I miei Video clips furlans

Loading...

29 mar 2011

Blog sospindût / Blog sospeso

Mi scuso con tutti per aver sospeso il blog ma non é colpa mia. Un hacker s'é introdotto nel mio sito e secondo Google, distribuisce maleware a quelli che lo visitano. Siccome il sito é in relazione col blog, google mi ha messo in quarantena con tutti e due. Devo dire anche che un friulano anonimo ha cercato di fare la stessa cosa: lasciare un link nel suo commento per mandarvi in un sito porno e siccome l'ho cancellato puó darsi che non gli sia piaciuto. Torneró comunque appena avró sistemato questo o questi intrusi.

O varês forsite viodût che un furlan al jere zà vignût a secjâ lis balis lassant un leam tal so coment. Se il coment al jere fat in furlan, al jere juste par fâus lâ sul so sito pornografic e alore o ai simpri scancelât. Nó chi sedi un puritan o un mangjeosties ma par me al jere spam e nujaltri. Daspó o soi stât achât da un hacher che al si é infiltrât tal gno sito par fâ compagn che in tal blog. Par fuarce che Google al mi à stramaledît e o scuignarai spietâ ch'al torni a dâmi le sô benedizion prime di tornâ a vierzi. Intant, o mi domandi dome chest: Cuâi sono i sitos chi cjatais tal gno blog da agns e agns ben lincâts e che no an mai lincât il gno blog fin da prinzipi? O viodarês che a son simpri chei. Come si vès vût la peste. E ben, cumó nol covente plui lincâmi, le ai par dabon, ma forsite al é ancje un vantaç, cussí nol covente chi ledi a lecâ il cûl a di nissun.Saludis.

15 mar 2011

Sâl o sucar ? / Sale o zucchero? / Salt or sugar? / Sel ou sucre?



Tant che lui al cjacarave ae so femine, jo o  massedavi il gno café e o cjalavi il gno vicin sdarnâ jù sâl cence misure tes sôs patatis fritis. Plui lui al spacave jù sâl e plui jó o massedavi il café. Ae prime bocjade o spietavi ch'al fasès une smorfie di disgust ma le smorfie le ai fate jo parcé che par cjalâlu o vevi dismenteât di meti il sugar tal café. Le sô femine che mi cjalave a si jere mitude a ridi tant che il so om preocupât, al cjalave insospetît  lis patatis che di sigûr al cjatave inmó masse sucaradis tant che jo, preocupât o mi domandavi se il so sâl a nol fos rivât in te mê tace cule imagjinazion.

Stava parlando a sua moglie ed io guardavo la sua mano scuotere la saliera sul piatto di patatine fritte, mentre misciavo il mio caffé .Più lui scuoteva sale e più io misciavo il caffé. Quando infine era arrivato di sicuro ad avere il sale con patatine frittte che desiderava mi aspettavo a un bella smorfia di disgusto ed infatti sputai fuori il caffé con ribrezzo perché avevo certo misciato bene e a lungo ma avevo dimenticato di metter lo zucchero per guardare lui: Il mio vicino di tavolo.
Sua moglie mi guardava divertita mentre suo marito, dopo il primo boccone, si mise di nuovo a scuotere la saliera guardando con sospetto le patatine che verosimilmente dovevano essere ancora troppo zuccherate. Io invece mi chiedevo se con la mia immaginazione il sale del vicino non fosse arrivato nella tazza del mio caffé.



Pendant que je melangeais mon café, je regardais mon voisin se verser du sel sur ses frites en parlant à sa femme. Plus il en ajoutait et plus je mélangeais. À sa première bouchée, Je m'attendais a une grimace de dégoût et en effet ,je crachai mon café dégoûté. J'avais certes bien mélangé mon café mais j'avais oublié de mettre le sucre. Sa femme qui me regardait se mit à rire. Son homme par contre, se mit à ajouter du sel en regardant avec méfiance ses frites qui vraisemblablement étaient encore trop sucrées. Tout comme moi je regardais mon café car vraisemblablement il était trop salé.



