I miei Video clips furlans

Loading...

30 lug 2010

Wellington

Tant chi spieti che a vegnedin i rus a domandâmi  di fâ il ritrat di Stalin o i todescs pal ritrat di Hitler, l o mi soi permetût di fâ chel di Wellington che al è il gjenerâl inglês  che al à vinçût le vuere cuintri Napoleon a Waterloo. Seont le storie, i soi soldâts a lu clamavin The Hook, par vie dal so nâs acuilin che al someave a un onzin.(Come il capitan Onzin di Peter Pan) e piês che il nâs di Napoleon  (Sinó cemût varessial podût vincilu?:-) Sicheduncje, a Waterloo (cliche par sore) a 'nd é un museu Wellington e al é lí chi soi lât a finîle cun lui: in te cjase indulà che al veve il cuartîr gjenerâl. Une turiste a mi veve domandât di meti le mê man dongje de sô par mostrâ che a vignivin dutis dal stes cuarp. Al è ce chi ai fat. O ai a pene ricevût lis fotos.


Mentre aspetto che mi si chieda il ritratto di Stalin o di Hitler, di Benito o di Churchil, mi son divertito a fare quello di Wellington. Il generale che sconfisse Napoleone nella battaglia di Waterloo (Clicca su Waterloo) che si trova a venti Km da Bruxelles.Dopo aver ricercato tutti i ritratti esistenti di Wellington, mi son reso conto che nessuno assomigliava ad un altro a parte una cosa: Il naso aquilino che era ancora peggio di quello di Napoleone (Altrimenti come avrebbe potuto vincerlo?:-) Napoleone non so, ma i soldati di Wellington lo chiamavano The hook, l'uncino. Allora gli ho fatto un bel naso  ad uncino anche io. Una turista mi aveva chiesto di mettere la mia mano vicino alla sua per mostrare che veniva dallo stesso corpo. E quello che ho fatto.
Mi ha mandato le foto oggi.

29 lug 2010

Le Place / La Piazza

Le Place

La place dulà che lis oris
A passin miôr che tal orloi
Lis puartis si vierzin bessolis
Par chel ch'al s'int ven o s'int và
Si tache bielzà di buinore
Cul batibui e cul biloi
Des cassis che zuin de more
E si scjaldin cence fermâ

Là isal il piçul empori
Ch'al jere li dongje di nô
Nissun i à dât un jutori
E al à scugnût sierât da pôc

Le place dulà ch'a si sdrume
Le int e vîf des vot as vot
Ancje se cul cjâf in te brume
O par comprâ dom' un biscot
Si va par comprâ une robe
E  si ind à dôs cuant ch'a si jes
Cussí almancul no si robe
Ma tu âs 'ne robe in ecès.

Là isal il piçul empori
Che a none a i plaseve tant?
A nol coventave tant cori
E dutis chês robis di bant

La place le plui visitade
No je plui tal mieç de citât
A é dongje 'ne superstrade
Pierdude tal mieç di un prât

Ma cuant ch'o voi in Cjargne
Par me je 'ne robone
Si stoi là di me agne o me none
Lassù no ai bisugne
Di dut chel batibui
Mi baste le montagne, e nuie di plui

Le place dulà ch'o mi cjati
plui ben che in tun paradîs
No je grande e no je gratis
Ma je tal gno piçul paîs
Cualchidun al à mitût chestis mês peraulis in musiche, scometin che no savês cui che al é:-) ?


La piazza dove le ore passano meglio che nell'orologio, le porte si aprono da sole per quello che và e viene e le casse col loro frastuono sembrano giocare alla morra e si scaldano senza sosta.
Dov'é il piccolo emporio che c'era vicino a noi?
Nessuno gli ha dato un aiuto ed ha chiuso da poco.
La piazza dove si accatasta la gente vive dalle otto alle otto anche se con la testa altrove o per comperare solo un biscotto.
Ci si và per comperare una cosa e si esce con due. Cosí non si ruba ma hai una cosa in più.
Dov'é il piccolo emporio che piaceva tanto alla nonna? Là non occorreva correre tanto e tutte quelle cose inutili.
La piazza più visitata non é più nel mezzo della città ma vicino alla superstrada in mezzo ai campi.
Ma quando vado in Carnia per me é un'altra cosa, chessia da mia zia o mia nonna, lassù non ho bisogno di tutto quel fracasso. Mi bastano i monti e niente di più.
La piazza dove mi trovo meglio che in un paradiso non é grande e non é gratis ma si trova nel mio piccolo paese.

28 lug 2010

Ordenadôr a sdraie / PC a sdraio

Vuê al é il dí dal D.Butait le in frice tant chi volês ma vuê dut in D. Desideri definitîf, destin decalcificât, dentiêre al dint, demagogjie deliberade, monadis ma in D, dut in D e dome in D.
Da cuant che si nàs aromai jenfri, l'asilo, lis scuelis, le universitât, il lavôr e le cjase, a si sta simpri in te ombrene. Inmó un tic e o deventarin blancs come lis endiviis di Bruxelles che a son tiradis sù tal scûr. Risultât: O vin ducj une cjarence di vitamine D. Al bastarès 3 voltis vincj minûts par setemane par recuperâ, tal sorêli, lis vitaminis D che si à bisugne.Straordenari di viodi sul Web trope leterature che si cjate su le cjarence de vitamine D. Praticamenti, se in vês avonde o vivês di plui, o invecjais di mancul, no riscjais come chei che nondan (no nd'an) di vê cancros, infezions, maladîs dai vuès e des articulazions, maladîs cardiachis, maladîis di feminis e maladîs di oms. A é ore di lâ di fûr subite e finîle di crodi che il sorêli al fâs dome mâl. Studait chel argagn di ordenadôr in cjase che us ten inclaudât su chê cjadree e poneitsi di fûr cul PC a Sdraio. Vie tal sorêli. Le lûs dal sorêli a é praticamenti l'unic antidot a chiste cjarence. Su par jù, le lûs a passe a traviers de piel e incuintre il C dal colesterûl e in vincj minûts o varês avonde D da dismenteâ il C. Naturalmenti o podês ancje mangjâ il pès gras che al é l'unic che al puarti un tic di vitamine D ma ancje se in mangjais ogni dí o no in varês avonde. Us reste le vitamine D dal farmacist. A coste pôc e nuie e us fâs lâ sù di zirs amancul d'invier. D.


