po ce îse chiste bandiere se bielzà no cjacarais plui nancje furlan?

04 giu 2010

Storie vere / Storia vera


O cognossês di sigûr Charles Perrault par vie des sôs flabis de Biele indurmidide o di Capucet ros pai fruts ma o no cognossês so fradi Claude Perrault che al é chel ch'al jere stât sielt pal ré sorêli (Vigji XIV) al puest dal Bernini par rifâ le façade dal Louvre di Parigji. A si dîs  che il re che in chê volte al veve 27 agns, al veve ricevût il Bernin come un princip. No vevial scuignût domandâ le permission al pape par podê vêlu? Ma capriçôs e forsit ancje ignorant e un tininin vendicatîf par vê scuignût spietâ che il cardinâl Mazarin (Un talian) al mori par podê regnâ, al voleve mostrâ che a Parigji a si podeve ancje fâ miôr che a Rome.
 Cussí al veve dât a Claude Perrault il lavôr dal Louvre e al Bernin al veve comandât dome un ritrat in marmul. Daspó, come che il ritrat a no i plaseve, a lu veve fat meti in bande. Di lí a dî che le influence taliane su le France tal mont dal art a jere finide a nol mancjave che un pas.E il Perrault al si é savût plui tart, a nol jere ni architet ni scultôr ma un miedi che al veve ricevût l'ordin dal re, gracie a so fradi Charles, che i veve fat fintramai i disegns e che al jere conseiir di Colbert minstri dal re, viodêt ce storie!

Chest par dî, che il ré Sorêli, al é chel che al si é fat fâ plui ritrats. Le sô vanitât a jere cognossude ma ancje i soi capricis e par chest, a no si rive simpri a ricognossi il re seont i ritrats che a son stâts fats. Di fat, Ce che a si viôt tai ritrats, a é le stature imponente che i pitôrs, di sigûr su ordenazion, a scugnivin dai e par chest al é stât clamât ancje Louis le Grand. Ma di fat, seont le armadure reâl fate a Vignêsie che a si cjate ancjemó a Versailles, il re al faseve 1m70, nuie di viodi cul zar Piêri il grant che al faseve sui doi metros e che al é chel che par fâ sù i palaçs di san Pieriburg al à fat vignî ducj i artiscj talians che chei âltris rès a no volevin plui .
Seont il museu de cjicolate di Bruxelles, Il re Sorêli, al é stât ancje chel che al à metût di mode dal cacau in France e po tal rest de Europe. Duncje a scugnivin rapresentâ cun tune statue realiste il re che al si faseve servî une tace di cjicolate. E cussí al é stât fat gracie a Toni (Antoine) Benoist. Di fat, tal 1703, cuant che il re al veve 65 agns, a no i interessave plui di mostrâsi plui biel di ce che al jere e al veve acetât di fâsi fâ cjapâ il stamp de sô muse cul zes.
Daspó, il stampist (Toni Benoist)  al veve profitât par vendi il ritrat di cere a ducj chei che lu volevin.Ma cu le cere a bisugne stâ atents e l'unic ritrat in cere dal nestri Vigji Sorêli che al é rivât fint a nô al é il profîl che mi à siervît par ricomponi il Re Sorêli, pal gno client. Cumó o savês il parcé che o jeri a Parigji il mês passât.
Nicolas Boileau (Scritôr e poete satiric) a nol podeve ameti che Claude Perrault al sedi stât promovût architet. Cun di plui al criticave ancje so fradi.
Al veve une maniêre cussí crudêl e acide di fâ critichis che so fradi Charles, par evitâ lis critichis di Boileau al veve fat publicâ lis flabis cul non di so fi.
Juste une che mi plâs di Boileau : Un mone al cjate simpri un plui mone di lui par amirâlu.
E dal Perrault al diseve:
Oui, j’ai dit dans mes vers qu’un célèbre assassin,
Laissant de Galien la science infertile,
D’ignorant médecin devint maçon habile :
Mais de parler de vous je n’eus jamais dessein,
Perrault ; ma muse est trop correcte :
Vous êtes, je l’avoue, ignorant médecin,
Mais non pas habile architecte


Si, o ai dite tai miei viers che un celebre sassin
Lassant de bande le sience infertil di Galian
Da ignorant miedi al deventa un bon muradôr
Ma par cjacarâ di vô no ai mai vût voe
Perrault, la mê muse a é masse oneste
O sês, o scuen dî, miedi ignorant
Ma nuie bon architet.