While I was mixing my coffe I was looking my neighbour who was salting his fried potatoes without taking care because he was talking with his wife in the same time. The more he was putting salt and the more I was mixing.I was waiting from him a grimace for his first swallow but I got a grimace from my self because if I mixed my coffe very carrefully I didn't put sugar inside. His wife who was looking at me she was laughing while his husband suspicious was looking his fried potatoes like if they were still too sweet and I was looking my coffe like if it was too salt:-)

14 mar 2011

Obsolessence, obsolescence, obsolescenza, obsolescencia

O soi forsit il prin  a scrivi par furlan chiste peraule ma le tiri fûr parcé che pal moment in tar chês altris lenghis a è scuâsit doprade tant che il taremot gjaponês.Le evoluzion de pronunzie a mi somee interessante e dutcâs, se no é miôr, no é piês di chê dai francofonos che le pronuncin obsolessànse o di chê dai anglofonos che le trasformin in obsolèssens.
Chest nus mostre ancje il vantaç che si à di savê il furlan par imparâ chês altris lenghis.A si les impare pluis svelts.
Daspó, nus puarte ancje a domandâsi cemût mai il significât al é restât compagn in dutis lis lenghis come che al jere in partence dal latin, ma cul lâ dal timp, seont il puest indulà che a é rivade e a gambiât dapardut tant che invezit che da nô, se nol fos de gnove grafie che nus impon di doprâ lis dôs esses al puest de sc, a é restade compagne come doi mil agns indaûr.Un zuc di azart?

Questa parola per il momento é usata in tutte le lingue quasi quanto lo tsunami giapponese e la tiro fuori come un classico esempio che ci dimostra come la stessa parola latina obsolescence secondo il posto dove é finita, si sia mutata prima nella pronuncia e poi spesso anche nella grafia.
Infatti, se in italiano abbiamo già delle leggere differenze tra il nord e il sud nel pronunciare la parola absolescenza, passando le alpi diventa absolessànse in francese, passando i pirenei diventa obsolescència in catalano, aboslesénsia in spagnolo e absolesência in portoghese per poi passando la Manica diventare obsolèssens in inglese mentre rimane pressoché tale e quale in friulano come se si trattasse di un gioco di azzardo.