Oggi é il giorno del D. Buttatela come volete ma oggi tutto in D. Desiderio definitivo, destino decalcificato, dentiera al dente, demagogia deliberata. Cazzate ma in D.
Da quando si nasce, tra l'asilo, le scuole, l'universita il lavoro  e la casa, passiamo la vita all'ombra. Troppo. Stiamo diventando delle endivie di Bruxelles allevate nelle cantine.In più, con tutte le creme anti questo e quello, i raggi del sole non hanno più il tempo di arrivare al colesterolo e produrre la vitamina D. E appunto di questo che parlo. Basterebbero venti minuti al sole per tre volte alla settimana. Ok, direte voi, con tutto il sole che ho preso a Lignano ne avró abbastanza per tutto l'anno. Non illudetevi, le vitamine vanno a vengono e se quella vi manca, rischiate di aver problemi con le altre. Con di più, invecchierete prima, vivrete di meno, avrete malattie d'uomo o di donna, disturbi cardiaci, malattie ossee, cancri e tumori e angoscie da portarvi fino al suicidio. Esagero appena ma se volete sapere il motivo dell'alto tasso di suicidi in Svezia andate a controllare.  Sul web si trova tutto. Ma come fare per lasciar perdere il computer? Mettetevi al sole col computer.

27 lug 2010

Feriis par fuarce / Ferie per forza



Vualtris ducj in feriis e jo dut in moto. Vualtris a lèi e jo a scrivi. Monadis, o vevi chê di fâmi plasê par fâ sù chel cûlut a fricetetis chi vês viodût dôs setemanis indaûr in tun disegn. O varès di vê bielza finît le sculture parcé che cumó a si scolpis pôc in te materie dure ma in te materie mole come il polystirûl.Invezit, prime o ai pierdût doi dîs cu le baterie de machine. Il mecanic me à gambiade prime di lâ in feriis ancje lui. Daspó, invezit di lavorâ o soi lât ator a fâ il turist cui turiscj chi vevi invidât in cjase. Finalmentri, tornant dal aeropuart o mi dîs chi vevi cjapât le corse avonde e che jere ore di scomençâ. Prime robe : O scuen lâ a cjoli doi metros cubos di polistirûl. Le machine no mi cjape. Inmó le batarie. Il mecanic simpri in feriis e jó simpri in mone. O provi a cjiariâle ma no mi cjape. Il motorin nol zire. Dio madone, ma no îse 'ne gnove machine e 'ne gnove batarie?
O scuen duncje spietâ che il mecanic al torni de Spagne. I talians a lu fasin cagâ e alore al và in Spagne. Chei âltris no lu sai. Nissun a nol rispuint al telefono. Nancje il farmacist. Ma pe me rabie e pal gno mâl di cjâf o varès bisugne pluitost di un plevan...Par fâlu saltâ tal so confesionâl. Capît? Nancje jo! Dio...
O voi in Spagne. 
A cirî il mecanic!

Voi tutti in ferie ed io tutto in moto. Voi a leggere ed io a scrivere. Sciocchezze, volevo farmi un piacere e pagarmi cul culetto a tettefiga del disegno di due settimane fa. Avrei già finito la scultura se avessi incominciato prima. Oggi non si scolpisce più nel duro ma nel molle. Ma prima ho perso due giorni per via della batteria che non si ricaricava più. Poi con la nuova batteria messami dal meccanico prima di andare in ferie anche lui, mi son messo a fare il turista con i turisti che ho avuto in casa. Finalmente eccomi pronto. Mi mancano due metri cubi di polistirolo espanso per incominciare. Ma la batteria é di nuovo scarica e non posso andare a prenderlo. Devo aspettare che il meccanico torni dalla Spagna. Gli italiani lo fanno innervosire e allora và in Ispagna. Gli altri non lo só. Só solo anche dopo aver ricaricato la batteria sono sempre bloccato. Nuova batteria e nuova macchina e non funziona! Qualcuno forse mi puó cavare d'impaccio? Ma nessuno risponde al telefono. Tutti in ferie. Anche il farmacista. Ma con tutte le bestemmie che dovrei dire, per la mia ira e il mio mal di testa avrei bisogno di un curato. Per farlo saltare nel suo confessionale. Capito? Neanche io. Dio...
Vado in Spagna. 
In cerca del meccanico!

26 lug 2010

Week end

Se n'é andata stamattina la merletta che avevo trovato ferita sabato nel laboratorio. L'avevo messa in una gabbia ed avevamo trascorso il WE insieme. Sembrava pronta a passare il resto della sua vita con me con un'ala fuori uso. Invece se n'é andata stamattina dalla porta che avevo lasciata aperta. Difatti era meno invalida di quanto sembrasse. Mi resta mezzo chilo di pâté di vermi e insetti. Lo daró ai piccioni o alle cinciallegre.Almeno che la gatta non la riprenda di nuovo...

A si é sindilade le mierle chi vevi cjatât sabide paralizade di pôre tal laboratori. O le vevi mitude al ripâr de gjate in tune gabie cjatade in cjase. A someave pronte a stâ cun me pal rest de sô vite cun tune svuale feride. Invezit, dopo un WE di polse  vuê di buinore le ai viodude saltâ fûr de gabie, chi vevi lassâde vierte, e svulâ vie. Si viôt che no jere propite tant invalide. Al mi reste mieç Kg di pâté fat di vierms e insets. Lu darai ai colombs e aes parussulis sperant che le gjate a no torni a puartâme dongje...