PS:- Notait cemût che il francês al somee al furlan.
     - Colbert al é il prin a vê capît che par rifâ lis financis al bisugne esportâ plui di ce che al si impuarte.Alore al dave le prioritât ae produzion francês e al faseve vignî i plui bogns artigjans dal forest. Cussí, Vignesie e mandave dopo i sicaris a copâ i artigjans emigrâts in France!


Chi non conosce la storia di cappuccetto rosso o la bella addormentata, il gatto con gli stivali ecc.di Charles Perrault? Ma chi conosce suo fratello Claude ? Grazie a Charles, braccio destro di Colbert, il ré Luigi XIV detto il ré sole, invece di dar l'ordine al Bernini, che aveva fatto venire apposta da Roma, lo diede a Claude Perrault, dottore in medicina, che fino là, aveva solo incominciato a tradurre Vitruvio.
Si dice che perfino i suoi disegni fossero stati fatti da Charles. Si dice anche che Nicolas Boileau, critico, satirico, poeta e scrittore non amasse nessuno dei due fratelli ed é cosí che Charles, per paura delle critiche di Boisleau, pubblicó le sue fiabe sotto il nome di suo figlio.
Tutto ció per parlare del Re Sole che é il re che si é fatto fare più ritratti in Francia ed infatti, come premio di consolazione, il Bernini ricevette l'ordine di fare il suo busto.
Capriccioso e forse un po ignorante e permaloso, il re che era rimasto nell'ombra del Cardinale Mazzarini per 23 anni, voleva dimostrare che in Francia si puó fare anche meglio che a Roma. Da quel momento, si dice che in Francia, l'influenza italiana nelle arti cominció a declinare. Ma cosa potrebbe essere successo se il re non fosse stato influenzato dal suo ministro Colbert?
Il re era considerato come un dio e perció tutto quello che il re faceva o voleva...
Il re amava la cioccolata. Allora tutta la borghesia s'é inventata l'ora della cioccolata mentre a Londra si celebrava l'ora del té. Il re era chiamato anche Louis le Grand ma secondo l'armatura reale fatta a Venezia che si trova ancora a Versailles, il re faceva solo 1m70.
Con lo zar Pietro il Grande che faceva sui 2 metri, il ré Luigi XIV, é rimasto solo il re sole.Forse perché abbagliava troppo.
Nei ritratti, non lo si riconosce sempre perché i pittori forse per paura o per far piacere al re, si limitavano a fargli piacere. Quello che si vede spesso é il suo naso lungo che anche volendo non si poteva accorciare troppoAllora mentre si accorciava il naso si allungava il corpo e la sua statura, era invece sempre esagerata.
Al museo della cioccolata di Bruxelles, si voleva ricordare questo re ed é grazie ad Antoine Benoist che ci é entrato. Naturalmente, ci sono anch'io per qualche cosa. Per questo ero andato a Parigi per vedere il profilo fatto da Benoist nel 1703 dopo aver preso lo stampo del viso del re.
In quell'anno il re aveva 65 anni e di sicuro non gli interessava più di essere più bello di quello che era. Voleva solo dare in regalo il suo ritratto di cera. Benoist peró, con lo stampo ne fece altri esemplari e quello che vedete é uno di loro. L'unico che sia veramente fedele al re Sole.
Sono andato a Parigi per vederlo e per poi ricostruire il viso del re e questo é il risultato.
Passando
Boileau ne ha dette di tutti i colori ma quella che mi piace di più é questa:
Un idiota troverà sempre uno più idiota di lui per applaudirlo.
Poi su Claude é veramente micidiale:
Si, ho detto nei miei versi che un celebre assassino
Lasciando dal Galeno la scienza infertile
Di ignorante dottore diventó buon muratore
Ma di parlare di voi no ebbi mai l'intenzione
Perrault : La mia musa é troppo perbene
siete, lo ammetto, ignorante dottore
ma non un abile architetto.