11 mar 2011

Tortellini, tortelloni, cjarsons, pelmeny, varenniki, pide, tacos

Un grum di talians lâts pal mont a san ce che al ûl dî fâsi clamâ macaroni juste parcé che ducj a crodin che in Italie a si mangji dome spaghets e paste, ma se a laressin a viodi tai frigos dai rùs a cjataressin scuasit simpri un pachet di pelmeni o di varenniki pronts a sei cuets e cuinçâts in câs di urzence.E se laressin a viodi in Cine, diu nus vuardi, cuissà ce che a disaressin. I pelmeni a no son altri che i tortelins e i varenniki a no son altri che i cjarsons .
Dome che da lôr, dopo sei stâts scuâsit obleâts di mangjâ un grum di paste e spaghets durant il comunisim, par lôr i spaghets a son sinonims di fâlç e martiel  e cumó a cjalin le paste e i spaghets come alc di basse cualitât.
Invezit dai pelmeni e varenniki lôr e an fat praicamentri il lôr plat nazionâl. Seont lôr al é simpri stât cussí e chiste specialitât a é cognossude in ducj i paîs de vecjie union sovietiche.
Cemût isal alore che da nô a é juste une specialitât jenfri altris?
Cualchidun su internet al dîs, che i cjarsons a son fats in Cjargne fin de medie ete.
Dome che se in Cjargne a si continue a fâ i cjarsons in cjase dome pes grandis ocasions, in Russie, invezit andé ben 500 fabrichis diferents par podê contentâ ducj chei che no an plui timp di fâiu in cjase.
Ma cemût ju mangjino lôr? Nô o vin le manie di ficjâ il formadi gratât un tic pardut ma chest a nol fâs part dal lôr gust. .Lôr a ju mangjin cule creme, massime i varenniki, o ben cule spongje ma o ai bielzà viodût di chei che a lavin mats pai pelmeni cul asêt. Massime d'estât. A ju mangjin fintramai di buinore prime di lâ a vôre parcé che da lôr al é un dai pascj plui impuartants de zornade.
Ma d'indulà vegnino i tortellins, cjarsons,verenniki, pelmeni e pastis ?
Chi o sin obleâts di lâ a viodi des bandis de Cine . Lí, s'o cjalais il video e le lôr storie no podês crodi che a no sedin lôr che no vêtin inventât  i prins impascj. Che sedin rivât in Russie pe Siberie prime di rivâ da nô o che sedin rivâts pe stradis fatis da Marco Polo, le strade nus mene simpri in Cine. Se po, come pe pizze le idee a é stade rifate pe strade chest al é ancje pussibil. Ciert che le manie di fâ une paste di farine di forment o di risi e di brustulîle fete par fete par doprâ pai luncs viaçs a é stade simpri doprade dapardut in orient e si viodin cemût che a fasin il pan inmó vuê des bandis dal Afganistan e dal Tibet a si viôt subite che i napoletans e an dome zontât le salse di pomodoro parsôre prime di clamâle pizza cul formadi tant che i turcs a zontavin un tic di dut par fâ le lôr pita.
Insome inmó une cineserie? Vé achi le ricete par fâ i pelmeni. A nus le dà une inglês che a sta a Moscjie . Jê a dopre dome le farine ma un grum di rus a doprin ancje cartufulis come da nô a si fâs pai gnocs o come in Cine che a doprin dut ce che al é stât pussibil di cjatâ come ingredient a di lunc da siecui o come in Indie o in Messico cule farine di blave dai tacos.




Da dove vengono i tortellini?
Il nome é certo italiano ma se fosse stato inventato in Italia avrebbero lo stesso nome nel resto del mondo e non é assolutamente il caso. Se guardiamo nella storia, verrebbero di sicuro dalla Cina come del resto la pasta e gli spaghetti. Basta vedere come fanno gli spaghetti in Cina per capire che siamo in materia, malgrado la nostra ricchezza, i loro parenti poveri Per quale via siano arrivati in Italia non si sa. Forsei attraverso la Siberia poi in Russia e nei paesi slavi ma anche attraverso l'oriente e l'estremo oriente.
Infatti, chi non conosce i Pelmeni che si trovano nel 95% dei frigoriferi slavi pronti ad esser cotti nei casi urgenti?
Stranamente, in tutta la vecchia unione sovietica ci sono altrettante ricette di pelmeni che da noi coi tortellini. Ci sono perfino i cjarsons sotto il nome di varenniki (da varennie e cioé la marmellata ).
I cjarsons sono una specialità di tortellini dolci del nord Friuli.Come da noi, ci sono le specialità fatte in casa e quelle industriali che in Russia sono prodotte in 500 dico ben cinque zero zero, fabbriche differenti! Di che far paura:-)
Come in Italia, secondo le regioni, ognuno ha il suo modo di fare. Naturalment all'est si usa quasi solo il burro mentre da noi si usa l'olio di Oliva sempre di più . Per gli ingredienti é la stessa cosa. La pasta puó esser fatta con sola farina di grano o farina di riso, o patate miste con la farina. Per le salse e le farse questo dipende spesso da quello che c'é in casa o dalla fantasia della cuoca o del cuoco. Quello che non si vedrà mai in Italia sono i tortellini per colazione che invece sono più comuni in Russia poiché al mattino fanno uno dei pasti più importanti.Se siete in un albergo e che vi organizzate bene a colazione, non avrete bisogno di interrompere la giornata per andare a pranzo:).
Chessia da noi il paese dove si hà più fantasia? Certo che le mentalità delle regioni sono spesso cosí diverse che si vede anche nella cucina ma se questo rimane visibile da noi con le pizze e la pasta,bisogna ammettere che questo vale anche per la Cina (Vedi video) o laTurchia coi le sue pide o  il Messico con i suoi tacos e adesso che lo sapete, anche con i pelmeny o i varenniki della Russia (Vedi ricetta russa nel blog di un'inglese di Mosca:-)



