I miei Video clips furlans

Loading...

14 mar 2011

Obsolessence, obsolescence, obsolescenza, obsolescencia

O soi forsit il prin  a scrivi par furlan chiste peraule ma le tiri fûr parcé che pal moment in tar chês altris lenghis a è scuâsit doprade tant che il taremot gjaponês.Le evoluzion de pronunzie a mi somee interessante e dutcâs, se no é miôr, no é piês di chê dai francofonos che le pronuncin obsolessànse o di chê dai anglofonos che le trasformin in obsolèssens.
Chest nus mostre ancje il vantaç che si à di savê il furlan par imparâ chês altris lenghis.A si les impare pluis svelts.
Daspó, nus puarte ancje a domandâsi cemût mai il significât al é restât compagn in dutis lis lenghis come che al jere in partence dal latin, ma cul lâ dal timp, seont il puest indulà che a é rivade e a gambiât dapardut tant che invezit che da nô, se nol fos de gnove grafie che nus impon di doprâ lis dôs esses al puest de sc, a é restade compagne come doi mil agns indaûr.Un zuc di azart?

Questa parola per il momento é usata in tutte le lingue quasi quanto lo tsunami giapponese e la tiro fuori come un classico esempio che ci dimostra come la stessa parola latina obsolescence secondo il posto dove é finita, si sia mutata prima nella pronuncia e poi spesso anche nella grafia.
Infatti, se in italiano abbiamo già delle leggere differenze tra il nord e il sud nel pronunciare la parola absolescenza, passando le alpi diventa absolessànse in francese, passando i pirenei diventa obsolescència in catalano, aboslesénsia in spagnolo e absolesência in portoghese per poi passando la Manica diventare obsolèssens in inglese mentre rimane pressoché tale e quale in friulano come se si trattasse di un gioco di azzardo.

Nessun commento: