I miei Video clips furlans

Loading...

31 gen 2011

L'ordin dal âlt / L'ordine dall'alto

Al funerâl, a 'nd ere tante di chê int che fintramai i gjornâi a jerin sorprês. Ducj a volevin viodi il pari, il mostro par cualchidun e il sant par cualchidunaltri ma nissun a lu ricognosseve. Al veve talmentri gambiât che al someave sei un altri om. So fi al vignive di murî e di chiste tragjedie lui al si sintive responsabil.
Al veve di sigûr tant vaît che il so torment a lu veve trasformât. 
- Indulà isal il pari? Cual isal il pari? Joii ce vecjô ch'al é! Joii ce brut ch'al é. Joii puar om! 
A ogni pas une altri cisicheç ma al veve di rivâ fin in somp. Varessial podût rivâ? Al scuignive! Dut il pês de bare al someave rompigji le spâle ma al veve di lâ indenant. Pôs lu savevin, ma se le so  mûse a jere cussí disfate a  jere pae so colpevolece. Ce vevial mai fat?
Al si ricuardave de sô brût che a jere rivade in tal so studi cun dôs tacis di te. Ce erie vignude a fâ?  lu veve scuvierzût subite tant che a  massedavin il te cul sucar.A i veve cjapât le man come par disi alc, po invezit a i e veve bussade strinzint le man cuintri di jê. e cu lis lis lâgrimis tai vôi. Lui, mot par un sentiment paterni a i veve cjareçât il cjâf come par calmâle. Ma subite dopo a le veve strenzude cuintri di se e i veve alçât le musute par dai une bussade sul cernêli ,come par consolâle, ma subite dopo le bussade a jere finide sui lâvris e, o diu, no  jere stade une bussade di afiet ma alc di sensuâl e di profont che si use dâ dome jenfri murôs, jenfri amants. 
Alore al jere jessût par scjampâ ma subite dopo al jere tornât indaûr a cjoile.Cemût erial pussibil che le femine di so fi a sedi stade inamorade di lui e che a no lu veve mai notât prime? Le ûltime vôlte che a a vevin fevelât  insiemit al jere dal passeman des scjalis. Un passeman plen di curvis di stîl art nouveau che al jere stât disegnat da un so amí architet trente agns prime.Al veve notât che i plaseve di tocjâlu, di cjareçâ lis formis scolpidis tal marmul.A si jerin cjalâts fasint une bocje da ridi. Che a sedi stât lí, bielzà in chê vôlte, chê a veve vût ideis cussí? 
Rivâts tal coridôr al varès podût vierzi le puarte di cjase par mandâle fûr e le storie a sarès finide lí ma invezit, al si jere fermât par cjalâ lis curvis de spaliêre come se fos jê le responsabil. Ma il passeman al jere di marmul  e lui al jere fat di cjar e no di len e pôc dopo, il frussâ dai lôrs cuarps poiâts su di lôr a someavin svualâ sù pes  scjalis come par lâ in paradîs.
 Po nol s'impensave plui di nuie. Il sberghelon dal fi lu veve dismot  e lí al veve scomençât l'infier. Ce scandul! Cemût varessial podût fâ crodi che nol jere lui che al veve sedot le sô femine ma che al jere il contrari? Cule reputazion di tenticul che al veve, nissun a lu varès crodût. Nancje so fi.
Di fûr al neveave e par so fi il zardin nol jere avonde grant par vaî le so disperazion. Alore al jere jessût te strade cridant e vaint. In maniis di cjamêse. Cualchidun al veve cirut di judâlu, e domandai ce che al jere sucedût ma cemût podevial diur ce che al jere sucedût? Cemût spiegâ che so pâri, grant scritôr cognossût e amât dal popul da plui di cuarante agns al jere cussí odiôs? Jenfri i singloçs e lis lagrimis, le nêf a colave fite cence lassâi un secont di polse e invezit di fondi, i flocs a si zontavin ai flocs, il frêt al frêt e le so disperazion al so marum.
 Plui tart, cualchidun al veve clamât le polizie dopo vê notât che suntun banc un pipinot di nêf cence forme  al veve dât une zemude.Ma al jere masse tart e tal ospedâl al jere muart di polmonite sot dai vôi glaçâts di un comissari che par ordin superiôr, al veve scuignût semenâ le zizanie tar cheste famee.
Ma al veve ricevût un ordin dal alt e lu veve eseguît. Al veve fat vignî chê zovine ae centrâl e i veve dite ce che a veve di fâ. A a jere une quistion di patriotism, a veve di sedusi so missêr. Se jê no vès fat cussí, so missêr al varès lassât il paîs e il paîs al veve bisugne di lui. Al jere cussí populâr che se al partive al varès causât un grum di tuart al paîs. Pal ben dal paîs a veve di acetâ. Po par une biele e zovine femine come jê, al sarès stât facil. So missêr al jere cognossût par sei un om sensibil aes feminis.Massime lis zovinis.  E po, il so om al varès stât avisât che al veve di tasê, che nol podeve fâ scandui. Anzit, se a rifiutave a riscjave di no viodilu plui.Ordin dal âlt. 
Al so om invezit a varessin vût da rimproverâi che nol saveve tignî le sô femine ma che aromai al scuignive tasê par che no comprometi le popolaritât di so pâri. Ma chest ordin dal âlt a nol coventave plui.Miôr di cussí al si mûr e al jere muart. Mission acomplide.
Muart il fi, il  pâri al veve sôrevivût  dome un an prime di murî ancje lui. Tai  gjornâi, un grum di int, cuant che an savût che al jere muart, a vevin crodût che al si tratave inmó di chel gnûf avion  batiât cul so non e che al jere sparît tal prin svual . L'avion al jere stât batiât Maxim Gorki. 
Al funerâl, le bare di Gorki a jere poiade su vot pârs di spâlis. Il prin pâr di spâlis al jere dal om plui cognossût dal paîs. Jenfri lis spâlis un pâr di moschetis e sot di lôr, une espression sardoniche che a someave zuiâ a nascuindon. Chê di Stalin. 

