I miei Video clips furlans

Loading...

31 ago 2010

Zucs Di Cjargniei / Giochi di carnici

Come ducj i cjargniei,se un al cji ufrís alc, a no tu âs di acetâ. A tu âs di savêlu fin da canai.
Ch'al sedi par educazion o parcé che a no tu olsis disturbâ. Al à di sei cussí.Alore le persone a scuen insisti e tu tu scuegnis rifiutâ par no mostrâ che tu vegnis a saludâ dome par vê un café o un tai, o da mangjâ o ben... Il zuc al dure di spes cinc minûts e ancje di plui e finalmentri al si ferme parcé che un dai doi le à vinçude e tu che tu jeris cussí determinât a disi di nó a tu cji sentis jù rassegnât disint, e va ben, ma alore dome un got o dome un tocut, un cimi, un tininin, un nuie...par fâ plasê.
Ma a tu sâs plui che ben che il got al sarà une biele tace plene parcé che senó come ospit a tu puedaressis ofindicji o piês di dut, a tu puedaressis lâ a contâlu a ducj e rompi le reputazion.
Se invezit a tu le âs vinçude tu, probabilmentri a tu larâs vie cule bocje sute crodint che l'ultin nó che tu âs dite al jere di masse e che al cji varès fat plasê di incafetâcji e tu cji cjatis plui mone di prime.Ma il zuc, cussí al é: Se tu pierdis a tu vincis e se tu vincis a tu pierdis.Duncje, no tu pues lamentâcji parcé che a tu vincis simpri alc. Baste dome che se tu sês tu che tu insistis ch'al cji fâsi plasê di acetâ il café, a no tu scuviezedis che a no tu âs plui café in cjase:-)

Come tutti i carnici, se uno ti offre qualcosa, non devi accettare. Devi saperlo fin da bambino. Chessia per educazione o perché veramente non vuoi disturbare, dev'essere cosí. Allora la persona insisterà e tu dovrai di nuovo rifiutare per non far vedere che vieni a salutare solo per avere una tazza di caffé o un bicchiere, o da mangiare oppure...Il gioco puó durare anche più di cinque minuti e finalmente si ferma perché uno dei due l'ha vinta e tu ti siederai rassegnato dicendo, solo un goccio, un pezzettino, un pochino, una lacrima, un niente...Per far piacere.
Ma sai benissimo che la tazza sarà piena perché potresti andarlo a raccontare a tutti e macchiare la reputazione. Se invece l'hai vinta tu, probabilmente te ne andrai con la bocca secca dicendoti che l'ultimo nó non dovevi dirlo e che ti avrebbe fatto piacere quel caffé. Ma il gioco é cosí: Se tu perdi, vinci. E se tu vinci, perdi. Dunque, comunque vada, vincerai sempre qualcosa. Basta che tu non sia quello che dopo avere insistito perché ti faccia piacere ad accettare un caffé, scopri che non hai più caffé in casa:-)

Furlans di îr / Friulani di ieri

Josef Marchet, tal so libri achi te foto al tache disint che i 120 furlans illustris che al presente a no an fat cuissà ce grandis robis par passâ ae posteritât al di fûr dai nestris confins. e tal so modon di libri  ancje se al dopre cent grams par furlan, al fâs il zîr dai secui e dai furlans in tun chilo e mieç.
Ma il libri se al reste interessant par cognossi i personaçs che di spes a an lassât un non di strade o di place tal Friûl o tal cjâf di cualchidun, al rive a mostrâ dome che, a part il nestri dovê, ancje cuant che al é fat miôr, a no si rive a saltâ fûr dal Friûl. 
Ogni paîs al à i soi eroes e i soi personaçs ilustris. Chel che a 'nd à di plui, al sussite plui braùre e al ispire plui dissepui.Da nô, fin cumó, dome i predis a son rivâts a tirâ sù altris predis ma bisugne chi zonti che le selezion dal Marchet si é fermade tai agns 50 e che forsit al sarès ore di fâ un'altri madon cun chei che a son vignûts fûr dopo. Cui saraial chel che une dí, al nus tirarà fûr di aí ?


Interessante il libro grosso come un mattone di Giuseppe Marchetti nel quale descrive con circa 100 grammi ciascuno, i cento e venti friulani più illustri nei secoli.Il regalo, mi ha permesso di scoprire i nomi dei personaggi che spesso hanno lasciato un nome di strada o di piazza nelle città friulane.Certo che, rarissimi sono quelli che illustri di qua, lo siano anche al di là del Friuli sopratutto che la selezione dell'autore s'era fermata negli anni cinquanta.
Fino lí, malgrado la sua buona volontà, é riuscito solo a dimostrare che il friulano, a parte di fare il suo dovere, anche quando lo fa meglio degli altri, rimane più o meno uno sconosciuto.Questa mancanza di eroi e grandi personaggi, forse impedisce ancora molti friulani, di credere che si puó riuscire a sorpassare i limiti. Oso sperare che a parte i preti che hanno fatto crescere altri preti, ci siano altri Pasolini o Sgorlon ai quali un'altro Marchetti dedichi un altro mattone di un chilo e mezzo prima che internet li divori via nell'anonimato.Chi saranno quelli che ispireranno di più i friulani di domani?

