I miei Video clips furlans

Loading...

15 dic 2010

La mê pastorele / La mia pastorella (Canzone di Natale in Friulano)


Buin Nedâl, bon Nadâl,Bon Nodâl?
Cemût si disial? Cualchidun al dîs ancje bon Nodâl. Jo o dopri le vecje dizion cjargnele che o crôt di podê comparâ ae version taliane di Buon Natale invezit di chê veneziane di Bon Natale.A podê sielzi, o disarès Bon Nedâl par jessi il plui distant pussibil dal talian e dâ une conotazion plui specifiche al furlan. Naturalmentri, ognun al pues doprâ le sô version. No larin migo a cirî problems a di un che nus fâs i auguris disint che al pronunzie mâl, no?
Buine zornade di Nedâl a ducj!Se po o rivais achi ae fin dal an: Auguris!

Se in Italiano si dice solo buon Natale, ve lo dico subito. BUON NATALE! In friulano invece, secondo la regione dove si abita, si dice Buin Nedâl, Bon Nadâl o ancora Bon Nodâl.
Merry Christmas!
Joyeux Noël !
Feliz Navidad!
...and Happy New year!

Listen others Christmas songs in different languages following this link here:
http://www.lexilogos.com/chants_noel.htm
D'autres chansons de Noël à l'adresse ci-dessus.
Escucha otras canciones "fracando" sobre el link:-)
Ascolta altre canzoni di Natale facendo un clic sul link qua sopra.

Buinis fiestis/buone feste

14 dic 2010

A é lade / Se n'é andata

L'ûltin toc dal an al é lât vie vuê. Tant ch'al spietave in te strade us ai fat ne foto.

Doman o voi vie jo e o tornarai dome l'an ch'al ven. Us sparagni le foto, cun dutis lis gnots passadis parsôre, no ai di sei masse biel da viodi.


L'ultimo pezzo dell'anno se n'é andato oggi. Mentre aspettava di fuori vi ho fatto una foto.
Domani vado via io e torneró solo l'anno prossimo.Vi risparmio la foto, con tutte le notti che ho speso sopra, non devo essero molto bello da vedere:-)
Posted by Picasa

Recite di Nedâl : Recita di Natale


Andé (a 'nd é) chel furlan che a nol ûl jessilu che par talian e po chel che nol é nancje furlan e che al cjate le nestre lenghe biele, dôlce e meraveôse. (Mi lu an scrit lôr) Par chescj, prime che le Rai ju finissi par fâi gambiâ idee dal dut, o fâs videoclips cui sot titui in mût che a puedin miôr imparâ le pronunce.Chiste a é une conte che par Nedâl a larès ben di sei juste recitade ma par chei che an voie di sintîle, a puedin ancje leile cui sottitui.

C'é quello che non vuole essere friulano che parlando in italiano e poi c'é quello che non é neanche friulano ma che trova la nostra lingua, bella, dolce e meravigliosa.(Me l'hanno detto loro). Per loro, faccio dei video con parole e  musica inediti. Questo era un video dell'anno scorso fatto  di una storiella scritta per  essere recitata.
Con i sottotitoli e il Natale alle porte, sarà, spero, di buon aiuto.

12 dic 2010

Manichins / Manichini

Tant chi mateavi cul pinel sule ponte di une tete par cuvierzilu di une piel di zès, Natasha mi veve domandât se al mi ecitave e a someave  di no crodimi cuant chi ai dite di no. Di fat, cuant chi lavori o pensi al lavôr. Daspó, no jere une mule di chês che fasin lâ sù il termometro.
Rochas, come un grum di stiliscj, a fasin vignî i lôrs modei de Russie indulà che an cjatât un cjanton plen di  mulis cu lis gjambis plui lungnis dal mont. Chiste achi, al stilist Olivier Theyskens a i plaseve parcé che cuant che a cjaminave a lave indenant cul bust inclinât viers il daûr cule spâle zirande sule diestre.
Alore, al voleve propite vê il so cuarp esatamentri come che al crodeve di viodilu. Par chel o i vevi proponût di cjapâ il stamp cul zès. Ma cuant chi lui ai montât, no si podeve fâ un manichin parcé che, lis tetis no jeris avonde grandis, a no jerin simetrichis, I vuès a si viodevin masse e ancje chei a no jerin compagns a diestre e a çampe. Lis gjambis stuartutis che a si viodin inmó, lis vevi bielzà dreçadis un tichinin achi in te foto prime di mandâie a Parigji. Finalmentri, dopo 5 mês di drece e stuarç e cualchi viaç da Parigji a Bruxelles, o sin colâts dacuardi e o vin fat il stamp par stampâ i prins manichins.

Per fare un manichino, si fa il modello con l'argilla, poi lo si copre di gesso per averne lo stampo. Nello stampo, si mette col pennello una mano di vetro liquido, vale a dire di silicato, che impedisce al gesso di far presa su un'altro gesso. Cosí, poi si riempie lo stampo di gesso e per togliere il modello, si rompe lo stampo. Il modello viene poi rifinito nei minimi particolari prima di essere tagliato a pezzi per poter fare gli stampi in vetroresina e silicone delle mani, delle braccia, del busto, della testa e delle gambe separatamente. A questo punto, si puó incominciare la produzione di piccole serie di manichini che alle volte si ferma dopo qualche decina, per gli stilisti, o qualche centinaio, per i distributori di prêt-à-porter, o qualche migliaio per i negozi.
Volontariamente, ho scielto di dedicarmi solo ai modelli fatti sù misura ed i miei clienti sono, sia delle fabbriche di manichini, sia degli stilisti, sia dei privati, ma anche l'industria cinematografica, gli studi TV, i  teatri, gli architetti, ecc.Per far scendere il prezzo nella prima tappa della scultura, si prende invece un buon modello vivente e lo si copre di gesso. I difetti, verranno poi corretti per avere le forme e la posizione che si vuole ottenere. Col primo modello, se ne puó fare cento altri in posizioni differenti senza aver più bisogno del modello vivente.Il modello in gesso nella foto é quello di Natasha, la ragazza più amata da Olivier Theyskens, lo stilista che ha voluto farne dei manichini per le vetrine di Rochas.

10 dic 2010

Spietant Furlanair / Aspettando Furlanair

A si prenote vie internet e il dí prime a si ricêf le ore di partence via un sms tal telefonin . Ae ore prestabilide, al rive un furgoncin o une machine devant di cjase, a ti cjape sù e a cji puarte a l'aeropuart amancul un'ore prime dal check in. Nuie stress e nuie porcos pai parcaments. Cuant che tu tornis, le machine a cji spiete devant dal aeropuart e al cji puarte a cjase, o diretamentri in ufizi.Ancje in plene gnot cuant che nondé plui traspuarts publics.
Ce costial? Fin cumó o ai viodût che jenfri 50 e 70km a nol coste plui di 25€ ven a stâi che se a si varès di lâ cun le sô machine a nol costarès di mancul che il parcaments tai aeropuarts indulà che al coste ancje 25€ in dí.
Come simpri, in Italie al é dut plui complicât e chescj siervizis a funzionin dome a Rome e Milan. Le ditte le miôr organizade a é une dite inglês che a fâs il siervizi fintramai al aeropuart di Moscje, Varsavie, Budapest...
A Ronchi, indulà che al larès benon ancje ai croats e ai slovens, il siervizi nol esist. Se un furlan al à voie di lançâsi al é ore di scomençâ. Al pues scomenzâ cule so machine e daspó al si comprarà alc di plui grant.Se a si ten cont che al minim a 'nd é simpri amancul doi passegjirs, al baste dome dôs copiis par fâ 100 euros e se si pense che un avion al à al minim doi centenârs di passegjîrs, al si trate di organizâsi par faur savê che si esist e plui andé passegjîrs e mancul al coste.
Par esperimentâ il sisteme baste fâsi indenant e fâ savê ae dite inglês bielzà implantade in dute le Europe che o vês chê di lavorâ cun jê. Senó o faseis sù il vuestri sito e o scomençais cui trê aeropuarts plui cognossûts: Ronchi, Trevîs e Vignêsie. In tun an, se o fasês une buine publicitât e un bon siervizi, o varês une disine di autiscj indipendents che a lavoraran par vualtris (O podês cjapâ sù pensionâts e int che a voie di fâ cualchi franc in dí a part time.
E cuissà? Se po o vês masse passegjirs e no avonde machinis, o lais a cjoliu in elicotar. A chel moment, le gnove compagnie di traspuarts Furlanair a sarà vuestre.
Leams/ Links
http://airportways.com/ 
http://furlanar.blogspot.com/2008/06/furlanair-le-gnove-compagnie-furlane.html 
Nondé = No 'nd é. Se o vin di lâ indenant cul furlan tant al vâl semplificâ le grafie.