24 lug 2010

La farse dal stress-test / La farsa

O varês sintût i coments tai gjornâi di ogni sorte. E alore? Ducj i coments a son compagns ancje se a son fats in 27 lenghis difarents. Dut al somee che al sedi stât fat par sigurâ il marcjât e al é vêr parcé che il stress-test a é ne farse. Us al dîs in furlan che tant nissun al capís chiste lenghe segrete e le bancje dal Friûl a no esist plui.
Cjapin juste dôs fricis, ops, 2 cifris. Cemût fâ par sta serios? Lis bancjis esaminadis talianis a son dome 5 pe Italie ma 27 pe Spagne. Risultât? O lu savês: 5 OK pe Italie e 5 KO pe Spagne. Ce ridi. Ancje un frut di dîs agns al capís che alc nol zire.
Cjapin ancje i numars dâts cun sodisfazion dai medias di ogni paîs: 91 bancjis esaminadis e dome une greche, une todescje e 5 spagnolis boçadis.Robis che su par jù a si saveve bielzà l'an passât.
 Al somee veramenti a une farse se si scuvierç che in Spagne e son stadis esaminadis 95% des bancjis cuant che invezit tal rest da l'Europe a si é rivât al massim al 50%. Se bielzà chescj numars a son tasûts, cemût fâ par crodi che il stress-test a nol nascuindeve alcâltri e nol é afidabil ? Dal rest, nissun al sà esatamenti di ce che al si tratave. Ano mitût in cont ce che al puedarès sucedi se un paîs al crole in faliment come che al é sucedût ae Grece? L'Italie, cul debit plui âlt dal mont a é sodisfate. Lis sôs 5 bancjis e an dutis  un dîs in padiele... da fâ saltâ.No îse le bancje d'Italie che à faseve passâ l'esam?

Avrete sentito i commenti sullo stress-test delle banche in ogni giornale. E allora? Tutto i commenti esattamente uguali in qualsiasi lingua. Salvo in friulano. Vi traduco: Tutto sembra sia stato fatto per rassicurare i mercati. A partire da questo semplice fatto si potrebbe già sospettare qualcosa. Che cosa? Se prendiamo le 5 banche italiane e le 27 banche spagnole esaminate dovremmo chiederci il perché di queste differenze sopratutto se poi i risultati sono 5 ok per 5 ko.
Seppoi sappiamo anche che tra le 91 banche esaminate c'erano 27 spagnole, rimangono 62 banche da condividere in 26 paesi europei!
Perché queste cifre sono taciute dai media? In Italia, si potrebbe ancora capire ma é la stessa cosa nel resto dell'Europa.Segno che questo conviene a tutti.
 Solo la Spagna proclama che il 95% delle sue banche erano sotto stess-test mentre negli altri paesi si arrivava al massimo al 50%! Cosicché,  c'é veramente da fidarsi di questi esami? Si, Gli esami sono stati fatti in ogni paese dalle loro banche nazionali.E dunque sono tutti falsi:-)

23 lug 2010

Cjicolate Vernost / Cioccolato e cultura



La cualitât de cjicolate seont i cognossidôrs a si misure in tal parcentagjo dal cacao ma seont lis feminis e i fruts, che su chiste tiere a contin di plui, al sarès invezit tal parcentagjo dal sucar.
 In Americhe e in Ingletere il sucar al é il ré dal cumierç e alore lis feminisi e i fruts a si misurin plui in largjece che in altece che tar chei altris paîs. Dome in Friûl, paîs de misure, de int serie, di polente e luanie, di vin e di frico che dome le frice a sorpasse juste prime di un pater noster par vie des aves mariis... in te cjicolate, a nondé sucar e, che o sêpi jo, a nondé nancje cacao ! 
Bisugnarès duncje che cualchidun al si svêi par meti sù une vere cjicolaterie par murî di fan parcé che nissun i al comprarà a part i turiscj di Lignan e di Grado, che no vegnin mai d'unvier cuant che le cjicolate a và miôr di vendi.A mancul che un Illy, une dî o chê altre al si meti a zontâlu cul café...
 Insomis, us disarès che in Belgjo indulà che prime dal 1900 al jere considerât il secont paîs plui industrializât dal mont dopo de Inghiltere, le cjicolate a si faseve dapardut e alore a é nassude le cjicolate belghe. Nêre come il cjarvon di Marcinelle, a scuignive no vê masse blancjis porcariis drenti come il  sucar e il lat in polvar. Ma fin cumó, nissun nol veve olsât a lâ plui in là dal 87% di cacao. Dome jo lu ai fat. Cul gnô dîs in frice o scuignivi vê ancje un dîs in cjicolate ma intindinsi, dome par cerçâlu e alore lu ai cerçât.
 Al si clame Vernost Kacestvu. Al ven de Russie e al rive ae astronomiche percentuâl (Se us poe miôr) di 99% di cacao. Si viôt benissim che i rus, che a son piês dai furlans pal bevi ma che cul âlt parcentagjo di bielis fricis che an a scuignivin meti sù ne cjicolaterie che a fasedi miôr di dutis e alore cemût îse chiste cjicolate? A 99% di cacao e un par cent di spongje di cacao a nol pues sei che plui nêri che il cjarvon di Marcinelle cun dut il funerâl dai 136 talians muarts par tirâlu fûr ven a stâ il Vernost clamât ancje VK e al cji lee tant in bocje che par parâlu jù a tu scuens bevi alc. Furbos i rus. Dutis lis scûsis a son buinis par fâ bevi ma tal paîs indulà che te medie ete il té al jere inmó  le monede nazionâl siberiane, a no si bêf dome vodka, massime cu lis feminis che, us siguri, a no an pôre dai vuestris dincj marons se o i fasês une bocje da ridi prime di fâur un compliment ae ore dal te. 

Glossari
Cognossidôr = Tirât dal inglês connoisseurs come lôr lu an tirât dal francês connaisseurs e che nol bisugne vê pôre di adotâ par no fâ come ducj i talianots e disi esperts in cjicolate o in gastronomie o bongustârs che al và ben dome par cjacarâ cui vescufs o i napolitans se a deventin presidents.
Parcentagjo = O percentegjo. Gnove peraule plui furlane che percentuâl che i talianots universitaris a fasaressin ben di adotâ par no fâ crodin che plui a van a scuele e mancul a  capissin il furlan.
Nondé = Vecje contrazion aromai adotade par simpri in ducj i manuâi al di fûr des bibiis uficiâls par dî  no 'nd é che nissun al sà scrivi seben a si dopre ogni dí.
Se ti poe = Espression poetiche che và di mode e a ven de literadure personâl doprade par fâ rimis tes cjançons invezit da dî educatamentri a scuele s'a ti plâs, s'a ti và, e volgarmentri in strade se ti caghe, se ti sbore e vie indenant:-)

Voltaduris = Traduzions dal furlan cence pôre di scartâ lis regulis. Baste che si cjacari de stesse robe massime tar chest blog.