Al funerale, c'era tanta gente che anche i giornali sembravano sorpresi. Tutti volevano vedere il padre che per qualcuno era il mostro e per alcuni altri era il santo ma nessuno lo riconosceva. Era talmente cambiato che somigliava un'altro uomo. Il suo caro figlio era morto e di questa tragedia lui ne era responsabile.
Aveva certamente pianto tutte le lacrime che aveva perché i suoi occhi erano secchi ma se il suo tormento lo trasfigurava.
-Dov'é il padre? Cuale é il padre? Oh come é diventato vecchio! Come é diventato brutto! Pover'uomo!
As ogni passo, sentiva qualcuno che sembrava aspettare che passasse per bisbigliare le sue riflessioni. Quanto ci mancava per arrivare? Ce l'avrebbe fatta? Si, doveva assolutamente farcela. Tutto il peso della bara sembrava rompergli la spalla.Pochissimi lo sapevano  ma era lui il colpevole della morte del figlio. Ma cosa aveva mai fatto?
Si ricordava che sua nuora era apparsa nel suo studio con due tazze di te e che mentre misciava il suo te lei gli aveva preso la mano come per dirgli qualcosa, poi e invece gliela aveva baciata prima di stringerla contro di se chinando il capo con le lacrime agli occhi. Lui, mosso da un sentimento paterno gli aveva accarezzato i capelli come se volesse calmarla ma subito dopo l'aveva presa contro di se e gli aveva alzato il visino per darle un bacio sulla fronte che  invece era finito sulle labbra e , oddio, non era stato un bacio d'affetto ma qualcosa di sensuale, di profondo che si usa solo tra amanti.
Era poi uscito nel corridoio per scappare  ma subito dopo era tornato indietro a prenderla. Com'era possibile che la moglie di suo figlio si fosse innamorata di lui e che no lo aveva notato prima?
L'ultima volta che era venuta in casa avevano parlato del corrimano delle scale. Un capolavoro disegnato da un  suo amico, un grande artista dell'art nouveau di trenta anni prima. Gli aveva sembrato notare che le piaceva di accarezzare quelle forme scolpite nel marmo. Si erano guardati, si erano sorriso. Era forse lí che gli era venuta questa idea?
Arrivati nel corridoio gli sarebbe bastato aprire l'uscio d'ingresso e  la storia sarebbe finita lí, ma esitó per guardare il corrimano come se fosse lui il colpevole. Il corrimano rimase di marmo e lui era di carne e non di legno e un'istante dopo il fruscio dei loro corpi appoggiandosi solo su sé stessi sembrava  al fruscio di un volo verso il paradiso.
Poi non si ricordava  più di nulla. Solo dell'immensa vergogna che provó quando suo figlio senza bussare era entrato in camera e li aveva trovati nudi una sopra l'altro. L'inferno era cominciato lí con il grido inumano del figlio che si prolungava lungo le scale prima di sparire di fuori nel giardino.
Di fuori nevicava e lui in maniche di camicia non sapeva dove andare a piangere la sua disperazione ed uscí in strada. Qualcuno  voleva aiutarlo e gli chiese cosa era successo. Ma come poteva spiegare che suo padre, grande scrittore conosciuto da più di quarant'anni come un grand'uomo fosse cosí odioso? Qualcuno chiamó la polizia e qualcuno l'ambulanza quando molto più tardi si accorse che quel muchio di neve che gemiva su quel banco era un uomo congelato. Morí all'ospedale sotto gli occhi gelidi del comissario della polizia al quale era stato chiesto dall'alto di seminar la zizania in questa famiglia. Aveva convocato la giovane donna e le aveva detto che per patriottismo doveva assolutamente sedurre suo suocero per impedirlo di partire all'estero. Il paese, aveva bisogno di lui ,e lei, se non voleva avere problemi doveva farlo. Avrebbe potuto non solo perdere suo suocero ma anche suo marito.
Partita lei, al comissario gli era bastato spedirle il marito dietro dicendogli che era suo dovere scoprire se i rumori pervenuti alla polizia erano fondati.Però, suo padre era troppo popolare per creare uno scandalo. Doveva tacere sotto pena di morte. Poi invece tutto era andato liscio. Meglio di cosí si muore. Ed era morto.
Il padre, sopravvisse al figlio solo un anno. Il giorno della sua morte ai titoli dei giornali molta gente non fece caso. Pensava che si trattasse della scomparsa  di un nuovo aereo che si era schiantato al suolo al suo primo volo e che era stato batezzato col suo nome. L'aereo era stato batezzato Maxim Gorki.
Al suo funerale tra le otto paia di spalle che portavano la bara, c'erano anche quelle più conosciute del paese. Tra le sue spalle una testa riconoscibile dai baffi. Tra i baffi, un'espressione sardonica sembrava giocare a nascondino. Quella di Stalin.
Link correlati:
http://www.youtube.com/watch?v=QFNw1I2hc_M&feature=player_embedded#
http://www.youtube.com/watch?v=aeAY_-ulj9U&feature=related
http://maisonsecrivains.canalblog.com/archives/gorki_maxime_/index.html

