I miei Video clips furlans

Loading...

30 set 2010

Le âghe alte / L'acqua alta

E  a tu filis vie cui vôi che vain e le bocje che a rit.


Il bello dell’acqua alta é quando la scopri per caso. Nessuno te l’aveva detto ed eccoti coi piedi nell’acqua. Ti sei trovato lí perché spinto dal fiume umano hai seguito quelli che prima di te ne sapevano ancora meno di te che di tanto in tanto a Venezia c’é l’acqua alta. Il comune, per far bene ha messo sul muro del parcheggio un bel pannello luminoso che ti dice tutto sulle maree ma tu lo vedrai solo se prima di entrare a Venezia ti volti indietro e cioé mai.
Comunque eccoti lí, se ti levi le scarpe e ti rimbocchi i jeans puoi continuare altrimenti ti puoi comperare delle buste di plastica per farti un paio di stivali.
-Dieci euro, ti dice il commesso del negozio.
E tu anche se malcontento gli fai la pubblicità mettendoti a calzare i tuoi stivali colorati da mezzo millimetro di plastica giusto davanti alla porta aperta.
Peró poi ti senti veramente superiore. Adesso tutta Venezia é per te. Puoi andare a sguazzare come un bambino in tutte le pozzanghere proibite per gli altri. Anche sotto i portici per guardar le vetrine. La vendita continua, c’é scritto. E si vede, le lampade sono accese anche se l’acqua sciaborda tra le vetrine.
Metti il naso in una porta aperta e chiedi : -E aperto ?
-Si, si, é aperto si, che la si accomodi.
-Oh, me son desmentegà i soldi. Dici per repplicare in veneziano.
E con gli occhi che ti piangono vai via per farti una risata.





Con un caffé a 5 euri e i piedi nell’acqua dovrai, per dimenticarlo, andarti a cercare una latrina pubblica  a un euro e mezzo la pisciata. Allora tant ovale riderci sopra.

29 set 2010

Bienâl di Vignesie / Biennale di Venezia

Il nuie che al và indenant al si puedarès dî di un frac di mostris fatis e disfatis. Le ûltime le ai a pene cjalade e a é chê de architeture di Vignêsie indulà che si viôt dome modelins di robe classiche e robe che a no si capís come chês rôbis dai premiâts che a no somein a nuie di nuie.
 Va ben, parcé alore fevelâ di lôr? Baste ben cussí.
O ai fat come ducj, o ai cjapât chiste mostre come pretest par fâ un viaç cu le mê biele e meti lis spêsis sul cont de dite.
Fortune che a Vignêsie, ancje a 1 euro e mieç le pissade, in che dí il sorêli al jere gjenerôs e che le âghe alte a é restade avonde par fâmi trai cualchi foto dal dí de lissive dai venezians(Doman lis altris fotos). Se nó, o sarès tornât a Lignan rabiôs.
Cumó o varès di lâ a viodi une mostre organizade da Udin é design che a si vierç a Glemone ma savint ce che e an mostrât dal design in tes mostris di prime, al é miôr di stâ a cjase.Prime di dut, le abitUdin di clamâ design cualsiasei robe che al sêti a no mi dà confidence,daspó l'Udin di cumó al é simpri il soltUdin e a mi convinç ancjemó di mancul  se le mostre a é fate a Glemone indulà che nissun nol và parcé che no 'nd é nuie di viodi. Al é come se a si volarès platâ le mostre invezit di mostrâle. A cuant une mostre a Ziviane indulà che no 'nd é plui nancje abitants?
Il nulla che avanza si potrebbe dire di molte mostre che si fanno a si disfano. L'ultima é la biennale dell'architettura di Venezia che ho voluto visitare ad ogni costo sebbene già su internet non trovavo niente di buono. Allora, per arrivarci, ho dovuto attraversare tutta Venezia con l'acqua alta ma tornando  indietro con quella bassa avevo ill morale in alto per via che sapevo che in tutt'Italia pioveva ed invece a Venezia c'era il sole e cosí ho passato lostesso una bella giornata. Ho notato che le città che sono più turistiche fanno spesso le mostre più inutili. Questo, perché sanno che i dirigenti delle ditte o quelli che sono in proprio verranno in ogni caso perché possono viaggiare sul conto della ditta e farsi un buon WE in città con la moglie o l'amante e dedurre poi le spese nel bilancio annuale anche se per la mostra spesso comperano solo il biglietto e poi se ne vanno. E proprio cosí che questa volta ho fatto anch'io e allora non andró a vedere la mostra del design che avanza organizzata da Udin é design a Gemona.
A Gemona c'é solo una chiesa ricostruita dopo il terremoto ed il resto non puó interessarmi, tanto meno  una mostra che se si fa a Gemona invece di Udine e che sembra più di volersi nascondere che di voler mostrare se stessa.

28 set 2010

Friûl tal mont / Friuli nel mondo

Jenfri le âghe âlte di Vignêsie e lis messis bassis dal Friûl, o soi rivât a no lâ a cjatâ chei chi vevi di viodi e di viodi chei chi no vevi folc ti trai voe di viodi ma, par fortune, o soi rivât ancje a viodi cualchi ami e amie che mi à fat plasê di viodi.
Duncje, o no soi stât a Maian a viodi cui che al sarès stât nomenât diretôr dal Friûl tal mont ancje par vie di chest manifest tal mieç cjatât par câs sul procès dal Friuli nel mondo.
Bielzà, il non scrit par talian a nol mi é mai lât jù. Une istituzion che a si dîs fate par difondi le culture e lis tradizions furlanis e che a lu fâs par talian, a sarès bielzà da no nomenâ. Ma, buine notizie, il puar biât Sant president di prime che tal video clip dal 2008 al somee a sior analfabet sclerotic al à dât lis demissions e al à lassât il puest a un vignarûl. Che il gnûf president al vedi une plui biele lenghe no lu sai, ma se al à le lenghe che a sà di vin, sperin dome che il vin al sedi vêr furlan e che nol vendi dome il so.
Cualchi fogolâr, al sperave di fâ  avonde pês par nomenâ il Zampa come diretôr ma a jé lade mâl.Par me, tirâ vie un vecjo per metint un'altri al é come jemplâ un vêri cul vin de stesse butilie.Ma se il Tocai al é lât al tocje ben lâ indenant cul Friulano, no? Se chest no us sune mâl o premonitori e no us fâs viodi chi sin bielzà tal italiano e che al é inutil di fâ i furlanârs, che nol zove a nuie e che tant al sarà simpri piês, no jé colpe vuestre ma des istituzions, a si puedarès distès domandâsi parcé che a ricevin sussidis se finalmentri a fasin il contrari di ce che a an da fâ.
 Daspò, lis nominazions a no son  fatis seont lis preferencis de maiorance ni seont le competence di une minorance e duncje al bisugne dome sperâ che i furlans cence lenghe e cence Friûl a capirân par talian ce che i furlans tal Friûl dai sussidis a vuelin dî par furlanizâ.. Al ûl dî fevelâ vuê par talian dal furlan di jar.
 Ven a stâi che se un doman a si fevelarà dal furlan di vuê, a nol restara che cualchi puare peraule stuarte dete magari par no dî alc di piês a un diu o a une madone.



Dunque, traduco per i friulani che non capiscono ció che dico qua sopra:-)
Visto questo manifesto in un'edicola, sono andato a leggere su internet di cosa si trattava. Ho capito poco.
Questa istituzione si trova davanti al tribunale senza che nessuno sappia chi ha fatto la denuncia. Si sà solo che non é la regione. Ma guarda!
 Delitto: aver ricevuto 300.000€ di sussidi per aiutare i friulani d'Argentina ma aver utilizzato i soldi ad altre cose. Che cose? Non si sà! I giornalisti sembrano aver ricevuto un imperativo messaggio di tacere e stanno zitti.
Si sà solo che il direttore dà le demissioni perché ha troppi incarichi ma dice che nel 2006 c'erano 300.000€ di debiti e che ora invece ci sono 38.000€ di beneficio.Anche il più puro degli ingenui potrebbe dire che i debiti fatti sono stati colmati dai sussidi ricevuti in più dei sussidi annuali e che il demissionario se ne và prima di essere buttato fuori se non per incompetenza, almeno per malversazioni. Se non fosse cosí, datemi pure del brutto sporco furlanâr che tanto per me é un complimento:-) Seppoi guardate il video clip nel post del 2008, ci si puó chiedere veramente cosa questo individuo potesse farsi chiamare presidente e come mai puó ancora vantarsi di avere tanti incarichi da dovere, poverino, lasciare il posto  
Per quelli che non lo sanno, Friuli nel Mondo é una istituzione fondata nel 53 per aiutare i friulani all'estero ma in verità ha saltato al gradino seguente per diffondere la cultura e la lingua friulana. Siccome lo fa in italiano e qualche volta anche in furlinglese, potete immaginare il risultato:-).
Link http://www.fogolarmilano.it/doc/notiziari/2009-03.pdf

21 set 2010

Vierzeit i vôi / Aprite gli occhi

Le storie a è chê di un saltinbanc di strade che al cîr di tirâ le atenzion su le sô art ma nissun si volte. Le prossime vôlte chi viodês in te strade un musicist , dait un franc,par scusâ chei che a le cjapin mâl.
O puedarès sei jo chi cîr di faus ridi cuant chi vês voe di vaî. Mandi.
Le version strumentâl a si chiate achi tal blog : http://furlanar.blogspot.com/2007/12/viergimi-i-vi.html

La stora é quella di un saltinbanco di strada che cerca di attirar l'attenzione sulla sua arte ma nessuno si volta.La prossima volta che vedete qualcuno in strada che canta, suona o balla, dategli un euro, potrei essere io che sto cercando di farvi piangere quando vorreste ridere.
Mandi

20 set 2010

Il vantaç dal furlan e l'andicap dal talian




Lis lenghis no son dome un veicul par esprimisi ma ancje alc che a cji ude a sintî e a pensâ.
Sintint cjacarâ di fonetiche, di cjant e di compuartament, o ai fat une carelade su internet e mi soi rindût cont che le lenghe taliane, francês e spagnole e an alc di simil no dome parcé che a vegnin dal latin ma ancje parcé che, analizade sientificamentri par otignî un grafic des frequencis Hertz, in ogni lenghe a si oten une striche difarent. Chest al ûl dî che fin da piçui, se lis nestris vorêlis a no son abituadis a scoltâ suns e frequencis che sedin al di fûr de nestre lenghe mâri, o sarin dome bogns di capî i suns e lis frequencis che a son in te nestre striche.
Ma nô furlans, o vin magari fortune di vê vût fin sul nassi, dôs strichis. Une pal talian e une pal furlan. Chê dal talian, o le viodês a chi sot, a é une des plui limitadis. Chê da lenghe furlane, o sarès curiôs di cognossile parcé che no jé mai stade analizade. Ma o podin bielzà dî chi vin fortune di vê il furlan che nus jude a capî plui svelts lis lenghis forestis e forsit, a puedarès sei come le striche de lenghe todescje.
Veramentri?
Il furlan, come lenghe latine a puedarès situâsi jenfri il talian e il francês e magari ancje tocjâ il spagnûl invezit di sei limitât come chi viodês tal grafic, ai lôrs doi piçui spazis parom. Chel che nus dà fuarce, a sarà duncje le atitudin di capî plui svelts i suns e lis frequencis che a vegnin des nestris lenghis sûrs come il francês e il spagnûl e il rumen e portughês ma, ce sucedial par chês altris lenghis?
Ah, lí o sin freâts.
Ma no dal dut, parcé che tal furlan alc di todesc e di slâf a si lu cjate. E chest ancje se no si lu viôt. A part le peraule classiche des patatis che un grum di nô a clamin cartufulis (Da Kartoffeln in todesc) o vin ancje le manie dai ditongs come IE che nus ven di sigûr dal slâf, duncje dal rus. (Vierzi, biel,piel,ciruviel, ecc.-) che da lôr il IE a é semplicementri le maniêre di pronunziâ la E.
Chest nus darès un vantaç tal capî plui adore che i napoletans ancje lis lenghis slavis e todescje. Ma i napoletans a cjantin plui di nô e an forsit ancje une vorêle in plui.
Ma pal inglês ? Li o sin plui limitâts. Seont il professôr Tomatis, i inglês e an fintramai l'aiar che ur dà un vantaç. Di fat l'aiar umit al traspuarte plui facilmentri lis altis frequencis e chest nus dà une idee dal fat che nô, i francês e soredut i spagnûi cul lôr aiar sec, cuant che o sintín cjacarâ inglês a no si capis che i suns e lis frequencis bassis cuant che tal inglês a van jù come da nô. Ven a stâ scuâsi mai parcé che lôr a son chei che doprin lis plui altis frequencis:-)
Ma seont il stes professôr, se i muscui des vorêlis a si son abituâts a funzionâ fin de nassite dome pai suns di une lenghe, ancje lis nestris cuardis vocâls e lis nestris pussibilitâts di riprodusi chestis frequencis a son limitadis parcé che: A si sà dî dome ce che si sà scoltâ!
Insomis a si cjacare cu lis vorêlis!
Cul stès ordin di ideis, alore a si pues fâ une esperience e viodi che se si cîr alc su internet, i risultâts che si oten a son simpri tributaris de lenghe chi si dopre.
Chest, no dome parcé che une lenghe a é plui popolâr che une altre, ma ancje parcé che, seont le lenghe, dopo le culture de vorêle e le culture de peraule , o vin ancje le culture dal pensâ.
Si puedarès ilustrâ par prin, bielzà le maniere che si à di cjacarâ e viodi che subite, jenfri nô latins e lôr todescs, rùs e anglofonos e cinês, a no si pues sei compagns.
Se si cjale i talk-shows ae TV, si inacuarzin subite, ancje cence capî le lenghe, che da nô a si interomp subite l'interlocutôr prime che al vedi finît le so frâs. Parcé? Parcé che a pene che al vieç le bocje o crodín di vê bielzà capît ce che al ûl dî. Ma scuasi simpri, o fasín erôr e alore, l'interlocutôr, par podês rispuindi, al fâs compagn e al interomp ancje lui. Risultât: Un grum di peraulis a no siervissin a nuie e ae fin dal dibatit, se un nol à cjapât a sberlis chel altri, le conversazion a puedarès tornâ a scomençâ parce che nissun nol à podût esponi veramentri ce che al varès podût dî.
Se invezit o cjapais un dibatit jenfri todescs o jenfri inglês, o viodarès che prime di intervegnî, un interlocutôr al spiete che chel âltri al finissi di cjacarâ. Chest a nol é dome par buine educazion ma soredut, parcé che te lôr lenghe fate di declinazions, par capî le frâs, a scuegnin di spes spietâ di vê sintût le ultime peraule. Risultât, ognun al finis par dî ce che al à da dî.
Daspó tant che al spiete che chel âltri al vedi finît al puès ancje rifleti a ce che al disarà e a sparagnin finalmentri plui timp.
Chest mût di fevelâ, al dà come risultât che ancje tal pensâ o no si pues sei compagns. Tornant a Internet, o viodarês subite che so cirîs alc, in inglês o todesc o lu cjatais subite tant che in talian o riscjais di pierdi le zornade a lei dutis lis monadis pussibils prime di rivâ a cjatâ chel che o cirîs.
Daspó, a si puès viodi tai blogs e tai sitos talians. Da nô, une des robis plui impuartantis da specificâ subite in te prime pagjine a é chê da spiegâ cui che o sin. Po magari pal rest, o nol funzione o ben a no si cjate.
In inglês, invezit o podês cjatâ subite un Clic here to order. Par lôr le identitât a é secondarie. Baste che tu fasis un ordin.
Par finî, se o cjalín l'evoluzion de Americhe latine e de Americhe anglofone o sin fissâts. A jerin partîts insiemit ma un grum a son simpri daûr a partî, altris a son pe strade e a son daûr a rivâ, altris si à l'impression che a no rivaran mai.
Par fâle curte, se o sin indaûr, al é ancje parcé che o spindín un grum di timp a cjacarâ di bant e par no fâle plui lungje, o mi fermi achi, no volarès dâ il brut esempli:-).

