I miei Video clips furlans

Loading...

30 nov 2010

Colps di vôi su Marcinelle / Colpi d'occhio su Marcinelle / Coup d'oeil sur Marcinelle


Vêso zà sintût fevelâ di Marcinelle?
Il Bois du Gasier ribateât Casier par no puartâ scalogne cul gâs al jere il non de miniêre ma le scalogne a é rivade distès. Jenfri i 262 minadôrs muarts 136 a jerin talians.
  Fin tai agns 60, il Belgjo al doprave un grum di minadôrs tes sôs miniêris di cjarvon. Un grum di lôr a jerin talians e ancje furlans e cjargniei lâts vie dopo de vuere. In chê vôlte, le energjie pes fabrichis e il riscjaldament pes cjasis al vignive dute dal cjarvon e il cjarvon, a part in Gjermanie, indulà che al bastave cjolilu sù par tiere cence fâ bûsis, al costave un frac di manovâi par lâ a cirîlu ancje a 800m sot tiare. Si dîs che i doi guvierns, talian e belga, a vevin fat un acuardi e che sôre di un operari mandât in Belgjo, l'Italie a riceveve un tant di vagons di cjarvon.Fortune che un grum di minadôrs tai agns 60 pierdint il puest e an vût une pension cussí âlte che tornant in Italie a vivevin come siors.
O ai un ami belga che al sta a Marcinelle e no soi mai rivât a capî cemût che un poete come lui, al rivas adore a vivi in tune vile cussí anonime e par dî le veretât ancje avonde brute.Dal rest, Marcinelle a fâs partide dai comuns che son ator di Charleroi, une des vilis plui brutis de Europe. I carologjinês, abitants di Charleroi, a clamin le lôr regjon Le pays noir, par vie che le tiere a é veramentri nêre dapardut. Dutis lis colinis li ator a son artifiziâls a somein a grandis tetis nêris e a son stadis fatis cu le tiare estrate tes miniêris par cirî il cjarvon. Le foto achi le ai cjapade lant sù di cualchi metro sun tune di chestis colinis e il puest al si cjate juste al limit jenfri Marcinelle, Charleroi e Mont-sur-Marchienne. Li, ancjemó vuê, fitâ un garage par meti le machine, a coste plui cjâr che no une cjase par vie che nissun nol ûl lâ a stâ tar chel incuinament e alore a si cjate facilmentri une cjase ma dificilmentri un garage.
A Marcinelle, in te miniêre lancurosamentri celebre dal Bois du Cazier, e an fat un museu  su le industrie e su lis miniêris che al é di spes visitât pai fruts des scuelis. 

29 nov 2010

Friûl e Emigrazion / Emigrazione


Par un merecan di san Francisco che al và a stâ a Gnove York par lavôr a é juste une gnove oportunitât e seben che al và a stâ a 4000Km di distance al é juste un mover, un stralozadôr.Da nô, lâ a 500Km par viodi une partide a é une biele escursion ma lâ a stâ a Milan o in Svizare o in Gjermanie al é inmó come lâ in tun altri mont e a si é considerâts come un emigrant.
Il biel (ma al é il brut) al é che a si cjate inmó int pronte a fânus crodi che emigrâ a reste une plaie e che si à di compatî un emigrant come se al vès riscjât le vite cjapant il tren e imparant une altre lenghe.Come se lâ a cirî un lavôr al fos une vergogne invezit di stâ a cjase a spietâ che il lavôr al vegni a cirîcji.
Le cjartuline dal puar emigrant furlan libar di scuegnî lâ cu le valîs di carton e le leterature che a é stade fate torator al di di vuê a somee ridicule.Se un al s'in va al s'in va cul computer e al é content di lâ, senó al sta a cjase.Ciert che fin tai agns 50, no si lave cu l'avion e lâ in tes Americhis a jere un tic lungjute. E alore? Pai ucei che a fasin le strade une vôlte par an par lâ da une Americhe a chê altre o de Afriche ae Europe al si cjate dut normâl come se une besteute cence cernêli a fos miôr di nô, oms, cjaçadôrs,predatôrs,inventôrs,creaturis superiôrs.Bisugne dî che i ucei, a pene che a an le etât di svualâ a son butâts fûr dal nît e a scuegnin imparâ a sorevivi di bessôi. Da nô, jenfri le tutele dai parincj,de glêsie e dai sindacâts a si piert il spirt di cjaçadôr, di concuistadôr,di deventâ grant e a 40 agns a si clame inmó le mame par domandâi ce mudandis che si à da meti, il prêdi par domandâ ce che si à fâ par alc o par un nuie e pal rest al pense il sindacât.O scuâsit, pes scovacis, o vin bielzà viodût, o vin bisugne dal president de republiche.
Leam: http://digilander.libero.it/scuolafontaneto/oltre_i_confini/web/EMIGRATI.htm

Un americano di san Francisco, se deve per ragioni di lavoro traferirsi a New York no sarà altro che un mover, uno che trasloca da un punto all'altro. Da noi, con 500km siamo già degli emigranti e cioé, poveri diavoli costretti di lasciare il paese perché il governo,subito responsabile, non ha provveduto a farci avere un lavoro dall'altra parte della strada.
Certo che emigrare oggi ed emigrare cento anni fa non é la stessa cosa. Adesso siamo più scolarizzati ed invece d'una valigia di cartone abbiamo il computer e invece del treno o della nave prendiamo l'aereo o andiamo in macchina.Si continua peró a compatire l'emigrante come se fosse una piaga e non una cosa naturale. Gli uccelli che emigrano oggi da un'America all'altra o dall'Africa al nord Europa sono come quelli di cento anni fa. Come mai,per queste bestiole senza cervello tutto é naturale mentre per noi, omo sapiens, é una tragedia?
Chessia a causa dell'educazione? Gli uccelli, appena sono in età di volare sono buttati fuori dal nido e se la devono cavar da soli mentre noi,anche da adulti, per qualunque cosa, abbiamo bisogno di essere tutelati, accompagnati e difesi sia con i genitori, sia dalla chiesa, sia dai sindacati.
Nei paesi sottosviluppati non é ancora cosí e da loro si continua ad emigrare come gli uccelli tramite dei veri corridoi marittimi o terrestri. Il più conosciuto é il corridoio libico.Kadafi ha detto oggi all'unione europea che per impedire gli africani di partire dalla Libia per venire in Europa e cioé in Italia vuole che gli si pagi 11 miliardi all'anno.

