I miei Video clips furlans

Loading...

02 mar 2011

Joibe grasse / Giovedi grasso

Une joibe da dismenteâ a é chê dal 1511 che a jé stade ribateade da no sai cui come le zornade dai dirits. Cê dirits no sai. Il dirit di fâ il mone? Di fâ il salvadi? Dutcâs, fâ baruffis par une reson e po decidi che a jere par une altre al é fâ demagogjie. Le nestre storie a é ancjemó da fâ e nol é tirant fûr i fats plui vergognôs dal nestri passât come une fierece che a si fasarà miôr il futûr.
Par me le joibe grasse dal  1511 al é come il taremot dal 1976, un brut ricuart che al é miôr dismenteâ e soredut di no trasformâlu in tune biele robe.  Celebrâ chest aveniment al sarès come fâ un bal ator di une bare: Grotesc! Par siecui, cheste macabre carnevalade a jere restade tal dismenteadôr de storie po eco che cualchidun a le à tirade fûr par dai un'altri significât. Cui erial chel? Un storic?  Par me al puce di sindacalist o di demagôg. Inmó un pôc e a nus disarà che chei contadins a vevin zà le tessare de CGL e cheste macabre mascarade  a devente le nestre fieste nazionâl.
Chei che a disin che a si à di savê d'indulà che si ven par savê indulà che si à da lâ, forsit no san che chest al ûl dî ancje il contrari parcé che justamentri, bisugne dismenteâ chest joibe e lassâ i furlans fâ i lors carnavâi in pâs cence tirâ fûr chel lí come une vitorie o une vergogne.
Se l'om al é il spiêli dal so ambient al à di vê il coragjo di fâ sparî dal so ambient lis robis che a puedaressin  inquinâi il spirt tant che il cuarp.
Cence lâ tai detais de storie par vê une idee di ce che al é sucedût al bastarès cjalâ lis pituris dai pitôrs come Brueghel o Bosh prime inmó di chês dal  ostendês James Ensor o dal tarcentin Cragnolin che diu i pardoni se il so non achi nus risvee lis nestris cragnis pluitost che lis nestris gloriis.
Si, parcé che chiste barufe che po a é stade ribateade riviel a nus mostre dome che une part dai furlans a si é barufade cun tune altre e festegjâ une barufe al sarès come laudâ i vincidôrs di vê cussí ben fat i salvadis da dâ i bugjei dai muarts ai cjans o i lôrs ciruviei ai purcits. Se chest  al ves di sei alc da sei fiers di sei furlans, jo mi ribatei, mi disôci, mi tai.Mandi.


C'é in Friuli un giovedí grasso che quest'anno alcuni commemorano come una vittoria ed é stato anche chiamato il giorno dei diritti. Secondo gli storici,  il 27 febbraio del 1511, un certo numero di friulani che poi non potevano che essere contadini, furono fatti andare a combattere dei tedeschi che secondo l'istigatore, un signorotto locale chiamato Savorgnan, dovevano essere ricacciati oltr'alpe. Ma invece dei tedeschi non c'era nessuno. Rientrando verso Udine da questa magra avventura, forse ubriachi, se la presero con quelli che trovarono sulla loro strada e ne uscí una baruffa tremenda nella quale perí qualche signorotto udinese. Alcuni corpi vennero squarciati e i pezzi portati ingiro come trofei o dati da mangiare ai cani e ai porci ed il giovedí grasso finí in una macabra mascherata. Per secoli, non se ne parló più. Come se fosse una vergogna. Ma da qualche anno si usa dare un'altro significato e per poco non sta diventando una festa nazionale poiché ora é nata la leggenda della rivolta dei contadini verso i padroni. 
Chi abbia  ribatezzato questo giovedí orrendo e grottesco in giornata chiamata dei diritti non lo so, sarà  un sindacalista della cgl o il bertinotto di servizio ?  Fattostà che  sta diventando veramente grottesco. C'é perfino un comitato del giovedí grasso che ne fa la pubblicità come se fosse una giornata da celebrare invece da dimenticare ( Almeno che voglia appropiarsi  la paternità di questo fattaccio per un motivo che mi scappa).
Fatto strano, molti pittori hanno già fatto dei dipinti che volendo o nó, hanno illustrato questo fatto in un modo molto forte  e singolare, come se fossero stati presenti  o ne avessero udito parlare. Anche se puó sembrare surrealista di parlare dei loro quadri , cito  Peter Paul Brueghel e Jeronimus Boch o ancora  dell'ostendese James Ensor con l'esempio qui sopra. Poi c'é anche un pittore friulano contemporaneo che attualmente presenta una serie di quadri nello stesso spirito e  con il quale mi scuso se il suo nome Cragnolini  in questo caso mi ricorda più le cragne dei friulani piuttosto che le loro glorie.

2 commenti:

Dame mit Fächer ha detto...

Da la Joibe Grasse o crôt di vê sintût contà, par la prime volte, a une lezion tignude da Carli Pup a Palaçûl tal 2004. O vevi cjapât note ca no esist ta la tradizion popolâr parcè a si trate di fats soversîfs e che a son lis feminis che a ju ripuartin, mentri che i oms a son restîf e che, invezit, a preferissin contà robis sôs, come lis vueris mondiâls o il taramot.

Jaio Furlanâr ha detto...

Interessant di savê, done Bete.