I Singars e Sarkozy / Sarkozy e gli zingari

:No soi di chei che a si metin in rie cun chei altris dome parcé che al sta ben di stâ in rie. Anzit. Ma sule quistion dai singars che Sarkozy al torne a mandâ in Rumanie o soi sul mieç e mieç.
O sai che Sarkozy al é di pâri ungjarês e che in Ungjarie piês che dapardut a le an fisse cui singars seben in te musiche classiche e tes tradizions ungjarês a 'nd'é un grum di culture che a ven dai roms.
O sai ancje che ai singars che al torne a mandâ in Romanie al dà 300€ prime di metiu sul avion. Cussiché, i singars, a pene che a rivin in Romanie, a tornin a cjapâ le strade par lâ in France e si pussibil fâsi dâ inmó 300€:-)
Duncje, ce che al fâs a nol siervís a nuie. Singars a 'nd é simpri stâts e simpri an saran.A part in Inghiltere, no ai  inmó cjatât un paîs indulà che a no si cjatin. Baste dome stâ atents di no fâsi freâ. Jo, chi no soi mone che cuant chi soi cul cjâf tes nulatis, ven a stâ scuâsi simpri, mi soi bielzà fat freâ trê vôltis e altris vôltis le ai juste scjampade biele.Duncje o varès di sei cun Sarkozy o cui  ungjarês o cui romens o cui...Invezit no stoi in rie cun nissun.
O stoi dome atent a no fâmi freâ inmó une vôlte.
Dôs setemanis indaûr, juste fûr di cjase une zovine sui 16 agns che a passave, si sgrufuie juste devant di nô e a fâs finte di cjapâ sù un anel e po nus domande se al é nestri. Chest truc, a ma l'an fat bielzà a Parigji e a Milan alore i ai dite di tignîsal e o sin lâts de netre bande. Al é un truc par fermâcji e cirî di fâcji lis sachetis tant che a tu âs le atenzion sul anel.E an une destrece fenomenâl. Veramentri artistiche. So vês chê di provâ cemût che al funzione o us consei di svueidâ lis sachetis prime. Difat, no vês nissune pusibilitât di fâle francje parcé che da lôr, par deventâ borsaiûl a scuegnin lâ ae grande scuele fin da piçui.L'esam finâl, al consist a cirî di  fâ lis sachetis a un borsaiûl professionâl. Se a tu passis l'esam, to pâri al cji puarte al ristorant, se no tu lu passis al cji dà un frac di legnadis. Savint di chest, a  si puès dome dî che chel che al si fâs freâ, a lu merite e chel che a nol ûl fâsi freâ al é miôr di stâ ae largje.
Ma tornant sul sogjet, íar o jeri ae rotonde Shumann che a sarés chê che si cjate tal mieç dai palaçs europeans. Lí o ai cjatât chest manifest scrit a man, forsit da un funzionari parce che lí ator a si cjate dome lôr. Daspó, un âltri lu vevi cjatât in Spagne le setemane passade. Ognun al à il so da dî sule quistion e al é ben cussí. Ancje se ducj i medias a somein metûts in rie par vie de moralitât, nissun al somee veramentri di savê di plui di cussí e alore ognun al à di fâ cemût che a i sune. Vuê a mi é sunade cussí.
Articui corelâts/ Articoli correlati :

A parte l'Inghilterra che ha i suoi "zingari" personali e cioé i mendicanti inglesi spesso caduti nell'alcolismo, gli zingari veri si trovano in tutti i paesi e in tutti i paesi non si puó dire che siano sempre i benvenuti. Pertanto, quello che si sta facendo in Francia, sembra che sia criticato da tutti. Umanamente e legalmente, sono cittadini europei come gli altri. Se la Francia, ha votato per far entrare la Romania nell'Europa, perché vuol fare una distinzione ora? Dicono tutti.
Naturalmente, c'é la massa silenziosa che pensa il contrario e quelli che aggiungono che se metti fuori uno zingaro dalla porta, ti entra dalla finestra. Con di più, se ricevono 300€ ciascuno per tornare in Romania, li si spinge a tornare per riavere i 300€ di nuovo. E del resto é quello che fanno e chiedono alla Francia di avere un capitale più importante per metter sù una fattoria o un commercio altrimenti no rimarranno in Romania... In Italia, abbiamo visto che come sempre questo problema é successo prima che altrove ma s'é parlato poco all'estero. Anche in Germania, sembra che la Merkel rimandi gli zingari ma lo fa discretamente e nessuno ne parla. Con la crisi, nessuno li vuole prendere in carico per aiutarli almeno ad istruirli e farli entrare nella società. Allora, sopravvivono come possono. Credo che ognuno di noi, se si fosse senza lavoro,  potrebbe fare come gli zingari. Ma questa non é una scusa per lasciarsi prendere il portafogli.Io che mi son già fatto fregare più volte, cerco di girare alla larga appena ne vedo perché só che spesso lavorano in squadra e col "professionalismo" che hanno, é molto difficile non farsi fregare. Il soggetto é nell'aria e aggingo l'opinione di un funzionario europeo che ho trovato nella rotonda Shumann vicino ai palazzi del mercato comune e un'altro trovato a Torrevieja in Spagna la settimana scorsa.

19 set 2010

Une cjadree Lí dal Dree

O sarai inmó a torzeon da dopodoman. Chiste volte no voi in Spagne ma dome a Lignan. O scuen dius che al cole ben parcé che Domenie o sarai a Flum. Di fat o scuen lâ a viodi il Dree par fâmi sdarnâ lis vorêlis. Cun dut ce che i ai zà dite par tirâlu a ciment, al varà di sigûr alc da mostrâmi:-)
Se nol é par mostrâmi un sgaruf, di sigûr che al sarà lí cun cualchi  gnûf fumut di Gnôgnos.No îsal il nestri fumetist nazionâl? So vês chê di scuvierzilu ancje vuâltris, apontament a Flum tal dopo misdi. Us zonti il manifest:

18 set 2010

Da Leon / Chez Léon

E un ristorante tipico di Bruxelles che aveva incominciato più di cento anni fa con una sola specialità: Le cozze.
Ed ancora oggi sono quelle che attirano più gente poiché ne cucinano circa una tonnellata al giorno.
E anche il ristorante più frequentato di Bruxelles e con 27 camerieri e una cinquantina di tavoli di 60cm quadrati quando é pieno riescono a far sedere 540 persone!
Il servizio và cosí presto che c'é sempre gente che va e che viene e questo forse é  noioso e poi spesso si deve aspettare 5 a 10 minuti per avere un tavolo.
I camerieri sono di tutte le nazionalità e dunque ce n'é sempre uno che capisce la lingua che parli(Per fortuna, altrimenti come se la caverebbe quello che parla solo friulano?:-)
Oggi ero seduto al posto di Charles Trenet, ma m'é toccato anche quello di Charles Aznavour, di Johnny Halliday e altri famosi culi sconosciuti della politica o della TV che hanno avuto il diritto di avere il loro nome scritto sullo schienale della panchina. Si, perché, lo spazio essendo molto importante, il decoro sembra un pó a quello di una carrozza di treno del far west.Il menù é abbastanza fornito e in più di una decina di piatti con le cozze e quando si pensa che in poco più di un quarto d'ora si é serviti, vuol dire che i cuochi nelle cucine sono almeno quanti i camerieri nelle sale.La formula funziona cosí da cento anni e dunque é stata esportata in tutte le grandi città del mondo.Il piatto di cozze che vedete con un bicchiere di vino bianco o una bella birra belga fa sui 20€. Poi se vi resta posto aggiungete quello che vi piace.Colui che passa per Bruxelles lo porto sempre da Léon ma oggi mi son fatto invitare e come un turista, vi faccio il rapporto. Si trova qua.

17 set 2010

Furlans / Friulani

Particolare di una foto presa il 17 settembre del 1934

sulla terrazza a mare di Lignano dopo un pranzo detto sociale.Come siamo lontani da quell'epoca!
Malgrado il regime, sembra comunque che qualche sbornia collettiva non mancasse anche in quegli anni. La terrazza tutta in legno aveva solo dieci anni, ma sembra già sul punto di cedere sotto il peso della gioiosa compagnia.Cedette il posto  a quella in cemento armato solo della fine degli anni 60, come del resto l'uso della cravatta, che ora non si usa più che molto raramente. Chessia meglio o peggio, so solo che la terrazza a mare di adesso sembra a un bunker, e dunque, é pronta per resistere anche agli occhi dei critici per secula seculorum. Amen.



Ma ce amen dal osti, butinle in ridi. Cjalait chel sdenteât cul fiasco, chel ch'al ten le femine in blanc , chel grant bocâl di vin di 5 litros e l'ultin daûr cul tai in te man di in pins sui bancs. Al somee a un cuâdri disegnât a pueste.Cuissà cemût che il fotografo al à cjapât le foto, po?
Vevial mitût une scjale sule spiaze o ben vevial bielzà un teleobietîf? Dutcâs, al à dât il timp ae int di cjapâ le pôse. Daspó al à cjapât note di ducj chei che a volevin un esemplâr de foto e par agns e agns, le foto a é stade mostrade dai pâris ai fis, po dai nonos ai nevôts finché l'ûltin von al sedi muart ancje lui tai agns 60  e che chiste a deventi le ultime foto che reste par mostrânus che inesorabilmentri il timp al passe e che dopo dai nevôts dai nevôts o sarin dismenteâts ancje nô. Come l'ûltin moscjin dal mês di setembar.
Uf, taseit chi fâs i agns doman:-)

16 set 2010

Scarpets

O vevi bielzà viodût un'altri negozi che a Vignêsie al vendeve i scarpets sot dal non di pantofole friulane. Vé achi inmó un'âltri che al  si cjate achi.

Per fare i scarpets si faceva cosí: Si disegnava la forma del piede su un cartoncino e poi si riportava il disegno sui pezzi di tessuto di cotone che si trovavano in casa ( Pezzi di grembiule, di lenzuola, di pantaloni e camicie usate o rotte). Quando ce n'erano abbastanza per fare quasi un centimetro di spessore si incominciava a cucire a mano tutti i tessuti insieme rinforzando i bordi cun un filo che sembrava più a uno spago. Poi si cuciva la parte superiore che é sempre stata di velluto nero. Alle volte, sopratutto per le donne, sul velluto si ricamava qualche motivo fiorito e per gli uomini si rinforzava le suole con un pezzo di gomma tagliata nei vecchi pneumatici delle bici.Per fare un paio di scarpets, ill lavoro poteva durare da tre giorni a una settimana. I scarpets con la punta all'insù della Carnia profonda   m'ha sempre fatto pensare a delle pantofole turche. Al giorno d'oggi, sembra che i scarpets siano fatti in Cina salvo quelli che sono venduti a Venezia che sono tutti fatti in Friuli. Almeno cosí si dice:-)

Test Friuli Doc

Si lais a Città Fiera e no cjatais subite indulà meti le machine o passarês di sigûr ator di chiste taronde clamade ancje Zire-e-tâs o le taronde dal butilion. Se o viodês le butilie, al ûl dî che pal Friuli Doc o varês masse bevût.
Se no le viodês al ûl dî che o cjatarês dulà meti le machine subite e che o vês capît che le butilie a sarà metude lí dome cuant che i imprenditôrs dal vin a varan decidût di metile. Se jenfritimp o vês chê di comprâ une  butilie di 2m50 juste par meti devant de puarte, o 'nd ai une a pene fate. Baste dome chi mi disês ce vin che us plâs miôr.