28 gen 2011

Bondí / Buongiorno/Bonjour/Good morning/Buenos dias


Ce di miôr vino di vê prime di fâ gulizion? Sei lí par viodi jevâ il sorêli (Torrevieja)
Cosa c'é di meglio prima di far colazione? Esser lí all'alba per veder spuntare il sole (Torrevieja)
Qui à-t-il de mieux avant le petit déjeuner?Être présent pour voir naître le soleil à l'horizon (Torrevieja)
What can you hope better before breakfast? To be there at the rising sun moment (Torrevieja)
Que esperar antes el desayuno? Ser haí para ver el sol salir.(Torrevieja)

25 gen 2011

L'ultin at / L'ultimo atto



Cuant che l'ûltin patriot furlan al sarà muart, al restarà di lui il so ûltin messagjo.Tant chi spietín, miôr savêlu.
Quando l'ultimo patriota friulano sarà morto, rimarrà di lui il suo ultimo messaggio.

24 gen 2011

Le calme domenie / La domenica tranquilla


Tal prât un frutin al cor dut content di vê a pene imparât a cjaminâ.Sô mari sgrufuiade lu spiete cui braçs tindûts e une bocjute da ridi. A pene che il frut a i rive dongje al si bute content cuintri di jê. Jê  lu strenç, lu busse, lu trai pal aiar di contentece po a torne a metilu par tiare  e a si sposte di un'altre bande par invidâlu di gnûf a cori da jê. 
Un omp , tal viâl al cjale le scene cun tun vôli tant che cun chel altri al si prepare  a dâ une starnudade. Ma ae sô renzade, il canai devant di lui al cjape cussí pôre che al piert il control des gjambis, al cole e le sô bocje dal ridi a passe al vaî. Le mâri a cor a cjapâlu sù tant che l'omp al cor vie cuntun  scûse che nissun al sint. 
I ciulons de machine de polizie a insistin  a rompi lis vorêlis come se le sirene a ves voie di fermâsi lí. Cualchidun al fâs ne smorfie di disgust stropantsi lis vorêlis tant che lis machinis a fenzin di dai il passaç te strade e finalmentri le pulizie e passe sul marcapît. Al prin plan di un condomini un omp al vierç il barcon e al sberghele fûr cun ducj i palmons mostrant il pungj: Miardeeeee! 
Po al siare cun rabie.
Dôs feminis a spietin che le sirene a si calmi par tornâ a cjapâ le conversazion, sorprêsis di sintî chel berli  a si cjalin, a alcin lis spâlis e po si metin a ridi. Une e à un frutin che al duar te carozele cul cjucj te bocje , chê altre e à un cjan che al uiche impazient di lâ a fâ un zîr. Chê dal frut  a conte ae sô amie le sô contentece: 
-Vuê il frutin al à fat i soi prins pas.
- No! 
-,Si sí, e cemût che i plaseve di podê cjaminâ!..
Ma un avion al passe fasint sgurlâ i vêris, scjampâ i ucei e impaurî i gjats.  Il cjan de amie al tire sule cjadene par  entrâ e meti lis sôs vorêlis al ripâr ma le so parone a no si mûf. 
- Miardeee ! Al sberle inmò une vôlte chel om viers l'avion prime di sbati il barcon par no fâ sintî il non di diu che al zonte cun alcaltri. 