25 nov 2010

Le tintinade / La trovata di Tintin

Il carburo lu cjatave dal mecanic e i bassolots in tes scovacis. Cun tun claut o alc di spiçot e cun tun martiel o alc di dûr al forave il cûl dal  bassolot. Po al scriveve cualchi manifest a man che al fissave tai cessos de scuele par anunziâ il so spetacul tal curtîl di cjase.
Il public di une bande e lui di chê altre bande dal mûr come se lôr a fossin al sigûr e lui in pericul. Al sielzeve le buse plui biele che un muradôr al veve fat sul muret dal curtîl  par fissâ i pâi di une inferiade che po no veve mai stade mitude.
Il spetacul al podeve scomençâ. Al jevave cu le man il bassolot inrozonît come par fâ cin cin e al faseve finte di bevi. Daspó al mostrave il bassolot vueit tant che  al colave drenti le  buse, le aghe che al veve zà in te bocje prime. A chel moment, il carburo  mitût drenti di nascuindon, a si meteve a fumâ in te buse. Tintin alore al taponave le buse cul bassolot voltât a cûl in sù e al faseve contâ fint al vincj.
- Un e dai.
- Doi e vai.
-Trê e ce.
-Cuatri e trai.
-Cinc e mieç.
-Sîs e alc.
-Siet e vot.
-Nûf e dîs.
-Dîs e...
Tant che ducj a contavin in coro,  al cjapave un gjornâl e al faseve finte di leilu , po tintinant un nó cul cjâf sul brut gjornâl, lu fruçave sù e lu butave vie. Ma continuant a tintinâ  nó cul cjâf , lu ricjapave sù, lu  disfruçave e lu tornave a fruçâ in tun altri mût par podê in fin tintinâ un sí di sodisfazion.
Il fruce e disfruce des mans jenfri il tintine e tintone dal cjâf, dopo il 20, al si justave lis tirachis dai bregonuts, al impiave un fulminant e cun tun  cerimoniâl da vescul al impiave le pagjine fruçade sù come un baston. Po come in tune messe grande, al vicinave le flame  al capuç e le lontanave. Le vicinave di plui e lontanave di gnûf. 
Plui a durave e plui al riscjave, ma prime che le flame a i rivi tes mans  e il capuç tal cjâf al molave dut e al sparive daûr dal mûr. Le cjarte inflamade a rivave sul bassolot e cun tun starlup dal ram e un bum dal diaul al faseve esplodi il gâs fat dal carburo e il bassalot al saltave pal aiar fasint ciulâ lis mulis di pôre e cridâ i mui di amirazion.Alore, jenfri il fum tal aiar e le flame te buse a si viodeve le musute dal Tintin tornâ sù da daûr dal mûr. Il spetacul al finive li cul batimans dal public e al si studave cu le flame aromai cence carburo.
Ma in chê dí, le sô musute a no tornave sù.  Lis mulis  a someavin di vê capît lis primis. Il bassolot a nol jere saltât sù dret, al jere saltât sù mâl. Forsit a i veve tocjât il cjâf. Senó, parcé nol tornavial sù? 
- Joissus, mâri! Cualchi mule  si nascuindeve le mûse jenfri lis mans sgrisulâde tal pensâ che al podeve sei muart. Puar Tintin, a nol varès plui fat scherzos a di nissun cul so carburo mitût tai cessos o tai urinâi come in tun libri di Guy de Maupassant. Finide le magjie. Il plui coragjôs al lave vie a cjalâ daûr dal muret e al si voltave stramît.
Ce erial sucedût? Impaurîts, ducj a cjapavin le direzion dal puarton par sciampà vie come se fossin responsabils dal acident. 
E al é juste li,  devant di lôr, che Tintin al tornave a aparî  di colp dopo vê fat il zir in sgrufuiut daûr dal mûr.

PS:Le conte a jere masse lungje par metile su Contecurte e alore mi soi ancje diviertît a inventâ un verp che no si cjate tal dizionari: Tintinâ.
Altre conte su Tintin:  http://furlanar.blogspot.com/2010/02/tintinadis-tintin-tintinnato.html
Pezzi di carburo

Il carburo lo trovava dal meccanico e i barattoli nelle immondizie. Con un chiodo a cualcosa di acuminato e con un martello o qualcosa di duro forava il  fondo del barattolo. Poi scriveva a mano un manifesto che affissava nei gabinetti della scuola per annunciare il suo spettacolo nel cortile di casa.
Il pubblico da una parte e lui dall'altra parte del muretto come se lui fosse in pericolo e loro al sicuro, scielglieva il più bel buco fatto sul muretto da un muratore per fissare i pali di una rete che infine non era stata mai messa.
Lo spettacolo poteva incominciare. Alzava il barattolo per far cin cin, e fingeva di bere quello che dentro non c'era. Mentre poi faceva vedere che il barattolo era vuoto e la bocca piena, sputava nel buco l'acqua che aveva preparato in bocca.
Con l'acqua, il carburo che aveva messo dentro di nascoto nel buco incominciava a bollire e a produrre l'acetilene, un gas altamente infiammabile. Tintin copriva il buco con il barattolo messo col fondo all'insù e chiedeva agli spettatori di contare fino al venti.
Uno e vai, due e dai, tre e che, quattro e tira, cinque e mezzo, sei e sette, otto e nove, dieci e...
Mentre tutti contavano, prendeva un giornale, faceva finta di leggerlo, poi scuotendo la testa come se fosse mal scritto, strappava una pagina,ne faceva una palla e la gettava via. Poi scuotendo la testa, la riprendeva , la dispiegava e la spiegazzava di nuovo come per farne un bastone che poi, con un cerimoniale da vescovo, accendeva per farne una fiaccola. La carta bruciava svelta ma prima che la fiamma gli bruci la mano ed il barattolo gli salti in faccia, giocava avvicinando il fuoco al barattolo e poi la allontanava  prima che sia troppo tardi. Se tutto andava bene, prima di gettare la carta infiammata sul barattolo, riusciva a far durare il suspens con due o tre va e vieni. Poi, gettata la carta infiammata sul barattolo, si chinava dietro il muro giusto prima dell'esplosione che gettava il barattolo in aria tra le grida impaurite delle bambine e gli urra dei ragazzini.
A questo punto, la testa di Tintin riappariva tra il fumo nell'aria e l'ultima fiamma del carburo nel buco e lo spettacolo finiva con un applauso.
Ma quel giorno, la testa di Tintin non si fece vedere.Le ragazzine, per prime sembravano di aver capito che il barattolo quella volta, non era saltato sù diritto. Era saltato sù male e gli aveva di sicuro toccato la testa. Altirmenti perché Tintin non riappariva da dietro il muro?
-Oddio! Diceva qualche ragazzina comprendosi il viso con le mani, pensando che fosse morto.
Il più coraggioso andava via a vedere dietro il muro e si girava stupefatto. Allora tutti si dirigevano verso il cancello per scappar via come se si sentissero colpevoli di averlo ammazzato. Ed é li di fuori che Tintin appariva dopo aver fatto di nascosto il giro del muretto.