10 mar 2011

Dopre e bute / Usa e getta


Il dopre-e-bute a é le nestre maladie merecane . Il piês al é che simpri di plui, o butin vie robe cence che si le vedi mai doprade come achi tar chest grum di fii, surîs e pantianis eletronichis che cui telefonins e i telefonons al fâs sui dîs chilos di robe. Ce fâ? Par no vê rimuars di cussience o fasarai come cui libris che no mi coventin plui: Ju metarai di fûr di cjase sul marcepît par lassâju cjapâ sù da chei che a volaran dâi une seconde vite.Amancul che o trasformi chiste foto in tun cuâdri o une sculture.


L'usa e getta é una malattia che ci viene dagli USA e che ci conduce a fare delle cose che neanche ci immaginavamo possibili e cioé: Il non usa ma getta.
Questo é un monticolo di fili per computer e affini, certi telefonini e topolini  non servono più  da un pezzo ma più della metà di quello che si trova non ha mai servito.
Siamo ridotti veramente male. Sola consolazione: Se li metto sul marciapiede, tutto parte in due tre ore.La settimana scorsa avevo una cinquantina di libri di informatica ormai out of date ma hanno interessato subito qualcuno. Adesso ho un vicino che veglia davanti a casa per aver la precedenza in caso metto fuori altre cose.

08 mar 2011

Friûl in flamis / Friuli in fiamme

Le ûltime vôlte chi vevi picjât un fuc in Friûl al jere par vie dai benzinârs. Vuê par fâ puest tai armârs e fâ un post tal blog o scuegnivi brusâ alc e cussí o ai brusât il Friûl.
Ce no si fasial par fâ un post ?
Daspò in zenâr no soi rivât a fâ il gno pignarûl personâl ni di fâ il zîr dai arborâs   e alore o tachi cumó a brusâ il vecjo par lâ tal gnûf.
O pensavi di brusâlu in tic e tac ma a nol é stât facil. Il fuc nol voleve cjapâ tar cheste vuide turistiche.Si viôt propit che par nassi, il Friûl al à bisugne di timp e par murî : compagn ! :-)
Nuie di viodi cule Afriche che a brusave bielzà prime.


Fare un post non é niente, basta cogliere l'occasione. Accendi  il fuoco e fai un post:-)
Col mio gusto di provocare, non ho mancato di fare una foto ricordo di un'istante banale in se ma che visto cosí potrebbe far pensare a molte storie o significati. Invece niente. Prima di traslocare, devo scielgliere cosa prendere e cosa non prendere. Dopo questo depliant, sono passati in cenere tutti gli altri di tutti i paesi e anche del Belgio, Ricominceró la collezione col prossimo viaggio. Eviteró l'Africa. Brucia ormai da sola. Ma brucio d'impazienza!

05 mar 2011

Voltâ le cjamêse / Voltare casacca

O vevi chê di comprâ cjase in Friûl . Da bon cjargnelot o jeri filât sù diretamentri in Cjargne ma le vite in Cjargne a mi varès someade masse noiôse d'invier e alore o jeri scjampât jù pe basse indulà che nol mi varès displasût di cjapâ l'acent dai coi ma nissun paisut al mi smicjave veramentri avonde par ch'o mi fermi a considerâ le pussibilitât. Bisugne ancje dî che i plui biei puescj a son simpri bielzà cjapâts da une glêsie o da un plevan e ce ch'al reste al é pôc. O jeri duncje finît al mâr.Lí, par vêlu sot dal barcon al é scuâsit impussibil duncje, no vevi cjatât cuissà cê, dome un grum di robe standadizade e strete jenfri mûrs di incomprension dovûts ae mê abitudin di stâ tal forest e di no sei abituât a misurâ lis peraulis cui metros cuadrâts. Di fat, ce che a si conte a nol é mai ce che si mostre e alore zire e rizire mi soi dite, parcé no lâ a fevelâ triestin? Diu mi svuarbi se no je vere, le cjase che mi vares plasût le vevi cjatade insomp de culine cun vista mare. A jere bandonade da amancul 20agns e sot de nêf salvadie che a colave al mês di març o varès voltât il mont distès par metile in ordin fin cuant chi o ai viodût scrit cul pinel sul mûr: Non si vende.
E va sul osti. O a jere chê o nuje. Vevio di lâ a domandâ le caritât?
 Alore, invezit di voltâ il mont o ai voltât le cjamêse , lis mudandis e i cjalcins cu le casache e o soi lât in Spagne. Alà se vende todo. 2.300.000 abitazions vueitis invendudis e une buine part sui bords dal mâr e cun tant sorêli che in tes cjasis, d'unvier, a no si dopre nancje il riscjaldament.
Li o cjaparai l'acent catalan o valenzian che al somee ,salacor dîlu,distès plui al furlan che il triestin o il dialet di Udin. Se po o sarai juste un gnûf spagnûl come i centenârs di mil di inglês, belgas, todescs, francês e scandinâfs di ogni cerce o mi sintarai come un gnûf rus in Russie, ven a stâi un sioron parcé che le vite, in plui, a coste sul trente parcent di mancul. Hasta la proxima, o mi prepari a gambiâ di paîs.

Per trovare una casa da comperare in Italia, mi ero deciso di andare a cercare nei luoghi che mi erano piaciuti di più, allora via sul lago di Garda, sul lago maggiore, poi in Toscana, giù verso Roma per finire ad Amalfi,Ravello e la costa amalfitana. Si, un angolo per mangiare e dormire lo si trova sempre ma cercavo anche uno spazio per poter lavorare e a partire da 500m2 i posti sono rari o carissimi e se proprio cercavo vicino ad una città importante, trovavo ancora di meno. Inutile dire che nei più bei posti, se non c'é un vecchio castello, c'é sempre una chiesa o un convento e quello che rimane sono solo briciole.
Allora, perché non tornare in Friuli? Prima fermata a Venezia. Certo che vivere due tre anni a Venezia mi tentava anche se l'ultima volta ho visto cosa voleva dire l'acqua alta.Da lí alla Carnia, nel nord Friuli dove son nato non ci mancava molto. La Carnia é molto bella ma dopo un po' mi diventa noiosa e le strette valli rendono le montagne oppressanti. Sono allora scappato giù verso i colli friulani pronto a prender l'accento locale ma nessun posto mi faceva stramazzare per decidermi a fermarmi lí. Sono allora andato al mare. Posti con vista mare ce ne sono ma con dimensioni molto ridotte salvo qua e là come per esempio a Duino una villa col giardino che dà sul mare per due milioni...Un'offerta tipica di quello che no ha voglia di vendere e allora ti mette un prezzo esorbitante.
Finalmente, avevo trovato una villa in cima alla collina che dà sul mare arrivando a Trieste. Avrei imparato anche il triestin e lo sloveno per lei. Era abbondonata da almeno 20 anni ma l'avrei rimessa a nuovo finché non vidi scritto col pennello sul muro: Non si vende!
E và fan...Cosa dovevo fare? Andare a chiedere la carità? In Francia, dove ho mio fratello che sta nei dintorni di Avignon ho già visto che la scielta ed i prezzi sono come in Italia e come in Italia, quello che uno ti promette non é mai come quello che trovi quando vai a visitare e odio farmi prendere per fesso come da quel tipo al quale chiedevo dov'era il Rodano che mi aveva promesso allorché dal primo piano vedevo solo un campo di kiwi. Per niente imbarazzato mostrandomi il monticolo a 300m dopo i kiwi, mi disse che se salivo su quel monticolo, dietro c'era le Rhône...
Mais va te faire foutre, cioé và fan culo, era ora di andare in Spagna. Dove? Almeno scielgliere un posto col clima mite e cioé con 18 gradi di media all'anno.Li di sicuro non avró mai la neve come a Trieste al mese di marzo dell'anno scorso. Mi son cosí trovato sulla stessa latitudine che la Sicilia ma mille KM più ad ovest dalle parti di Alicante. Lí, con i 2 milioni e trecento mila case in vendita che ci sono in Spagna, l'unica difficoltà era quella di dover scielgliere.
Il prezzo non aveva più neanche tanta importanza poiché puoi trovare una villa per il prezzo di un appartamento in Italia. Cosí, non solo ho voltato la casacca ma tutto il resto. Inutile dire che parlare spagnolo sembra come parlare un dialetto italiano. Hasta la proxima, de España.
PS: La foto viene da tucasa.com.

04 mar 2011

Vueris di bant / Guerre per niente

Si disarès chi sin entrâts in tune ere incontrolabil che nissune strategjie gjeopolitiche e nissun calcul pulitic al pues  previodi. 
Pai europeans, lassin pierdi che o sin mâl mitûts, ma di sigûr che i merecans a no ses spietavin dutis chestis rivoluzions indulà che no son lôr i organizatôrs.
No crôt, in veretât, che i arabos che a an butât jù i lôrs despotes a varan di plui di ce che a vevin prime ma di sigûr  che cierts merecans, a son daûr a domandâsi se al covente inmó fâ vueris par rivâ a malepene in dîs agns , a vê il stes risultât che a si podeve vê in doi mês cence spindi un franc.
Se po al salte fûr  che par invadi l'Afganistan e l'Irak e an  organizât lôr le distruzion dal WTC dal 11 di setembar, a si puès domandâsi se veramenti e an il cjâf su lis spâlis.Ma il zuc dal mont  nol é finît.


Si direbbe che stiamo entrando in un'era incontrollabile dove nessuna strategia geopolitica e nessun calcolo politico puó prevedere. Per noi europei, lasciamo perdere perché siamo solo uniti per giocare alla campana ma per gli americani certo che tutte queste rivoluzioni non se le aspettavano.
Sebbene non credo che gli arabi otterranno di più di quanto avevano prima ma le cose stanno cambiando e non si sà quando questa febbre finirà. Certo che molti americani si staranno chiedendo chemmai hanno fatto eleggendo Bush per due volte per fargli fare due guerre che dopo dieci anni in Afganistan e in Irak, hanno lo stesso risultato  chequello ottenuto in due mesi in mezza Arabia senza spendere un soldo e senza fare tanti morti. Ma il gioco della campana non é finito. Se un giorno salta veramente fuori che l'11 settembre era stato organizzato dagli americani per aver un pretesto per invadere l'Irak e l'Afganistan, chissà che vergogna!

03 mar 2011

Elisabetta Spada (Bete Spade)


Vinars tant chi spietavi di passâ su radio Panik a Bruxelles par fevelâ dal Friûl o ai fat le cognossince di un biel bacon di femine che a passave tal program prime di me. Segno particolâr: Une taliane che a cjante par inglês e che a sta a Bruxelles. Altris segnos particolârs: E à une vosute cussí biele e frescje che a puedarès ancje fâ concurince a Bjork. Ma nol é finît, a fâs dut di bessole, lis sôs cjançons a lis scrîf e a lis cjante e a lis interprete. A si clame Betty Spada, ven a stâi Elisabetta.
Che a sedi parint cul nestri Frank Spada nazionâl? No, nuie di viodi. E lavore tal gnûf palaç che a Bruxelles e clamin Le Camembert par vie che al somee al formadi francês ma che al é ancje un dai formadis (palaçs) de istituzion europeane. A volarès lassâ il lavôr par dedeâsi dome ae musiche.Ma seont me a no lu fasarà parcé che no à plui vincj agns. Pecjât che no à crodût di fâlu plui adore. Viodêt vulatris. Mi racomandi, lait a fâi un compliment su Youtube o ben su Myspace