Lis dôs feminis, a si spostin par podê cjalâ sù cui che al cride cussí ma l'om al à bielzà sierât il barcon e lôr no viodin nuie.
Lis dôs feminis a continuin a cjacarâ.Une a fâs sí cul cjâf tant che chê altre a fâs nó come par dî ce mone che al é. Po a tornin a cjapâ le conversazion. Une a fevele dal so frut e che altre dal so cjan e po: 
-Satu cê?
-Ce?
Po i mostre che lis mans dal frut a son sgrifignadis par colpe di un omp che a lu à fat colâ.
- Cemût?
- Cun tune starnudade!
- Cun tune...Eh ma...
Ma vuê a jà propite il dí dal gjaul, cence nissune reson, l'alarm di une machine ferme dongje di lôr a si met a pivetâ, ciulâ, trombetâ...
-Miarde! Miarde ! Miardeee! Al berle jù dal barcon chel dal prin plan.  
- Joissus ! a dîs une cjalant daûr des spâlis di chê altre.
- Cê? A dîs che altre.
- Aaatcí ! Un om a i starnude cussí fuart tes vorêlis che il cjan al si met a baiâ, il pin a vaî, lis feminis a cridâ dal spachet e dal scandul e chel dal prin plan al vierç il barcon berlant fûr dute le sô miarde a ducj i soi porcos che prime al zontave cul barcon sierât.
- No isal chel omp che al à fat colâ il gno pin cule sô renzade ! A dîs le prime.
- Eh ma îse cheste une maniêre di starnudâ? A cride che altre a di chel om tant che al si fas strade par entrâ tal condomini.
- Aaatcí ! al fâs inmó plui fuart chel om lassant sbati  le puarte.
Le amie a si met a insultâlu,il cjan al si met a baiâi inmó plui fuart, il pin a vaî  come se cualchidun al volès copâlu, so mâri  a consolâlu e  jenfri dutis chestis vosariis, l'om al si volte par rispuindi cuntune mûse da tuart ma i rive tes vorêlis il berli inuman di chel dal prin plan che rivât jù pes scjalis a i cride par daûr: Miardeee! Po furiôs al và dal cjan: Miardeee! Dal pin: Miardeee! De mâri: Miardeee! De amie: Miardeee!  E da un par un, da ducj chei che in te strade a si son fermâts par viodi ce che al sucêt , po al si ferme di front de machine cule sirene : Miardeee! Le machine a tâs un moment e po a torne a ciulâ.
- Miardee! a i ripet l'om dant une pidade te ruede. Cíu ciu, a rispuint le machine fasint lâ lis lûs come i vôi di un interdet.
E jenfri il ciul de machine e il berli disperât dal om,  un puign di rabie te panse e une pidade tal cûl di chê purcite di machine, le domenie che a veve di sei calme e trancuile par
lassâ durmî chel puar om a sarà di sigûr  mancul calme dal pensât.
Le sere. Tal condomini lis lûs dai barcons si son a pene studadis che un canai al tache a frignâ. Une lûs a si impie tal secont plan. Po tal prin plan e tal tierc.Cualchidun al vôse di fâ sito. Un cjan al bae.Chei dal cuart e dal plan teren, di sigûr a son dâur a domandâsi se le gnot a sarà compagne che le gnot passade...Il frut al tâs, lis lûs si studin. Il frut al vai, lis lûs si impiin. Cualchidun al porche sot des cuviertis che nol in pues plui. 
Ma il frut al fâs i dincj.