29 ago 2010

Furlans e svuizars / Friulani e svizzeri

Il Friûl a nol sarès altri che une piçule Svuizare cun cuatri cjantons. Tar ognidun dai cjantons une lenghe.
Come lôr, o no vin mai inventât nuie ma o vin simpri fât il nestri dovê.
Va ben,  tal 500 tant che in dute le Italie a vignive fûr il rinassiment   lôr a fasevin arlois a cucù e nô juste cucù.
Come lôr o vin l'Italie sot ma lôr no son sotans.Ups!
 Va, ben, lôr e fasevin ancje i soldâts par chei che a paiavin miôr e nô forsit par chei che paiavin di mancul e cusí lis vuardiis dal vatican vuê a son svuizaris e no furlanis.
Va ben, lis uniformis des vuardis svuizaris a son stadis dissegnadis da Michelagnul e chê dai furlans da nissun.
Va ben, nô o sin daûr a separâsi fevelant simpri plui par talian e triestin,  tant che lôr a continuin di tignîsi dongje fevelant lis lôr cuatri lenghis.
Va ben ma se si cjale miôr, lôr a someín ducj todescs e nô ducj talians.
Va ben, no vin mai vût svuizars che a son vignûts a vore in Friûl ma un grum di furlans a son lâts in Svuizare.
Va ben,nô o vin i monts al nord e lôr ju an al sud.
Va ben ma nô al sud o vin il mâr e lôr a no lu an.
Va ben ma lôr cence mâr a fasin distês dîs voltis plui turiscj di nô.
Va ben, Nô o vin il frico e lôr e an il rösti.
Va ben, le Svuizare al é il secont paîs indulà che si vîf miôr tal mont daspó le Finlande seont Newsweek e nô le seconde regjon dal Italie (23êsime) daspó no sai cuâl seont me...
Va ben, seont il WEF, Le Svuizare a jé le plui performant (Competitive) dal mont, prime dai  dai svedês e de Americhe, in vezit nô al massim o sin i plui performants de Italie che si cjate al .48im puest!
Invezit nó, a nol va ben nuie. Nancje di savêlu.
Il Friuli non sarebbe altro che una Svizzera in miniatura con quattro cantoni in ognuno dei quali si parla una lingua differente.
Come loro, non abbiamo mai inventato niente ma abbiamo sempre fatto il nostro dovere.
Mentre in Italia si faceva il Rinascimento  loro facevamo gli orologi col cucù e noi solo cucù.
Come loro, abbiamo l'Italia sotto ma loro non ne sono sottomessi.
Va bene, loro facevano anche i soldati per chi pagava di più mentre noi facevamo i mercenari per chi pagava di meno e cosí le guardie del vaticano sono svizzere e non sono friulane.
Va bene, le loro divise furono disegnate da Michelangelo e le nostre da nessuno.
Va bene, noi stiamo separandoci parlando italiano e triestino mentre loro stanno sempre uniti parlando le loro quattro lingue
Va bene, se si osserva da vicino, loro sembrano tutti tedeschi e noi tutti italiani.
Va bene, non abbiamo mai avuto emigranti svizzeri in Friuli mentre un mucchio di friulani sono andati in Svizzera.
Va bene, noi abbiamo i monti al nord e loro al sud.
Va bene, ma noi al sud abbiamo il mare e loro non ce l'hanno.
Va bene, ma loro senza il mare hanno dieci volte più turisti di noi.
Va bene, noi abbiamo il frico e loro il rösti.
Va bene, la Svizzera secondo il WEF, sarebbe il paese più competitivo del mondo (Ancora prima dei tedeschi e degli svedesi e americani) mentre noi siamo al massimo i più competitivi d'Italia che si trova al 48mo posto!
Va bene, la Svizzera é il secondo paese del mondo dove si vive meglio secondo Newsweek e il Friuli la seconda regione d'Italia (23sima) dove si vive meglio secondo me.
Invece no. Non va bene niente. Neanche di saperlo.

27 ago 2010

Rostropoviç / Rostropovich



Il violoncellist Rostropoviç al veve di interpretâ un toc avonde dificil che lu faseve lâ da une des notis plui bassis a une des notis plui altis passant de prime ae ultime cuarde. Par no sbaliâsi, al veve metût un segn cu la biro tal puest indulà che il dêt al veve di lâ a finî par vê le ultime note. Cualchidun dai soi compagns al veve decidût di fâi un scherç e di gambiâi il puest dal segn ma al moment de esecuzion, Rostropoviç al veve distês fat le note juste e par ben mostrâ che al veve capît al tignive l’archet  jenfri il poleâr e l’indic in mût che il dêt medi al resti pal aiar  e ben visibil da chei dongje di lui.

Il violoncellista Rostropovich doveva eseguire un assolo difficile che lo costringeva a passare da una nota tra le più basse ad una tra le più alte andando dalla prima all'ultima corda. Perció aveva fatto un segno con una biro sul manico al posto dove doveva mettere il dito per ottenere quella nota. I colleghi, in sua assenza avevano deciso di fargli uno scherzo ed avevano cambiato il segno di posto ma al momento dell'assolo, Rostropovich fece linvece la nota giusta e continuó imperturbabile a suonare ma tenendo l'archetto solo con l'indice ed il pollice per permettere al dito medio di rimanere in aria e ben visibile in direzione dei colleghi.

26 ago 2010

F104 Starfighter

Il dí stes de dimostrazion ufiziâl devant dai rapresentants dai governos, l’F104 clamât ancje Starfighter, al é colât e il pilote al si é copât ma  l’acident nol à impedît nissun di ordenâ chest argagn che pôc a pôc al é stât ribateât le bare volant e Widow maker (Produtôr di vedovis). I prins a comprâ : i Todescs e il Canada, daspó ducj chei altris e ancje l’Italie e seben che i merecans bielzà tal 1969 a no lu dopravin plui, in Italie al à siervît fin tal 2004. In chel ant come s’al fos stât un eroe nazionâl, al é stât « soterât » cun tune cerimonie ufiziâl organizade a Pratica del mare. Da no crodi. Su 2578 esemplârs, a no si sà trops che a son colâts in dut ma se il  Canada al à declarât  il 50%di pierditis par vuast e l’Italie il 38%, in dut a saressin plui di mill e amancul150 aereos e pilots pierdûts dome in Italie. Cemût isal podût sucedi ? Politiche po. Ducj a scuignivin fâ plasê ae Americhe e indebitâsi cun lôr. Ma alore cemût mai si doprino cumó par fâ monuments ? Chest al é un vizi dome talian.Un monument ai alpins in gjenerâl al é pai alpins e no pes balis che ju an copâts. Al sarès come fâ un monument pal nemi ma achi, le bale a jere masse biele e a Tumieç, come a Lignan, paîs ben cognossûts pal âlt tàs di aviatôrs, a no an savût resisti ae tentazion. Se amancul a lu varessin mitût cul nâs in jù  come chi hai fat jo a si varès capît miôr.



Qualche mese fa, avrete sentito che la Toyota aveva fatto rientrare più di un milione di macchine per via di un piccolo difetto che poteva causare un disagio. Invece, per questi aerei pieni di difetti che causarono la morte per guasti di circa il 50% dei piloti e che hanno indebitato l'Italia per trent’anni,ora diventano dei monumenti. Come é possibile ? In genere per un monumento agli alpini non si mettono le pallottole o i fucili nemici che li hanno uccisi, sarebbe di cattivo gusto e sarebbe come fare un monumento al nemico. Ma a Lignano e a Tolmezzo, paesi ben conosciuti per l’alto tasso di aviatori  morti in servizio non hanno resistito alla tentazione.Forse nessuno sapeva che questi aerei i piloti li chiamavano bare volanti perché gli accidenti furono sempre taciuti. Se almeno l'avessero messo col naso all'ingiù come ho fatto io, si avrebbe capito meglio.



25 ago 2010

Le otave video / La ottava video

La coruzion a puès scomençâ cun chel che al cji invide a bevi un tai e che dopo velu bevût al cji dîs ch'al à dismenteât il tacuin.Come par dî che le coruzion a no si sà indulà che a scomence e dulà che a finís e nancje cui che le dopre. In Italie, non sin cognossûts par sei i plui inocents tar chest gjenar di delicatece e di sigûr, o no savin che ce che al sponte di tant in tant dal iceberg. Pai forescj, i talians a son ducj compagns:Pizza, mafia e sole mio.Il Friûl a no lu cognos nissun.O scuasi.
In Inghiltere, in France, in Gjermanie, seben a si crodin plui onescj, a saltin fûr di tant in tant di chei scandui che ju fâs tasê par un biel pôc.
E in Russie? e in Americhe? Us conti le ultime: Il vice president de Lukoil (Gas e petrolio) lant avore, al cjatave che il trafic a lu impedive di lâ avonde svelt, alore al dà ordin al autist di sorpassâ. Par sorpassâ, l'autist al scuignive passâ le linie blancje e riscjâ di vê un acident cu lis machinis che a vegnin di chê altre bande. Di fat, le prime machine che a rive, a i và d'intor. Lui cu le so gruesse Mercedes al à juste vût une scussade,lis dôs dotoressis cu le lôr piçule machinute che i an dât d'intor a son muartis dutis dôs. Sîs mês di proces dopo, i 20 testimonis a son ducj sparîts e lis 8 videos riprêsis che tar chel puest a vevin filmât dut, come par miracli, in chê di a jerin dutis vuastis e no vevin filmât nuie.Dome une, a funzionave ma par vie di un tabelon publicitari, a no si viodeve nuie...
Le machine dal vice president, seont i esperts dal tribunâl, e lave a 30km a l'ore e i miedis invezit a 70km a l'ore. Duncje il vice president de Lukoil al é stât declarât no dome inocent ma le dotoresse che vuidave a é stade declare colpevul di vê passât il limit de velocitât di 10km a l'ore. Gjenerôs, il vice president de Lukoil al à rinunziât a fâsi rimborsâ i dans!
Chest mi fâs pensâ al pentagono merecan cuant che l'11 di setembar al é stât bombardât da un siluro che lis autoritâts e an fat crodi che al jere un aereo in man dai teroriscj...Se nol fos che dutis lis filmevideos in chê di a no an funzionât. Dome une, a funzionave ma par vie che jere masse lontane, a no si viodeve nuie...
In Russie, cualchi rus al à decidût di no comprâ plui le benzine de Jukov e in Americhe cualchi merecan al à decidût di no crodi plui ai comunicâts ufiziâi. Nô, invezit o sin simpri pronts a crodi che le otave video, une dí nus salvarà.


La corruzione puó incominciare con quel falso amico che t'invita a prendere un bicchiere e che poi te lo fa pagare perché dice che ha dimenticato i soldi. Non si sa spesso dove incominci né dove finisce. In Italia, non siamo particolarmente ben visti e anche se friulani, all'estero siamo tutti uguali: Pizza, mafia e o sole mio.
Pertanto in Francia, in Inghilterra, in Germania dove la gente si crede più onesta, saltano fuori di tanto in tanto degli scandali che non hanno niente da invidiare all'Italia. Ma in Russia e in America?
Vi racconto l'ultima: Il vice presidente della Lukoil (Gas e petrolio) andando al lavoro in Mercedes, si secca per il traffico e ordina all'autista di sorpassare tutti. L'autista passa la linea bianca e prende la corsia nel senso inverso . Difatti fa subito un accidente ed ammazza due dottoresse che venivano in senso inverso nella loro piccola macchina.Risultato dopo sei mesi, al processo i numerosi testimoni dell'accidente sono tutti spariti o non hanno visto niente e le otto videocamere che avevano filmato tutto, ebbene, per caso, quel giorno erano guaste. No, una sola funzionava, ma per via di un tabellone pubblicitario non si vedeva niente dell'accidente.Dunque, il vice presidente é stat dichiarato  innocente e la dottoressa che guidava, colpevole, ma generoso e impietosito, il vice presidente della Lukoil rinuncia a farsi rimborsare le spese!
Questo mi fa pensare al pentagono americano sorvegliato da decine di videocamere in permanenza ma che il giorno dov'é stato bombardato da un aereo torrorista, le videocamere non funzionavano. Si, una sola funzionava ma era cosí lontana e mal piazzata che si vedeva solo l'esplosione.In Russia, alcuni russi hanno deciso di non fare più il pieno nelle stazioni della Lukoil. In America, alcuni americani hanno deciso di non credere più ai comunicati ufficiali e qualcuno pretende che l'aereo terrorista non era un aereo di linea ma un razzo telecomandato.
Noi, invece siamo ancora pronti a credere che la ottava videocamera, un giorno, ci salverà.
Links

23 ago 2010

Mirts / Mirtilli

Da canai, par un biel pôc o ai crodût che i mirts a si cjatassin dome sù pai monts de Pesarine. Dospó lant ator pe Cjargne iu ai cjatâts dapardut e ancje jù pal Friûl massime  al mês di Avost. Il plasê di cjoliju sù e mangjâju un par un al mi reste inmó tal cjâf e al é cun plasê che cumó che  ju cjati al supermarcjât a 10 euros il chilo ancje fûr di stagjon.Che vignedin d'indulà che an voe a no m'impuarte.Baste che a sedin bogns. O sai dome che in chê volte par tornâ in jù de mont cun tun chilo, o scuignivi  stâ ator pai boscs amancul mieze zornade. Cumó o met dîs minût par lâ a cjoliju e dîs minût par lecâmi lis moschetis dopo vê parât jù mieç chilo in tun colp. Gulp!
Cence fâmi becâ lis gjambis des urtiis o dai madracs.


Da bambino, ho creduto per un bel pó che i mirtilli si trovassero solo sui monti della val Pesarina prima che andando nelle altre valli dalla Carnia mi accorgessi che non c'era l'esclusiva poiché si trovavano anche più in giù nel Friuli. Ma ho ancora quel gusto in bocca del mirtillo colto e inghittito con ingordigia. A quei tempi, prima di racimolarne un chilo ci voleva almeno mezza giornata tra i boschi facendo attenzione di non farsi beccare dalle ortiche o dai serpenti. Adesso, in dieci minuti vado e torno dal supermercato e metto altri dieci minuti a leccarmi i baffi dopo aves inghiottito mezzo chilo di mirtilli in un solo colpo. Gulp.
Che provengano da dove si vuole, basta che siano buoni. 

