I miei Video clips furlans

Loading...

5 mar 2011

Voltâ le cjamêse / Voltare casacca

O vevi chê di comprâ cjase in Friûl . Da bon cjargnelot o jeri filât sù diretamentri in Cjargne ma le vite in Cjargne a mi varès someade masse noiôse d'invier e alore o jeri scjampât jù pe basse indulà che nol mi varès displasût di cjapâ l'acent dai coi ma nissun paisut al mi smicjave veramentri avonde par ch'o mi fermi a considerâ le pussibilitât. Bisugne ancje dî che i plui biei puescj a son simpri bielzà cjapâts da une glêsie o da un plevan e ce ch'al reste al é pôc. O jeri duncje finît al mâr.Lí, par vêlu sot dal barcon al é scuâsit impussibil duncje, no vevi cjatât cuissà cê, dome un grum di robe standadizade e strete jenfri mûrs di incomprension dovûts ae mê abitudin di stâ tal forest e di no sei abituât a misurâ lis peraulis cui metros cuadrâts. Di fat, ce che a si conte a nol é mai ce che si mostre e alore zire e rizire mi soi dite, parcé no lâ a fevelâ triestin? Diu mi svuarbi se no je vere, le cjase che mi vares plasût le vevi cjatade insomp de culine cun vista mare. A jere bandonade da amancul 20agns e sot de nêf salvadie che a colave al mês di març o varès voltât il mont distès par metile in ordin fin cuant chi o ai viodût scrit cul pinel sul mûr: Non si vende.
E va sul osti. O a jere chê o nuje. Vevio di lâ a domandâ le caritât?
 Alore, invezit di voltâ il mont o ai voltât le cjamêse , lis mudandis e i cjalcins cu le casache e o soi lât in Spagne. Alà se vende todo. 2.300.000 abitazions vueitis invendudis e une buine part sui bords dal mâr e cun tant sorêli che in tes cjasis, d'unvier, a no si dopre nancje il riscjaldament.
Li o cjaparai l'acent catalan o valenzian che al somee ,salacor dîlu,distès plui al furlan che il triestin o il dialet di Udin. Se po o sarai juste un gnûf spagnûl come i centenârs di mil di inglês, belgas, todescs, francês e scandinâfs di ogni cerce o mi sintarai come un gnûf rus in Russie, ven a stâi un sioron parcé che le vite, in plui, a coste sul trente parcent di mancul. Hasta la proxima, o mi prepari a gambiâ di paîs.

Per trovare una casa da comperare in Italia, mi ero deciso di andare a cercare nei luoghi che mi erano piaciuti di più, allora via sul lago di Garda, sul lago maggiore, poi in Toscana, giù verso Roma per finire ad Amalfi,Ravello e la costa amalfitana. Si, un angolo per mangiare e dormire lo si trova sempre ma cercavo anche uno spazio per poter lavorare e a partire da 500m2 i posti sono rari o carissimi e se proprio cercavo vicino ad una città importante, trovavo ancora di meno. Inutile dire che nei più bei posti, se non c'é un vecchio castello, c'é sempre una chiesa o un convento e quello che rimane sono solo briciole.
Allora, perché non tornare in Friuli? Prima fermata a Venezia. Certo che vivere due tre anni a Venezia mi tentava anche se l'ultima volta ho visto cosa voleva dire l'acqua alta.Da lí alla Carnia, nel nord Friuli dove son nato non ci mancava molto. La Carnia é molto bella ma dopo un po' mi diventa noiosa e le strette valli rendono le montagne oppressanti. Sono allora scappato giù verso i colli friulani pronto a prender l'accento locale ma nessun posto mi faceva stramazzare per decidermi a fermarmi lí. Sono allora andato al mare. Posti con vista mare ce ne sono ma con dimensioni molto ridotte salvo qua e là come per esempio a Duino una villa col giardino che dà sul mare per due milioni...Un'offerta tipica di quello che no ha voglia di vendere e allora ti mette un prezzo esorbitante.
Finalmente, avevo trovato una villa in cima alla collina che dà sul mare arrivando a Trieste. Avrei imparato anche il triestin e lo sloveno per lei. Era abbondonata da almeno 20 anni ma l'avrei rimessa a nuovo finché non vidi scritto col pennello sul muro: Non si vende!
E và fan...Cosa dovevo fare? Andare a chiedere la carità? In Francia, dove ho mio fratello che sta nei dintorni di Avignon ho già visto che la scielta ed i prezzi sono come in Italia e come in Italia, quello che uno ti promette non é mai come quello che trovi quando vai a visitare e odio farmi prendere per fesso come da quel tipo al quale chiedevo dov'era il Rodano che mi aveva promesso allorché dal primo piano vedevo solo un campo di kiwi. Per niente imbarazzato mostrandomi il monticolo a 300m dopo i kiwi, mi disse che se salivo su quel monticolo, dietro c'era le Rhône...
Mais va te faire foutre, cioé và fan culo, era ora di andare in Spagna. Dove? Almeno scielgliere un posto col clima mite e cioé con 18 gradi di media all'anno.Li di sicuro non avró mai la neve come a Trieste al mese di marzo dell'anno scorso. Mi son cosí trovato sulla stessa latitudine che la Sicilia ma mille KM più ad ovest dalle parti di Alicante. Lí, con i 2 milioni e trecento mila case in vendita che ci sono in Spagna, l'unica difficoltà era quella di dover scielgliere.
Il prezzo non aveva più neanche tanta importanza poiché puoi trovare una villa per il prezzo di un appartamento in Italia. Cosí, non solo ho voltato la casacca ma tutto il resto. Inutile dire che parlare spagnolo sembra come parlare un dialetto italiano. Hasta la proxima, de España.
PS: La foto viene da tucasa.com.