Venerdí scorso mentre aspettavo di passare su Radio Panik a Bruxelles per parlare del Friuli ho conosciuto una ragazza che passava prima di me. Segno particolare: E italiana e canta in inglese e sta a Bruxelles. Altri segni: Ha una vocina fresca e piacevole con la quale potrebbe far concorrenza a Bjork e a molte altre. Ma non é finito, fa anche tutto da sola: I testi, la musica e si accompagna con diversi strumenti.Si chiama Betty Spada ma non so perché preferisce Elisabetta.
Chessia parente con il nostro Frank Spada scrittore nazionale? No, niente da che vedere. Lavora al Camembert, cioé nel palazzo delle istituzioni europee. Vorrebbe lasciare il lavoro per dedicarsi solo alla musica ma non ha più vent'anni e forse non lo farà. Peccato che non ci abbia creduto prima. Giudicate voi stessi e mi raccomando, fategli un complimento su Youtube o su Myspace

02 mar 2011

Joibe grasse / Giovedi grasso

Une joibe da dismenteâ a é chê dal 1511 che a jé stade ribateade da no sai cui come le zornade dai dirits. Cê dirits no sai. Il dirit di fâ il mone? Di fâ il salvadi? Dutcâs, fâ baruffis par une reson e po decidi che a jere par une altre al é fâ demagogjie. Le nestre storie a é ancjemó da fâ e nol é tirant fûr i fats plui vergognôs dal nestri passât come une fierece che a si fasarà miôr il futûr.
Par me le joibe grasse dal  1511 al é come il taremot dal 1976, un brut ricuart che al é miôr dismenteâ e soredut di no trasformâlu in tune biele robe.  Celebrâ chest aveniment al sarès come fâ un bal ator di une bare: Grotesc! Par siecui, cheste macabre carnevalade a jere restade tal dismenteadôr de storie po eco che cualchidun a le à tirade fûr par dai un'altri significât. Cui erial chel? Un storic?  Par me al puce di sindacalist o di demagôg. Inmó un pôc e a nus disarà che chei contadins a vevin zà le tessare de CGL e cheste macabre mascarade  a devente le nestre fieste nazionâl.
Chei che a disin che a si à di savê d'indulà che si ven par savê indulà che si à da lâ, forsit no san che chest al ûl dî ancje il contrari parcé che justamentri, bisugne dismenteâ chest joibe e lassâ i furlans fâ i lors carnavâi in pâs cence tirâ fûr chel lí come une vitorie o une vergogne.
Se l'om al é il spiêli dal so ambient al à di vê il coragjo di fâ sparî dal so ambient lis robis che a puedaressin  inquinâi il spirt tant che il cuarp.
Cence lâ tai detais de storie par vê une idee di ce che al é sucedût al bastarès cjalâ lis pituris dai pitôrs come Brueghel o Bosh prime inmó di chês dal  ostendês James Ensor o dal tarcentin Cragnolin che diu i pardoni se il so non achi nus risvee lis nestris cragnis pluitost che lis nestris gloriis.
Si, parcé che chiste barufe che po a é stade ribateade riviel a nus mostre dome che une part dai furlans a si é barufade cun tune altre e festegjâ une barufe al sarès come laudâ i vincidôrs di vê cussí ben fat i salvadis da dâ i bugjei dai muarts ai cjans o i lôrs ciruviei ai purcits. Se chest  al ves di sei alc da sei fiers di sei furlans, jo mi ribatei, mi disôci, mi tai.Mandi.