I arcs di Tumieç / Gli archi di Tolmezzo

A Tumieç,come su dutis lis placis dal Friûl, a si cjate il solit monumentin brutin fat sù pai muarts in vuere che al testimonie dal nestri gust pe pietât ma ancje dal nestri miserabil gust tout-court pes robis ordenariis e cence vierzidure. Le gnove dimostrazion a si puès viodile tar chest puint che lôr a clamin un arc e che al somee vistît di fieste cui scarpets par no dî cu lis perlinis dai internos dai agns 50. 
L'impuartant al jere di imponi le scrite e il logo avonde in piçul e finalmentri, dopo lungjis caviladis,i spice lapis di siervizi a son rivâts a dimostrânus che se no si sà lei ben ni un ni chel altri, amancul lôr e an mostrât le lôr autoritât di bidei e i eletôrs a no an che da sei contents. 
Che al sedi l'arc de banalitât ognun al decidarà. Par fortune a Tumieç  un biel e vêr arc al esist. Lis cjartulins a no si mandin plui e duncje nissun squasi lu cognos ma incuadrât cul mont daûr al fâs veramenti biele figure. Le scrite tirade cui fii di sigûr a stone ma no stait a bletemâ,chiste opare dedeade ai sportîfs che par miracul a no é stade inmó butade jù a sarà prest ribateade in onôr dai muarts in vuere.Come se a Tumieç di chescj monuments a nol in  fos avonde.Jo chi mi soi simpri lamentât che i monuments ai muarts a jerin simpri brutins, o no ai plui nuie da dî.  Sperin dome che cualchidun al ôlsi dî che a é ore di finîle di cjalâ indaûr e ch'a é ore di cjalâ indenant e dî a chescj bidei che a ledin a spiçâ i lôrs lapis par fâ alc altri.

Il ponticello addobbato con perline stile anni 50 é appena stato inaugurato. La storia che circola é che gli eletti comunali, da buoni bidelli, si sono bisticciati sulla dimensione delle lettere e del logo che per finire,non sono neanche leggibili. Se avessero messo un messaggio di benvenuto, si poteva perdonarli ma invece hanno scritto la solita banalità. Come se nessuno sapesse che Tolmezzo é una città o che la città é quella di Tolmezzo.Il bello é che questo lo chiamano un arco.L'arco della banalità, dirà qualcuno. Come se non sapessero che un vero arco c'é a Tolmezzo ed é stato fatto negli anni 50.
Anzi é l'unica cosa che ci sia da guardare a Tolmezzo. La montagna dell'Amariana dietro l'arco, fa veramente bella impressione. Ebbene, non bestemmiate, questo arco che era stato dedicato allo sport, sarà presto ribatezzato e dedicato ai caduti! Io che ho sempre trovato che i monumenti ai caduti erano sempre bruttini adesso non avró più nulla da dire. Salvo che il gusto di un bidello vale più di quello di un architetto o di qualsiasi uomo di buon gusto.

21 ago 2010

Lis infos des TV e chês dal web / Le info della TV e quelle del Web



O vês di sigûr viodût e scoltât ce che al sucedeve in Russie cui incendios dal mês di avost.Come simpri, lis gnovis, o podês scoltâlis in dutis lis lenghis chi volês, a son dutis compagnis ancje tai coments. Chest nus fâs pensâ che cualchidun a lis controle. Cualchi TV us à ancje mostrât chiste foto de Nasa cence dâ nissune spiegazion. Chest us mostre esatamenti ce che lis TV a fasin. Juste avonde par fâus pôre cence dâ masse spiegazions e tar chest câs, seben il comunism al é soterât da un biel piès al bisugnave  mostrâ inmó une vôlte le incompetence des autoritâts russis. Ma a cjalâ ben, si viôt che le dimension de macje principâl a é grande tant che l'Europe che si viôt lí in bande a çampe.Alore a si pues domandâsi cemût che a varès podût reagî l'Italie se a varès cjapât fûc da pît in sù!
Ma ce îse cheste macje? Fuc? No, al jere il tàs di monossido di carbonio a cinc Km di altece.Chest magari us distude un tininin l'efiet dal fuc ma se no jé le stesse robe al bisugne dîlu e nissun a lu à dite.Che al sêti inmó piês o decidarês vualtris.Fortune che o vin internet par lâ a sbisiâ.

I telegiornali vi hanno fatto vedere l'impotenza delle autorità russe nel reagire agli incendi. Come al solito, le novità appaiono in lingua locale e le immagini spesso non sono commentate che nel senso che si vuole, chessia manipolazione, vi lascio giudicare, vi posso solo dire che spesso, i commenti, sono sempre quelli in qualsiasi lingua e che i russi rimangono sempre i cattivi. Ció vuol dire che se qualcuno controlla le news, non sono di certo loro. Per fortuna c'é internet e qualche volta si riesce a saper di più. Ecco per esempio un'immagine che ho trovato nel blog di un indiano appassionato di astronomia.dove lui specifica che la macchia era estesa quanto la distanza che và da san Francisco a Chicago e ci mostra una grafico della Nasa che é passato su tutte le Tv del mondo. Peró ci dimostra che nessun giornalista s'é preso la pena di commentarlo nel vero senso. Potrebbero averci fatto notare che la grande macchia infuocata era grande quanto l'Europa e avremmo capito almeno quanto il problema dei russi era insurmontabile (Vedi la dimensione dell'Europa a sinistra) e non quanto siano incompetenti. Seppoi la macchia infuocata non é il fuoco degli incendi ma é il tasso di ossido di carbonio a 5km di altezza e che ciò puó essere anche peggio, deciderete voi. Ció attenua forse l'effetto del fuoco di un pochino ma non é la stessa cosa.

20 ago 2010

Cjantautôr furlan / Cantautore friulano



Ancje se a nol figure assolutamentri in nissun sito furlan come compositôr o autôr e seben che nissun al vedi crodût inmó util di linkâlu par solidarietât o juste par tignî sù un artist furlan o cjargniel al à a pene passât i cent mil visitadôrs tal so sito musicâl di Youtube. Se a si capís ben, o ben chei altris a son mancul bogns di lui, o ben al é rivât a chest piçul record par câs. Dutcâs, s'al é par cûl,si sà  che lui a nol lecarà mai il cûl a di nissun e chest al é bielzà alc  da festegjâ e jevâ il comedon a l'unic compositôr furlan che scuâsit di nascuindon, al rivi a plui di cent mil visitadôrs su Youtube.
 Ae  sô salût e a chê dai centmil.Se po a é ancje ae mê tant miôr.