Si prenota e si paga via internet. La sera prima della partenza si riceve un sms con l'ora della partenza per l'indomani. All'ora prestabilita arriva un furgoncino o una macchina a prenderti davanti a casa e ti porta all'aeroporto. Quando ritornerai, ti aspetterà all'uscita dell'aeroporto e ti riporterà a casa.
Quanto costa? Fin'ora ho notato che dai 50 ai 70km di distanza, costa sui 25€.
In Italia, dove é tutto sempre più complicato, questo servizio si paga di sicuro molto più caro e perció, per il momento, funziona solo a Roma e a Milano. L'idea di creare questo servizio é ottima perché costa meno che il taxi e ti risparmia il costo dei parcheggi che negli aeroporti ti puó costare molto di più che l'aereo.
Avevo già visto che a Mosca ognuno puó mettersi a fare il tassista e fermarsi a prender sù gente. Nelle stazioni e punti nevralgici della città ci sono dei piccoli furgoncini con una decina di posti a sedere. Entri e ti siedi. Quando il furgoncino é pieno l'autista ti dice il prezzo e ognuno passa i suoi soldi. Pochi soldi poiché é diviso col numero di passeggeri.
Una compagnia inglese, propone sto servizio in tutta l'Europa ma a Ronchi, Treviso e Venezia ancora non esiste. Qual'é il friulano che si farà avanti l'ultimo per creare questo servizio?
Pensate: Una coppia di clienti fanno già 100€ per l'andata e il ritorno. Quante coppie di passeggeri ci sono in un aereo? Quanti aerei al giorno ci sono a Ronchi, Treviso e Venezia?
Se già incominciate con la vostra macchina, tra un anno, non avrete abbastanza di 50 autisti con 50 macchine.
Prenderete di sicuro dei pensionati come autisti perché costano di meno. Cosí, col servizio in Slovenia e Croazia quando non avrete più abbastanza delle macchine, farete il servizio con l'elicottero. A questo punto, la nuova compagnia Furlanair, sarà vostra:-).

9 dic 2010

Frafitis / Graffiti

Paese che vai, graffiti che trovi, l'ultimo é di Torrevieja.
Cuissà da dulà ch'a ven cheste manie da scrivi sui mûrs? Forsit a nol à il computer par scrivi sul blog, alore i al met jo:-)

Chissà da dove viene questo bisogno di scrivere sui muri? Forse non ha il computer per scrivere su un blog. Allora lo pubblico io.

8 dic 2010

Rojales


O passavi par Rojales, tal sud de Spagne che seont une vuide turistiche a jere interessant par vie dai scultôrs che a vevin fat il lôr laboratori tes cavernis che fint a 50 agns indaûr a jerin ancjemó lis cjasis di cualchi abitant dal paîs.Il paîs al é plui che anonim parcé che al é veramentri brut. Forsit par chel lis oparis metudis di fûr a mi an fat jevâ i vôi a cjalâ il cîl e il paesagjo.

Passando a Rojales, nel sud della Spagna, mi sono fermato per visitare la collina che ospita nelle sue caverne dei laboratori di scultura al posto degli abitanti che sono stati alloggiati in città da più di 50 anni.
Le sculture abbastanza amatoriali non mi hanno fatto guardare il cielo e il paesaggio era molto suggestivo.

