I miei Video clips furlans

Loading...

23 feb 2011

Giordano Bruno e le code dal mus / E la coda dell'asino


A Gjenoe tal 1576, in te glêsie di  Marie dal Cjistiel a si adorave une reliquie strane: A si faseve bussâ  le code dal mus che (a si pritindeve) al veve puartât il cûl sant di gjesù. Lu scriveve cussí Gjordano Bruno jenfri altris robis che ae glêsie no i lave jù. Chiste monade no jere nuie in confront des monadis metafisichis e altris considerazions filosofichis o astronomichis che le glêsie a voleve fai dineâ ma che nol à dineât e cussí al é stât brusât vîf tal fevrâr dal 1600 su le place dé fiori a Rome. 
.Dusinte agns dopo,  un comitât internazionâl jenfri i cuâi andere ancje Victor Hugo, a volevin fâ sù un monument ae sô memorie ma il pape a si oponeve cun tante fuarce che al veve minaçât di trasferî il Vatican in tun altri paîs se chest monument al fos stât acetât dai romans e dal gnûf guviern talian.
 Ma il monument al é stât fat sù distès e a si dîs che il pape Leon XIII il dí de inaugurazion dal monument al à passât dute le zornade a preâ cuintri le ostentazion dal mont a lotâ cuintri le glêsie. No us someie che chiste patetiche lote a oltrance cuintri le glêsie a é come le ostentazion de gjustizie taliane descrite da Berluscon?
Glossari
Monade = Peraule furlane che si dopre facilmentri par dî stupidagjine, robe da nuie, ecc. Etimologjicamentri a nus ven da mone  ven a stâi frice in venezian. A si dopre par mandâ in mone un mone come che i napoletâns a mandin a fâ in cûl un rompi balis.
Le monade di Gjordano Bruno invezit a é une altre. A ven de metafisiche e de filosofie e al ûl dî unitât, unitât supreme, ma ancje unitât uniche, minimâl, assolude. Insomis, il monadism di G. Bruno al sarès fat di monadologjie e nol à nuie di viodi cu le filosofie furlane:-) 


A Genova nel 1576 nella chiesa di santa maria del castello Si  adorava come reliquia e si faceva baciare  la coda dell'asino che aveva trasportato il santo culo di gesù. 
Lo scriveva Giordano Bruno tra altre cose che la chiesa non gradí e nel febbraio del 1600 lo brució vivo sulla piazza dei fiori.Duecento anni dopo, un comitato internazionale tra i quali c'era anche Victor Hugo, riuscí a far accettare l'idea di un monumento dedicato a Giordano Bruno malgrado che Leone XIII minacciasse perfino di trasferire il Vaticano altrove se questo fosse avvenuto. Ma il monumento fu eretto e forse per miracolo, si trova sempre sulla piazza dei Fiori di Roma malgrado la giornata intera trascorsa dal papa in preghiere per scongiurare il mondo di non lottare ad oltranza contro la chiesa.
Non vi sembra che questa patetica lotta ad oltranza assomiglia all'ostentazione della giustizia nel perseguitarlo descritta da  Berlusconi ?

1 commento:

frank spada ha detto...

Mi somein chei che a misdì a disin "Vive la zoventut nord-africane" e a sere " Vive i nordists"!
Mandi Jaio