24 nov 2010

Arc di san Marc / Arcobaleno / Arc-en-ciel / Rainbow / Arco iris / Arco di sant Martí


De medie ete in cà, i todescs a disin che le fin dal mont a vegnarà dopo 40 agns cence regenbogen, ven a stâi cence arcs di san Marc. Semai o sês rivâts a 39 e che o scomençais a panicâ us calmi subite disint che a esistin inmó e chest lu ai viodût jo dîs dîs indaûr in Spagne.

Dal medio evo i tedeschi dicono che la fine del mondo verrà dopo 40 anni senza regenbogen e cioé senza arcobaleni. Semmai siete già arrivati a 39 anni, vi rassicuro subito: Gli arcobaleni esistono ancora. Questo comunque l'ho preso al volo dalla macchina dieci giorni fa in Spagna.

Selon une tradition allemande médiévale, il n'y aurait aucun arc-en-ciel durant les 40 années précédant la fin du monde. De voir un arc-en-ciel, est donc encourageant!...

Following german believers, the end of the world will come after 40 years without raibows. If you already are arriving at 39 I'm happy to tell you that raibows are still existing and I have seen this one in Spain ten days ago.

Si usted no ve un arco iris durante 40 años espera la fin del mundo. Esto dicen los allemanos despuès la edad media. Pero esto achi estava en Torrevieja hay diez días:-)

23 nov 2010

Miss Welby

Miss Welby a no à pôre di mostrâle e a mi plâs un grum le sô maniêre di fâ tirâ i vôi di une bande par fâti pensâ a alcaltri. Chiste volte e à fat un blog par judâ une mule andicapade dal Kenia. Al mi é plasût le idee e ancje chê di vê un Kikoi par cualchi franc e judâ Rebecca a paiâ i soi studis.
Di ce fevelio? Lait a spiâ tal blog.

Miss Welbi non ha paura di mostrarla e mi piace molto la sua maniera di farti tirar gli occhi su un punto chiave per aprirti la porta di un'altro mondo. Questa volta ha fatto un blog per Rebecca, per aiutare a studiare una 
ragazzina disabile africana. L'idea del kikoi in cambio di qualche euro é originale. Che cos'é un Kikoi? Andate a vedere nel blog.

Miss Welby looks like Tina Modotti in that picture made by Weston in the 30ies. As I like Tina, I adore Welby:-) Both of them use to show something about theirselves to bring you somewhere else. This time she built a site for Rebecca in order to help her to pay her school fees. No doubt that you too, like me, will be atracted by a Kikoy. What's that? Discover it in her blog.

Miss Welby vous fait penser peut-être à la pêche Melba mais en verité, si elle à la pêche elle a plus que ça. Cette fois elle a fait un blog pour Rebecca. Cela aidera cette jeune étudiante à payer ses études en vous envoyant un Kikoy. C'est quoi un Kikoy? Découvrez-le dans son blog.

Miss Welby no habla espanol peró lo entiende muy bien, me parece tanbien que cuando habla en inglès, bulgaro, francès y con las manos, està siemprei ntencionada de hablar de algo de interesante. Sabes el que es un Kikoi? Todo està aqui en el sitio que miss Welby a dedicado a Rebecca.
Qui es Rebecca? 

22 nov 2010

Kapoks



Arbui strans cu lis lôrs spinis tal tronc come se fos une decorazion e i soi grancj flôrs che somein a chei dal ibisco.Si disarès che a no an stagjon. Cualchidun al é in flôr e cualchidun al à biel pierdût lis fueis seben o sin in Novembar. Viodûts a Torrevieja.

Alberi strani con le spine che assomigliano a delle medaglie al merito e con i fiori che assomigliano a quelli del Ibisco. Cualcuno é in fiore, cualcun'altro é già senza foglie. Per loro non c'é stagione poiché siamo in Novembre a Torrevieja.

20 nov 2010

Al cricâ dal dí / Au lever du soleil / The sunrise / Al nascere del sole



Ogni dí aes 7 e mieze a Torrevieja in Novembar Tous les jours à 7h30 a Torrevieja en Novembre.
Every day at 7,30 in Torrevieja in November, Ogni giorno alle 7e30 a Torrevieja in Novembre. Todos los dias en Torrevieja.

17 nov 2010

Papaya


Lu saveviso?
Harrisson Ford tar un film di Indiana Jones al jere blocât par un dolôr al gnerf ischiatic e al à podût continuâ a lavorâ dopo une iniezion di papaine, un estrat dal papaya.
Un estrat tirât des semencis nêris chi viodês al siervis da contracetîf in un grum di paîs asiatics e sud americans ma ancje come pevar.
Lo sapevate?
I semi possono servire come pepe ma anche come contracettivo. La polpa ha la consistenza di quella del melone ma ha un'altro gusto. Harrison Ford, per poter continuare un film d'Indiana Jones ha dovuto farsi fare un'iniezione di papaina per calmare i dolori dovuti a una sciatica. I datteri li ho trovati per strada(A Torrevieja) e li ho aggiunti per l'estetica. Il papaya veniva dal Messico e costava 9€.

5 nov 2010

Udine, Piazza della Vittoria

Il gno vicin Raimondo Scarpa, par calmâ i gnerfs al si met a scovâ il marcepît. Prime il so, po ancje il gno, daspó chel di chei âltris e finalmentri al fâs ancje il rest de strade. Al sarès ben che ducj a si metessin a fâ come lui. Un zardinîr al larès a plantâ rôsis tar ducj i cjantons des tradis indulà che a staressin ben e a bagnâ lis rosis che il comun al trascure, il poete, invezit di fâ scrivi monadis ai grafitadors, al fasarès scrivi poesiis in tes stradis invezit che tai mûrs, i imblancjins a laressin fûr vie pe gnot par piturâ di nascuindon i mûrs plens di grafitis di mones o ben lis inferiadis inrozonidis dai puints o des scjalis publichis, i muradôrs e i stradins a stroparessin lis bûsis tai mûrs e in tes stradis e i carabinîrs, invezit di platâsi par dâ lis multis a si fasaressin viodi par dâ le ocasion ai automobiliscj di lâ a platâsi lôr. Insome, da scultôr, o larès a ficjâ une sculture ancje achi ae fin de vie de Vitorie in te place prin di mai indulà che, no si sà mai,  a puedarès restâ par simpri.

