I miei Video clips furlans

Loading...

18 feb 2011

Razzisim / Razzismo


Seont lis razzis, o vin cjans pizzui e cjans grancj, cjans bons e cjans triscj, cjans inteligjents e cjans mones. Stesse robe cui cjavai, cui purcits, cui nemâi di ogni sorte. Tai Ucei, ogni dí o viôt une grande difarence seont lis razzis che a vegnis sule mê terace. Le parussule a rive, a sielç le sepe plui grande o plui taronde chi i ai peât in tun contenidôr devant dal barcon e a bute vie dutis chês piçulis par no vêlis tal bec une altre volte. Po a si sielc un ramaçut indulà che a pues tignîsi sù jê e le sepe jenfri lis grifis. Li a vierç le sepe martielant jù cul cjâf colps di bec da fâ tremâ i vêris. Cuant che le à vierzude a sbreghe vie le scusse e a mangje le polpe.
Tant chi bêf ne tace di café a fâs cussí ancje cinc vôltis. Sot di jê, un piçon che cualchidun al mi oblearès a dî colomb par no fâ il razzist, al si limite a becâ i fruçons che a lasse colâ le parussule o a glet lis sepis interiis cun dute le scusse.Par me il colomb al é sotsvilupât e se al simbolize le pâs al dimostre dome che al é dîs vôltis plui mone che une parussule. Duncje le mê simpatie e và ae parussule che a é piçule come un cjâf di piçon e daspó cu lis sôs sbitiadutis a mi fâs ridi tant che invezit il piçon cu lis sôs sbitiadonis a mi fâs cagâ.Oops...
Dut chest, par rivâ a dî che se o ametin lis difaerencis jenfri i nemâi, a no lis ametin plui jenfri i umans.
 Esempli : Se o dîs a un nêri che in Kenia a no si savarà mai zujâ dai scacs come in Russie, a sarai tratât subite di razzist par ducj i antirazziscj. Se invezit o dîs che in Kenia i nêris a san cori plui svelts che in Russie, o sarai forsit tratât di razzist dome dai rus. Tai doi câs, o dîs le veretât, ma le veretât no é simpri le stesse par ducj. Bon ao da continuâ ? …A contâ storiis di ucei, o vuei dî !

Secondo le razze, abbiamo cani piccoli e grandi, buoni e cattivi, da caccia o da compagnia, intelligenti o sciocchi, pacifici o attaccabrighe. Stesse cose sui cavalli, i porci e gli animali di ogni specie. 
Mentre mi bevo un caffé osservo le cinciallegre che vengono a scielgliere i loro semi di girasole dal distributore che ho appeso fuori. Prendono solo i semi più grandi o più paffuti, gli altri li buttano giù per non doverli  aver nel becco un’altra volta.Quando hanno trovato il seme giusto volano su un ramoscello fatto su misura per poter tenere tra le zampe il seme e se stesse. Poi con cualche colpo di becco squarciano il seme, strappano via la scorza e mangiano la polpa. Fanno questa operazione con una velocità straordinaria e cioé, anche cinque volte mentre io mi bevo il caffé. Il piccione, che qualcuno verrebbe farmi chiamar colombo per restare in pace, sotto la cincia, si limita a prender sù cio che la cinciallegra lascia cadere o gli butta giù per farle la carità e lui contento manda giù tutto, anche il guscio. Allora, per forza preferisco le piccole cince. Non sono più grandi che une testa di piccione ma ogni volta mi sorprendono con la loro intelligenza e poi mi fanno ridere coi loro bisognini  mentre i bisognoni dei piccioni mi fanno cagare, oops...
Questo per dire che se ammettiamo che tra gli animali ci siano delle differenze, non ammettiamo più che ce ne siano tra gli umani. 
Esempio : Se dico a un keniano che da loro non sapranno mai giocare a scacchi come in Russia, saró di sicuro trattato di razzista da tutti gli antirazzisti. Se invece dico che da loro si  correrà sempre più svelti che in Russia saró trattato da razzista solo dai  russi. Nei due casi, dico la verità ma la verità non é buona per tutti. 
Continuo ?…A parlare di uccelli, volglio dire.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Jaio, dome pe graziosità di Dame mit Facher (ué mi a fat savé che... fas un salt lì di jè e lèi!) o rivi a lassati un saludut, un mandi e zontà che tra frico fricis... W l'ambassador dal Friul!
Frank