19 gen 2011

Marlowe al Cairowe



Tant chi spietin che le regjon Friûl a fasi le sô promozion tes fieris todescjis o europeanis, o scuignin fâ un compliment ae regjon Lazio che jê a varà un stand al salon dal libri dal Cairo. Jenfri dut il made in Italy che a mostrarà, ancje il secont libri di Frank Spada, il nestri Udinês nazionâl esportazion cul titul: Dimmi chi sei Marlowe. Il libri al é un di chei che a si lein dut tun flât cuant che magari a si cjape l'aereo. Chest secont libri a mi al mi é plasût tant che il prin. Le maniere di scrivi dal Frank a é dute sô e a mi fâs pensâ  ae manière di cjantâ di Fred Buscaglione che in chei agns 50 dal libri, al zujave a fâ fumuts cui spagnolets jenfri une rasade di whisky e un macet di rôsis da ofrii ae prime biele mule, bionde o brune tinzude di biont massime se infermiêre sensibil e atenzionade.Si no vês inmó let il libri, us consei di cjapâ il plui grant plasê e di leilu cun sot font musicâl di Buscaglione. A mi mi é lade drete cussí.

Mentre aspettiamo che la Regione Friuli si metta in valore partecipando alle fiere europee, dobbiamo far i complimenti alla regione Lazio perché avrà uno stand al salone del libro del Cairo. Tra tutto il made in Italy che presenterà, anche il secondo libro di Frank Spada, il nostro udinese nazionale esportazione col titolo: Dimmi chi sei Marlowe. Il libro, come il primo,  m'é piaciuto. Il modo di scrivere dello Spada é tutto suo ma fin da principio mi ha fatto pensare al modo di fare di Fred Buscaglione che negli anni 50 tra i cerchi di fumo delle sue sigarette e l'alito di whisky, riusciva spesso a sedurre se stesso prima di farsi trovare in compagnia di una bionda bionda o una bionda bruna. Vi consiglio cosí di leggere il libro con sottofondo sonoro di Buscaglione. Un piacere tutto mio.

14 gen 2011

Monument ae blave di Mortean / Monumento al mais di Mortegliano


Vuê o fâs onôr ae blave di Mortean fasint sù un monument sule place comunâl e no dome.Invezit di mandâ lis fotos al comun, o lis met su internet. Viodin trop timp che al volarà a chei di Mortean par adotâ le idee che cuant che si é fiêrs di une rôbe a no si à di vergognâsi di mostrâlu.Sperin che no si ofindin.O dîs cussí parce che in novembar o vevi mandât un pac di fotos di chest gjenar ae direzion dal ristornant Da Nando di Mortean e che no mi à nancje rispuindût.A si saran forsit ofindûts:-) 

Oggi, faccio onore al mais di Mortegliano innalzando un monumento sulla piazza comunale e non solo lí. Invece di mandare le foto al comune, ho deciso di metterle su internet. Vediamo quanto tempo ci metteranno prima di adottare l'idea che quando si é fieri di una cosa no bisogna vergognarsi di farlo sapere. Speriamo che non si affendano. Dico cosí perché in Novembre mi ero permesso di mandare alcune foto di questo genere al ristorante Da Nando di Mortegliano e non mi hanno neanche risposto. Forse si sono offesi:-)

Altri post correlati (2007,2009,2010):
http://furlanar.blogspot.com/2008/09/la-blave-di-mortean-il-mais-di.html
http://furlanar.blogspot.com/2010/10/le-blave-di-mortean-il-mais-di.html
http://furlanar.blogspot.com/2009/07/le-blave-il-labirint-e-le-madone-di.html
http://furlanar.blogspot.com/2010/07/semi-per-scemi.html

Se al prossimo post, non sono diventato cittadino d'onore di Mortegliano per servizi resi alla comunità o dottore honoris causa dell'università di agricoltura locale sarà solo perché non sono collegati a internet:-) .

10 gen 2011

Le Cjargne che duar / La Carnia che dorme

Città di ghiaccio al concorso annuale di scultura di ghiaccio a Harbin , Cina.

O savin che i artiscj cjargniei a no mancjin ma le Cjargne dai imprenditôrs e dai pulitics dulà ise ? Le nêf e i monts de Cjargne a varessin di sei come il savalon e il mâr di Grado e Lignan. Se a Lignan in tune stagnion a rivin a fâ vignî cuatri millions di presincis e che in Cjargne a rivin dome cent mil, a si varès di tacâ a domandâsi se no jé une quistion di pulitiche, di savê  o di volê.
O dîs cussi parcé che in tun grum di paîs e di regjons, d’unvier a si organizin mostris di sculturis fatis cu le nêf o cule glace e che in Cjargne no ai sintût movi un dêt.
Si viodês I leams chi sot, o scuvierzarês che seont le grandece dal paîs, a si cjate une mentalitât plui vierte, dome che in Italie, par cjatâ alc a si scuen cori.

Harbin, Dettaglio


Gli  artisti carnici non mancano ma la Carnia dei politici o degli imprenditori non ne approfitta. La neve e i monti in Carnia non manca ma nessuno sembra accorgersi che si potrebbe usare questi vantaggi come Lignano fa della sua sabbia e del suo mare. Seppoi, a Lignano arrivano più di quattro milioni di presenze all’anno, ci sarebbe da chiedersi se in Carnia non si potrebbe almeno fare altrettanto ma é questa una questione politica, oppure non si sà o non si vuole ?
In un mucchio di paesi e di regioni italiane ed europee, con la neve o il freddo, si fanno soldi promuovendo l'attività artistica ma in Carnia cosa si fa ?
Nei link qua sotto scoprirete che spesso, la grandezza del paese va assieme all’apertura dello spirito, solo che in Italia, il paese del G8, bisogna correre per trovare qualcosa.A Brugge, vicino al mare non fa mai freddo abbastanza ma la mostra si svolge al coperto a 5 gradi sotto zero.
Leams / Links 
 http://www.zimbio.com/pictures/FscpD2UyGXf/Snow+Ice+Sculpture+Festival
http://en.rian.ru/photolents/20101209/161701373.html
http://www.giuseppeborsoi.it/wp-content/uploads/2011/01/Sculture-di-ghiaccio.jpg
http://englishrussia.com/index.php/2007/02/21/ice-and-snow-sculptures-in-petrozavodsk/

http://www.rtoddking.com/chinawin2003_hb_if.htm
http://www.rtoddking.com/chinawin2007_hb_zp.htm
http://www.russianmuseums.info/M1840
http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_ice_and_snow_sculpture_events
http://www.artinice.org/sculture.html

http://www.icesculptures.co.nz/Ice-Sculptures-Ice-Carvings-Weddings/Image-Gallery_IDL=1_IDT=1171_ID=5365_.html
http://www.brava-italia.com/bravaitalia/en/events/ice-sculpture.html
http://italiancyclingjournal.blogspot.com/2010/02/three-large-ice-sculptures-have-been.html
http://en.wikipedia.org/wiki/Ice_sculpture