6 commenti:

frank spada ha detto...

Jaio, o rivi cà dret de cjase de siore DoneBete e mi baste fa copieincolle par fati capì che o soi d'acuard cun te.

D - Secondo lei, il Friuli vivrà culturalmente, economicamente, turisticamente, industrialmente momenti di maggior splendore?
R - Lo splendore, se c’è stato, qui è ormai una luna gialla (quando c’è) invaghitasi di una salsiccia ai ferri.

Domanda e relativa risposta estratte da un'intervista (la terza in pochi mesi) rilasciata a una giornalista "foreste" - doman, forsi, dut il test al sarà online (us mandarai il link).
Mandi





Mandi

Anonimo ha detto...

Cjale chì http://donebete.splinder.com/post/24238308/la-luna-e-la-salsicciad-secondo
e se no ti ven fan... pies par te, furlan forest che tant tu torni.
Mandi

Dame mit Fächer ha detto...

Mandi Jaio,
ti met achì un off-topic rivuart a Pantani: su la Wikipedie http://it.wikipedia.org/wiki/Marco_Pantani, o ai a pene inserît la note:
Giorgio Celiberti, nel 2004, in omaggio e in ricordo di Marco Pantani realizzò un quadro che venne consegnato, assieme al primo premio, al vincitore del del 43° Giro del Friuli Venezia Giulia Elite e Under 23, la più antica gara a tappe italiana per Dilettanti.
Cumò o spieti di meti ancje la to cjançon!

Miss Welby ha detto...

peccato però. ero arrivata a metà del tuo pst e già pensavo: "ma che ci va a fare in Toscana?"
tenendo conto che mi par di capire soffri il freddo, avresti potuto insistere a cercare nella Venezia Giulia, dove il clima non è poi così terribile a parte un po' di bora ogni tanto.
e poi avresti avuto la vista mare a pochi km dal tuo Friuli.

vero però che il Friuli, che peraltro amo per esserci cresciuta, incute timore con le valli strette che citi. se penso alla Valcellina è terrificante, per non parlare dei ricordi che suscitano il terremoto del '75 e ai confini del bellunese il Vajont e addirittura sotto Santo Stefano di Cadore c'è il MONTE MORTE (si chiama proprio così!)

lo so che il Cadore non è in Friuli ma Sappada vorrebbe traslocare... insomma se godi di tanta disponibilità economica forse una opzione non esclude l'altra. spero che ci ripensi. dopo tutto Trieste è una città storica. e la tua lingua e cultura a cui tieni tanto? in Spagna, anche se lingua e cultura sono simili, ti coglierà la nostalgia. e poi pensa che col treno da Udine sei a Vienna in poche ore con una controllora turca strafiga che una notte di due inverni fa mi fece compagnia!

beh, se neanche questo ti ha convinto, ho esaurito gli argomenti e pazienza, hasta la proxima :(

Jaio Furlanâr ha detto...

Hi Miss, I'm certainly very attached to Friuli but since I take the habit to stay away from, I don't leave my sentiments to get hold of me. I also know better than foreigners what is good and what is bad there and if you know that it's the most rainy region of Italy and one of the most seismics ones you certainly understand why it's also the region of Italy with the the highest suicide rate :-) . Don't worry, it's not like in Sweden but if I tell you that I left the most rainy region of Italy to go in the most rainy region of Europe you can understand tha if I have to move I prefer to find a sunny one.
So, I finally chose Spain. It's not really a question of temperature but LIGHT.
There, I will probably find to groan about something else but, I think that we are like plants : It is better in light than in darkness. About Vienna, is just the only capital that I didn't visit yet and I think it would be nice for me too to go there for a Rondo alla turca:-)
By the way, you certainly now some turkish words too now. Sonraki

Murat ha detto...

Cumò o spieti di meti ancje la to cjançon!