03 giu 2010

Le pueme di Hector / L'amante di Hector


Visto a Torrevieja (Spagna)
Come che no ai mai viodût nissune mule slaparotâ i mûrs, achi, le murôse di Hector al varès di sei un mul. O ai cirût ator par viodi se mai Hector a lu veve lassât o i veve rispuindût ma no ai cjatât altris mesagjos. Sigûr che Hector cjalant fûr dal balcon dal condomini,  in chê dí,al veve di vê le bocje da ridi. Senó al sarès lât a scancelâ:-) Se o cjalais ben, il grafitar al veve scrit T'omo e po al à zontât le gjambute par fâ une A:-)

L'innamorato di Hector, non ha potuto far a meno di dirglielo scrivendo sul muro di fronte alla sua palazzina il suo sentimento. Infatti, non credo per niente che sia una ragazza che ha scritto il messaggino. Siccome non ho trovato altri messaggi che facciano pensare che Hector non ha apprezzato, di sicuro i due sono sempre insieme, altrimenti lo avrebbe cancellato:-) Se guardate bene, lo scrittore aveva scritto T'omo. Poi ha aggiunto la gambetta per farne una A:-)

02 giu 2010

Torrevieja


Le storie locâl a si drece dome sul sâl e sul mâr. Cualchi talian vignût dal ream di Napoli al timp dai Borbons e an lassât il lôr non in tune strade o in tune place. Nissun furlan, ancjemó . Ma s’o sês stâts tai alpins, il 24 di avrîl o podês lâ ae sfilade dai veterans jenfri i spagnûi, i inglês, i olandês e vie vie.
Pal rest, se si cjale lis cjasis, a son pôcjis chês che a àn plui di cent agns. Di fat, no ‘nd é nuie di viodi. Come a Lignan, a si và par vie dal mâr ma achi ancje par vie de temperadure e dal sorêli presints dut l’an. I lâcs salâts dal interni a siervissin a fâ il sâl da plui di 1000 agns. ma gracie ai lâcs salâts al si cree un microclime che al fâs sopuartâ miôr i frêts e i cjâlts par vie dal sâl che al tire le umiditât dal aiar e cun chest, il clime al é un dai plui dôlçs dal mont e al fâs un grum di ben a chei che a àn i reumatismos o artrite o l’asme…Dal rest, a si disarès che ducj i pensionâts dal nord Europe a son lí a scjaldâsi i vuès seben no ai viodût in nissune cjase il riscjaldament ancje se al esist.
Cun 325 dîs di sorêli ad an, e plui di 19° di medie anuâl, un grum di int a dopre dome il scjaldin dal bagno.
Lis plois, a rivin massime in otûbar ma cuant che a rivin, lis tradis a deventin flums parce che le vile a é cence tombins e cence gornis. Par fortune a si svueidin in tic e tac a pene che il sorêli al torne e al torne amancul 6 oris in dí.
Le nature a é plui che mediteranee, a si disarès africane. Alí, i arbui des stradis e dai parcs a son lis palmis, i pins e fintramai baobabs.Lis cîsis di ibiscus e abutilon che si viôt dapardut, a dan une arie esotiche ancje se un grum di int a preferís di vê un curtîl piastrelât che di vê un zardin. Chest, forsit, parce che i trê cuarts des cjasis, come a Lignan, a son dopradis dome in te stagjon turistiche. A chest proposit, o fasarês come me : Invezit di lâ in albergo, o fitais un apartament o une vilute che, par 250 ae setemane o podês lâ in 4 o sîs. Alà, dut al é fat par vivi di fûr e nissune cjase a é cence une terace e scuâsit simpri, i tets a son doprâts par fâ un solarium o un zardin.
Da l’aeropuart di Elche, dongje Alicante, a si met une orute par lâ a Torrevieja. Al esist un grum di pusibilitâts ma al bisugne stâ atents di no rivâ masse tart di sere o masse adore di dí.