06 gen 2011

I sotans / I sottomessi


Lis nestris gjenerazions a son marcadis pes vueris dai nestris pâris come se lis palotulis a vessin trapassât i lôrs cuarps par fermâsi tai nestris. Nô lis vueris o lis cognossin cence studiâ le storie, anzit, le storie nus  da  l’idee di un viaç di vilegjature pluitost che un viaç tal infier.
Cheste frase de scritore contemporanie russe Marina Simakina a descrîf le gjenerazion nassude dopo le vuere in Russie e si puedarès doprâle  par ilustrâ, in ben o in mâl, in pôc o in plui, lis gjenerazions furlanis. No sino sotans par vie che da simpri o vin stât tirâts sù a sierâ le bocje e a pleâ le schene ? Cun dutis lis vueris e i invasôrs chi vin vût, al somee ben che si vedi imparât a lassâ pierdi cence reagjî. Cul amâr des sconfitis, des robariis e des vueris subidis tai secui o pensin simpri cun rassegnazion che al é di bant combati, a si varà simpri da pleâ il cjâf.

Dal rest, le nestre storie e à pôc da mostrâ e i nestris erois e an pôc da ispirânus a part cualchi poete o compositôr che nus vegnin tal cjâf cuant che o vin un moment lancurôs da parâ vie.Di fat, chescj a son i nestris erois, int che par dute le vite, come nemic, e à vût i lors stes compaesans  o le lôr proprie famee che cun lis critichis o le indiference ju an copâts prime che a fossin nassûts. Dal rest, scuasit ducj, a son stâts veramentri ricognossûts dome dopo le lôr muart e disint chest, o soi sigûr che chest post a nol plâs a di nissun  parcé che le veretât a ferís e no varès di dîlu cussí. Ma parcé fâ demagogjie? Platâsi il cjâf par no viodi le veretât a nol siervis a nuie.
 Cualchidun, al mi disarà chi dismentei il patriarcje di Acuilee ma o lu fâs intenzionalmentri.
 Di fat, no viôt il parcé che un forest al varès di sei il plui furlan dai furlans e no viôt parcé che al sarès naturalizât furlan juste parcé che al é stât santificât. A chest pont, si puedarès ancje naturalizâ Napoleon che nus à  liberâts de autoritât di Vignêsie ancje se nus à fat finî sot de autoritât austriache o Garibaldi che nus à liberâts de Austrie ancje se nus à metûts sot de autoritât di un pipinot di re che nol veve nuie da viodi cule nestre nazionalitât.

Le nostre generazioni sono marcate dalle guerre dei nostri padri come se le pallottole avessero attraversato i loro corpi per fermarsi nei nostri. Noi le guerre le conosciamo dai racconti dei nostri padri senza studiare la storia. La storia ci dà piuttosto l’idea di un viaggio di villeggiatura invece di un viaggio nell’inferno.
Questa frase della scrittrice contemporanea Marina Simakina sembra esser fatta per illustrare, riducendo proporzionalmente in bene o in male, in poco o in troppo, , le generazioni friulane abituate da generazioni a lasciar perdere senza combattere.Infatti, la nostra storia ha poco da mostrarci, i nostri eroi hanno poco da ispirarci a parte cualche poeta o compsitore che ci vengono in testa quando abbiamo un momento di tristezza da mandar via.Infatti, questi sono i nostri eroi, gente che per nemico ha avuto l’indifferenza dei propri corregionali e che sono stati reabilitati solo dopo la loro morte.
Qualcuno mi dirà che dimentico il patriarca di Aquilea ma lo faccio intenzionalmente perché per me é stato uno straniero come un’altro e non vedo il perché sarebbe il più friulano dei friulani come se la sua santificazione fosse anche la sua naturalizzazione. Infatti, facendo cosí, si potrebbe naturalizzare anche Napoleone per averci sottratti dall’autorità di Venezia per ficcarci sotto l’autorità austriaca o Garibladi, per averci liberato dagli austriaci mettendoci  sotto un ré che fin da principio ha fatto di tutto per integrarci e farci dimenticare la nostra nazionalità.


04 gen 2011

Eclís / Eclissi

Vêso chê di viodi l'eclís?
O podês fâ il zîr des webcams che a si cjatin achi in bande sule diestre o lâ da un leam a chel âltri achi sot.Us racomandi chês dal cîl di Triest. Buine furtune.
Per vedere l'eclissi nel mondo, seguite i link qua sopra e non dimenticate i link elecanti qua sulla destra. Buona fortuna.