Il mio vicino Raimondo Scarpa, per calmare i nervi, si mette a scopare il marciapiedi. Poi scopa anche il mio e quello degli altri. Finalmente pulisce anche tutta la strada. Sarebbe bello se tutti fossimo come lui. Un giardiniere andrebbe a piantar fiori e piante in tutti i posti più tristi che i comuni lasciano andare, il poeta  invece di lasciar scivere cretinagini sui muri, farebbe scrivere dei versi nelle strade, gli imbianchini, farebbero miracoli e durante la notte, farebbero sparire i pastrocchi chiamati grafiti e ne approfitterebbero per rimettere una mano di colore su tutto quello che vedono arrugginito o trasandato. I muratori e gli stradini di nascosto colmerebbero i buchi nei muri e nelle strade, i carabinieri invece di nascondersi per dar multe si farebbero veder bene in modo che gli automobilisti possano andare a nascondersi mentre gli scultori, andrebbero a ficcare una mano alla fine della via della vittoria   sulla piazza primo maggio come ho fatto io sperando imbarazzare tutti quelli che credono che siamo sempre stati dei perdenti.

4 nov 2010

Le roe a dute bire/

Le bire no file plui a dute roe
ma le roe a file a dute bire.


La birra non fila più a tutto gas ma la roggia fila a tutta birra.
Il birrificio chiuso, la roggia non si ferma più. Poi sparisce sotto terra per attraversare Udine inosservata.

3 nov 2010

L'insolitudin dal solit Udin / La solitudine dell'Udine insolito

Pssst:Par viodi plui in grant frache sule foto
A Udin, plui che  tal rest dal mont, al regne il NO SI PUES FÂ. Ma nissun no mi impedís di pensâ che se ducj a fasessin come me, pues dâsi che une dí le mentalitât si dismoli  magari dome par no someâ masse mones.
Duncje, o ai cjapât il cjamin de birerie Dormish e i ai plantât parsore la Vi de vitorie. Cuale vitorie? Dutis lis vitoriis. Chês passadis ma soredut chês che an da vignî. Se il solit Udin a nol devente insolit avonde, us in metarai inmó. Il biel al sarès che cualchidun al mi comandi chiste man par da bon e o scuignarès lâ a plantâle veramentri lassù in somp.

A Udine, c'erano tre fabbriche di birra, una delle quali era la Dormish per la quale vi faccio un servizio a modo mio. Non si sà a cosa sia destinata la fabbrica che é chiusa da più di trent'anni. Il bello sarebbe un museo del vino con lassù in cima la mano della vittoria. Quale vittoria? Appunto, quella del vino sulla birra. Certo che vista cosí, la fabbrica sembra ancora fiera di se. Peccato che lassú in cima non riuscirei a piazzarla durante una sola notte. altrimenti so già quale notte scielglierei. Per ingrandire la foto cliccaci sopra

2 nov 2010

Nazionalisti / Nazionaliscj

Il tabelon

achi dongje e sarès une provocazion dal partît nazionalist flaman che lu à a pene screât. Al nus mostre cemût che i furlans a no fasin. Di une bande a no rivendichin nissune undipendence, daspó si viodês le grafie o notais che lôr, pes letaris lungjis e an sielzût di doprâ doplis vocâls invezit di fâ come nô o i francês e di meti l'acent circonfles. Da une bande, ancje chel che a nol sà le lenghe al sà leile e di chê altre bande al é ancje plui sempliç da scrivi (dôs batiduris invezit di trê) Le foto le ai cjapade lant fûr da Bruxelles, ven a stâ dal confin linguistic:-)



Il pannello pubblicitario é stato usato per la propaganda del partito nazionalista fiammingo Vlaamse Belang che vorrebbe fare della sua regione una nuova repubblica. Se questo succedesse, non vedo Bossi calmarsi. Foto presa all'uscita di Bruxelles vale a dire di là del confine linguistico:-)

1 nov 2010

Lûs e civilizazion / Luce e civilizzazione


Viodût da lassù al somee cussí. Viodût di acà jù, di sigûr che cun l'incuinament de lûs no si rive a viodi plui nancje lis stelis.

Visto da lassù sembra cosí. Visto da quaggiù, con l'inquinamento della luce, non si vedono più le stelle.