Da due anni, ha messo una cinquantina di video su Youtube tra i quali uno sfiora i 15.000 visitatori.Chessia per le immagini o per la musica che ha composto non si sa. Certo che non é per le parole poiché tutte le canzoni sono solo in friulano almeno che i friulani siano più numerosi di quanto si creda. Strano peró che non c'é un solo sito friulano che fin'ora abbia creduto utile di aggiungere il link per referenziarlo.
 Comunque,che sia per caso o per culo, é l'unico compositore autore friulano che abbia fin'ora,anche se praticamente di nascosto, superato i centomila visitatori su Youtube. Se questo non é un gran record si deve almeno festeggiare ed alzare il bicchiere alla salute.La sua e quella dei centomila visitatori.Seppoi é anche alla mia, tanto meglio:-)

Imprescj / Atrezzi / Outils / Tools / Herramienta


Seont cemût che si ju dopre e seont cemût che son fats,i imprescj a si rompin subite o a vivin cualchi an cence distinzion di marcje (Achi Bosch e Makita) Chei che no si rompin mai a son chei cence motôr eletric e che a van a arie compresse ma achi o ai butât vie dut ce che a no mi siervive plui par svueidâ i cassetins. Ju ai mitûts di fûr sul marcepît e dôs oris dopo a jerin sparîts. Un zovin che al passave ju à cjalâts e al à tacât a cjoliju doi par doi. Daspó al si é decidût a cjoliu ducj insiemit. E varan cussí une seconde vite e jo plui puest par meti chei gnûfs.

Secondo l'uso che se ne fa o come sono concepiti, gli atrezzi si sfasciano subito o vivono qualche anno.Non ce n'é più nessuno che duri più di un'altro (Vedi i Bosch e i Makita) Solo gli atrezzi ad aria compressa sono praticamente indistruttibili ma qua li ho buttati via perché non ne avevo più bisogno. Li ho messi fuori sul marciapiedi e due ore dopo erano spariti.Un giovane s'é fermato li ha guardati ed ha cominciato a metterli in macchina due per due. Poi s'é deciso a prenderli tutti in una volta. Cosí serviranno ancora a qualcuno ed io avró più posto per mettere quei nuovi.

18 ago 2010

Le Logjiche e le Filologjiche Furlane


Mi soi abonât ae Filo ma le logjiche mi mancje par disi chi soi content al 100 %. Anzit s’o fos content al 20% al sarès bielzà alc ma o lu soi ancje di mancul par vie che o speravi cjatâ tes publicazions de Filologjiche avonde furlan par passimi il cjâf e il spirt ma tar cheste venerande istituzion a si dopre scuâsit dome il talian. Tal ultin numar di Ce fastu su 140 pagjinis, dome cinc pagjinis a son par furlan e chest graziis a Sandri Cjaroç che o batei cussí parcé che se lui nol fos a tirâ il cjaruç a nol sarès nissun li ator.
O ai viodût che aromai, a si tint a doprâ il furlan dome par fâ i titui e daspó i articui a son scrits par talian. Chest ancje par cjacarâ de lenghe furlane stesse, de pronunzie furlane e insomis, fllogjicamentri o sin mal mitûts. 
A si fâs plui culture taliane che furlane.
Si disares che il furlan a son daûr a soterâlu prime inmó ch’al mori. Come s’al fos latin e ch’al fâses trendy di mostrâ che a si lu cognós  ma che al fâses démodé  di doprâlu parcé che a no si pos  (Le pronunce dal verb ae cjargnele a é fate par fâ le rime).
O pensavi che forsit, le percentuâl des pagjinis furlanis a jerin proporzionadis cui sussidis ricevûts ma nó, nuie, I sussidis dal an passât a jerin di 556.000 euros e lis ricetis di 216.000, duncje si varès vût di vê amancul il 75% di pagjinis par furlan ma il massim al si rive al 25%. Piês, a si si permet fintramai di fevelâ sule leç 482 in tun articul di 25 pagjinis dutis par talian! Come se si fos sul Gazetin.Francjamentri, chei di Rome a si caghin dal ridi disint che a si reclame plui marilenghe ma no si é nancje bogns di doprâle ! 
Cun cheste logjiche, se cun 500.000euros a si à il 25% di pagjinis furlanis, le Filo a puedares dî che par rivâ al cent par cent di pagjinis furlanis e varès di ricevi doi milions di sussidis. 
Eh si sí ! -A disaressin chei altris, cun tune aumentazion dal 75% ce restaressial par nô? 
Al bastarès disi che, cu le stesse logjiche, nô blogarins e patriots dal Friûl che  o s’intestardin a scrivi dut par furlan, forsit ju fasin ridi ma a si puedares rispuindiur che o fasin plui culture furlane nô a gratis in tune setemane che lôr cun 700000euros in tun an.
Jo chi stoi in tun paîs indulà che lis lenghis ufiziâls a son finanziadis des comunitâts e o sai che a nol vegnarès in ment a di nissune istituzion culturâl di no doprâ le lenghe pae cuâl a ricevin i sussidis parce che a saressin tajâts vie subite o scuen zontâ, parcé che o soi simpri furlan, che a é ore di gambiâ. I politics che cirin di sparagnâ tai sussidis e varessin di cjoli le ocasion par meti un tic di ordin e imponi amancul un tant di furlan par franc ricevût. Se po a son euros, tant miôr.


Flower carpet / Tapis de fleurs / Tappeto di fiori / Tapêt di rôsis / Carpeta de flores



Eriso achí? I assents e an simpri tuart. Alore o soi tornât de Spagne une dí prime par podê lâ a viodi chest spetacul di colôrs fat cun plui di cent mil begonies sule place grande di Bruxelles.
Nol à pluvût e nol à fat masse cjâlt cussíché e an lassât il tapêt doi dîs di plui. Finîde le fieste al somee che si sêti bielzà d'atom e a ven voe di tornâ a lâ.
Intant, o mi soi insumiât di un che al cuvierzeve i palaçs di rôsis ma al veve dome rôsis cu lis spinis...Tant chi spieti che cualchidun al inventi une cineriprêse digitâl par filmâ tai insiums, o scuen restâ indurmidît par continuâ i insiums. Ma no rivi, le realtât a mi sbisie e mi cour daûr.



Finché non trovo una cineripresa con la quale si possa fare un video dei sogni, mi dovró accontentare di dormire un pó di più per rimanerci dentro...Ma una volta sveglio, la realtà riprende il comando e non posso farvi vedere il sogno che ho avuto dopo aver visitato la grand' place di Bruxelles. Vi avrei raccontato la storia di un tipo che voleva coprire i palazzi e le cupole con i fiori ma aveva solo il biancospino. Ma invece vi diró che ho fatto bene di rientrare un giorno prima dalla Spagna per andare a vedere questo spettacolo di colori che succede ogni due anni. Non ci sono stati ne pioggia ne grande calore, allora hanno prolungato la festa di due giorni ed i turisti hanno apprezzato. Se c'eravate, non vi ho visti.

16 ago 2010

Carli Gardel un furlan / Carlos Gardel un friulano

Alore, cuant chi cîr alc sul Friûl su internet o coli simpri su un plevan. Da no crodi. Ma chiste vôlte al é gracie a chest sito chi ai fat une discuvierte.

Seont i francês, Carlos Gardel al sarès francês e seont i Uruguaians al jere uruguaian ma seont me al jere di sigûr talian. Anzit: Furlan. Inmó miôr: Al jere cjargniel di Davâr o Cella.
I nons Gardel nus vegnin de Cjargne e o savês ben che al é ancje un non di ucel. Lu ai scuvierzût par câs. Un plevan di Davâr Massimo Felice al veve so mâri di Cella che si clamave Gardel. Tar chiste famee, come che al é stât par tancj âltris furlans e cjargniei tai agns de grande emigrazion, a si son sparniçâts ator pal mont e fintramai in Australie, France, Uruguay e Argjentine.
Cumó viodin cemût che i francês a pretindin che al jere francês:
Seont lôr, une francês che si clamave Berthe Gardes, che no in podeve plui di sintî i vicins tratâle di putane parcé che a veve vût un frut cence sei maridade, a veve emigrât in Argjentine cun tun frut che si clamave Charles Romuald declarât e nassite di pâri scognosût. I document de nassite e dal so arîf a Buenos Aires il 17 di març dal 1893 no puedin sei contestâts ma alore cemût îsal deventât Gardel e no Gardes? Se il Charles al puès deventâ Carlos in spagnûl, cemût le metino cul Gardel? Nus reste une pusibilitât: Il pâri scognossût dal comun, al jere ben cognossût de mâri e al si clamave Gardel. Nus reste che il Carlos alore al si clamave Carlo ma par vie de aministrazion francês alé stât clamât Charles e par vIe che il pâri par ricognossi il fi,al scuignive lâ al comun e che il dí de declarazion de nassite al no si é fat viodi, al é stât clamât cul non de mâri.Tignin cont ancje che il testament di Gardel al é stât declarât fâls par dâ dut ae Berte Gardes e che i francês a pratindin che l'at di nassite che il Gardel al pretindeve di vê al jere un fâls che al jere stât fat par no fâsi cjapâ par lâ sot de nae in France vie pe prime vuere. Ma di fat, il Gardel nol veve bisugne parcé che le prime vôlte che al é lât in France al jere tal 1928.E po, chiste storie e somee  masse inverosimil.

Seconde pusibilitât: Carlos Gardel che al jere deventât popolâr in France cui soi tangos, al viazave seont i francês cuntun pasepuart Uruguyan e al sarès nassût invezit a Valle Eden tal Tacuarembó da Carlos e Maria Gardel. seont i prins e da Carlos Escajola seont i seconts.Dutcâs a si puès verificâ i soi documents achi che al jere argjentin e che al si clamave ben Gardel e no Gardès o Escajola. Tar chest câs al sarès inmó plui furlan di prime e jenfri i argjentins-furlans a si puès da cumó zontâ un Gardel: Il plui grant dai Gardei fûr dal Friûl.
I uruguaians a no varan nuie da dî dal moment che a si lu lasse nassi da lôr. Invezit i francês, di sigûr a no saran contents che le mê storie a somei plui vere che la lôr.
I argjentins furlans invezit a puedin zontâ jenfri di lôr ancje il Gardel e i cjargniei di buine volontât che varessin voie di fâ sù un monument a Carli Gardel a puedin contatâmi achi tal blog. Le storie no jé finide:-)




Girovagando sul net, scopro che i Gardel vengono da Ovaro,un comune carnico da dove si usa emigrare già da secoli.Vado allora a vedere come mai Carlos Gardel é rivendicato dai francesi, dagli uruguaiani e dagli argentini allorché, fin'ora nessuno ha pensato a rivendicare il re del tango Gardel come cittadino di origine italiana.
Gardel, da vivo é sempre rimasto molto vago sulle sue origini. Si sà solo che nel 1920, quando aveva su per giù la trentina, ha dichiarato alle autorità uruguaiane di essere il figlio di Carlo e Maria Gardel, nato a Villa Eden in Uruguay nel 1987 secondo i francesi, o da Carlos Escayola di Tacuarembo, secondo una versione spagnola. Comunque, dopo i probabili controlli delle autorità civili uruguaiane, ció gli diede diritto di avere la nazionalità Uruguaiana col nome di Carlos Gardel. Ma difatti era argentino. Guardate i documenti.
Falso, dicono i francesi. Ottenne si un passaporto uruguaiano ma illegalmente per poter viaggiare in Francia senza essere disturbato dalle obbligazioni militari durante la prima guerra mondiale. Il vero Gardel é figlio della francese Berthe Gardes nato in Francia da padre sconosciuto ed emigrato in Argentina con la madre all'età di due anni.
L'atto di nascita é verificabile nel registro della popolazione di Tolosa e nelle liste di sbarco di Buenos aires e si tratta di Charles Romuald Gardes che a volte é trascritto Gardès con l'accento.
Se fosse Gardès, sarebbe di origine spagnola e dunque non ci sarebbe stato bisogno di cambiarlo in Gardel. Come il nome e cognome siano stati cambiati, i francesi non lo dicono.
E non dicono che Gardel andó in Francia solo nel 1928 ossia 10 anni dopo la fine della guerra e non rischiava affatto di farsi inviare sotto la naia.
Ammettono peró, che alla morte di Gardel, ci fu un testamento dichiarato falso con il quale, Berta Gardes, cercava di appropriarsi di tutti i beni di Carlos Gardel.
Dunque, almenché le due teorie siano vere, potrebbero essere false tutte e due, almeno in parte, per il semplice fatto che il nome é d'origine italiana e senza nessun errore possibile, é d'origine friulana (Gardel vuol dire cardellino) dove questo nome era conosciuto molti secoli prima che si veda apparire nel resto dell'Italia, in Francia, in Australia e nelle due Americhe. Altri dettagli: Nel Friuli si usa emigrare fin dal 11mo secolo. Le villotte friulane, potrebbero aver influenzato i creatori del tango? Sapendo che una buona parte della popolazione argentina é di origine italiana proveniente dal Friuli é certo plausibile. Molto di più che un'influenza francese, che é molto difficile da trovare in Argentina.
Allora con chi balliamo questo tango?
Link: http://www.corriere.it/spettacoli/08_agosto_18/gardel_voce_tango_non_argentino_1f540d04-6cd5-11dd-b80d-00144f02aabc.shtml

11 ago 2010

Zoucs di vôi / Gioco di occhi

150X150cmX80cm Banco/Comptoir/Desk
Butâ un vôli e magari ancje doi o trê. Surreâi. Scuâsit da fâ pôre. A fuarce di fâ vôi, o ai scuignût diviertîmi un tica fâ un banc cun tun vôli che al si mûf come par cjalâ lis gjambis des mulis che si fermin denant.