To see how the eclipse is going on from dirrerent points ov view in the world have a look in the links over here or on the web cams list on the right column.

Pour avoir une vue de l'éclipse dans le monde, suivez les différents links ci-dessus ou encore dans la colonne de droite.

03 gen 2011

Le ultime gote / L'ultima goccia


Al sarès il fradi dal titolâr e il fi dal fondadôr de imprêse.A nol sà nuie dai cantîrs ma parcé che al é de famee, a i an dât un puest. Il so puest al consist a lâ da un cantîr a chel altri par supervisâ i lavôrs.
A lui,i plasarès di lâ cu le Ferrari ma al scuen contentâsi de Alfaromeo sportive. Vuê, al à di lâ tar doi cantîrs. Il prin al é a pene scomençât e si trate di une vile da butâ jù prime di fâ sù un condomini.Al rive sul cantîr pivetant come par dî che al bisugne stâ atents, che al rive lui.
Sul cantîr al racomande subit a un operari di cirî di recuperâ lis piastrelis vecjis che son in te cusine che i plasarès di metilis in te sô cjase di campagne. Tant che lui al cjale, l'operari al tache ben plan ben plan cun tun scalpelin e une martieline. Le prime piastrele a si romp scuâsit subite, le seconde al rive a mieze piastrele prime che si rompi ancje chê, ae tiarce, doi porcos a vegni fûr in coro jenfri lui e l'operari. Alore a i cjape i imprescj de man par mostrâ cemût che si fâs.
- A si à da fâ ben plan. Capistu?
Toc, toc, toc...- Viotu?
Ma le prime a i romp subite. ...-A jere za fendude, al dîs.
Le seconde a si romp a mieze strade, Purcit di un...
Ae tierce al lasse colâ chel non di diu che al veve sule ponte de lenghe, al zonte un non di anemâl e un colp di martiel furiôs sule piastrele che al finis di rompi e po cun tune rabie metodiche al zonte un porco e un colp, un porco e un colp fin cuant che al rive ae ûltime piastrele. Lí al bute vie cun rabie scalpel e martiel tant che l'operari che al jere daûr a rundullâsi par tiere dal ridi al si pisse d'intor.

Tal secont cantîr, al é il dí de consegne des clâfs e a son daûr a meti la moquette. Guai a fâ erôrs. A lu dîs pivetant cul claxon di lunc de strade. Rivât li, tant che al cjacare cul client al cjale un zovin operari che al cîr di taiâ l'ûltin toc di tapêt.
Sintintsi cjalât, l'operari, di pôre, al frache cussí fuart su le rie che le man a i trime. Alore il capo a si met a cridai che al é imbranât e che nol à da vê pôre.
-Cjale mo! Al si sgrufuie, i cjape le curtisse e le rie des mans, al met le man tal mieç de rie metaliche, al ponte le curtisse insom de rie e cun tun gjest plen di estri ,sssst, al tae vie il tapêt e ...le ponte dal so poleâr.
Il dêt dal capo al si met a sanganâ e al macje dut il tapêt. Il client al tache a cridâ, lui a porcâ e l'operari a nol sà indulà metissi par no fâ viodi che al à voie di crepâ dal ridi.

Finalmentri a cjase. Le sô femine a i à puartât une butiliute cul conte gotis. Al à di meti cuarante gotis in tun vêri di âghe e po bagnâ drenti il dêt.
Al tache a contâ ben planc ben plan: uuune, d...ôs, tr...ma le tiarce le cuarte, le quinte e fint ae decime , lis gotis a i van jù cussí tacadis che nol rive a dî che tr, cua,ci,ss,t,ot , no!
Al undis al zonte un diu cun tun va sul osti e al tache a scuedi le butilie sù e jù fin cuant che nol cjate plui peraulatis da zontâ...E no 'nd é plui gotis te butiliute. Le sô femine a sclope da ridi e par fortune che al é cussi, parcé che le impazience di lui a jê a i jé simpri plasude e invezit di bagnâ il dêt tal vêri a van tal jet a bagnâ alcaltri.