A Torrevieja é successo più in questi ultimi trent’anni che nei mille anni precedenti. Questo, si vede viaggiandoci dentro. Praticamente, é una città come Lignano ma in più grande. Solo case nuove che in maggioranza sono vuote al di fuori della stagione turistica. Da più di mille anni, si continua a produrre il sale dalle lagune salate dell’interno ma da trent’anni s’é scoperto che contribuiscono ad asciugare l’aria e a produrre un microclima che dà in media annuale 19.5 gradi centigradi con un minimo di 6 ore di sole al giorno per 325 giorni all’anno. Questo é anche eccellente per quelli che soffrono di artrosi, reumatismi e asma. Allora si costruisce in grande e in piccolo. Villette a schiera per i pensionati
Inglesi, olandesi, tedeschi e altri nordici modesti e villotte e castelli per i nuovi russi o ricchi di ogni provenienza. L’Italia, scoperta dai primi turisti inglesi nel 700 é, da un bel pezzo, diventata troppo cara per quelli che cercano solo sole e mare e troppo pretenziosa per quelli che cercano di più. Allora tutti a Torrevieja, o quasi. Lignano e Grado messe insieme con Rimini non attirano più i tedeschi di prima e per i polacchi, cechi, slovacchi e ungheresi, non fanno caso alle strade senza tombini e le case senza grondaie, tanto, piove poco e quasi mai durante le vacanze.
Eppoi, a Torrevieja il mediterraneo é ancora più africano che in Sicilia. Lo si vede nelle piante che adornano i giardini e le strade, ci sono perfino i baobab. Nessuno quasi và in albergo perché costa di meno l’affitto di una casa ammobiliata. Niente tasse di soggiorno e niente spiagge da pagare. Niente lungomare per privileggiati. Dalla strada al mare c’é solo qualche metro su una lunghezza di 15km.
Lingue parlate ? Tutte. O quasi. Sopratutto l’inglese e il valenziano ma anche lo spagnolo ed il russo.
Pochissimi gli italiani sebbene alcune strade e piazze siano dedicate ai napoletani emigrati a Torrevieja al tempo dei Borboni.

01 giu 2010

Lenghis e lucs / Lingue e luoghi


Le lenghe che si sint di plui a Torrevieja nol é il spagnûl. L'inglês e il rus a si ju sint scuâsit pardut ma le television a fevele scuâsit dut par valenzian-catalan. I inglês a no son dome turiscj ma residents. Da plui di trente agns, i inglês che van in pension a comprin un bungalow e a finissin ducj li sot dal sorêli che al é plui presint che dapardut in Europe. I prêsits des cjasis a son trê vôltis mancul cjârs che da lôr e dôs vôltis mancul cjârs che a Lignan o a Grado. I rus invezit a son chei che a son deventâts siors dopo de pereistroiche o ben chei che no vuelin restâ puars in Russie.

La lingua che si sente parlare di più a Torrevieja non é lo spagnolo. L'inglese e il russo sono le lingue che si sente parlare un pó dappertutto mentre la televisione adopera il Valenziano-catalano. Gli inglesi non sono solo i turisti più numerosi ma quelli che vi residono di più. Da più di trent'anni il piccolo pensionato inglese si compera un bungalow con una o due camere e vive di fuori sulla terrazza. I prezzi delle case sono tre volte più bassi che in Inghilterra, due volte meno che in Italia e Francia. I russi invece sono i nuovi ricchi del dopo pereistroika o quelli che non volevano rimanere poveri in Russia.