I miei Video clips furlans

Loading...

31 gen 2011

L'ordin dal âlt / L'ordine dall'alto

Al funerâl, a 'nd ere tante di chê int che fintramai i gjornâi a jerin sorprês. Ducj a volevin viodi il pari, il mostro par cualchidun e il sant par cualchidunaltri ma nissun a lu ricognosseve. Al veve talmentri gambiât che al someave sei un altri om. So fi al vignive di murî e di chiste tragjedie lui al si sintive responsabil.
Al veve di sigûr tant vaît che il so torment a lu veve trasformât. 
- Indulà isal il pari? Cual isal il pari? Joii ce vecjô ch'al é! Joii ce brut ch'al é. Joii puar om! 
A ogni pas une altri cisicheç ma al veve di rivâ fin in somp. Varessial podût rivâ? Al scuignive! Dut il pês de bare al someave rompigji le spâle ma al veve di lâ indenant. Pôs lu savevin, ma se le so  mûse a jere cussí disfate a  jere pae so colpevolece. Ce vevial mai fat?
Al si ricuardave de sô brût che a jere rivade in tal so studi cun dôs tacis di te. Ce erie vignude a fâ?  lu veve scuvierzût subite tant che a  massedavin il te cul sucar.A i veve cjapât le man come par disi alc, po invezit a i e veve bussade strinzint le man cuintri di jê. e cu lis lis lâgrimis tai vôi. Lui, mot par un sentiment paterni a i veve cjareçât il cjâf come par calmâle. Ma subite dopo a le veve strenzude cuintri di se e i veve alçât le musute par dai une bussade sul cernêli ,come par consolâle, ma subite dopo le bussade a jere finide sui lâvris e, o diu, no  jere stade une bussade di afiet ma alc di sensuâl e di profont che si use dâ dome jenfri murôs, jenfri amants. 
Alore al jere jessût par scjampâ ma subite dopo al jere tornât indaûr a cjoile.Cemût erial pussibil che le femine di so fi a sedi stade inamorade di lui e che a no lu veve mai notât prime? Le ûltime vôlte che a a vevin fevelât  insiemit al jere dal passeman des scjalis. Un passeman plen di curvis di stîl art nouveau che al jere stât disegnat da un so amí architet trente agns prime.Al veve notât che i plaseve di tocjâlu, di cjareçâ lis formis scolpidis tal marmul.A si jerin cjalâts fasint une bocje da ridi. Che a sedi stât lí, bielzà in chê vôlte, chê a veve vût ideis cussí? 
Rivâts tal coridôr al varès podût vierzi le puarte di cjase par mandâle fûr e le storie a sarès finide lí ma invezit, al si jere fermât par cjalâ lis curvis de spaliêre come se fos jê le responsabil. Ma il passeman al jere di marmul  e lui al jere fat di cjar e no di len e pôc dopo, il frussâ dai lôrs cuarps poiâts su di lôr a someavin svualâ sù pes  scjalis come par lâ in paradîs.
 Po nol s'impensave plui di nuie. Il sberghelon dal fi lu veve dismot  e lí al veve scomençât l'infier. Ce scandul! Cemût varessial podût fâ crodi che nol jere lui che al veve sedot le sô femine ma che al jere il contrari? Cule reputazion di tenticul che al veve, nissun a lu varès crodût. Nancje so fi.
Di fûr al neveave e par so fi il zardin nol jere avonde grant par vaî le so disperazion. Alore al jere jessût te strade cridant e vaint. In maniis di cjamêse. Cualchidun al veve cirut di judâlu, e domandai ce che al jere sucedût ma cemût podevial diur ce che al jere sucedût? Cemût spiegâ che so pâri, grant scritôr cognossût e amât dal popul da plui di cuarante agns al jere cussí odiôs? Jenfri i singloçs e lis lagrimis, le nêf a colave fite cence lassâi un secont di polse e invezit di fondi, i flocs a si zontavin ai flocs, il frêt al frêt e le so disperazion al so marum.
 Plui tart, cualchidun al veve clamât le polizie dopo vê notât che suntun banc un pipinot di nêf cence forme  al veve dât une zemude.Ma al jere masse tart e tal ospedâl al jere muart di polmonite sot dai vôi glaçâts di un comissari che par ordin superiôr, al veve scuignût semenâ le zizanie tar cheste famee.
Ma al veve ricevût un ordin dal alt e lu veve eseguît. Al veve fat vignî chê zovine ae centrâl e i veve dite ce che a veve di fâ. A a jere une quistion di patriotism, a veve di sedusi so missêr. Se jê no vès fat cussí, so missêr al varès lassât il paîs e il paîs al veve bisugne di lui. Al jere cussí populâr che se al partive al varès causât un grum di tuart al paîs. Pal ben dal paîs a veve di acetâ. Po par une biele e zovine femine come jê, al sarès stât facil. So missêr al jere cognossût par sei un om sensibil aes feminis.Massime lis zovinis.  E po, il so om al varès stât avisât che al veve di tasê, che nol podeve fâ scandui. Anzit, se a rifiutave a riscjave di no viodilu plui.Ordin dal âlt. 
Al so om invezit a varessin vût da rimproverâi che nol saveve tignî le sô femine ma che aromai al scuignive tasê par che no comprometi le popolaritât di so pâri. Ma chest ordin dal âlt a nol coventave plui.Miôr di cussí al si mûr e al jere muart. Mission acomplide.
Muart il fi, il  pâri al veve sôrevivût  dome un an prime di murî ancje lui. Tai  gjornâi, un grum di int, cuant che an savût che al jere muart, a vevin crodût che al si tratave inmó di chel gnûf avion  batiât cul so non e che al jere sparît tal prin svual . L'avion al jere stât batiât Maxim Gorki. 
Al funerâl, le bare di Gorki a jere poiade su vot pârs di spâlis. Il prin pâr di spâlis al jere dal om plui cognossût dal paîs. Jenfri lis spâlis un pâr di moschetis e sot di lôr, une espression sardoniche che a someave zuiâ a nascuindon. Chê di Stalin. 