Secondo i buongustai, il cioccolato di qualità si misura con la percentuale di cacao ma secondo i bambini e la maggioranza delle donne, si misura nella percentuale dello zucchero.
Allora, la vecchia Inghilterra prima e la nuova poi, prima di diventare esperti in commercio all'americana per poter meglio misurar la gente s'é messa a misurarla anche in larghezza e profondità in più dell'altezza ed hanno commercializzato il cioccolato con la più bassa percentuale di cacao!
In Friuli invece, paese più misurato di tutti, a parte qualche scarto con la polenta e il frico, il vino e il sesso, le ave marie e i paternoster, nel cioccolato, non c'é zucchero e, che io sappia, non c'é neanche cacao. Allora cosa c'é? Niente, appunto, bisognerebbe che qualcuno si metta a far cioccolato come Illy ha fatto col caffé. Cioé, mai cercar di vendere in Friuli dove mai nessuno si fida del vicino ma vendere nel resto del mondo dove ci si fida solo della qualità dal momento che  la pubblicità é sufficente.
Tutto ció per dire che in Belgio, paese che prima del 1900, senza pubblicità era il secondo paese più industrializzato del mondo dopo l'Inghilterra, il cioccolato si faceva dappertutto come la birra, e allora, per forza, alla birra più bianca, anche il cioccolato più nero. Anzi nero come il carbone di Marcinelle che più nero non si puó.
Si, si puó. Con tutti i miei dieci in condotta mi meritavo anche un dieci in cioccolato. Fin'ora il cioccolato più nero che avevo trovato in Belgio aveva 87% di cacao e il resto rimaneva in polvere bianca dove lo zucchero ed il latte erano le polveri più riconoscibili.Ho dunque dovuto provare una sensazione più forte, quella della polvere di cocaina non m'interessava e allora sono arrivato al cioccolato con 99% di cacao. Cosa inverosimile perché per tener insieme il cacao in polvere in un quadrettino compatto, l'un per cento che rimane non poteva essere che burro di cacao. E cosí cosa succede? Che il cioccolato ti lega in bocca come un caco verde. Chi non avesse provato un caco verde, posso dire che se non bevi subito qualcosa, non lo sai inghiottire né sputare ed é appunto quello che si deve fare: Bere!
 Peró la sensazione é forte, l'amarognolo del cacao che ti blocca la gola si disfa poco a poco con quello che bevi. Cosa si beve? Ci sono i vini consigliati dagli enologi che sono spesso dei moscati o  i vini bianchi liquorosi ma non seguite i loro consigli perché é meglio per il gusto del cioccolato bere qualcosa di più neutro e per la linea, di meno alcolico.
In Russia, nel paese dove tutte le scuse son buone per bere, non si beve solo vodka e non si mangia solo male. Nel paese dove ancora nel medio evo il té era la moneta nazionale siberiana, hanno creato questo cioccolato per fare meglio di tutti e cioé, per convincere gli uomini a sorridere alle donne senza aver paura di mostrare i denti bruni di cacao quando si siedono con le donne all'ora del te. Inutile dire che l'alta percentuale di belle donne bionde che inquina la Russia incide poco coi denti bruni e si finisce per apprezzare e godere degli uni e delle altre.
Meglio di cosí non si puó e più nero del Vernost Kacestvu non si arriva. La confezione é stata disegnata dal designer Art Lebedev che come il cioccolato, invece di avere un nome americano ha un nome impossibile da ricordare ma che comunque bisogna conoscere.





22 lug 2010

Arconati Visconti di Gaasbeek

Un grum a no san che chest biel cjistiel di Gaasbeek al jere di proprietât di une famee taliane e che Paolo Arconati Visconti le à vude in ereditât cun altris proprietâts in Belgjo tal1797. Ma seben che il Paolo al sedi fintramai deventât par cualchi mês ancje il syndic di Bruxelles (Forsit par vie che al possedeve ancje il plui biel palaç de Grand Place di Bruxelles, le uniche rôbe che al vedi fat, a é une monade: un arc di trionf fat sù in onôr di Napoleon te so proprietât di Gaasbeek.
 Daspo dôs gjenerazions, le ûltime dissendent Marie Peyrat Arconati Visconti ('te foto), no à vût fruts e alore prime di murî tal 1921 e à lassât il cjistiel al guviern di Belgjiche e lis plui bielis sculturis e cuâdris al Museu dal Louvre indulà che a son in tune sale clamade apont la sale Arconati Visconti.

A é une biele escursion che o fâs ogni vôlte che o ai ospits in cjase. O ai discuviert cussí che il steme de Alfa Romeo al ven de stesse famee e o podês ricognossi achi scolpît tal len di rovar un dai madracs.clamât ancje biscione. Vuê il cjisciel al si cjate sot dal control dai fiamingos e chest, diu nus vuardi, se o lais lí cence cjacarâ le lôr lenghe al somee che no sedis i benvignûts. I libris e i depliants a son scuâsit dome in nerlandês e se o lais tal ristorant ae entrade, al é miôr armâsi di pazieze par sei siervîts dome dôs oris dopo ancje se nondé int. Mai viodût int cussí mone.
Gaasbeek é un borghetto vicino a Bruxelles ma in area fiamminga. Ma ció vuol dire che ci andate in meno di mezz'ora ed é una bella escursione quando avete già visto tutto a Bruxelles.La visita si fa solo con una guida per via che non vogliono rischiare danni ai quadri, mobili ed oggetti. Durata, circa meno di un'ora per il castello ma potete rimanere anche tutta la giornata nella foresta e nei prati della proprietà. Si scopre cosí che dal 1797 il proprietario del castello era la famiglia Arconati Visconti e che l’ultima discendente, Maria Peyrat ((Nella foto) non avendo avuto figli, fece dono del castello allo stato prima di morire all'età di 84 anni nel 1923.
 Dettagli curiosi:
-Il comune di Bruxelles rifiutó il regalo per via che gli sarebbe costato troppo caro di mantenerlo…
- Lo stemma della famiglia che ho trovato scolpito nel rovere di una colonna all’interno della biblioteca, é formato da due biscioni invece del singolo biscione dello stemma dei Visconti che poi si trova anche in Germania, Francia, Polonia, Milano e Veneto e nello  stemma dell’Alfa Romeo.

Se visitate il castello, meglio portare i vostri panini per fare un pic nic perché il ristorante fiammingo non é veramente da raccomandare né per i piatti mal serviti, né per l'attesa che secondo la lingua che parlate, puó durare anche due ore.Difatti, sembra che tutti i fiamminghi stiano diventando tanto nazionalisti da guardar male anche i turisti che non parlano la loro madrelingua.
Esempio: i libri e i depliants sono quasi tutti solo in olandese.

20 lug 2010

Cartagena / Cartagine


Aromai,o soi plui tal mediterani spagnûl che tar chel dal Friûl.
Ogni volte chi voi vie in Spagne, o voi a visitâ cualchi vile. Domenie o soi lât a fâ un zîr a di lunc de coste blancje e mi soi fermât a Cartagena. A é ne sitât vecje scuâsit tant che Rome. Le vere Cartagjine a no esist plui da cuant che i romans le an rasade. Ma chê a si cjatave aventi jù in te Tunisie di vuê. Dutcâs e an ancje lôr il teatri roman. Le vile a no é mâl. Si disarès che a à vût un passât avonde sior par vie dal puart che inmó vuê al é il puart plui impuartant de Spagne par vie de marine militâr. Ce che a mi meraveât di plui a part il puart cun chê statue gigant, al é un parc tal biel mieç de vile cun arbui secolârs di dimensions ecezionâls massime cuant che si sà che a son ficus (Chei che o cirîs di tirâ sù tal vâs in cjase J

Ormai sono più nel mediterraneo spagnolo che in Friuli. Ogni volta
che vado via, ne approfitto per visitare qualche città nel vicinato. Domenica ero a Cartagena. Una città fatta sù all’epoca romana che ha anccora il suo teatro romano. Ma non é la Cartagine che era stata rasata al suolo dai romani, quella era nella Tunisia di oggi. Bella città, ben tenuta e da quanto si vede con un passato abbastanza ricco per via del grande porto militare nascosto tra le colline vicine. Come all’epoca romana, é ancora conosciuta oggi per i cesti e i cestini fatti con gli steli di un’erba molto resistente che si trova solo lí e in nessun altro posto. Visto anche dei ficus giganti proprio nel mezzo della città (Gli stessi usati da noi come piante decorative d’appartamento.

19 lug 2010

Via terremoto

Una via dedicata al terremoto non é di sicuro una cosa che si vedrà da noi. Invece é una cosa che esiste in Spagna. Chissà cosa avrà spinto gli eletti del comune di Torrevieja a scielgliere questo nome?
Une strade dedeade al taremot no jé di sigûr une robe che si cjate das nestris bandis. Invezit in Spagne a esist. Le ai cjatade a Torrevieja. Cuissà cui che al varà ispirât i pulitics locâi?

15 lug 2010

Lignano di ieri e di oggi / Lignan di jar e di vuê

O ai scuignût lâ a Lignan par cjapâ cualchi foto che mi mancjave. Daspó o soi lât in Spagne par meti in scjatule il filmut cui efiets dal morphing par fondi lis vecjis fotos cu lis gnovis cjapadis dal stes puest. O ai zontât une musicute fate a pueste pe ocasion.
Mandi
A Lgnano, c'era una mostra di fotografie e cartoline che mostravano il Lignano di ieri. Mi sembrava interessante di andare poi negli stessi posti a prendere una nuova foto per poi liquefarla tramite il morphing con le vecchie foto. Lavoro abbastanza lungo ma finalmente ecco il risultato.

12 lug 2010

Pirateria e neutralità

Turchi e inglesi.
Nell'agosto 1915 il famoso Churchil fa sapere al governo turco che le due navi da guerra costruite a Plymouth da una società inglese e che la Turchia ha già pagato, saranno sequestrate e messe a disposizione del governo di sua maestà. Questo atto di vera pirateria spinge allora la Turchia ,che era neutra,  ad entrare in guerra a fianco dei tedeschi. 
Forse questa sarebbe la più grande gaffe di Churchill ma in verità, ne fece molte altre. Cocciuto come un mulo, si mette allora in testa di eliminare la Turchia e ne ordina l’attacco. Ma perde praticamente tutte le battaglie nelle Dardanelle e finalmente, esausti, gli inglesi e i francesi con tutte le loro truppe coloniali si ritirano sconfitti con 390.000 morti e feriti contro le perdite dei 250.000 turchi. Ma dove si ritira ? In Grecia che era pertanto neutra. Questo altro atto di pirateria fa di sicuro pensare ai tedeschi  che invasero il Belgio, neutro anche lui, per passare in Francia senza dover forzare la Linea Maginot che proteggeva la frontiera franco tedesca.
Turchi e israeleiani.
 Il mese scorso, Israele attacca le navi turche (Un paese neanche neutro ma piuttosto amico di Israele). Non le attacca in Turchia ma in alto mare e come fanno i pirati, ne prende il controllo e mette tutti in prigione per qualche giorno mentre controlla il contenuto delle navi e ruba tutto quello che gli pare e per esempio, per evitare che si veda perché o come ha ucciso nove persone, sequestra tutte le macchine fotografiche e cinematografiche dei giornalisti e dei passeggeri. Alle protestazioni internazionali, Israele risponde che ha il diritto di difendersi che, come  sappiamo da sempre, equivale al dovere di attaccare ed ammazzare chiunque gli fa comodo in qualsiasi punto del pianeta.Eppoi, dice, i pacifisti erano armati, e mostra i bastoni e le fionde con i quali, dall’alto mare, i pacifisti pensavono di attaccare Israele...

Come nel 1915, la Turchia incomincia ora a simpatizzare con la Russia sebbene la Russia, in cambio di chissà cosa, firma le sanzioni contro l’Iran alle quali era sempre contraria.
 E adesso? Adesso, continuerà come prima. Solo che i curdi avranno istruttori israeliani per tutti gli attentati da commettere contro i turchi. Cosí, se il primo ministro Erdogan non tace, gli fanno saltare le palle. Almeno che, con l’invasione dell’Iran che sta per incominciare a partire dall'Azerbadjan, la Turchia non si senta obbligata di rinnegare la sua appartenenza alla Nato e alla sua amicizia con gli USA. Come ha già tolto a Israele la sua amicizia e ha rifiutato di firmare le sanzioni contro l’Iran, di sicuro che nel prossimo avvenire sapremo chi sarà più pirata.Gli Azeri, essendo da molte generazioni specializzati nei ratti di donne da destiare alla schiavitù sessuale, con tutto il petrolio che hanno, troveranno di sicuro qualcosa da fare anche loro.
 Pensavo cosí, viaggiando sù e giù lungo la linea Maginot questo WE andando in Svizzera.
Visitate la Linea Maginot ", c’é scritto sui cartelloni lungo l’autostrada. Davvero, non mi sentivo di visitare queste tombe allineate dal Lussemburgo in giù che tra l’altro, mi chiedo, come mai la Francia ne vada tanto fiera allorché non hanno servito a niente.

