I miei Video clips furlans

Loading...

13 feb 2011

Valentinadis / Valentinate


Lis contis de san Valentin

Un, doi, trê, dimi cemût che tu contis e ti disarai…

Il prin câs al jere stât chel di July. Une che a jere lade in Americhe a 17 agns e alà, dîs agns prime che a rivin in Europe, a veve lavorât pes Pagjinis Zâlis e a veve cussí ben lavorât che a jere stade mandade a tenzi di zâl dutis lis pagjinis telefonichis de Europe. Siché, dopo le Svezie, le Gjermanie, il Lussemburc, le Danimarche e le France a cognosseve sîs lenghis e ancje cualchi dialet ma cuant che a veve di contâ, se no stave atente a i vignive simpri di contâ in te sô marilenghe : Een, twe, drie, vier e vie indenant e al é cussí che il so sex friend al veve savût che le sô Gjuliete a jere Olandês e si clamave Juliette Van den Belle. Cun tun non cussí a nol podeve che metissi a fâ il Romeo e pe san Valentin a le veve puartade a Verone.

Il secont câs al é chel di Dolly.Dopo vê studiât il talian, a rivave a fâsi passâ par taliane inmó prime di rivâ in Friûl ma cule bocjute che veve e le frizzute che lassave indovinâ a jere finide in France indulà che a veve pierdût l’acent. Tal iet. Si, parcé che nondé nuie di miôr che il iet
par pierdi i acents e imparâ lis lenghis. Cussí, jenfri il rus obleatori dal pre-pereistroika, il furlan provisori dal sex friend dal dopo France, a varès podût contâ par talian, francês, furlan o rus ma invezit a contave in te sô lenghe mari: Ras, twa, czy, cztery, pienzc e al é cussí che al veve savût che a jere polache e che in veretât si clamave Dorota Nowydomu. Nowydomu ? Ah si, No volevial dî Casanova in polac ? E vie lôr a Vignesie pe san Valentin !

Il tierç câs al é ancje l’ûltin, a i veve dite. Ma jê a no veve capît. Cemût spiegaial? Le sô emozion a jere cussí grande che si le indovinave sot de cinturie. Alore impaçât al veve mitût sù un algoritm micidiâl par podê lâ fûr cun jê. A i veve domandât se a podeve fâi trê domandis. Trê domandis ? Parcé ? A i someave strani ma tant a no riscjave nuie e a veve acetât. Alore lui fasint fente di nuie a i veve domandât :
- Prometistu di rispuindi par si o par no aes dôs domandis che mi restin da fâcji ?
E jê a veve rispuindût di si. Daspó lui a i veve dite :
- Se le seconde e le tierce domande a son compagnis e a é cheste : - Eva, votu vignî fûr cun me ? Rispuindarastu ae seconde compagn che ae tiarce ?
Eva a veve rispuindût di si, po si jere corete e a veve rispuindût di no ma a si jere inacuarzude che a podeve rispuindi par si o par no ma il risultât al jere simpri compagn parcé che se a rispuindeve si ae seconde al voleve dî che al jere si ancje ae tiarce e se rispuindeve di no ae seconde, al voleve dî che a rispuindeve di si ae tiarce, alore a jerin finîts al ristorant par viodi se il zuc al podeve lâ indenant e al é alà che al veve savût che raz in rus al si diseve come in polac e che al voleve dî un. Un cê ?
- Cin cin, al veve dite par taiâle curte.
- Nasdarovie, a i veve rispuindût jê.
Po, pe prime vôlte in te sô vite al veve capît che nol veve plui voie di zuiâ a fâ il Casanova o il Romeo ma juste sei l'Adam di Eve.
-Piervin raz, le prime vôlte. Lu veve capît ae prime bussade. Po ancje ae seconde e jenfri lis pausis a jerin vignûts fûr ducj chei altris numars. In dutis lis lenghis. Ancje par furlan. E al é cussí che al é lât a dâ il so da, venastâi il so sí, par maridâle.
Di sigûr che ancje chest an e varan alc da contâsi pe san Valentin.



Uno, due, tre, dimmi come conti e ti diró…
Il primo caso é succeduto con July. Una ragazza che era emigrata in America a 17 anni e là, dieci anni prima che arrivino in Europa, aveva cosí ben lavorato per le pagine gialle chef u mandata in Europa per tingere di giallo tutte le pagine che poteva trovare nelle compagnie telefoniche. Cosí, dopo la Svezia, la Germania, il Lussemburgo, la Danimarca e la Francia, aveva imparato 6 lingue e anche altri dialetti ma quando doveva contare, se non faceva attenzione contava sempre nella sua madre lingua e cioé : Een, twe, drie, vier e via dicendo. Cosí il suo sex friend aveva saputo che lei era olandese e che si chiamava Juliette Van den Belle e che con un nome cosí non poteva che a mettersi a fare il Romeo e per la san Valentino la portó a Verona.

Il secondo caso é quello di Dolly.Dolly sapeva parlare cosí bene l’italiano che poteva farsi passare per italiana ancora prima di arrivare in Friuli. Con la boccuccia che aveva e quello che lasciava indovinare altrove, peró finí prima in Francia. Lí perse l’accento. Nel letto. Si perché non c’é niente di meglio che il letto per perdere gli accenti ed imparare le lingue. Cosicché, col russo obbligatorio del preperestroika ed il friulano provvisoirio del dopo Francia avrebbe potuto contare in italiano, francese, friulano o russo ma invece contava cosí : Ras, twa, czy, cztery, pienzc ed é cosí che il suo sex amico seppe che lei era polacca e che si chiamava Dorota Nowydomu. Nowidomu ? Ah, si, Casanova in italiano. E per la san Valentino la portó a Venezia.

Il terzo caso é anche l’ultimo. Cercó di spiegarglielo ma lei non capiva. L’emozione lo impediva forse di parlare ma si vedeva molto bene sotto la cintura. Comunque doveva uscire con lei e doveva trovare uno stratagemma. Trovó un algoritmo che ancora oggi serve a tutti i timidi che non sanno come fare per uscire con una ragazza.
Gli chiese se poteva fargli tre domande.
 3 Domande ? Strano, ma comunque lei accettó.
La prima domanda, disse, é questa :
-Prometti di rispondere alle due domande seguenti con si o con no ?
-Certo, rispose.
-La seconda e la terza domanda sono uguali ed é questa : Eva, vuoi uscire con me stassera ?
Dimmi allora, risponderai alla seconda nello stesso modo che alla terza ?
Lei rispose di si, poi di no, poi infine si accorse che qualsiasi fosse la risposta s’era fatta fregare. Veramente fregare ? Ma no, uscirono insieme per vedere quanto potevano ancora giocare insieme. Al ristorante, al primo bicchiere lui disse cin cin, mentre lei diceva Nasdarovie. Oddio, ancora una polacca, pensó lui. Ma no, a parte il raz che voleva dire uno nelle due lingue, tutto era differente. Piervin raz, cioé prima volta. Per la prima volta lui non gli interessava più di sapere di che nazionalità era né di giocare a fare il Casanova o il Romeo ma solo ad essere l'Adamo di Eva. Lo capí al primo bacio e il secondo lo confermó. Tra le pause tutti i numeri uscirono fuori uno a uno ed é cosí che finí per dare il suo da, cioé il suo sí quando si sposarono.
Sicuramente che per questa san Valentino avranno ancora molto da raccontarsi.

Nessun commento: