I miei Video clips furlans

Loading...

28 feb 2011

Nuie da dî o masse ce fâ? Niente da dire o troppo da fare?

Tal ûltin numar de Patrie,o leievi il Dree che al diseve che le pôcje ativitât dai blogs furlans a vignive dai blogarins che a no vevin plui nuie da dî o che a jerin emigrâts sul Muselibri.Il fat al é di sigûr vêr par une buine part ma al bisugnarès ancje viodi se lis robis che un al à da dî a interessin chei che a an da lei.
Daspó, se le percentuâl dai letôrs a va a spas cule percentuâl dai furlanofonos, e che i scritôrs come i letôrs a si sparnicin dai blogs ai Facebooks, Likendins, Twitters, o Live health clubs di ogni sorte a varan masse da fâ par lâ da un a chel âltri e finalmentri a passaran plui timp a cori che a fâ ce che a fasevin prime.



Nell'ultimo numero di Patria leggevo Andrea Venier che parlava sull'attività ridotta dei blog friulani era dovuta probabilmente ai blogger che non avevano più nulla da dire ed anche al fatto che il successo di Facebook li veva attirati altrove. Sarà di sicuro vero ma credo che bisogna anche vedere se le cose che uno ha da dire interessano ancora quelli che che le debbono leggere. Inoltre, se la percentuale dei lettori é come quella dei furlanofoni e che gli scrittori come i lettori si sparpagliano tra Facebook, Likedin, Twitters o Live Health clubs di ogni specie avranno troppo da fare per andare da uno all'altro e finalmente passeranno più tempo a correre che a fare quello che facevano prima.

23 feb 2011

Giordano Bruno e le code dal mus / E la coda dell'asino


A Gjenoe tal 1576, in te glêsie di  Marie dal Cjistiel a si adorave une reliquie strane: A si faseve bussâ  le code dal mus che (a si pritindeve) al veve puartât il cûl sant di gjesù. Lu scriveve cussí Gjordano Bruno jenfri altris robis che ae glêsie no i lave jù. Chiste monade no jere nuie in confront des monadis metafisichis e altris considerazions filosofichis o astronomichis che le glêsie a voleve fai dineâ ma che nol à dineât e cussí al é stât brusât vîf tal fevrâr dal 1600 su le place dé fiori a Rome. 
.Dusinte agns dopo,  un comitât internazionâl jenfri i cuâi andere ancje Victor Hugo, a volevin fâ sù un monument ae sô memorie ma il pape a si oponeve cun tante fuarce che al veve minaçât di trasferî il Vatican in tun altri paîs se chest monument al fos stât acetât dai romans e dal gnûf guviern talian.
 Ma il monument al é stât fat sù distès e a si dîs che il pape Leon XIII il dí de inaugurazion dal monument al à passât dute le zornade a preâ cuintri le ostentazion dal mont a lotâ cuintri le glêsie. No us someie che chiste patetiche lote a oltrance cuintri le glêsie a é come le ostentazion de gjustizie taliane descrite da Berluscon?
Glossari
Monade = Peraule furlane che si dopre facilmentri par dî stupidagjine, robe da nuie, ecc. Etimologjicamentri a nus ven da mone  ven a stâi frice in venezian. A si dopre par mandâ in mone un mone come che i napoletâns a mandin a fâ in cûl un rompi balis.
Le monade di Gjordano Bruno invezit a é une altre. A ven de metafisiche e de filosofie e al ûl dî unitât, unitât supreme, ma ancje unitât uniche, minimâl, assolude. Insomis, il monadism di G. Bruno al sarès fat di monadologjie e nol à nuie di viodi cu le filosofie furlane:-) 


A Genova nel 1576 nella chiesa di santa maria del castello Si  adorava come reliquia e si faceva baciare  la coda dell'asino che aveva trasportato il santo culo di gesù. 
Lo scriveva Giordano Bruno tra altre cose che la chiesa non gradí e nel febbraio del 1600 lo brució vivo sulla piazza dei fiori.Duecento anni dopo, un comitato internazionale tra i quali c'era anche Victor Hugo, riuscí a far accettare l'idea di un monumento dedicato a Giordano Bruno malgrado che Leone XIII minacciasse perfino di trasferire il Vaticano altrove se questo fosse avvenuto. Ma il monumento fu eretto e forse per miracolo, si trova sempre sulla piazza dei Fiori di Roma malgrado la giornata intera trascorsa dal papa in preghiere per scongiurare il mondo di non lottare ad oltranza contro la chiesa.
Non vi sembra che questa patetica lotta ad oltranza assomiglia all'ostentazione della giustizia nel perseguitarlo descritta da  Berlusconi ?

21 feb 2011

Rivoluzions / Rivoluzioni/ Revolutions

Daspó de Tunisie e l' Egjit, cumò ancje le Libie, il Barain,le Algjerie,il Iemen  e chest gnûf mût di butâ jù i politics a no si sà indulà che a si fermarà cheste fiêre rivoluzionarie. Il biel al sarès che cumó a i vignís un colp ancje a Mubarak dopo di Ben Alí e alore o sai bielzà cemût fâ vignî un colp a ducj i berluscons d'Italie in te prossime manifestazion  romane.

Dopo la Tunisia, e l'Egitto, adesso anche la Libia, il Barain, l'Algeria e lo Iemen e non si sà dove si fermerà questa febbre rivoluzionaria. L'ideale sarebbe che dopo Ben Ali ora anche a Mubarak gli venisse un colpo perché vedo già come far venire un colpo a tutti i berlusconi (i politici) d'Italia nella prossima manifestazione romana.

Après la Tunisie et l'Egypte, maintenant la Libie, le Bahrain, le Yemen, l'Algerie sont en efferscence e on ne sait plus où cette fievre revolutionire s'arrêtera. L'idéal serait  que après Ben Ali, mintenant Mubarak aussi succombe d'un malhaise et alore je sais déjà ce qu'il faudrait comme slogan pour faire tomber tous les politiciens sans faire de révolution.

After Tunisia and the Egypt, now Libia,Bahrain,Yemen and Algeria are trying to put down their governments. Where this new mania will stop? The ideal thing now would be that after Ben Ali,  Mubarak too would have an heart atack because I already know what slogan to use to spare a revolution in my country.

18 feb 2011

Razzisim / Razzismo


Seont lis razzis, o vin cjans pizzui e cjans grancj, cjans bons e cjans triscj, cjans inteligjents e cjans mones. Stesse robe cui cjavai, cui purcits, cui nemâi di ogni sorte. Tai Ucei, ogni dí o viôt une grande difarence seont lis razzis che a vegnis sule mê terace. Le parussule a rive, a sielç le sepe plui grande o plui taronde chi i ai peât in tun contenidôr devant dal barcon e a bute vie dutis chês piçulis par no vêlis tal bec une altre volte. Po a si sielc un ramaçut indulà che a pues tignîsi sù jê e le sepe jenfri lis grifis. Li a vierç le sepe martielant jù cul cjâf colps di bec da fâ tremâ i vêris. Cuant che le à vierzude a sbreghe vie le scusse e a mangje le polpe.
Tant chi bêf ne tace di café a fâs cussí ancje cinc vôltis. Sot di jê, un piçon che cualchidun al mi oblearès a dî colomb par no fâ il razzist, al si limite a becâ i fruçons che a lasse colâ le parussule o a glet lis sepis interiis cun dute le scusse.Par me il colomb al é sotsvilupât e se al simbolize le pâs al dimostre dome che al é dîs vôltis plui mone che une parussule. Duncje le mê simpatie e và ae parussule che a é piçule come un cjâf di piçon e daspó cu lis sôs sbitiadutis a mi fâs ridi tant che invezit il piçon cu lis sôs sbitiadonis a mi fâs cagâ.Oops...
Dut chest, par rivâ a dî che se o ametin lis difaerencis jenfri i nemâi, a no lis ametin plui jenfri i umans.
 Esempli : Se o dîs a un nêri che in Kenia a no si savarà mai zujâ dai scacs come in Russie, a sarai tratât subite di razzist par ducj i antirazziscj. Se invezit o dîs che in Kenia i nêris a san cori plui svelts che in Russie, o sarai forsit tratât di razzist dome dai rus. Tai doi câs, o dîs le veretât, ma le veretât no é simpri le stesse par ducj. Bon ao da continuâ ? …A contâ storiis di ucei, o vuei dî !

Secondo le razze, abbiamo cani piccoli e grandi, buoni e cattivi, da caccia o da compagnia, intelligenti o sciocchi, pacifici o attaccabrighe. Stesse cose sui cavalli, i porci e gli animali di ogni specie. 
Mentre mi bevo un caffé osservo le cinciallegre che vengono a scielgliere i loro semi di girasole dal distributore che ho appeso fuori. Prendono solo i semi più grandi o più paffuti, gli altri li buttano giù per non doverli  aver nel becco un’altra volta.Quando hanno trovato il seme giusto volano su un ramoscello fatto su misura per poter tenere tra le zampe il seme e se stesse. Poi con cualche colpo di becco squarciano il seme, strappano via la scorza e mangiano la polpa. Fanno questa operazione con una velocità straordinaria e cioé, anche cinque volte mentre io mi bevo il caffé. Il piccione, che qualcuno verrebbe farmi chiamar colombo per restare in pace, sotto la cincia, si limita a prender sù cio che la cinciallegra lascia cadere o gli butta giù per farle la carità e lui contento manda giù tutto, anche il guscio. Allora, per forza preferisco le piccole cince. Non sono più grandi che une testa di piccione ma ogni volta mi sorprendono con la loro intelligenza e poi mi fanno ridere coi loro bisognini  mentre i bisognoni dei piccioni mi fanno cagare, oops...
Questo per dire che se ammettiamo che tra gli animali ci siano delle differenze, non ammettiamo più che ce ne siano tra gli umani. 
Esempio : Se dico a un keniano che da loro non sapranno mai giocare a scacchi come in Russia, saró di sicuro trattato di razzista da tutti gli antirazzisti. Se invece dico che da loro si  correrà sempre più svelti che in Russia saró trattato da razzista solo dai  russi. Nei due casi, dico la verità ma la verità non é buona per tutti. 
Continuo ?…A parlare di uccelli, volglio dire.

17 feb 2011

La frice rustide / La figa in arrosto

Cun ducj i 10 in frice chi mi soi bielzà atribuît o scuen zontâ inmó une.A fasarà ben a di chei che a Lignan o a Grado ogni vôlte che a cjalin ator a colin sun tune mule che, bagnade o sute, inpîs o distirade ju fâs tirâ i voi tar chel puest e l'imagjinazion tar chel âtri.
Yakimanka al é un cuartîr che a Moscje a nol é stât butât jù da Stalin come ducj chei altris. Al si cjate a di lunc dal flum Moscva e i moscovits che a ricevin amîs stranîrs dopo vê stât tal centro ator dal Cremlin a proponin di lâ  a Yakimanca. Dome che se  l'amî al é un japonês, al puès fruçâ il nâs o ben sei imbaraçât o ancjiemó fâ une ridade parcé che in gjaponês Yakimanca al ûl dî frice rustide. Daspó Yakimanca no si cjatial bagnât dal flum?





Arrosto di figa
Con tutti i dieci con lode che mi sono attribuito in questo campo, devo assolutamente aggiungerne un'altra. Farà molto bene a quelli che sogniacciano spiagge popolate di ragazze sempre più nude sdraiate o impiedi, bagnante o asciutte e pronti a tirare gli sguardi in quel posto e l'immaginazione in un'altro.
Yakimanka é un quartier di Mosca che Stalin risparmió dalla sua mania di distruggere il vecchio per far sù le sue cazzate all'americana. Fattostà che  se andate a visitare Mosca, a parte il centro attorno al Cremlino, finirete di sicuro anche voi dalle parti di Yakimanka. Semmai quel giorno siete li con dei turisti giapponesi guardate che reazione hanno quando sentono nominare Yakimanka. Infatti, in giapponese questo vuol dire Figa Arrostita:-) 



15 feb 2011

Le frice in sbigule / La fifa della f...

Taseit che vuê o soi stât intervistât sule lenghe furlane da une biele mule francês che a fâs une emission su lis lenghis cjacaradis dai abitants dal gno distret. Inutil dius che tal gno distret andé (Ok, hmm?) une cincuantine di nazionalitâts ma che no cognossin nuie de lenghe furlane. Alore mi soi diviertît a fâ ripeti cualchi peraule di furlan ae gjornaliste e, (o lu varessis scometût nomo?) i ai fat crodi che le peraule plui popolâr de nestre lenghe a jere Frice! Il biel al é che a mi à crodût! Va ben, o ai ancje di ameti che i ai fat une di chês serenadis che a sarès restade cun me fin-t-ae sere. Ce puedio fâ? Dome rispuindi aes domandis? O i ai juste dite che jê a jere un biel esemplâr...
Insomis, i abitants di Bruxelles che a scoltaran le sô emission a ridaran di sigûr parcé che achi, come dapardut, aromai le sole religjon a é le frice e le finance. Dapardut? Mi domandi distès se in Friûl al é veramentri cussí parcé che nissun fin cumó mi à invidât par une interviste. Anzit, si, une dí, cualchidun, al mi à mandât un formulari plen di domandis da fâ cagâ ancje un plevan e sicome chi no i ai rispuindût come che al varès volût, le interviste no jé mai stade publicade.Al veve di vê vût pôre, puarin! Ma si scuegnial simpri sei seris ? No sin migo ducj prins ministros, no?

Zitti che oggi sono stato intervistato sulla lingua friulana da un bella ragazza francese che fa un'emissione sulle lingue parlate dagli abitanti del quartiere. Inutile dirvi che nel mio distretto ci sono una cinquantina di nazionalità ma che il friulano non lo conoscevano. Allora mi sono scatenanto parlandogli di storia, di emigrazione,di gastronomia e altro per infine arrivare al frico. Ma il frico e tutto il resto era solo un prestesto per farle ripetere la parola frice dicendole che da buon friulano consideravo che lei era un bel esemplare. Il bello é che mi ha creduto e che adesso é convinta che la parola più popolare nella nostra lingua é proprio Frice. Gli abitanti di Bruxelles che ascolteranno il suo programma, faranno di sicuro una bella risata e chissà, forse farà parte delle parole più popolari utilizzate dai bruxellesi:-) Comunque mi son preso la rivincita sul giornalista friulano che un giorno mi ha mandato due pagine di domande per una intervista che poi non ha mai pubblicato. Come se della frice avesse avuto paura:-) Ma bisogna sempre essere seri? No siamo mica tutti primi ministri, no?

13 feb 2011

Valentinadis / Valentinate


Lis contis de san Valentin

Un, doi, trê, dimi cemût che tu contis e ti disarai…

Il prin câs al jere stât chel di July. Une che a jere lade in Americhe a 17 agns e alà, dîs agns prime che a rivin in Europe, a veve lavorât pes Pagjinis Zâlis e a veve cussí ben lavorât che a jere stade mandade a tenzi di zâl dutis lis pagjinis telefonichis de Europe. Siché, dopo le Svezie, le Gjermanie, il Lussemburc, le Danimarche e le France a cognosseve sîs lenghis e ancje cualchi dialet ma cuant che a veve di contâ, se no stave atente a i vignive simpri di contâ in te sô marilenghe : Een, twe, drie, vier e vie indenant e al é cussí che il so sex friend al veve savût che le sô Gjuliete a jere Olandês e si clamave Juliette Van den Belle. Cun tun non cussí a nol podeve che metissi a fâ il Romeo e pe san Valentin a le veve puartade a Verone.

Il secont câs al é chel di Dolly.Dopo vê studiât il talian, a rivave a fâsi passâ par taliane inmó prime di rivâ in Friûl ma cule bocjute che veve e le frizzute che lassave indovinâ a jere finide in France indulà che a veve pierdût l’acent. Tal iet. Si, parcé che nondé nuie di miôr che il iet
par pierdi i acents e imparâ lis lenghis. Cussí, jenfri il rus obleatori dal pre-pereistroika, il furlan provisori dal sex friend dal dopo France, a varès podût contâ par talian, francês, furlan o rus ma invezit a contave in te sô lenghe mari: Ras, twa, czy, cztery, pienzc e al é cussí che al veve savût che a jere polache e che in veretât si clamave Dorota Nowydomu. Nowydomu ? Ah si, No volevial dî Casanova in polac ? E vie lôr a Vignesie pe san Valentin !