6 dic 2010

Gratitudin e ingratitudin / Gratitudine e ingratitudine


Te union sovietiche, i soldâts fats prisonîrs dai todescs a jerin considerâts come disertôrs e cuant che a tornavin in patrie a jerin spedîts diretamentri in Siberie. I invalits di vuere invezit a ricevevin une medae e un puarte sigarets cune tune pension cussí misare che al iere impussibil di sorevivi. Vuarps, sorts e storpiâts, a scuignivin lâ a cirîsi un lavôr o le cjaritât. Invezit,Pierre de Geyter un operari belga al jere l'unic personagjo stranîr a vê ricevût une pension dal stât sovietic par vie che al à componût l'Internazionâl, l’inno che fin tal 43 al jere deventât chel de Union Sovietiche..
 Le citât di Gent dulà che al é nassût tal 1848, invezit i à fat chest monument dome tal 1998.

In unione sovietica, i soldati fatti prigionieri dai tedeschi erano considerati come disertori e quando ritornavano in patria erano spediti direttamente in Siberia. Gli invalidi di Guerra, invece ricevevano una medaglia e un porta sigarette con una pensione cosí misera che era impossibile sopravvivere. Orbi, sordi, disabili, dovevano andare muti a cercarsi un lavoro o a domandare la carità. Invece Pierre De Geiter un operaio belga  che si dilettava a comporre, era l’unico personaggio straniero ad aver ricevuto una pensione dallo stato sovietico per aver composto l’inno che fino al 1943 era l’inno della unione sovietica :
L’Internazionale.
Mentre la città di Gent dov’era nato De Geiter nel 1848, gli ha dedicato questo monumento solo nel 1998

Lord of the dance

Lord of the dance al mi à  fât pensâ al Lord of the rings e bielzà no mi someave interessant di savê che par tirâ le atenzion  a no si veve cjatât alc di plui origjinâl. A si jere invidâts a doi concerts, un aes vot pe mê dôlce metât e un aes vot e mieze par chê altre metât chi soi jo.Cu le nêf e il trafic dal vinars di sere, o soi rivât in ritart ma no masse al palaç di Forest National di Bruxelles. Prime impression, viodint une balerine zirâ sul palco sot di une musicute un pôc kitch:
 -Joii, al somee a un spetacul di scuele primarie fat ae fin dal an !
 Subite dopo invezit cun tune musiche sbrane vorêlis da fâcji cjapâ pôre a rivin fûr une sdrumarie di omenats minaçôs cun tun capo autoritari che al dà ordins cun tristerie e a tachin a menâ i pîs sbatint i tacs e lis pontis cun tante violence che di sigûr e an un microfono tacât in tes scarpis.A si é impressionâts.Il spetacul al và indenat cussí jenfri i moments romantics e feminins fat des mulis e i moments virii dai  oms che il macho al fâs fente di menâ. Si, parcé che a é dute une fente. Il scenario al é avonde primitîf  e a si si inacuarç in te seconde part cuant che a si capis, a fuarce di viodi simpri i stès clichés fats dai stès balarins che dut al é fat par tirâ aes lungjis. Ancje le musiche, plenissime di efiets speçâi ma simpri cun le stesse bâs di balade o di country irlandês.Il lord, di fat al é un biondin che al fâs fente di batisi cul macho e naturalmentri al vinç lui e a i puarte vie dutis lis mulis. Ancje le bionde che balave miôr di chês altris. Pal rest, nol é che o vêti veramentri pierdût jó.


Lord of the dance é uno spettacolo di danza irlandese che passava a Bruxelles questo venerdí.Avevo quattro biglietti, due per un concerto di pianoforte e due per questo Lord. Abbiamo deciso di dividere i biglietti in due e cosí la mia dolce metà se n'é andata a uno spettacolo con due biglietti ed io con l'altra metà (Dei biglietti) me ne sono andato a vedere il Lord, un biondino che per momenti sembrava volare quando ai passi di danza irlandese aggiungeva qualche passo di danza classica. La coreografia era molto elementare e fatta di cliché ripetuti senza fine ma mi son goduto abbastanza la prima parte tra i momenti virili degli uomini e quelli femminili delle ragazze. La musica era piena di effetti speciali da farti pensare alla stratosfera, alle grotte pagane, alle pantegane e comunque alle bionde che più rare delle brune, si vedevano solo loro. Lo scenario consisteva nella battaglia simbolica tra il Lord e la squadra avversa. Naturalmente, vinceva il biondino e si portava via tutte le ragazze anche quella biondina che ballava meglio delle altre. Comunque jo non ho perso, poiché non ho pagato.

