I miei Video clips furlans

Loading...

06 gen 2011

I sotans / I sottomessi


Lis nestris gjenerazions a son marcadis pes vueris dai nestris pâris come se lis palotulis a vessin trapassât i lôrs cuarps par fermâsi tai nestris. Nô lis vueris o lis cognossin cence studiâ le storie, anzit, le storie nus  da  l’idee di un viaç di vilegjature pluitost che un viaç tal infier.
Cheste frase de scritore contemporanie russe Marina Simakina a descrîf le gjenerazion nassude dopo le vuere in Russie e si puedarès doprâle  par ilustrâ, in ben o in mâl, in pôc o in plui, lis gjenerazions furlanis. No sino sotans par vie che da simpri o vin stât tirâts sù a sierâ le bocje e a pleâ le schene ? Cun dutis lis vueris e i invasôrs chi vin vût, al somee ben che si vedi imparât a lassâ pierdi cence reagjî. Cul amâr des sconfitis, des robariis e des vueris subidis tai secui o pensin simpri cun rassegnazion che al é di bant combati, a si varà simpri da pleâ il cjâf.

Dal rest, le nestre storie e à pôc da mostrâ e i nestris erois e an pôc da ispirânus a part cualchi poete o compositôr che nus vegnin tal cjâf cuant che o vin un moment lancurôs da parâ vie.Di fat, chescj a son i nestris erois, int che par dute le vite, come nemic, e à vût i lors stes compaesans  o le lôr proprie famee che cun lis critichis o le indiference ju an copâts prime che a fossin nassûts. Dal rest, scuasit ducj, a son stâts veramentri ricognossûts dome dopo le lôr muart e disint chest, o soi sigûr che chest post a nol plâs a di nissun  parcé che le veretât a ferís e no varès di dîlu cussí. Ma parcé fâ demagogjie? Platâsi il cjâf par no viodi le veretât a nol siervis a nuie.
 Cualchidun, al mi disarà chi dismentei il patriarcje di Acuilee ma o lu fâs intenzionalmentri.
 Di fat, no viôt il parcé che un forest al varès di sei il plui furlan dai furlans e no viôt parcé che al sarès naturalizât furlan juste parcé che al é stât santificât. A chest pont, si puedarès ancje naturalizâ Napoleon che nus à  liberâts de autoritât di Vignêsie ancje se nus à fat finî sot de autoritât austriache o Garibaldi che nus à liberâts de Austrie ancje se nus à metûts sot de autoritât di un pipinot di re che nol veve nuie da viodi cule nestre nazionalitât.

Le nostre generazioni sono marcate dalle guerre dei nostri padri come se le pallottole avessero attraversato i loro corpi per fermarsi nei nostri. Noi le guerre le conosciamo dai racconti dei nostri padri senza studiare la storia. La storia ci dà piuttosto l’idea di un viaggio di villeggiatura invece di un viaggio nell’inferno.
Questa frase della scrittrice contemporanea Marina Simakina sembra esser fatta per illustrare, riducendo proporzionalmente in bene o in male, in poco o in troppo, , le generazioni friulane abituate da generazioni a lasciar perdere senza combattere.Infatti, la nostra storia ha poco da mostrarci, i nostri eroi hanno poco da ispirarci a parte cualche poeta o compsitore che ci vengono in testa quando abbiamo un momento di tristezza da mandar via.Infatti, questi sono i nostri eroi, gente che per nemico ha avuto l’indifferenza dei propri corregionali e che sono stati reabilitati solo dopo la loro morte.
Qualcuno mi dirà che dimentico il patriarca di Aquilea ma lo faccio intenzionalmente perché per me é stato uno straniero come un’altro e non vedo il perché sarebbe il più friulano dei friulani come se la sua santificazione fosse anche la sua naturalizzazione. Infatti, facendo cosí, si potrebbe naturalizzare anche Napoleone per averci sottratti dall’autorità di Venezia per ficcarci sotto l’autorità austriaca o Garibladi, per averci liberato dagli austriaci mettendoci  sotto un ré che fin da principio ha fatto di tutto per integrarci e farci dimenticare la nostra nazionalità.


1 commento:

Anonimo ha detto...

Siete chi ti cjanti il cjant di sant Ermacure e Fortunaat...Va li di Christian Romanini che tu cjatis ancje lis peraulis. Veramenti di caga,come se fassi copaa pal Vatican al nus fases deventaa plui furlans.