A forza di fare occhi per diverse finalità, dovevo divertirmi a farne qualcosa d'altro.Questo é un banco per discoteca. L'occhio si muove e sembra affollarsi quando vede fermarsi davanti a lui le gambe delle ragazze.
Gettate un'occhio mentre io vado a fare un giro in Spagna.

To make eyes is one of my pleasures and this one was made for a disco. It's a desk with an animated eye.
The eye becomes crazy when girls are showing their legs staying in front of him.

C'est pas demain la veille que je cesserai de peindre des yeux. Celui-ci  est incorporé dans le comptoir d'une discothèque allemande. L'oeil bouge et s'affole quand une fille s'arrête devant lui et lui montre ses jambes.


Los ojos es una de mis vacaciones y éste fue hecho para una discoteca. Es un escritorio con el ojo animado.El ojo se vuelve loco cuando las niñas están mostrando su las piernas  enfrente de él.

Un altri mont / Un altro mondo

O vevi sintût polemicâ i belgas e i olandês prime di sintî i talians e i francês. Cumó ancje in Spagne al sarà proibît aes feminis di vistîsi di pinguinis e nascuindi le mûse. Dopodut, al sarès stât discriminatori par nô che no podin lâ ator mascherâts cence riscjâ di vê une multe.Discriminatori? Le filosofe merecane Martha Nussbaum a pretint invezit che o sin nô a discriminâ e a compare le maschere religjôse cul le mascare dai chirurgos. Seont jê se a si acete une a si à di acetâ chê altre.
Invezit, s'o lais in Arabie Saudite o scuignarês viestîsi cussí par no vê une multe o sei pestade de polizie speciâl che và ator cul baston.


Avevo sentito le polemiche in Belgio e in Olanda e poi anche in Italia e in Francia. Adesso anche in Spagna sarà proibito andare in giro con la burka che nasconde il viso. Dopotutto sarebbe stato discriminatorio per noi che al di fuori del carnevale, non possiamo andare in giro mascherati senza rischiare una multa. Invece, se andate in Arabia Saudita, rischiate la bastonata ed é meglio non mostrare che siete straniera, massimo se siete da sole. La filosofa Martha Nussbaum  e invece dice che siamo noi a discriminare e si dovrebbe accettare i veli delle donne come si accetta la maschera di un chirurgo.

10 ago 2010

Il mâl di Udin / Il male di Udine


L'Udin che ti fâs da pâri                L'udine che ti fa da padre
Se tu pierdis la lenghe mâri          Se perdi la lingua madre
Nol e scrit in nissun mûr                Non é scritto in nessun muro
Ni sul denant o par daûr                 Né davanti né dietro

Udin gnûf o Udin vecjo                    Udine nuovo o vecchio
Tu sês simpri 'l solit Udin                Sei sempre il solito Udine
Sta cidin che jo stoi mucjo                Stai zitto  che io sto calmo
No stin pierdi chê abitudin               Non perdiamo quell'abitudine
                                
No ti dîs che no ti ami                       Non ti dico che non ti amo                                  
Udin gno, no, no  ti odi  Udine mio, nó, non ti odio
Sâstu che, se no tu vincis,                  Lo sai che se tu non vinci
No tu pierdis ma a tu pareis?             Tu non perdi, pareggi

Par me al é cussí   Per me é cosí
O ai di crodi in te                               Debbo credere in te
Ma Udin disimi                                  Ma Udine dimmi
Ce aio di fâ di me                               Cosa devo fare di me
Se tu no tu sâs    Se tu non lo sai
O ben a tu tâs    Oppure taci
Ce pretindistu    Cosa pretendi
Ce volaressistu    Cosa vorresti
Chi fasi jo    Che faccia io
O Udin ?    Oh Udine

 Dimal tu parcè ch'insome   Dimmelo tu perché insomma
Si ven da te soi simpri di presse         Se vengo da te son sempre di premura
Lí 'l to agnul mi ten dome    Il tuo angelo mi tiene solo
pe partide o 'ne messe                         Per la partita o una messa

Dimal tu che dal Friûl   Dimmelo tu che del Friuli
Tu âs chê di sei la sô vetrine              Vuoi essere la sua vetrina
Parcè a mi, a mi mi dûl   Perché a me mi fà male
Chê tô fevele triestine?    Quel tuo parlare triestino?

Si si amial par manie  Ci si ama per mania
par amôr o stufaderie?                       Per amore o perché siamo stufi?
O ben par no fâ vaî  Oppure per non far piangere
I nestris vons che son sot tiere?          I nostri antennati che sono sotto terra?

Udin disimal Udine dimmelo
Tu lu sâs benon Lo sai bene
Ce chi ai di mâl Quello che ho di male
Ce chi ai di bon Quello che ho di buono
Udin judimi Udine aiutami
A fâ 'ne cjançon A farti una canzone
Che mi fasi passâ Che mi faccia passare
Il gno mâl di pensâ Il mio male di pensare
Il gno mâl Il mio male di te
Jaio Furlanâr

08 ago 2010

Purcit in stajare / La festa del maiale

Le fieste dal purcit aromai si le clame purcit in stajare. O cjatarês une biele  descrizion di Anute achi e ancje le date dal purcit in stajare di Artigne. Le foto a ven da un scafâl di Agne Lene. O scuignarai stâ atent che no si meti a cirîle prime chi le torni a meti dulà che jere:-)





In Friuli, far la festa al maiale si chiama Purcit in stajare. Stajare sarebbe una famosa danza friulana che il purcit, cioé il majale balla gridando prima che qualcuno lo faccia tacere con una promessa, cioé una bugia. Per saperne di più, andate a leggere una testimone oculare.
La foto l'ho fregata a mia zia Lena, ma solo per il WE. Giuro.

06 ago 2010

Jean-Paul Gaultier

Chestis sculturis a son une part di chês  realizadis par Jean-Paul Gaultier par meti tai soi negozis ator pal mont.
L'idee a jere chê di mostrâ le provocazion a partî dal classic. O ai alore rifat il discobolo grec come s'al fos une marionete. O ai vût le fortune di vê chest ordin che nus à tignûts leâts cun lui par 4, 5 agns par fâ un centenâr di esemplârs.A si lavorave ancje le gnot:-) L'oton al vignive osidât e il blanc al deventave dal stes colôr vert di ram.. O podês viodi il negozi di J-P Gaultier a Parigji te galerie de rue Vivienne.

Queste sculture sono una parte di quelle realizzate per i negozi di Jean-Paul Gaultier nel mondo. L'idea era di mostrare il suo stile provocante senza dimenticare la sua formazione classica. Ho dunque preso l'idea classica del discobolo greco e l'ho rifatto cosí. L'idea é piaciuta e siamo rimasti insieme per circa 5 anni. Si lavorava anche la notte.I pezzi, tutti numerati, sono stati mandati in tutti i paesi dove lo sponsor di Jean-Paul Gaultier aveva dei negozi. Potete vedere quello di Parigi nella galérie Vivienne qua.

04 ago 2010

Marylin Monroe


O ai scomençât a vê le idee chi jeri inmó vedran. In chê vôlte Marilyn Monroe, Natalie Wood e Marlene Jobert a jerin lis mês preferidis (Scusait se in vevi dome trê:-) Finalmentri, la gnove Monroe  a é daûr a vignî fûr. O spieti di vê un tic di timp par piturai le piel e fai il truc te mûse come achi daspó e sarà une taule par poiâ i pîts parsôre o dut ce che al covente par stâ in cjase di cualchi scalmanât di feminis come me.
Cuant che si met une foto su internet, a finis par colâ tai computers dal mont intîr e par chest o scuen zontâ alc ancje in francês e inglês che al pues simpri siervî pal business:-)

La Marilyn era una delle tre grazie con Natalie Wood e Marlene Jobert sulle quali da scapolo mi facevo un'idea segreta di ció che avrebbe potuto esser la vita al di fuori di un'angolo perduto e l'idea di farne una scultura era nata da quei remoti tempi. Ora sta per uscirne una su quattro zampe. Il dorso servirà da tavolo per il soggiorno di qualche ammalato di monroite come me. Aspetto di aver mezza giornata per dipingerla e verniciarla come qua.Poi la troverete ad aspettarvi in costume da bagno nel blog. Poiché le foto messe su internet finiscono sempre nei computer di gente dispersa nel mondo intero, aggiungo per loro un testo in altre lingue che per l'avvenire puó sempre servire per gli affari:-)



Marilyn Monroe reste encore un mythe pour beaucoup d'hommes dans le monde, c'est pourquoi, après plusieurs années de fantasmes, j'ai décidé d'en faire une sculpture en matière composite comme ici 
Sa nouvelle position a quatre-pattes est ideale pour en faire une table en verre sur son dos. Habillée d'un costume de bain et chaussée de haut-talons, nul doute que l'effet recherché sera obtenu. Naturellement, chacun pourra l'habiller et deshabiller à sa guise.
Rendez-vous dans ce blog pour la voir finie.

I was suffering of monroite for many years. Now, finally I found a way to get out ot this sickness. I decided to make a sculpure of Marilyn Monroe like this one and to put it in my living room .
If you, like me, you are looking about her to put somewhere, don't hesitate to ask me one. It's free (To ask:-) Here you can see her in my workshop while some others ladies a running around.Soon it will be finished with the skin and the make-up. Get back in this blog to have a look from time to time.

02 ago 2010

Nine None / Ninna nanna della nonna

Il frut al vaive disperât e nissun al rivave a calmâlu. Alore lu ai cjapât sui zenôi e mi soi mitût al piano e dopo cualchi note al à volût provâ ancje lui. Cussí al veve smetût di vaî. Daspó, so nône a é vignude a cjolimal e al si é indurmidît tal so grim tant che jó o continuavi a ascrivi chiste melodie. Par fuarce che o podevi dome intitulâ chiste chjançon: Nine none.


Un po' di sentimento non fa mai male. Questa melodia é nata al piano mentre cercavo di distrarre uno dei miei bambini che piangeva senza poter spiegare il perché.Dopo qualche accordo, voleva provare a suonare anche lui, ma il fatto é che avevo la melodia che stava nascendo e...Per fortuna, la nonna prese il bambino in braccio e mentre si addormentava, io finivo di scrivere.Non potevo allora che intitolarla Nine none, e cioé Ninna nonna.

01 ago 2010

Furlan e valon

Le diference jenfri il furlan e 'l talian a somee ae diference jenfri il valon e il francês...
Il valon al somee al picâr (Picard) dal nort de France parce che al é cjacarât tal sud dal Belgjo (Esempli a Marcinelle e Charleroi i minadôrs furlans e talians tai agns 50 a cjacaravin valon) ma il valon al somee ancje al furlan e se o cognossês il francês us sarà facil di capîlu. Lait a provâ e a viodi cemût ch'al sune tal forum "Berdelaedje walon" (Fevelait valon) Pronunce: berdeleç ualón
O cjatarês un profesôr  furlan-valon cul sôrenon di Feintisti che al scrîf 'te sô marilenghe e no te sô nonelenghe:
Bundí, 
Il furlan a é il lengaç di mê none e ancje il lengaç dal gno cûr, (come il valon!).
O ai scrit un articul in valon sul Wikipedie ma o cjati che le peraule Frioulan no sune  masse ben in valon e l'etimologjie no jé veramentri rispetade.
In francês, frioulan al ven da friulano che a é une peraule taliane. Ma il non ôrigjinâl al é furlan che al ven dal latin forum juli cun "-anus" come sufis.
O lu volarès voltâ in tune peraule valone. A si puedares cjoli forlan o Fourlan che a son plui dongje di furlan e plui logjic cule etimologjie. Daspò forlane a é ancje chê une peraule doprade in francês cu le stesse radîs (A jere une dantse dai nobils).
Lu ai domandât a Pablo in tun altri forum e al jere dacuardi.


Bondjoû,
Li frioulan est l' lingaedje di m' grand-mere et c' est eto m' lingaedje di cour (come li walon!  ).
Dj' a scrît en' årtike e walon sol Wikipedia. 
Mins dji trove ki l' mot "frioulan" ni sonne nén foirt bén e walon et l' etimolodjeye n' est nén vraiymint respectêye. 
E francès, "frioulan" vint di "friulano" k' est l' mot itålyin. Mins l' no natif c' est "furlan" et ça vint do latén "Forum Iulii" avou "-anus" come suficse. 
Dji l' vôreu askepyî on mot e walon. On pôreut prinde "forlan" ou "fourlan", pus près di "furlan" et pus lodjike avou l' etimolodjeye. Et "forlane" est eto on mot francès (c' est ene danse di nôbe) et il a l' minme oridjene. 
Dj' a dmandé a Pablo so en ôte forom et il esteut d' acoird.