I miei Video clips furlans

Loading...

28 feb 2011

Nuie da dî o masse ce fâ? Niente da dire o troppo da fare?

Tal ûltin numar de Patrie,o leievi il Dree che al diseve che le pôcje ativitât dai blogs furlans a vignive dai blogarins che a no vevin plui nuie da dî o che a jerin emigrâts sul Muselibri.Il fat al é di sigûr vêr par une buine part ma al bisugnarès ancje viodi se lis robis che un al à da dî a interessin chei che a an da lei.
Daspó, se le percentuâl dai letôrs a va a spas cule percentuâl dai furlanofonos, e che i scritôrs come i letôrs a si sparnicin dai blogs ai Facebooks, Likendins, Twitters, o Live health clubs di ogni sorte a varan masse da fâ par lâ da un a chel âltri e finalmentri a passaran plui timp a cori che a fâ ce che a fasevin prime.



Nell'ultimo numero di Patria leggevo Andrea Venier che parlava sull'attività ridotta dei blog friulani era dovuta probabilmente ai blogger che non avevano più nulla da dire ed anche al fatto che il successo di Facebook li veva attirati altrove. Sarà di sicuro vero ma credo che bisogna anche vedere se le cose che uno ha da dire interessano ancora quelli che che le debbono leggere. Inoltre, se la percentuale dei lettori é come quella dei furlanofoni e che gli scrittori come i lettori si sparpagliano tra Facebook, Likedin, Twitters o Live Health clubs di ogni specie avranno troppo da fare per andare da uno all'altro e finalmente passeranno più tempo a correre che a fare quello che facevano prima.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Il fat a l'è dovut parcé sull'ambaradan e girin ator dome ombris, e cussì tantis che, corint daur as propis e dismenteansi che “Ciò che gli uomini definiscono l’ombra del corpo non è l’ombra del corpo ma il corpo dell’anima” (O. Wilde), a si strachin tant di scugnì sta fers a polsà e interrogasi: ma jò, cui da l'ostie o soi, se par furlan o rivi a mala pene a no bagnami i bregons cuanc che o lassi disgotà i pinsirs dentri un imbut neri par fa in mut che tornin a zirà riciclansi in une fogne?
Ah, ce zornadis, nie di fa, o di dì, o spietarai che usgnot mi torni... insomme, vie cussì, ator dome par pissà, dì par dì.
Frank Spada

Jaio Furlanâr ha detto...

Al é miôr di sta cuiet cussí a si à simpri le nestre ombre a puartade di man se si à voie di cori daûr di jê o di fâsi cori daûr da jê. Vinars passât o jeri intervistât in tune radio di Bruxelles sul Friûl e le lenghe furlane e o ai incuintrât une pueme che si clame Elisabetta Spada:-) I ai domandât se a jere une to parint e i ai fevelât di Marlowe.
Mi a dite di no ma pecjât parcé che o vês alc in comun in plui dal non:
Jê a scrîf par inglês storiis merecanis. Ma a lis met in musiche e lis cjante:-)

Vitellozzo Silverdeschi Vantelli della Calastorta ha detto...

L'é dur tigní di bot ai letors simpri pi esigenz! Ad ogni mut, sa l'é dur vele dure... le pies vele flape!

Jaio Furlanâr ha detto...

Biele chê!