Il tierç câs al é ancje l’ûltin, a i veve dite. Ma jê a no veve capît. Cemût spiegaial? Le sô emozion a jere cussí grande che si le indovinave sot de cinturie. Alore impaçât al veve mitût sù un algoritm micidiâl par podê lâ fûr cun jê. A i veve domandât se a podeve fâi trê domandis. Trê domandis ? Parcé ? A i someave strani ma tant a no riscjave nuie e a veve acetât. Alore lui fasint fente di nuie a i veve domandât :
- Prometistu di rispuindi par si o par no aes dôs domandis che mi restin da fâcji ?
E jê a veve rispuindût di si. Daspó lui a i veve dite :
- Se le seconde e le tierce domande a son compagnis e a é cheste : - Eva, votu vignî fûr cun me ? Rispuindarastu ae seconde compagn che ae tiarce ?
Eva a veve rispuindût di si, po si jere corete e a veve rispuindût di no ma a si jere inacuarzude che a podeve rispuindi par si o par no ma il risultât al jere simpri compagn parcé che se a rispuindeve si ae seconde al voleve dî che al jere si ancje ae tiarce e se rispuindeve di no ae seconde, al voleve dî che a rispuindeve di si ae tiarce, alore a jerin finîts al ristorant par viodi se il zuc al podeve lâ indenant e al é alà che al veve savût che raz in rus al si diseve come in polac e che al voleve dî un. Un cê ?
- Cin cin, al veve dite par taiâle curte.
- Nasdarovie, a i veve rispuindût jê.
Po, pe prime vôlte in te sô vite al veve capît che nol veve plui voie di zuiâ a fâ il Casanova o il Romeo ma juste sei l'Adam di Eve.
-Piervin raz, le prime vôlte. Lu veve capît ae prime bussade. Po ancje ae seconde e jenfri lis pausis a jerin vignûts fûr ducj chei altris numars. In dutis lis lenghis. Ancje par furlan. E al é cussí che al é lât a dâ il so da, venastâi il so sí, par maridâle.
Di sigûr che ancje chest an e varan alc da contâsi pe san Valentin.



Uno, due, tre, dimmi come conti e ti diró…
Il primo caso é succeduto con July. Una ragazza che era emigrata in America a 17 anni e là, dieci anni prima che arrivino in Europa, aveva cosí ben lavorato per le pagine gialle chef u mandata in Europa per tingere di giallo tutte le pagine che poteva trovare nelle compagnie telefoniche. Cosí, dopo la Svezia, la Germania, il Lussemburgo, la Danimarca e la Francia, aveva imparato 6 lingue e anche altri dialetti ma quando doveva contare, se non faceva attenzione contava sempre nella sua madre lingua e cioé : Een, twe, drie, vier e via dicendo. Cosí il suo sex friend aveva saputo che lei era olandese e che si chiamava Juliette Van den Belle e che con un nome cosí non poteva che a mettersi a fare il Romeo e per la san Valentino la portó a Verona.

Il secondo caso é quello di Dolly.Dolly sapeva parlare cosí bene l’italiano che poteva farsi passare per italiana ancora prima di arrivare in Friuli. Con la boccuccia che aveva e quello che lasciava indovinare altrove, peró finí prima in Francia. Lí perse l’accento. Nel letto. Si perché non c’é niente di meglio che il letto per perdere gli accenti ed imparare le lingue. Cosicché, col russo obbligatorio del preperestroika ed il friulano provvisoirio del dopo Francia avrebbe potuto contare in italiano, francese, friulano o russo ma invece contava cosí : Ras, twa, czy, cztery, pienzc ed é cosí che il suo sex amico seppe che lei era polacca e che si chiamava Dorota Nowydomu. Nowidomu ? Ah, si, Casanova in italiano. E per la san Valentino la portó a Venezia.

Il terzo caso é anche l’ultimo. Cercó di spiegarglielo ma lei non capiva. L’emozione lo impediva forse di parlare ma si vedeva molto bene sotto la cintura. Comunque doveva uscire con lei e doveva trovare uno stratagemma. Trovó un algoritmo che ancora oggi serve a tutti i timidi che non sanno come fare per uscire con una ragazza.
Gli chiese se poteva fargli tre domande.
 3 Domande ? Strano, ma comunque lei accettó.
La prima domanda, disse, é questa :
-Prometti di rispondere alle due domande seguenti con si o con no ?
-Certo, rispose.
-La seconda e la terza domanda sono uguali ed é questa : Eva, vuoi uscire con me stassera ?
Dimmi allora, risponderai alla seconda nello stesso modo che alla terza ?
Lei rispose di si, poi di no, poi infine si accorse che qualsiasi fosse la risposta s’era fatta fregare. Veramente fregare ? Ma no, uscirono insieme per vedere quanto potevano ancora giocare insieme. Al ristorante, al primo bicchiere lui disse cin cin, mentre lei diceva Nasdarovie. Oddio, ancora una polacca, pensó lui. Ma no, a parte il raz che voleva dire uno nelle due lingue, tutto era differente. Piervin raz, cioé prima volta. Per la prima volta lui non gli interessava più di sapere di che nazionalità era né di giocare a fare il Casanova o il Romeo ma solo ad essere l'Adamo di Eva. Lo capí al primo bacio e il secondo lo confermó. Tra le pause tutti i numeri uscirono fuori uno a uno ed é cosí che finí per dare il suo da, cioé il suo sí quando si sposarono.
Sicuramente che per questa san Valentino avranno ancora molto da raccontarsi.