La rotonda di ieri oggi é vestita di nuovo con una bottiglia di vino friulano che sarebbe la nuova denominazione del Tocai. Scusate per la mancanza d'immaginazione poiché era già friulano prima ma questa é fatta per il Friuli Doc.L'appuntamento per accogliere tutti coloro i quali vogliono scoprire o riscoprire colori, sapori e tradizioni di questa terra friulana. Sono Stand che mettono in vetrina i loro tesori gastronomici, ma è anche un ventaglio di proposte culturali che si sommano, in questo momento, come mostre d'arte, concorsi, musica, spettacoli folcloristici, animazioni per giovani e bambini ecc. È dunque un momento di festa che invade la città, bisogna viverlo per capire l'aria che qui si respira.

15 set 2010

Friûl gnûf / Il nuovo Friuli


Vêso chê di fâ gambiâ il mont come me o vêso chê di lassâ che al si gambii di bessôl? Dutcâs, vé achi un proget fat par otimizâ il spazi vueit des rotondis clamadis ancje lis zire-e-tâs.
Le idee a é chê di fâ une cjarte d'identitât par ogni cuartîr, par ogni paîs e ogni sitât. Al puès sei finanziât des imprêsis locâls e al puès sei ispirât dal folclôr locâl, de storie, de politiche, o juste de voe di fâ ben e miôr che di lassâ le taronde vueite e cence anime.
Prime di dut a si viodarès miôr, massime se le taronde a é basse e cence riliêf e daspó al puedarès dâ al Friûl une gnove imagjin di sé  mostrânt le sô creativitât e doprant i artiscj e i artigjans locâi.Cuâl îsal il sindic che a nol volarès fâlu?
O continuarai di  rompius lis scjatulis cun altris progjets fin cuant chi in varês avonde...Almancul che prime o mi stufi jo:-)

Per la traduzione in italiano e saperne di più andate nei nuovi progetti del sito coworking di Udine.

13 set 2010

I ultins dîs di feriis / Gli ultimi giorni di ferie

Il Tintin, al jere a pene tornât de Cjargne e al jere daûr a dâ une cjalade aes letaris che al veve ricevût tant che al jere in feriis.
Ce inderial?
Lis letaris cu lis faturis a lis ricognosseve subite e lis butave in bande par vierzilis plui tart. Invezit le cjartuline dai soi vicins che a jerin in Spagne a i faseve plasê parcè che chê no i e vevin mandade par internet .Ma le sô bocje da ridi a si jere disfate viodint che a 'nd ere une recomandade di lâ a cjoli in pueste.
Ce erie chê?
Dio...A jere une multe!Lu veve cridât vierzint le recomandade lant fûr de pueste e al veve fat ridi plui di cualchidun.
- Cemût une multe?
Le date, le ore esate, il puest indulà che al jere stât cjapât a figurave in biele mostre cule marcje de machine, il numar di targhe e fintramai il colôr. Impussibil di dineâ. 80km a l'ore invezit di 70. Al podeve fâ ricors.
- Dio... Al someave ch'al mostràs un par un i soi pinsîrs a alte vôs e cualchidun viodint lis sôs reazions al sclopave da ridi.
Al prin colp, al veve decidût cun rabie di contestâ parcè che al jere sigûr che in chê dí, lui al jere in Cjargne e nol podeve cjatâsi su le strade jenfri Tisane e Lignan al chilometro 27. Ma le polizie a veve di sigûr di vê le foto, al pensà.
Cemût erial pussibil?
Pussibil o no, al jere miôr di paiâ le multe par no vê plui di bassilâ parsore o declarâ che al volant a jere sô none o sô agne. Ma le multe a jere dome di 38€. Ce sono 38€? Juste une scuse par lâ al mâr e spindi parsore inmó alc par scancelâ il ricuart.
No i restavie doi dîs di feriis? E alore vie lui viers Lignan!
Rivât al chilometro 27 a nol podeve fermâsi tal stradon ma cent metros plui in jù in tune stradute.
Il lûc dal delit a nol someave a nuie di plui bon che a un biel puest par platâ une autovelox. Strade drete un tic in ribe jù.Propite il puest just indulà che ancje se tu stâs atent a tu le bechis.Al veve fintramai cjatât il puest fis indulà che si meteve le polizie.
- Ma no 'nd erial mai nissun che di rabie al jere vignût lí le gnot a semenâ cualchi claut par chei osties? Al si disè.
Daspó, tant che ridint al pensave ae muse che i poliziots a varessin fat cuant che a varessin cjatât lis gomis sbusadis al cjalave passâ lis machinis che a lavin viers Lignan.
- Dio...!
No vevial viodût passâ une machine compagne de sô?
- Dio... E cu le stesse targhe!
- Dio...Velu lí chel disgraciât!
Jentrant te machine al si meté a ridi come un mat. Cul so cûl, al veve fintramai lassât le machine cul motôr in marce e al veve dome di seguî le sô copie.
- Ce buine chê idee di tornâ a cjase doi dîs prime!
- E al passe propite ae ore juste! Al zontà cjalant l'arloi.
Al si meté alore a cori daûr de machine stant a distance par no fâsi viodi tai semaforos e par no insospetî l'autist, prime di rivâ a Lignan, al cjalâ l'arloi e al si fermà.
E al é propit lí che l'indoman, ae stesse ore, le stesse machine a tornave a passâ e il Tintin al tornave a seguîle fin cuant che rivâts a Lignan, al prin semaforo al veve scuignût lassâle pierdi par no fâsi rimarcâ.
Ma tal indoman al veve di lâ a vore.Pensant sù un tininin, al decidè che le pinede a no
jere po cussi grande e che al podeve benissim cjatâ chê machine ancje cence spietâ l'indoman.
E di fat, in mancul di cê che al pensave,cul so cûl, no le vevie cjatade parchegjade dongje di un ristorant?
Strenzint i dincj par no metissi a ridi di borie e cul telefonin 'te man come se al vès vût une sclope acopiât cun tun telecomant al stave lí devant de sô prede jenfri i soi pinsîrs di vendete domandantsi se al veve di fâ saltâ le machine cul pensîr o sbusâi lis gomis cu le curtisse prime di clamâ le polizie.
Ma nó!
No i jerie vignût sù une altre idee?
Cun di fat, une ore dopo, a rivave un camioncin di imprescj dal socors stradâl. Al cjariave le machine sul camioncin e a le puartave vie.
Qualchidun al si jere fermât lí a cjalâ. Une siore cun tun cjagnut, cualcho bocje che jerin daûr a zuiâ al balon cun tune butilie vuetie di plastiche.Jenfri di lôr, ancje un om che nol diseve nuie ma al someave tant gniervôs che i soi vôi a cjacaravin par lui.
-Di cui îse chê machine? A domandà une siore che jere dongje di lui. Ma lui a no i rispuindé e alçant lis spâlis jenfri il dî che nol saveve e il dî che no i interessave al dave une pidade di rabie a une butilie vueite di plastiche che i jere vignude tai pîs tant che al voltave lis spalis par cjolissi vie.
-Bau, bau, bau! Al baià maldegnât il cjagnut de siore.
-Puar om, par un pôc al mi fasarès ancje dûl.Al pensà Tintin cun tune bocje da ridi.
E al é cussí che Tintin par 38€ al vuadagnà une seconde machine.
Al bastave juste fâ gambia lis clâfs che al veve dite di vê pierdudis. No vevial bielzà i documents?



Tintin era appena tornato dalla Carnia e stava dando uno sguardo alle lettere ricevute in sua assenza.
Cosa mai c'era?
Le lettere con delle fatture le riconosceva subito e non voleva aprirle perché gli rimaneva ancora due giorni di ferie. La cartolina dei vicini, spedita dalla Spagna, lo fece sorridere. Almeno questa volta non gli avevano mandato i saluti via internet.Ma il suo sorriso si spense vedendo che in ultimo c'era un avviso del postino per invitarlo ad andare alla posta a ritirare una raccomandata.
Che cos'era mai?
Dio...Una multa! Il suo grido dopo aver aperto la busta fece sorridere più di uno mentre usciva dalla posta.
  • Ma come una multa?
  • Ma se lui era in Carnia, come poteva essere al chilometro 27 tra Latisana e Lignano?
Eppure tutto era scritto in chiaro: L'ora, il giorno,la targa, la marca del veicolo, il colore...
Dio... I suoi pensieri erano visibili con i sui gesti e qualcuno più divertito degli altri rideva ancora più forte.
Sul momento, aveva deciso di fare ricorso ma la polizia doveva di sicuro avere una foto. Non poteva neanche pretendere che al volante c'era sua nonna o sua zia eppoi, cosa? Solo 38€?
Cosa sono 38€? Solo una scusa per fargli spendere ancora qualche soldo in più per fargli dimenticare tutto. E prese la strada per Lignano.
Non aveva ancora due giorni di ferie?
Ma arrivando al Km 27 dopo Latisana decise di fermarsi uscendo dalla strada maestra per dare uno sguardo al luogo del delitto.
Sí, era evidente che questo luogo era veramente il luogo ideale per farsi beccare. C'era il posto nascosto per parcheggiare la macchina della polizia e la strada dritta e leggermente in discesa che spingeva volentieri gli automobilisti ad oltrepassare il limite di velocità.
-Ma come mai non c'é mai nessuno che di notte venga a seminar chiodi per inchiodare quelli delle autovelox?
Poi mentre guardava le macchine passare, sorrideva pensando alla faccia dei poliziotti quando avrebbero scoperto le 4 gomme bucate.
-Dio... Non era una macchina uguale alla sua che stava passando?
-Dio... Lo stesso colore e la stessa targa!
-Dio... Eccolo lí quel disgraziato.
Corse alla sua macchina lasciata in una viuzza e si mise a ridere. Che fortuna, aveva perfino lasciato il motore acceso!
Che fortuna, guardó l'orologio, veramente alla stessa ora come nella multa.Che fortuna! Veramente una buona idea quella di tornare dalle ferie due giorni prima!
Si mise allora a seguire la sua copia cercando di non farsi notare ma prima di arrivare a Lignano si fermó, guardó l'ora, e lasció partire la macchina. Aveva deciso di ritornare il giorno dopo e nel frattempo andare a festeggiare l'avvenimento. L'indomani allo stesso posto, appena la stessa macchina arrivó, riprese lo stesso inseguimento finché, entrando a Lignano non dovette rimanere indietro per non farsi notare a un semaforo.
- Accidenti, e domani come faccio? Devo riprendere il lavoro!
Ma pensandoci sù, disse che avendo preso la direzione di Lignano pineta, avrebbe benissimo potuto ritrovar la macchina se non fosse andata a finire in una autorimessa.
E di fatti, in men tempo di quanto pensava, la trovava parcheggiata vicino a un ristorante. Stringendo i denti per non mettersi a ridere con boria e col telefonino in mano come se fosse uno schioppo a telecomando, stava là davanti alla sua preda tra i suoi pensieri di vendetta chiedendosi se far saltare la macchina col pensiero o bucargli le gomme col coltello mentre chiamava la polizia.
  • Ma no! Aveva avuto un'altra idea.
    Un'ora dopo, arrivava un carro atrezzi del soccorso stradale, caricava la macchina sul autocarro e se ne andava.
    Cualcuno si era fermato a guardare. Una donna con un cagnolino, qualche ragazzino che giocava a pallone con una bottiglia d'acqua vuota, un uomo che visibilmente sembrava nervoso.
  • Di chi é quella macchina? Chiese la donna.
L'uomo alzó le spalle come per dire che non sapeva o che non gli interessava ma voltando le spalle per andarsene diede un calcio con rabbia alla bottiglia di plastica che gli era venuta tra i piedi.
Bau bau bau, abbaió il cagnolino della signora, indignato.
  • Quasi quasi, mi fa pena. Pensó Tintin sorridendo con delizia.
Ed é cosí che per una multa di 38€, vinse una seconda macchina. Bastava solo cambiare le chiavi che aveva detto di aver perso, ma aveva già tutti i documenti.

Nota dell'autore:
Il personaggio di Tintin fa parte di una serie di racconti nei quali, malgrado non faccia niente per meritarlo, con la sua fortuna smisurata, se la cava sempre meglio di quanto potrebbe succedere.

12 set 2010

Cemût ben emigrâ / Come emigrare intelligentemente




O savevis bielzà che il Friûl a jere le regjon taliane indulà che al ploveve di plui ma saveviso che a jere ancje le regjon indulà che a si si  suicidave di plui?
Che chescj doi parametros a sedin leâts al cjâf o ai gjavestrops dai furlans, o no sai.
O sai dome che  a 'nd è un paîs inmó piês e indulà che al plûf e a si si suicide di plui che in dute le Europe e che chest a é le Belgjiche. Duncje, se o vês inmó chê di emigrâ o vês di savê indulà che us conven di vivi miôr. No stait a fâ come me e  fuî dal Friûl par lâ in tun puest inmó piês. Notait che fin vuê, no lu savevi nancje jo e tant che a no si sà, a no si sint.
Dutcâs cumó chi lu savês ancje vualtris, se chest al fos epidemic o endemic, Gjeografic o climatic, psicologjic o ereditari, o riscjais di mancul se o lais viers l'ovest e il sud che se o lais viers l'est e il nord. Cjalait lis statistichis  e o capirês forsit ancje il parcé che aromai a 'nd é simpri plui furlans-argjentins che furlans-talians.
Daspó al é simpri miôr murî sot dal sorêli doman che sot de ploe subite. Ma cui aial dite che i furlans a nol covente copâiu parcé che a si copin di bessôi?