09 lug 2010

Semi per scemi

La banca dei semi é stata aperta due anni fa in Norvegia. Situata sotto una montagna, a prova di bombe atomiche, raccoglie tutti i semi  in modo da potersene servire in caso di bisogno.Tra di loro, di sicuro anche la Blave di Mortean e cioé i semi di mais dei quali Mortegliano é conosciuto anche all'estero.Da dove vengono questi semi? Principalmente dalle banche di semi private o governative che esistevano prima nel mondo e che ora non esistono più per via che sono state comperate dalla Monsanto o addirittura rubate. Esempio, quella dell'Irak nessuno sà cosa sia diventata ma tutti sanno che tra le dodici direttive richieste dagli Usa al governo iracheno, c'era anche quella di imporre agli agricoltori iracheni, i semi della Monsanto. Pensavate che fosse solo per il petrolio? Queste le informazioni in generale. Peró, non tutti sanno che i promotori di questa banca sono le multinazionali come la Monsanto che hanno deciso, con l'appoggio del governo americano, di controllare i popoli del mondo, affamandolo.Infatti, l'idea é di obbligare il mondo intero ad utilizzare gli OGM che per il momento se causano danni, ancora si vede poco perché non bisogna far paura per poterli imporre. Il secondo passo consiste già a fare degli OGM a tecnologia terminator e cioé fare dei semi che si suicidano dopo il primo raccolto in modo che per avere altri semi bisogna leccare il culo degli americani. Per migliaia di anni, il contadino utilizzava una parte del raccolto per le semine dell'anno seguente. La commissione europea ha già stabilito che gli stati che vogliono usare gli OGM possono farlo e Angela Merkel ci ha già provato più volte a far votare una legge che permetta fli OGM in Germania. Per fortuna non é ancora riuscita ad averla vinta. Ma tra dieci anni, tutti i paesi saranno sotto controllo degli Usa.
1° - Per via del petrolio con il quale controllerà chi merita di averne e chi non lo merita.
2° - Per via del cibo con il quale controllerà non solo i governi ma le popolazioni stesse.
3° - Coi soldi ricavati, controllerà i produttori ricalcitranti e i fornitori ribelli che potrà elimininare come vuole.
Molti paesi sono già sotto controllo ed altri lo saranno presto. L'Iran sarà lui stesso saccheggiato come l'Irak e per evitare che si ribelli, tutto il cibo di base sarà ottenuto unicamente con i semi-terminator della Monsanto in modo che se non obbedisce, per esempio, se non dà agli americani il petrolio e l'uranio che possiede, l'anno seguente non avrà più semi e la popolazione non avrà da mangiare! In America, si dice che sia già tutto contaminato dagli OGM da quando un Bush, ha fatto annullare la legge che obbligava l'industria alimentare a specificare che poteva esserci più del 1% di OGM. Allora, Se il bestiame mangia esclusivamente Ogm, questo vorrebbe dire che in tutti i mac Donald gli hamburger son fatti con gli OGM. Altro che Mac Italy. Sarebbero piuttosto MacOgm. In Italia, la Monsanto mette molti soldi per pagare dei propagandisti e dei sientifici corrotti per farci credere che senza i loro semi, i prossimi raccolti saranno scarsi e contaminati da malattie. Che queste malattie siano provocate, non si sa ancora. Certo che si dovrebbe stare attenti ed in ogni caso, combattere quelli che ci provano e tra questi la Futuragra di Pordenone che per provocare le autorità semina di nascosto gli OGM via per il Friuli.
Esempi già in corso:
- I fiori quali le surfinie, non producono semi e le piante, morte in inverno, non rinascono in primavera. 
- L'Uva seedless che é tanto piacevole da mangiare perché non ha semi, non si puó moltiplicare che comperando i semi alle ditte che le hanno brevettate.
E le angurie? Presto, tutti i frutti saranno senza semi. In caso di conflitto o di disaccordo, si distruggeranno le vigne e gli alberi fruttiferi e la popolazione che era già senza pane, senza pasta, senza polenta, senza carne  e senza acqua morirà. Troppi cinesi in Cina? Troppi italiani in Italia?
Per saperne di più andate qua

Mandi / Idnam / Ciao / Oaic

O vares di dî idnam invezit di mandi, parce che il PC nol mi funzione.
Par une vôlte, o vevi une presse di scrivi che a sameave a une sen di lâ tal cesso ma o ai scuignût lassâ pierdi la mê voe par vie che nondere (no 'nd ere) plui âghe da tirâ o  memorie tal PC di Google. Difat, a pene che o mandi un post, il post di prime al sparís! Venastâ che pal moment o ai plen di coments par poscj chi no ai mai scrit e poscj chi ai scrit che nissun al à mai stât a lei. Ce disio, se o cîr informazions achi tal blog doprant il Cîr tal blog achi sù a diestre a nol ven fûr nuie. Anzit, s'o scrîf mandi al mi ven fûr idnam, s'o scrîf Udin mi ven fûr Nidu, se o scrîf frice al mi ven fûr eghib, eh, ma ostie, ce sucedial?
A no m'impuarte nuie di scuignî lâ a lei cent blogs par vê cualchidun ch'al ven achi a fâ cucù tal gno blog a ogni muart di pape ma mi secje di pierdi timp par nuie. Ozzac!

Idnam!

PS: Dîs minûts dopo vê cirût dulà ficjâ ches post, o ai bandonât. S'al fós fûr di puest, o speri che mi pardonarês.


Dovrei dire il contrario di ciao, perché il PC non funziona bene.
Ecco che per un bisogno ardente mi metto a scrivere come se mi venisse un colpo e scrivo una decina di post che cerco di pubblicare invano poiché si direbbe che il mio bisogno imperioso di scrivere é soprafatto dall'insufficenza di memoria nei PC di Google. Infatti, ogni volta che mando un nuovo post, il precedente sparisce! Tanto é vero che per il momento ho dei commenti fatti a dei post che non ho mai pubblicato e dei post mai scritti e mai pubblicati che sono pieni di commenti! Peggio, se cerco informazioni usando il "Cerca nel blog" (Qua a destra) non esce niente.
Anzi, se scrivo ciao, mi esce oaic, se scrivo Roma, mi esce Amor, se scrivo... mi esce ozzac !...Cioé, cazzo che cosa succede? 
Non m'importa affatto di dover leggere cento blog per far leggere il mio ma mi secca perdere tempo!