5 dic 2010

Un cachi in dí / Un caco al giorno


I cachis mi ricuardin i agns di scuele a Udin. Une dì o vevi volût provâ a muardi un cachi inmó vert freât pe strade in tun ort e o vevi scuignût lâ svelt a resentâ le bocje in tune fontane tant che al mi leave.
I cachis di vuê no son plui chei di jar. Rivâ madûrs e pronts par mangjâ, tai negozis a no rivin che raramentri da cuant che i spagnûi e an metût sul marcjât i lôrs persimon o scuen comprâiu che son ancjemó durs.I prins ju vevi comprâts in Spagne ma a jerin veramentri masse dûrs. Alore mi soi impensât che tal est de France e an une sorte di bromui verdolins che a son un grum gustôs e sucarâts e che a si cjate dome lí. Le lôr cualitât, a disin i agricoltôrs a ven dal fat che in te regjon a n'd é un grant sbâlç di temperadure jenfri il dí e le gnot e par chesti bromui a deventin plui sucarâts.Ah si? Alore o ai cjapât doi cachis e ju ai mitûts tal congjelatôr e ju ai tirâts fûr tal indoman. Ju ai lassâts vignî ae temperature de cusine e mai soi sbafâts cun grant gust. A jerin propite come i cachis madûrs di une vôlte: Viscôs, sucarâts, cjarnôs ma cence semencis.

Se trovate come me dei cachi spagnoli duri ma d'un bel colore arancio, vi diranno che si deve mangiare cosí perché quelli sono i cachi persimon. Non credeteli.Se li mettete nel congelatore durante la notte e li tirate fuori al mattino, saranno buonissimi da mangiare nel pomeriggio quando arrivati alla temperatura di casa, vedrete la polpa molle e viscosa,sfilarvi tra le dita come una marmellata zuccherata naturalmente e gustosa come quella di un vero caco.Seppoi li lasciate di fuori nella neve il risultato é uguale al congelatore.Per 45 centesimi l'uno se ne prende almeno uno al giorno. Senza parsimonia.
Buon appetito.

3 dic 2010

Unviar daûr di cjase / L'inverno dietro casa



Da une setemane o vin le nêf e i ucei a vegnin a talpinâle sule terace par vê alc da mangjâ. Lis parussulis a son lis plui vivis, daspó a son i mierlis e i scrics. Mi plâs il troglodit che al somee al passar ma al é plui calm, al somee che al si insumii o bel al pense, al filosofe,nol é mai di presse di mangjâ e nol à pôre che cualchidun a i puarti vie le so part. Invezit i colombs seben che a somein pesants in confront di chei altris, a son chei che a mangjin plui svelts e cence preocupâsi di nissun.Al cuarvats simpri pront a cirî alc pal so grant bec i ai dât un toc di formadi.Nol veve fan ma lu à cjapât sù e al é lât a platâlu sot des fueis dal cjariesâr. Al sà di sigûr che in citât nondé volps.

Da una settimana abbiamo la neve e gli uccelli vengono a calpestarla sul terrazzo per aver qualcosa da mangiare. Le cincie sono le più attive, prendono un seme di girasole tra il becco, si cercano un rametto per poter tenere il seme tra le zampe mentre lacerano il guscio col becco dando dei colpi come un picchio.Poi  svuotano il seme della polpa e ricominciano. Arrivano sempre in tre o quattro. I piccioni e i merli aspettano sotto per muoversi a beccare quello che cade. Altrimenti si battono per avere l'esclusiva del terrazzo. Il pettirosso s'interessa alla tecnica delle cinciallegre ma fin'ora non ha ancora capito come fare. Il troglodita che sembra ad un passero ma ha il becco più lungo e fine, sembra filosofare o sognare guardando in giro. Qualche volta becca sù qualche grano o del pâté d'insetti che ho preso in negozio. Non si preoccupa se qualcuno gli porta via la sua pietanza, tanto sa che poi gli metto da mangiare dove nessuno sà andare: sotto la grata di legno.