9 feb 2011

La vite devant di se / La vie devant soi

Cul libri spleât sule mûse, i vôi si sierin miôr e a si rivares ancje a durmî ma il titul dal libri al faseve tirâ i vôi ae int che passave dongje e cualchidun al si impensave che Romain Gary al veve scrit il libri sot di un un pseudonim e cussì al veve vinçût il Premi Goncourt dôs voltis. Nissun nol pues partecipâ al premi Goncourt plui di une volte, ma cussì, juste par viodi ce che al vares sucedût, Gary al veve firmât il libri cun tun altri non e a nol olsave lâ a ritirâ il so premi.
Ma il Prix Goncourt a no si pues rifiutâ e alore a è vignude fûr le sô storie di un bocje, fi di une putane alzerine che al jere stât tirât sù da une putane ebree in pension. Veramentri dut un program da fâ rifleti su lis miseris dal mont e justamentri, lei il libri sot di tant sorêli al mi someave indecent e lei il libri cu lis sôs peraulis tacadis sul nâs a nol jere miôr ancje si vevi  il cernêli in te ombrene. No durmivi. Cule Vite devant di se a no si duar. O jeri juste ponet sun tune bancje. A doi pas, un pensionât, par vuadagnâ cualchi franc, al bateve lis mans par tirâ l'atenzion tignint pal ajar une cjadree poiade sul su barbuç. Ao dite ajar? O ai confondût le peraule "aiar" cun Emile Ajar, ven a stâi il pseudonim doprât da Roman Gary par firmâ chest libri e o ai confondût lis miseriis dal libri cun chês ator di me.

7 feb 2011

Dulcis in fundo

Le bancjine al fâs 1km250 di lungjece. Ce sono 1700 metros? Nuie, juste 3500 metros pa lâ e tornâ e ce sono 3km e mieç ? Juste avonde par facji pensâ che plui a tu stâs a fâiu e plui a tu stâs ben. No capis par nuie chei chi viôt passâ sù e jù corint cu lis vorelis stropadis de lôr musicute di sachetin. Mi plâs miôr di viodi chel vecjo vistût ae ùltime mode di maratonîr che al somee a un coridôr ch'al cor a ralentament parce che al cor plui ben plan che jo cuant chi cjamini.
Ae fin de rostre, lait in mome ma achi ogni di aé domenie e mi fermi al Keeper. O podês viodimi al Keeper ogni dí lant in tes Webcams achi a diestre (Torrevieja). Li o comandi un cafe con leche y churros e o ricêf un capucin cui crustui e il camarîr al zonte il Daily Mirror parcé che al crôt chi sedi un inglês di chei de basse invezit di un furlan che al cîr di fevelà spagnûl. Duncje o doi une cjalade a chest gjornalat tant chi mi onç i dêts di vueli mangjant i churros. Nuie da dî, i crustui a saressin miôr e o lassi colâ il Mirror par cjalâ il mâr. A fuarce di mâr, di blu· e di sorêli ator di me, no rivi adore a viodi il vêr di nissune altre bande. Ma un tic plui in ju· o ai let Café del dolç. Alore o ai pensât che achi a si fevele inmó il catalan o il valenzian seont indulaà che a si si cjate. O pensi alore che chel can dal osti di linguist catalan che al é stât clamât in Friûl par fânus crodi che a si veve bisugne di une gnove grafie al vignive propite di achi dongje e par me a nol eé stàt onest e neutrâl come che al veve di sei. Al nus à imponût une letare dal so alfabet come se a no si vares podût stâ cence. Difat, si o cirìs la ç te tastiêre taliane o no rivais a scrivi par furlan cuant che invezit prime a si rivave distes a scrivi cule z.
Ma chiste modernitàt mi fâs pensâ distes che si soi nassût in mont o puedares distes murî al mâr di achi parce che il spagnûl e il catalan a mi fasin sintî plui furlan che il mâr di Grado o di Lignan, indula· che chei che a fevelin furlan a son i venits e indulà che i furlans a mi fasin cagâ cul lôr fevelâ venit.