OAIC!

PS:  Dopo 10 minuti di ricerca per sapere dove ficcare questo articolo, ho abbandonato. Scusatemi se non fosse al suo posto:-)

07 lug 2010

Que le meilleur gagne / Che il miôr al vinci / Che il migliore vinca

Alore cun chescj mondiâi no sai plui par cui tignî. Fint jar di sere, o vevi inmó un furlan da crodi. Un ipotetic fi di furlan  da viodi a fâ gôi pal Uraguay e par me, furlan di mâri e di pâri no lu sai.
Il so non spagnolizât in Forlan al jere l'unic inmó che al mi faseve cjalâ le partide. Cumó o scuignarai tignî pai spagnûi che son daûr a spagnolizâmi ancje me.Ma ch'al vinci dome il miôr e cul so nâs o i piturarai le lenghe.

Non sapevo più per chi tifare in questi mondiali. Fino a ieri sera avevo ancora un friulano da sostenere. Un ipotetico friulano da guardar far reti per l'Uruguay e per me, friulano di madrelingua ma forse come lui, spagnolizzato in Forlan o in altre lingue, adesso dovró tenere per la Spagna con un naso o con la lingua.Ma che il migliore vinca e dipingeró poi  i suoi colori sulla lingua.

06 lug 2010

Sbregadis di cûr / Sussulti cardiaci



Vuê, une biele emozion dome cun tun clic. Juste un clicut piçul piçul e us començarà a zirâ il cjâf. Ma us plasino lis emozions fuartis? A é juste ne pagjinute ma us promet che ancje se o no capîs dut us fasarà pensâ pal rest de zornade. Daspó o dismentearês come che si dismentee dut par vie che ogni dí a si à alcaltri da viodi, di pensâ e di fâ. Sêso pronts? CLIC (Psssst, se o vês un piçul scherm o vês di lâ ae estreme diestre cul cursôr che si cjate in bas. O capirês miôr:-)

Oggi, una bella emozione in diretta. Sarà solo un clic e in un'attimo vi verrà il capogiro.Ma voi amate le emozioni forti, vero? Fate il clic e vi prometto che anche se non capite tutto, capirete abbastanza per farvi riflettere almeno per questa giornata. Poi, magari dimenticherete tutto perché domani ci sarà ancora altro da vedere, da pensare e da fare.
Provate con questo CLIC. (Pssst, per capir meglio, andate all'estrema destra della pagina che, se avete un piccolo schermo, non potrete vedere subito.Capirete meglio:-)

04 lug 2010

Il dîs in frice / Il dieci in condotta



No ai fat inmó nissune piture e nissune cjançon sule frice. Bisugne dî che cun dut ce che andé (a nd’é) sul web o ai simpri pôre di colâ tal porno.
Daspó, bisugne ch’o disi ancje chi soi stât tirât sù dai prêdis. Da lôr,le frice no jere le materie principâl che a si studiave a scuele ma le mê curiositât naturâl mi à fat meti drenti il nâs prime di meti alcaltri.
Insomis, subite dopo le prime palpade clandestine sot de cotule de vicine fate par ridi o par fâ il mone, jo come ducj, o scuignivi metimi a cirî chê che no veve pôre di fâ sacrilegjos. Bisugne dî che  in chê vôlte, lis mulis a jerin come lis muiniis e a lavin ator cun trê pâr di mudandis dôs cotulis sot e trê cotulis sôre. Insomis, a no molavin le frice che dopo sei maridadis o ben dome dopo mil ave mariis, salveregjinis, credos massedâts aes litaniis, preieris, ûs di pasche, dominus tecum imparâts a dutrine e folc cji trai e và sul ostie arlechin e colombine che ti vegni un colp te rime J.
Duncje, o ai scuignût menâ il cîl e le tiare par podê sodisfâ le mê curiositât parcé che fin ae etât de crucifission, o mi sintivi masse mone par fâ il serio.
Fortune che,  te deum laudamus, o soi lât a stâ tal forest, indulà che le religjon a no jere rivade inmó a fâ crodi che une taconade, di bessôl o in compagnie al jere simpri un pecjât mortâl.
 Alà, pal sès, a no si faseve tantis storiis. Li, al podeve sucedi che le mâri a mandave il frut a balâ e dopo vêlu petenât e profumât, a i dave ancje il salam da meti in te sachete...
-Cussí a tu pues fâlu sintî a chês mulis tant che tu  balis! E zontave:-)
 Dai salams cussí, no vevi nuie bisugne parce che o jeri avonde salam di bessôl e che lis mulis a capivin distès che se alc al si moveve alà in bas a jere ore di lâ fûr par viodi ce che al podeve sucedi sôre lis sustis di un jet di fortune.
Finalmentri, dopo un grum di scussadis di zenôi e comedons, cuant che i soi colât su chê buine, o ai capît che a sarès stade le ûltime e seben che no sedi fat di len, o soi rivât a tignî peraule.
Ma chel ch’al sà che al mi plâs di massedâ le poesie dal Baffo cu lis mans te arzile, a nol sarà di sigûr scandalizât se par rispuindi al Zorç le Moschete e par onorâ lis feminis o varès cirût di vê un dîs in frice ancje jo. Il baffo al diseve che il signôr al varès vût di fânus nassi cun  dôs bighis. Cussí, dissal, se cji mole chê par denant amancul a ti tire chê altre par daûr.
E alore, in onôr di chel che no i và di cirî masse cuant che  al é di presse o ai mitût il cûl, lis tetis e le frice tal stès puest. Prime in disegn, daspó in vasut e finalmentri in monument.