Al funerale, c'era tanta gente che anche i giornali sembravano sorpresi. Tutti volevano vedere il padre che per qualcuno era il mostro e per alcuni altri era il santo ma nessuno lo riconosceva. Era talmente cambiato che somigliava un'altro uomo. Il suo caro figlio era morto e di questa tragedia lui ne era responsabile.
Aveva certamente pianto tutte le lacrime che aveva perché i suoi occhi erano secchi ma se il suo tormento lo trasfigurava.
-Dov'é il padre? Cuale é il padre? Oh come é diventato vecchio! Come é diventato brutto! Pover'uomo!
As ogni passo, sentiva qualcuno che sembrava aspettare che passasse per bisbigliare le sue riflessioni. Quanto ci mancava per arrivare? Ce l'avrebbe fatta? Si, doveva assolutamente farcela. Tutto il peso della bara sembrava rompergli la spalla.Pochissimi lo sapevano  ma era lui il colpevole della morte del figlio. Ma cosa aveva mai fatto?
Si ricordava che sua nuora era apparsa nel suo studio con due tazze di te e che mentre misciava il suo te lei gli aveva preso la mano come per dirgli qualcosa, poi e invece gliela aveva baciata prima di stringerla contro di se chinando il capo con le lacrime agli occhi. Lui, mosso da un sentimento paterno gli aveva accarezzato i capelli come se volesse calmarla ma subito dopo l'aveva presa contro di se e gli aveva alzato il visino per darle un bacio sulla fronte che  invece era finito sulle labbra e , oddio, non era stato un bacio d'affetto ma qualcosa di sensuale, di profondo che si usa solo tra amanti.
Era poi uscito nel corridoio per scappare  ma subito dopo era tornato indietro a prenderla. Com'era possibile che la moglie di suo figlio si fosse innamorata di lui e che no lo aveva notato prima?
L'ultima volta che era venuta in casa avevano parlato del corrimano delle scale. Un capolavoro disegnato da un  suo amico, un grande artista dell'art nouveau di trenta anni prima. Gli aveva sembrato notare che le piaceva di accarezzare quelle forme scolpite nel marmo. Si erano guardati, si erano sorriso. Era forse lí che gli era venuta questa idea?
Arrivati nel corridoio gli sarebbe bastato aprire l'uscio d'ingresso e  la storia sarebbe finita lí, ma esitó per guardare il corrimano come se fosse lui il colpevole. Il corrimano rimase di marmo e lui era di carne e non di legno e un'istante dopo il fruscio dei loro corpi appoggiandosi solo su sé stessi sembrava  al fruscio di un volo verso il paradiso.
Poi non si ricordava  più di nulla. Solo dell'immensa vergogna che provó quando suo figlio senza bussare era entrato in camera e li aveva trovati nudi una sopra l'altro. L'inferno era cominciato lí con il grido inumano del figlio che si prolungava lungo le scale prima di sparire di fuori nel giardino.
Di fuori nevicava e lui in maniche di camicia non sapeva dove andare a piangere la sua disperazione ed uscí in strada. Qualcuno  voleva aiutarlo e gli chiese cosa era successo. Ma come poteva spiegare che suo padre, grande scrittore conosciuto da più di quarant'anni come un grand'uomo fosse cosí odioso? Qualcuno chiamó la polizia e qualcuno l'ambulanza quando molto più tardi si accorse che quel muchio di neve che gemiva su quel banco era un uomo congelato. Morí all'ospedale sotto gli occhi gelidi del comissario della polizia al quale era stato chiesto dall'alto di seminar la zizania in questa famiglia. Aveva convocato la giovane donna e le aveva detto che per patriottismo doveva assolutamente sedurre suo suocero per impedirlo di partire all'estero. Il paese, aveva bisogno di lui ,e lei, se non voleva avere problemi doveva farlo. Avrebbe potuto non solo perdere suo suocero ma anche suo marito.
Partita lei, al comissario gli era bastato spedirle il marito dietro dicendogli che era suo dovere scoprire se i rumori pervenuti alla polizia erano fondati.Però, suo padre era troppo popolare per creare uno scandalo. Doveva tacere sotto pena di morte. Poi invece tutto era andato liscio. Meglio di cosí si muore. Ed era morto.
Il padre, sopravvisse al figlio solo un anno. Il giorno della sua morte ai titoli dei giornali molta gente non fece caso. Pensava che si trattasse della scomparsa  di un nuovo aereo che si era schiantato al suolo al suo primo volo e che era stato batezzato col suo nome. L'aereo era stato batezzato Maxim Gorki.
Al suo funerale tra le otto paia di spalle che portavano la bara, c'erano anche quelle più conosciute del paese. Tra le sue spalle una testa riconoscibile dai baffi. Tra i baffi, un'espressione sardonica sembrava giocare a nascondino. Quella di Stalin.
Link correlati:
http://www.youtube.com/watch?v=QFNw1I2hc_M&feature=player_embedded#
http://www.youtube.com/watch?v=aeAY_-ulj9U&feature=related
http://maisonsecrivains.canalblog.com/archives/gorki_maxime_/index.html

1 commento:

Gabriella Brianna ha detto...

Dear Friend

My name is Gabriella. I've just visited your blog http://furlanar.blogspot.com/ and read all your articles. It was interesting and informative. I have a “NASA SPACE NEWS” blog http://spacestation-shuttle.blogspot.com/ which I update daily. I like your updates and have placed your blog link in my http://spacestation-shuttle.blogspot.com/ blog under Informative Blogs.

It would be great, if you could spare a few minutes visiting my blog. If you find my blog to be informative, it would be nice if you could provide us a link.

Hope you like my blog and add my link soon. Waiting for your positive reply.

Regards
Gabriella