Cui che le fâs... / Chi la fa...

Pierdût il lavôr e piedude le sperance di cjatânt un'altri te lôr piçule vile, une copie a veve decidût di vendi sù dut e di lâ a stâ te plui grande vile che a cognossevin:Le capitâl.
Alà, nol jere stât facil di cjatâ une stanzie indulà stâ ma a le vevin cjatade. Peró tes capitâls a cji vûl un capitâl dome pal fit e si jerin rindûts cont che i pôs bêçs che a vevin a saressin  bastâts al massim par dôs setemanis. A scuignivin cjatâ un lavôr il plui prest pussibil. Nol impuarte ce lavôr, lôr a jerin pronts a dai sot. Zovins e plens di entusiasm a si jerin metûts a cirî ognun de lôr bande ma dopo di une setemane a vevin cjatât dome une pussibilitât: Comprâ pès secjât e cirî di vendilu. Vendilu indulà? A si jerin informât e a jerin finîts tar un marcjât e ancje se ogni dí a scuignivin paiâ une tasse pal puèst che a ocupavin, a rivavin distès a vendi avonde par no murî di fan. Dome che a si jerin indacuarzûts che da lôr, ogni dí al costave simpri plui cjâr e invezit pai lôrs vicins al restave simpri compagn. Parcé cussí? A vevin domandât a chel de polizie. Chel de polizie a i veve dite che se no ur plaseve, a podevin stâ cence vignî, ma che se al ves vût alc par compensâ al varès podût  sbassâ il prêsit.Di ce alc si tratavial? A vevin domandât pronts a fâ cualchi sacrifici.Ma il sacrifici al jere masse grant. Le femine, zovine e biele,a varès vût di lassâsi fâ e il so om, di no disi nuie. Robis di un'altri mont.
Cemût podevial crodi che lôr a varessin acetât?
Il di dopo, convints che a scuignivin paiâ il dopli, chel om al jere lât a cirî un'altri marcjât tant che le so femine a jere lade  tal puest di ogni dí.  Il poliziot viodint che jere di bessole a le veve tirade drenti le tende e dopo vê sierât, a le veve violade. Seben che a clamave jutori, ducj i vicins a vevin masse pôre di intervegni e il so om cuant che lu à savût, al é lât de polizie a denunziâlu. Ma de polizie a i vevin domandât se al veve cualchi testemoni e come che nissun al voleve vê problems, nissun al si jere fat indenant.
Il dí dopo, le femine a jentrave tal ufizi de polizie de vile indulà che a viveve prime e a domandave di podê vê une patent pal so om disint che dute le famee a voleve regalâ une machine di ocasion al so om e che al sarès stât ben se al vès podût ricevi  le machine e ancje la patent.
Come che a si dubitave, chel de polizie al finzeve di sei incorutibil e a i veve dite che al jere necessari che il so om al passi par fâ l'esam e che a i varès costât un tant.Ma jê a i veve dite che al si tratave di une sorprêse e che se a domandave al so om di passâ, no podevin plui fâi le sorprêse. Alore,  paiant cualchi becin in plui, a veve otignude le patent e a jere tornade dal so om. Ma ce erial sucedût tant che a jere vie al so om?
Chel dal dazi al jere vignût par scuedilu ma l'om a lu spietave e a pene rivât, a lu veve tirât drenti in te tende, al veve sierât e tacât a pestâlu come un bacalà cul pès secjât. Seben che a clamave jutori, ducj i vicins a vevin masse pôre di intervegni e al jere jessût cun tun braç, dôs cuestis rots e le mûse plene di sanc. A pene  che al veve podût, al  lu veve denunziât. Ma de polizie a i vevin domandât che se al ves vût cualchi testemoni... e come che nissun al voleve vê problems, nissun al si jere fat indenant..
Cuant che chel om al fuè clamât de polizie par spiegâsi, al disé che nol jere vêr, parcé che lui in chel dí al jere a 500km di distance daûr a passâ  l'esam pe patent. E al mostrà le patent cu le date.