Per Giorgio Baffo, poeta barone veneziano, dio ci ha fatti male. Avrebbe potuto farci con un sesso davanti e uno dietro, cosí, a parte il fatto che se uno ti molla, ti puoi servire dell’altro, potresti facilmente fare la fetta di salame di un eccitante panino. Con lo stesso spirito pensavo a come si potrebbe moltiplicare il piacere nei nostri rapporti con le donne ed ho fatto questo disegno col PC. Immaginate già le nuove mutandine string ? Neanche io. Sono troppo occupato ad immaginare quanto il piacere potrebbe essere intenso se le tre zone erogene principali fossero disposte tutte insieme. Prima di tutto, non si dovrebbe cercare tanto per trovarle. Poi, le donne potrebbero, anche con l’uomo più innocente o ignorante, trovare il piacere che cerca con la zona che più le piace senza dover dare spiegazioni all’uomo che del resto, troppo occupato con se stesso, non capirebbe niente. Naturalmente, se l’uomo avesse due sessi, non si puó discriminare la donna e l’immagine che vedete, dovete credermi, é il di dietro. Comunque, se l’avanti é lo stesso, bisognerà decidere come chiamarli stando al fatto che non ho ancora deciso se la donna avrà anche due facce. Nel frattempo mi godo il piacere di immaginare quanto sarebbe interessante di sentire i seni e le chiappe di dietro tra le mani mentre si stringe contro di sé le due tette del davanti giusto lí nel nuovo vado-e-vengo che si trova nell’interstizio…
Sarà il mio prossimo vaso per caso prima di farne uno monumentale di due metri che é già venduto prima che l’argilla abbia preso la forma.
Il prossimo, lo dedicheró ai gay…Almeno che sia per le lesbiche, poiché il davanti e il di dietro  saranno di sesso differente, ciascuno troverà il suo punto di riferimento. Grazie Giorgio Baffo.

02 lug 2010

Le blave di Mortean OGM ?

Le nestre blave di Mortean e ancje chê âltre a riscje di deventâ merecane e si riscje di pierdile definitivamentri come che si à bielzà pierdût il tocai cu le Ungjarie e il frico cu le Holande.
Di fat, tal pâis di Fane, chel dal nestri Vittorio Cadel nazionâl che nus à tant ben cjantât, e an cjatât blave OGM che se dut al và come che i merecans de Monsanto e sperin, e varès di contaminâ dute le blave dal Friûl e cussí a si scuignarà fâ le polente merecane.
Le blave OGM a é stade plantade de asociazion "dite" dai « agricoltôrs » Futuragra, che tal so sito, tal non de democrazie e dai consumadôrs (Di sigûr?)  a pretindin di vê il dirit di sielzi, venastâ di imponi semencis brevetadis cul marcjo merecan de Monsanto. Ma le âghe e lis semencis a fasin part dal patrimoni de umanitât e no dal patrimoni de Monsanto. Daspó ducj e san bielzà che cui OGM, lis âvs e son daûr a sparî par cé che fintramai i flôrs a deventint tossics par vie che par tirâ sù i OGM a si scuen doprâ il glifosato, un erbicît che al cope dut e, in grande cuantitât, ancje lis bestiis e i umans. La Monsanto al consee di passâ lis semencis tal so Roundup (Il so glifosât) prime di semenâ.
Cussí a si scomence a capî il parcé che lis âvs a sparissin: Parce che fintramai i flôrs a son tossics!
Ma le Monsanto a continue di pretindi che no je vere e a fâs procès e a minace ducj chei che a pretindin il contrari.
In Argjentine, indulà che un grum di maladiis gnovis a son nassudis da cuant che la Monsanto e a introdot le culture transgjeniche 13 agns indaûr, i miedis che a lu denuncin a son minaçâts di muart!
Chi da nô invezit, nissun al si mûf o scuâsit.I furlans a son simpri stâts lis piôris plui piôris des piôris e dopo cualchi bee a continuaran a passisi trancuils de lôr jerbute bagnade dal sanc dai lôs vons.
In otûbar a dîs la Monsanto, venastâ Duilio Campagnolo, o varin di fâ i conts cu la piralide. Che chiste piralide nus vedi mai impedît di mangjâ polente, no lu ai mai sintût ma seont lui, responsabil dal sito, se no si decît subite di meti i soi OGM, le culture de blave tradizionâl nus mene ae catastrofe.Al us invide duncje a scrivi une letare al ministeri e po mandâi une copie a lui.
E o speri ben che o lu fasarês zontant ancje il vuestri pinsîr.

Tes fotos o podês viodi cemût che lis plantis in te me strade a reagjissin cui cuarps forescj. A ju gletin! Cinc agns dopo chest marcagjo metalic fat dal comun, lis medais cui numars a son daûr a sparî drenti dal arbul. Figurinsi alore i prodots chimics!

01 lug 2010

Vive il Friûl libar / Evviva il friuli libero

Vive il Friûl Libar ! Al si cjate grafitât chi e là ancje sul web e no dome sot dal Gjornâl dal Friûl che al scrîf par talian. Segno che cualchi scalmanât o lu vin ancje nô. Pecjât che chescj pseudo-estremiscj a si limitin scuâsit dome a scrivilu di nascuindon. Dutcâs, a no son lâts a dî a chescj pro-israelians che a varessin forsit tirât plui simpatie doprant une bandiere furlane invezit di chê taliane o chê furlane invezit di chê israeliane.O dîs cussí pai furlans doc che a puedaressin dî che il Friûl nol à nuie da viodi cul atac dai israelians ae nâf umanitarie.O ise dome une ilusion? Dutcâs, o ben achi andé une bandiere di masse o ben andé une bandiere di mancul. (Andé= a nd'é)

Evviva il Friuli Libero! Questo slogan si trova qua e là scritto sui muri e nel web. Segno che anche noi abbiamo qualche estremista oppure si tratta soltanto di pubblicità per il giornale « Sfuei dal Friûl libar » ? Non credo perché questo giornale avendo due titoli, il secondo é il principale e si chiama Giornale del Friuli e con cio, tende a far credere che sia più friulano degli altri ma in verità scrive solo in Italiano.


Se poi parla molto di quello che succede fuori e molto poco di ció che succede dentro. Sono affari suoi. In ogni caso, questa manifestazione di pro-israeliani a Udine l’ho trovata solo in un blog. Peccato perché mi avrebbe fatto piacere se almeno in queste occasioni, qualcuno andasse a mostrare che sarebbe più simpatico se la  seconda bandiera da far sventolare fosse quella friulana. In ogni caso, qua, o c'é una bandiera di troppo o c'é una bandiera di meno