Chi ha detto che un friulano non occorre ammazzrlo perché si ammazza da solo?
Non abbiamo solo i friulani che si suicidano di più in Italia dimenticando le loro radici ma anche quelli che veramente si tolgono la vita con o senza radici. Infatti il Friuli é la regione dove la gente si suicida di più in Italia.
Che sia climatico, geografico o psicologico? Fattostà che più si và all'est e più si rischia di far parte delle statistiche. In certi paesi si arriva al 38 per 100.000 mentre in Friuli siamo solo al 9 per 100.000. Se fossimo in Campania, si arriverebbe al tasso bassissimo che c'é nel sud America. Cosí adesso potete farvi un'idea dove é meglio non rischiare di morire nel caso questo fosse epidemico e sapete come fare per morire al sole in ritardo che sotto la pioggia in anticipo:-)
Guarda le statistiche.
Leams/ Links:



11 set 2010

Hang Drum


Summertime and the living is easy, Fich's are jumping and the cotton is hight. My daddy is rich, and your ma is good looking, so, hush little baby, don't cry.

9 set 2010

Lant pal mont / Girovagando


Mi plâs di scuvierzi lis citâts di buinore e come a Lignan in Avrîl o soi lât a fâ une cjaminade prime des 7 des bandis dal mâr. Al fâs plui cjâlt ae stesse ore a Torrevieja in Setembar che nó a Lignan in Mai.Baste viodi trope int che si cjate bielzà ator pes stradis e cemût che a son viestîts.

Mi piace scoprire le città di mattina presto e come a Lignano in Aprile sono andato a fare una camminata sul lungo mare. Certo che alla stessa ora a Torrevieja in settembre fa più caldo che a Lignano in Maggio.Basta vedere quanta gente si trova già per le strade e come son vestiti.
Link su Lignan in Mai. http://furlanar.blogspot.com/2010/05/un-salut-da-ligna-saluti-da-lignano.html
                     E avrîl: http://furlanar.blogspot.com/2010/04/vilagjo-ge-tur-lignan-villaggio-ge-tur.html

Ibisco


In contrast cul ûltin flôr e le prime ploe de setemane passade, o ai cjatât chiste cîse di ibiscos a Torrevieja che a somee inmó avonde esuberant da passâ i ramaçs a traviers il scherm.

Con l'ultimo fiore di ibisco e la prima pioggia della settimana scorsa, ecco in contrasto un ibisco ancora pieno di esuberanza che é riuscito a passare i rami tra la fitta rete dello schermo di un giardino di Torrevieja.

8 set 2010

La Vierte d'Atom / La primavera d'autunno

Le vierte, si sà, nus dà voe. Voe di un frac di robis e vor di sintîssi vivi. Che a sêti le temperature?
Se cussí al fos, d'istât al varès di sei inmó piês. Dutcâs, cui no s'impensial di chel amôr di une dí, di un moment, nassût e muart in tune vacance?
Alore íar o jeri in Spagne a 30 grâts d'atom e on ai viodût che ducj e lavin ator tignintsi pe man, zovins e vecjos. Cualchi volte ancje di plui. I colombs a si tignîvin pe code e a pierdevin lis plumis, lis gjatis a no lassavin durmî nissun é la mê vicine sui 35, che mi hà sveât aes 5 di buinore a veve di vê cjatât un zovin sui 25 a so gust e a lu veve menât dongje ma di sigûr a no voleve fâlu jentrâ e alore a mi à sveât juste cuant che a gjoldeve ponete su pai scjalinsdi un'altri vicin. Cjalant pal balcon o ai juste vût il timp di viodi l'ûltin sussult. Se chiste no jé le vierte, a i somee...Ma mi soi adatât. Pecjât chi ai scuignût sfredâmi tornant a cjase cu le ploe.

Una mia vicina, mai vista prima perché sto li solo in qualche fine settimana, era tornata con un amante che sembrava dieci anni più giovane e forse per questo non l'ha fatto entrare in casa. Cosí m'ha svegliato mentre godeva allungata sulle scale. Con la gatta che gridava li vicino l'ho vista nei suoi ultimi sussulti mentre il suo amante, apparentemente insoddisfatto, voleva ricominciare di nuovo.Con 26 gradi nell'aria e chissà quanti gradi nelle mutande,alle 5 del mattino credo ben che el calor y el mar ci ecciti la testa. Ho visto che tutte le copie andavano a braccetto o si tenevano per mano. Anche gli anziani (Salvo le colombe che si tenevano per la coda:-).Se questa non é la primavera, ci assomiglia e mi ero adattato bene. Peccato che tornando mi son dovuto sfreddare con la pioggia.

3 set 2010

Puce d'Atom / Odor d'autunno



Prime ploe sul ûltin flôr
Di buinore, il sorêli al à fat vierzi l'ultin ibiscus e dopo misdi le ploe lu à fat sierâ.Prime che al si sieri lu ai cjapât te sô bielece. L'aiar al puce d'Atom. A é ore di lâ sot di un cîl plui clement a sprolungjâ l'istât e a provâ une paella. O torni miercus.

Prima pioggia sull'ultimo fiore
Al mattino il sole l'ha aperto e nel pomeriggio la pioggia l'ha chiuso. La foto é stata presa a mezzogiorno.
E ora di andare a vedere se l'estate  é veramente finita dappertutto. Torno Mercoledí.
Buon WE !

2 set 2010

Il mîl di mont di agne Lene / Il miele di montagna di zia Lena










L'ûltin nevôt di agne Lene, il roman,  al à ancje il coragjo di sveâle aes cuatri di buinore tirant claps tai scûrs de sô cjamare par che a vegni jù, parcé che lui ch'al ven di Rome, al à viazât dute le gnot, e al é plen di fan.


Naturalmentri lui,lofio, a pene che a vierzarà il barcon a i domandarà:
-Mandi, cemût statu? E al disarà a agne Lene che passant par aí, prime di lâ in sù, al voleve fermâsi a saludâle.
Sul che, agne Lene aromai sveade, a i domandarà dal  barcon se al à mangjât, e il poarin al disarà di no che nol à vût timp e che a nol à mangjât da îr a misdi e che se...
E agne Lene a và jù a vierzi.
Ma dôs oris plui tart, il nevôt di Udin  passant di là  e viodint i scûrs bielzà vierzûts al si ferme a saludâ ancje lui.Cussí al propon a agne Lene di mandâi une colf par netâi le cjase e a fâi le spêse cuant che al à viôt che a cîr di fâ le massarie cun tune gjambe tal zès e lis stampelis sot des lesinis.