2 dic 2010

Tina Modotti e Robert Capa


260 rulos di negativis a son stâts cjatâts in Messico e no son altri che le colezion di fotos sul vuere civîl de Spagne fatis dal fotograf Robert Capa dal 1936 al 1939. Lis fotos a son mostradis al museu de foto di Gnove York e al mi plasarès di lâ a visitâlu par viodi si cjati cualchi foto sù Tina Modotti parcé che seont Margareth Hooks, che a à scrit le so biografie, a si cognossevin e daspó a jerin ducj e doi in Spagne durant dute le vuere..
260 rulli di negative sono stati trovati a Messico e costituiscono una grande raccolta di documenti realizzati sulla guerra civile Spagnola dal fotografo  Robert Capa.
Le foto sono attualmente esposte al museo della fotografia di NY e mi piacerebbe andarle a vedere in quanto, potrei trovarci dei documenti su Tina Modotti che a quell'epoca, non solo conosceva Robert Capa, ma si trovava anche lei in Spagna. Le negative sono state ritrovate in Messico solo nel 1997 e fin'ora non sono mai state esposte.

1 dic 2010

robis di vuê / Cose di oggi

Tant che i medias nus rompin lis vorêlis cu le conference sul riscjalcament climatic, in Europe a nol é mai stât cussí frêt in Novembar come chest an. Da nô o vin le nêf e da vualtris?
Al supermarcjât o jeri daûr di dôs sioris sule otantine. A di une o viodevi che a i vignive jù le bave di dîs centimetros e jê a no si acuarzeve. Mi domandavi il parcé che chê di front di jê che mi mostrave lis spâlis a no i diseve nuie ma cuant che si é voltade o ai viodût che jê a veve une cjandele che i gotave dal nâs e forsite, mi soi dite, che a vevin dismenteât i façulets. Alore ur ai dât i miei. Po o soi bailât a tornâ a cjase prime che il nâs al mi coli a mi:-)
Il lave vêris al mi spietave par poni le so scjale cuintri le façade ma o ai viodût subite che cul frêt che al faseve, se i ves domandât di tornâ une altre dí a nol varès domandât miôr. Cussí o ai fat.
Cule fortune chi ai, o mi domandavi cemût disi di sbassâ il prêsit che al mi veve fat e lui mi à dât le ocasion. I ai dite di clamâmi prime di vignî, cussí i disarai che il so prêsit di 80€ par netâ 4 barcons
al é masse cjâr.

Con la conferenza sul riscaldamento del clima e le misure da prendere per evitare che succeda peggio, in Europa c'é un'ondata di freddo che in molti paesi non succede cosí da più di 25 anni. A Mosca si prevede meno 28° questa settimana. Al supermercato, nella fila davanti a me c'erano due donne sulla ottantina che parlavano. Una di loro aveva un filo di bava di 10cm che no voleva staccarsi dall'angolo della sua bocca e mi chiedevo il perché, la signora che mi mostrava le spalle non glielo faceva notare. Poi ho visto che a lei un candelotto di 5cm gli andava giù sulla bocca e pensando che nessuna delle due avesse un fazzoletto per dirsi di pulire, ho offerto i miei fazzoletti.
Poi, mi son spicciato a tornare a casa prima che il mio naso si metta a fare brutta figura.
Sulla porta di casa, il lava vetri mi aspettava per mettere la scala contro la facciata ma mi son reso subito conto che se gli avessi detto di tornare un'altro giorno, col freddo che faceva, non avrebbe rifiutato. Ed é cosí che se n'é andato via.
Questo mi darà l'occasione di rinegoziare il prezzo di 80€ che mi aveva fatto per pulire i vetri delle finestre.