C'é in Friuli un giovedí grasso che quest'anno alcuni commemorano come una vittoria ed é stato anche chiamato il giorno dei diritti. Secondo gli storici,  il 27 febbraio del 1511, un certo numero di friulani che poi non potevano che essere contadini, furono fatti andare a combattere dei tedeschi che secondo l'istigatore, un signorotto locale chiamato Savorgnan, dovevano essere ricacciati oltr'alpe. Ma invece dei tedeschi non c'era nessuno. Rientrando verso Udine da questa magra avventura, forse ubriachi, se la presero con quelli che trovarono sulla loro strada e ne uscí una baruffa tremenda nella quale perí qualche signorotto udinese. Alcuni corpi vennero squarciati e i pezzi portati ingiro come trofei o dati da mangiare ai cani e ai porci ed il giovedí grasso finí in una macabra mascherata. Per secoli, non se ne parló più. Come se fosse una vergogna. Ma da qualche anno si usa dare un'altro significato e per poco non sta diventando una festa nazionale poiché ora é nata la leggenda della rivolta dei contadini verso i padroni. 
Chi abbia  ribatezzato questo giovedí orrendo e grottesco in giornata chiamata dei diritti non lo so, sarà  un sindacalista della cgl o il bertinotto di servizio ?  Fattostà che  sta diventando veramente grottesco. C'é perfino un comitato del giovedí grasso che ne fa la pubblicità come se fosse una giornata da celebrare invece da dimenticare ( Almeno che voglia appropiarsi  la paternità di questo fattaccio per un motivo che mi scappa).
Fatto strano, molti pittori hanno già fatto dei dipinti che volendo o nó, hanno illustrato questo fatto in un modo molto forte  e singolare, come se fossero stati presenti  o ne avessero udito parlare. Anche se puó sembrare surrealista di parlare dei loro quadri , cito  Peter Paul Brueghel e Jeronimus Boch o ancora  dell'ostendese James Ensor con l'esempio qui sopra. Poi c'é anche un pittore friulano contemporaneo che attualmente presenta una serie di quadri nello stesso spirito e  con il quale mi scuso se il suo nome Cragnolini  in questo caso mi ricorda più le cragne dei friulani piuttosto che le loro glorie.

01 mar 2011

Mastie e spude / Mastica e sputa

A Singapôr, in tun paîs indulà che le netece a é impuartant, par no vê cragnis a netâ i marcepîts o i puescj publics e an semplicementri proibît di mastiâ pês merecane e di bevi bibitis in scjatule in public.
In tal paîs de pês merecane invezit e an fintramai dedeât une strade a cheste civilizazion superiôr dal mastie&spude  come a St Luis Obispo in Californie o a Seatle.
In France forsite o viodarin prest il Sarkozy gum deventâ le gnove specialitât de cuisine française daspó che Sarkozy al é stât cjapât cule pês te bocje tant ch'al dave le man al ministri Erdogan. 
E da nô? Da nô, nuie.Tal paîs dal rumine-e-tâs i furlans a son pôc demostratîfs. Al massim a fasin fente. Par no butâle in usb, ven a stâi in ridi.
Invezit in Turchie tal paîs indulà che le religjon a rive fin tai cessos e a impon di netâsi il cûl cule çampe, al tornarà di mode il mastie e spude viers i ocidentâi da cuant che il sindic di Istambul al à rispuindût a Sarkozy  tal stès mût e che in dute le Arabie al é deventât di mode di trai lis scarpis sui politics.

A Singapore, dove la nettezza urbana é più importante che altrove, per ridurre i problemi di pulitura é semplicemente proibito masticare gomma in pubblico come del resto di bere bibite in scatola.
In America invece, patria del mastica-e-sputa hanno perfino dedicato delle strade (St Luis Obispo e a Seattle) a quest'americana nobile abitudine di esprimere il pensiero che da noi equivale a una cagata.
E da noi? In Francia potrebbe presto apparire una nuova specialità della cuisine française: La chique Sarkozy . Questo, da quando ha fatto scandalo in Turchia facendosi prendere a masticare gomma mentre si faceva ricevere dal ministro Erdogan. Da noi, niente, nel paese del rumina e taci del Friuli siamo poco dimostrativi.Al massimo facciamo finta o la buttiamo in usb, cioé in ridere.
In Turchia invece dove la religione arriva fino a imporre di adoperare la mano sinistra per pulirsi il culo, potrebbe finalmente impiantarsi questa moda deli mastica&sputa verso gli occidentali da quando il sindaco di Istambul ha voluto rispondere a Sarkozy  facendo la stessa cosa e da quando é diventato di moda lanciare le scarpe sui politici.