Agne Lene naturalmentri par scomençâ a no ûl, parcé che jê e à fat simpri di bessole e a fasarà simpri di bessole ancje  chiste vôlte cu le so gjambe tal zès e lis stampelis sot i braçs.
Ma a chest zuc, il nevôt di Udin al jere plui fuart di jê. Anzit, in chê dí, nol veve dome convinçût agne Lene a acetâ la colf tant che le judave a suiâ le massarie,ma fintramai a fâ paiâ le metât de colf a so cusin di Rome che, le panze plene, al si jere indurmidît sul divan tant che jê a cirive di fâ le massarie.
Agne Lene, contente, lu veve ringraziât cun tune cimiade e un ûf sbatût fat de Rosse, le gjaline che le veve fate colâ e rompi le gjambe tant che i coreve daûr 'ne sere par parâle drenti.

Cussiché, il roman,par no fâsi cjapâ inmó une vôlte, daspó di chê dí, cuant che al passave di là a nol si fermave plui e agne Lene, cule colf a si sintive come une siore. Anzit,a i plaseve aromai tant da podê dî braurôse ae sô amie Gjildine gjelôse che cumó a veve le colf, e che a jere cussí brave che...
No, chest a no podeve dîjal parcé che a scuignive fenzi di no viodi che le colf a passave dut il so timp a cjalâ le television e che par netâ a netave pôc.
Anzit a scuignive sierâ ancje plui di un vôli , cuant che si inacuarzeve che le colf  a i puartave vie di spès ce che a veve tal frigo,  inte cjanive, e i ûs tal gjalinâr, il savon tal bagn e che cuant che a lave a fâi le spêse a i...
Ma cjalant te credince no vevie scuvierzût che il capuç dal sô mîl di mont al jere mieç vueit?
Chel, nissun al podeve tocjâial.
I al puartava jù il Vuido dal Cret ae fin dal Istât cu le spongja e le scueta cuant ch'al tornava in jù da mont cu las cjâras, las piôras, las vacjas, il mul e las âvs.
Il so mîl di mont al jere sacrosant. A no podeve plui sierâ né vôi né bocje. Il mîl di mont al jere l'unic che le sostentave in câs di bronchite o bronco malorite che a no saveve nancje plui ce che jere ma che cul mîl di mont tal lat di cjâre bevût le sere prime di lâ tal jet a le faseve tant ben durmî che a i faseve passâ ancje le tos gniervôse...E chê peste di colf...
Alore e à spietât che torni tal indoman par disi che no veve plui bisugne di jê.
-E pai dîs euros ? A veve domandât le colf.
-Pai dîs euros, a tu pós tignîju , a veve dite. Po ai veve dât il capuç di mîl da finî disint che jê a no mangjave i slaparots di chei âtis e che cul savon dal bagn, il muset e il salam da cjaniva, le spongja e le scueta dal frigo, i ûs dal gjialinâr e il rest das spêsas che no i veva tornât a jere jê che a i doveva bêçs. Ho!
Tant cumó a no veve plui bisugne des stampelis.E a varès vût alc di ce contâ ae Gjildine che justamenti e à miteve fûr il nâs pal barcon par viodi ce che al sucedeve.
  • Gjildinaaaaa...!
  • Cê ???
  • Sumo sù, anin a bevi un café.
    Daspó, cjapade da un presentiment, a sparive te cusine a viodi se a veve inmó avonde café in cjase.



    L'ultimo nipote di zia Lena ha il coraggio di svegliarla perfino alle 4 del mattino tirando sassi negli scuri di camera sua par farla scendere, perché lui viene da Roma, ha viaggiato tutta la notte, ed é affamato.
    Naturalmente, furbo, appena la zia aprirà la finestra le chiederà: -Ciao come stai? E dirà a zia Lena che passando di là, s'é fermato per salutarla...
    Su ció, la zia, ormai sveglia gli chiederà dalla finestra se ha mangiato ed il poverino dirà di nó, che non ha avuto tempo, che non mangia da ieri a mezzogiorno, e che se avesse...
    E la zia scenderà ad aprirgli.
    Due ore dopo, il nipote di Udine passando di là e vedendo gli scuri già aperti in cucina, si ferma a salutare anche lui e trova la zia in cucina che cerca di lavare i piatti con una gamba nel gesso e le stampelle sotto le ascelle. Cosí propone alla zia di mandarle una colf per pulirle la casa e farle la spesa mentre l'aiuta ad asciugare i piatti.
    Zia Lena, naturalmente in principio non voleva accettare perché lei ha sempre fatto da sola e sempre lo farà. Eppoi, sà lavarsi i piatti da sola anche con una gamba nel gesso. Ma a questo gioco, il nipote udinese é più forte di lei e riesce sempre ad averla vinta. E quel giorno, non solo la convinse di accettare la colf ma convinse anche suo cugino romano che con la pancia piena sonnecchiava sul divano, a pagare la metà .
    La zia Lena facendole un'occhiolino e un uovo battuto gli spiegó allora come si era rotta la gamba correndo dietro alla Rossa, quella gallina che in quella sera non voleva rientrare nel gallinaio.
    Cosí, il nipote romano, per non farsi riprendere, quando passava di là, non si fermava più a salutare e zia Lena, con la colf, si sentiva come una signora. Anzi le piaceva ormai di stuzzicare la sua vicina Gildina gelosa dicendole che brava che era la sua colf, e che...
    No, questo non poteva dirlo, che la colf passava tutto il tempo a guardare la TV, che puliva poco, che le rubava le uova nel gallinaio, il burro e la ricotta nel frigo, il salame e il musetto nella cantina ed il sapone nel bagno, ma per poter dire che aveva la colf, chiudeva un occhio come se non vedesse niente.Neanche quando dimenticava di darle il resto dei soldi della spesa.
    Ma ecco che scopre il vaso del miele di montagna mezzo vuoto nella credenza.
    Quello, nessuno glielo poteva toccare.
    Lo riceveva da Guido del monte con la ricotta ed il burro alla fine dell'estate quando scendeva dalla montagna con le capre e le mucche, le pecore, il mulo e le api.
    Il suo miele era sacrosanto. Non poteva più chiudere né occhio né bocca. Il suo miele di montagna era l'unico che preso col latte di capra caldo, la faceva dormire cosí bene e le toglieva la tosse nervosa, la sostentava in caso di bronchite e bronco chissa cosa ancora e quella ladra di colf...
    Allora attese che torni l'indomani e quando arrivó, le disse che non aveva più bisogno di lei.
    -E a proposito dei dieci euri? Chiese la colf.
    Puoi tenerteli, disse Zia Lena dandole il vasetto del miele aggiungendo che lei non mangiava i resti degli altri e che col sapone del bagno, il musetto ed il salame della cantina,il burro e la ricotta del frigo, le uova del gallinaio ed il resto delle spese adesso era lei che avrebbe dovuto pagarle ancora dieci euri. Ho!
    Tanto adesso non aveva più bisogno di stampelle eppoi avrebbe avuto qualcosa da raccontare alla Gildina che giustamente metteva fuori il naso per vedere cosa succedeva.



    • Gildinaaa!



    • Che cosa?



    • Su dai, vieni a prendere quel caffé.
      Poi corse in cucina a vedere se c'era ancora caffé nel barattolo...